“Dialogue of cultures”, il primo festival del cinema sull’impatto della globalizzazione

Ha preso il via ieri al Sva Theatre di Manhattan e durerà fino al 27 ottobre

Sedici film e documentari proiettati in sette giorni per descrivere la ricerca della propria identità e, al contempo, il sapersi confrontare con altre culture. Ha preso il via ieri sera, al Sva Theater di Manhattan, la prima edizione di “Dialogue of cultures: International film festival”, un evento che intende affrontare l’impatto della globalizzazione attraverso un linguaggio universale, il cinema.

Il festival si sposterà ogni anno in un paese diverso: il prossimo anno è previsto a Parigi. Perché iniziare proprio da New York? “E’ semplice – ha detto Boris Cherdabayev, produttore cinematografico del Kazakistan, fondatore e presidente del festival – perché è proprio in questa città che si può vedere la più grande diversità di culture che vivono fianco a fianco”.

In ogni film proiettato verranno presentati personaggi diversi, che provengono da tutto il mondo e che hanno a che fare con culture diverse dalla loro in vari modi, talvolta anche drammatici. “Sono cresciuto in una ex repubblica dell’Unione Sovietica, conosco bene che cosa significa il termine nazione e penso che oggi il concetto di globalizzazione sia molto positivo”, ha affermato Cherdabayev precisando: “Nella mia vita ho viaggiato molto per lavoro, ho conosciuto paesi che non avevo mai visto prima e ho imparato a confrontarmi con nuove culture. Vedere come si integrano varie culture è bellissimo. Ed è proprio per questo motivo che ho deciso di dare il via a questo progetto”.

Durante la serata, che ha visto la partecipazione dell'attore olandese Rutger Hauer("Bride Flight"), è stato proiettato il film “Cirkus Columbia”, diretto dal regista bosniaco Danis Tanovic noto per “No man’s land”, vincitore nel 2002 del premio Oscar come migliore film straniero.

Il film "Cirkus Columbia" racconta la storia di Divko Buntic che, dopo 20 anni d’esilio in Germania, torna nella sua città della Erzegovina meridionale, alla vigilia della guerra nei Balcani. Torna in patria con una grossa somma di denaro, un gatto nero portafortuna, un'auto nuova e una fidanzata molto più giovane di lui. E decide di cacciare da quella che era la sua abitazione l’ex moglie e il figlio. Ma ben presto le cose cominciano ad andare per il verso sbagliato. La guerra è alle porte, e anche nella vita personale del protagonista si mette male: il gatto scompare e il figlio e la sua fidanzata si innamorano e decidono di partire per la Germania. Lui rimane nel suo Paese d'origine. Ma quando tutto sembra oramai perduto, l’ex moglie decide di tornare a vivere con lui.

Tra gli altri film che verranno presentati al pubblico ci sono "Back to Africa", del regista tedesco Othmar Schmiderer, "Bollywood Dream", di Beatryz Seigner, e "Bride Flight" del regista olandese Ben Sombogaart.

Altri Servizi

Wall Street, pesano i nuovi dazi minacciati da Trump

Il presidente Usa è tornato poi ad attaccare l'Unione europea e a criticare la Fed
iStock

Donald Trump contro l'Europa: è un nemico

In una intervista a Cbs il presidente americano contro l'Unione europea a pochi giorni dalla sua visita ufficiale
©AP

Il presidente americano, Donald Trump, ha definito l'Unione europea un "nemico" degli Stati Uniti in un'intervista a seguito di un incontro controverso la scorsa settimana con gli alleati della NATO.

Tregua tra Nfl e giocatori sull'inno, sospeso l'obbligo di stare in piedi

A maggio, l'annuncio della nuova regola, una 'vittoria' per Trump; ora, la lega e l'associazione che rappresenta gli atleti cercano un accordo. Il presidente insorge: "Ancora si discute, non posso crederci!"
AP

La Nfl e l'associazione dei giocatori del campionato di football americano hanno deciso di sospendere le nuove norme sull'inno nazionale per le prossime settimane, nel tentativo di negoziare e trovare una soluzione, evitando lo scontro in tribunale.

Trump: pronto a dazi su tutto l'import cinese, pari a 505 miliardi

Il presidente Usa minaccia Pechino in un'intervista alla Cnbc

Il presidente Donald Trump ha dichiarato di essere pronto a imporre dazi su tutti i prodotti cinesi importati negli Stati Uniti, pari a 505,5 miliardi di dollari nel 2017. "Sono pronto ad arrivare a 500" ha detto, durante un'intervista in onda questa mattina sulla Cnbc, riferendosi appunto al valore di tutte le importazioni dalla Cina dello scorso anno, secondo i dati del Census Bureau; le esportazioni statunitensi in Cina, invece, sono state pari a 129,9 miliardi di dollari. Finora, i dazi statunitensi sono stati imposti solo su prodotti cinesi del valore di 34 miliardi, a cui la Cina ha risposto con dazi su prodotti statunitensi.

Wall Street, attenzione alle trimestrali

Ancora una giornata significativa per la pubblicazione di dati societari
iStock

Trump registrato dal suo ex avvocato sul pagamento a un'ex modella di Playboy

I due discussero della situazione prima delle elezioni; ora la registrazione è in mano agli investigatori
AP

Il capo dell'intelligence Usa bacchetta Trump sull'incontro con Putin

Coats: "Non doveva incontrarlo da solo, mi aspettavo dichiarazioni diverse"

Usa 2016, Nyt: Trump sapeva delle ingerenze di Putin sin dall'inizio

Il presidente ha visto le prove due settimane prima del suo insediamento

Trump: incontro con Putin un successo, anche secondo l'intelligence

Ieri, la marcia indietro: "Non ho motivi per non credere all'intelligence" sulla colpevolezza della Russia per le ingerenze nelle elezioni

Wall Street, attenzione al Beige Book

La Federal Reserve lo pubblicherà alle 14 (le 20 in Italia)
iStock