È buona informazione? Il programma smaschera copia-incolla

Arriva il software open source Churnalism: confronta articoli con comunicati stampa e Wikipedia e capisce chi copia

Viviamo negli anni dell'iper-informazione, costantemente connessi e inondati da milioni di notizie. Ma questo non vuol dire che si tratti sempre di buona informazione, anzi ogni giorno dobbiamo valutare la credibilità di un articolo e decidere se fidarci. A fare la guardia ai giornalisti e alla loro irrefrenabile voglia di pigiare i tasti control+c e control+v ci pensa Churnalism, un programma open source lanciato oggi da Sunlight Foundation, un'organizzazione di Washington che si batte per una politica più trasparente e accessibile ai cittadini.

"Lo strumento è un motore di rilevamento di plagio", ha detto all'Atlantic la programmatrice Kaitlin Devine, che esegue la scansione di qualsiasi testo (un articolo, ad esempio) e lo confronta con un corpus di comunicati stampa e di voci di Wikipedia facendo riferimento a una banca dati. Se trova un linguaggio simile, si ottiene una notifica.

Il nome del software, che sarà disponibile gratis sul sito dell'organizzazione oppure potrà essere scaricato sul proprio computer, nasce da un gioco di parole tra "journalism" e il termine "churn" che uniti significano "giornalismo mescolato".

In questo modo Churnalism ci aiuterà a capire qual è il percorso di una informazione, da dove un giornalista la prende, rendendo i lettori un po' più esperti e capaci di decidere di cosa fidarsi. L'ideatrice del programma vorrebbe anche ampliare le possibilità date dallo strumento e inserire nelle ricerche anche le leggi per vedere, dice, "come alcuni provvedimenti approvati dagli Stati americani possano finire [tali e quali] al Congresso" e diventare leggi federali.

E poi Devine potrebbe aggiungere un indirizzo email attraverso il quale gli utenti possono inviare comunicati stampa da aggiungere al motore di ricerca interna. Unica pecca per noi italiani? Il programma è attivo solo per gli articoli in inglese. Per ora.

Altri Servizi

Wall Street, attenzione rivolta a trimestrali e tensioni commerciali

Tra le grandi banche, oggi è il turno di Bank of America
AP

Email Clinton, accusate 38 persone ma non ci fu uso volontario di informazioni classificate

Lo ha stabilito un'indagine del Dipartimento di Stato che ha messo sotto accusa i funzionari. L'ex first Lady attacca una delle candidate dem alle presidenziali, accusandola di essere "un asset dei russi"
Ap

Hillary Clinton torna a occupare prepotentemente le prime pagine dei quotidiani americani e i dibattiti dei talk politici d'oltreoceano. Da un lato, l’ex segretario di Stato è stata coinvolta nella chiusura delle indagini sull'emailgate, dall’altro, ha invece denunciato una possibile nuova interferenza dei russi nel voto delle prossime Presidenziali nel 2020.

Wall Street, svanisce l'ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Pechino vuole approfondire alcune questioni prima di firmare la 'fase uno' dell'accordo
AP

Le Maire: "Libra non benvenuta in Europa, la vieteremo"

Il ministro dell'Economia francese contro la valuta virtuale di Facebook: "Stiamo lavorando con Italia e Germania a una serie di misure, in gioco c'è la nostra sovranità"

Francia, Italia e Germania stanno lavorando a una serie di misure per vietare in Europa l'uso di Libra, la moneta virtuale di Facebook. Lo ha detto il ministro dell'Economia francese, Bruno Le Maire, sottolineando che "Libra non è benvenuta in Europa. Vareremo misure con Italia e Germania perché è in gioco la nostra sovranità'" ha detto durante una conferenza stampa a margine delle riunioni del Fondo monetario internazionale e della Banca mondiale a Washington.

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali

Oggi, i conti di Citigroup, Goldman Sachs, JPMorgan Chase e Wells Fargo
AP

Warren: "Basta premiare i donatori con incarichi diplomatici"

La senatrice, candidata alle primarie democratiche per le presidenziali, lancia una nuova battaglia contro l'influenza dei soldi nella politica statunitense
AP

Basta ricchi donatori come ambasciatori. La senatrice statunitense Elizabeth Warren, candidata alle primarie democratiche per le presidenziali del prossimo anno, ha annunciato che, se eletta presidente, metterà fine alla consuetudine decennale di scegliere, per molti incarichi diplomatici, generosi donatori della campagna elettorale del presidente di turno. "Per decenni, le amministrazioni di entrambi i partiti hanno scelto come ambasciatori i grandi donatori. Solitamente non sono esperti del Paese, di politica estera o di qualsiasi cosa rilevante per l'incarico" ha scritto Warren. 

Wall Street, occhi su Cina e Brexit

La crescita economica rallenta a Pechino, mentre a Londra si discute dell'accordo con l'Unione europea
AP

Siria, Pence: Turchia ha accettato un cessate il fuoco di 5 giorni

Il vicepresidente statunitense ha incontrato il presidente turco Erdogan

Usa 2020, modelli Moody's: Trump vincerà facilmente, con economia stabile

Elaborati tre modelli: il presidente risulta sempre vittorioso. Previsioni sempre corrette dal 1980, tranne nel 2016
Ap