"Yes, we can": nel 2007 lo slogan di Obama era venuto in mente al team di Romney

Ma alla fine l'idea fu accantonata. Un errore forse: per Obama fu un successo

Come sarebbe suonato lo slogan “Yes, we can” sulla bocca di Mitt Romney? Secondo il libro “The Real Romney”, scritto da due giornalisti del quotidiano Boston Globe, Michael Kranish e Scott Helman, già nel 2007 e prima della squadra di Barack Obama, la campagna del candidato repubblicano alle elezioni del 2008, aveva preso in considerazione la frase, diventata il marchio di fabbrica del futuro presidente democratico.

Secondo i due giornalisti il team di Romney cercava uno slogan breve ma efficace, che si insediasse subito nella mente degli elettori, come una filastrocca.

“Una delle preoccupazioni più grandi dei manager della campagna di Romney era quella che il candidato venisse etichettato come una banderuola, per aver cambiato più volte posizione su temi chiave come l'aborto”, spiega il libro, che tuttavia non fornisce informazioni sul perché lo slogan, rivelatosi poi molto fortunato per Obama, sia stato messo da parte per la campagna repubblicana.

Altri Servizi

Trump vuole la Guardia nazionale contro gli immigrati irregolari? Non sarebbe il primo presidente Usa

Per l'Ap, ci sarebbe un piano senza precedenti per mobilitare 100.000 soldati. Esistono, comunque, dei precedenti con Bush figlio e Obama
iStock

Viaggio in Europa del vice Pence per rassicurare gli alleati

Ribadirà l'impegno degli Usa sulla Nato e l'importanza del rispetto da parte della Russia degli accordi di Minsk per la pace in Ucraina

Kraft offre 143 mld di dollari a Unilever, che rifiuta proposta d'acquisto

Il formaggio da spalmare Philadelphia e i biscotti Plasmon finirebbero sotto lo stesso tetto dei prodotti per il corpo Dove e delle minestre Knorr. Ostacoli antitrust e politici in vista. Buffett e 3G Capital pronti ad alzare l'offerta
Kraft

Lo staff della Casa Bianca usa Confide, ma l'app di messaggi non è così sicura

Secondo una fonte di BuzzFeed, è "il trionfo del marketing sulla sostanza"

Trump sceglie Dubke, uomo di Rove, come direttore della comunicazione

I fedelissimi del presidente irritati: "Premia chi lo ha ostacolato". L'incarico era stato inizialmente affidato a Jason Miller, che poi ha rifiutato

Wall Street riscopre la cautela

Ieri, altra giornata di record per il Dow Jones. Primo calo dopo sette giornate in rialzo per S&P 500 e Nasdaq
AP

L'ex consigliere Flynn ha mentito all'Fbi

Secondo il Washington Post, avrebbe negato di avere discusso di sanzioni con l'ambasciatore russo in Usa prima dell'arrivo di Trump alla Casa Bianca

Gli Usa fissano le condizioni per una relazione con la Russia

Nel suo primo viaggio all'estero da segretario di Stato, Tillerson chiede il rispetto degli accordi in Ucraina. Il capo del Pentagono Mattis: ancora non pronti per una collaborazione militare. Trump incolpa i media anche su Mosca
Rex Tillerson, segretario di Stato AP

Nuovo attacco di Trump alla stampa: "Sulla Russia sono solo notizie false"

Il presidente americano in una conferenza stampa di un'ora e venti minuti si scaglia contro i giornali. E poi promette un nuovo ordine sull'immigrazione per settimana prossima. Mosca? "Non ho nessun rapporto"

Trump vuole un suo alleato per riformare l'intelligence Usa

Feinberg ha un forte legame con Bannon e Kushner. Le agenzie temono che il presidente voglia ridurre la loro autonomia