"Yes, we can": nel 2007 lo slogan di Obama era venuto in mente al team di Romney

Ma alla fine l'idea fu accantonata. Un errore forse: per Obama fu un successo

Come sarebbe suonato lo slogan “Yes, we can” sulla bocca di Mitt Romney? Secondo il libro “The Real Romney”, scritto da due giornalisti del quotidiano Boston Globe, Michael Kranish e Scott Helman, già nel 2007 e prima della squadra di Barack Obama, la campagna del candidato repubblicano alle elezioni del 2008, aveva preso in considerazione la frase, diventata il marchio di fabbrica del futuro presidente democratico.

Secondo i due giornalisti il team di Romney cercava uno slogan breve ma efficace, che si insediasse subito nella mente degli elettori, come una filastrocca.

“Una delle preoccupazioni più grandi dei manager della campagna di Romney era quella che il candidato venisse etichettato come una banderuola, per aver cambiato più volte posizione su temi chiave come l'aborto”, spiega il libro, che tuttavia non fornisce informazioni sul perché lo slogan, rivelatosi poi molto fortunato per Obama, sia stato messo da parte per la campagna repubblicana.

Altri Servizi

Black Lives Matter compie 4 anni e cambia volto con Trump

Dall'hashtag alle proteste di strada. Il movimento denuncia le violenze verso gli afroamericani
Ap

Quattro anni fa nasceva Black Lives Matter, movimento di protesta con lo scopo di accrescere la consapevolezza sulle discriminazioni razziali nei confronti della minoranza afroamericana negli Stati Uniti. “Il movimento iniziò come un desiderio politico degli afroamericani” si legge sul sito dell’organizzazione. “Negli anni a venire siamo riusciti a combattere insieme, e immaginare e creare un mondo libero dalle discriminazioni razziali, dove ogni afroamericano ha il potere economico, sociale e politico di crescere in salute”.

In Nevada sono già rimasti senza marijuana legale

La cannabis è in vendita dal primo luglio a scopo ricreativo, ma la domanda supera la produzione
AP

L’aumento della domanda di cannabis in Nevada, diventata legale nello stato a novembre grazie al referendum ma in vendita solo dal primo luglio, ha svuotato gli scaffali dei dispensari e costretto i politici locali ad agire d’urgenza. Il governatore repubblicano dello stato, Brian Sandoval, ha attivato misure d’emergenza la scorsa settimana per aumentare la quantità di prodotto nello stato. Tra mercoledì e giovedì, i legislatori hanno annunciato che avrebbero concesso nuove licenze per la distribuzione della cannabis.

Russiagate: fu Obama a far entrare l'avvocata russa negli Usa

La donna incontrò Donald Trump Jr., che voleva informazioni compromettenti su Clinton

Fu l'amministrazione Obama a garantire l'accesso negli Stati Uniti, senza visto, all'avvocata russa Natalia Veselnitskaya, che nel giugno del 2016 incontrò a New York il figlio dell'attuale presidente, Donald Trump Jr., che si aspettava di ricevere notizie compromettenti su Hillary Clinton. A rivelarlo è The Hill, secondo cui la segretaria alla Giustizia, Loretta Lynch, permise all'avvocata di entrare negli Stati Uniti "in circostanze straordinarie" dopo che la sua richiesta per un visto era stata bocciata.

Trumpcare, i repubblicani a un voto da un altro fallimento

Il nuovo testo per riformare la sanità, presentato dai senatori, potrebbe essere bocciato prima della discussione in Aula. Il presidente e i leader del partito spingono per l'approvazione
Ap

I repubblicani statunitensi sono a un passo, anzi a un voto, dall'ennesimo fallimento sulla riforma sanitaria che dovrebbe sostituire l'Obamacare. Un altro 'no' di un senatore del Grand Old Party impedirebbe al nuovo testo presentato ieri di arrivare alla discussione in Aula.

Un italiano alla guida di Tiffany, Alessandro Bogliolo nuovo Ceo

Ex numero uno di Diesel, 52 anni e una lunga esperienza nel settore del lusso (ha lavorato 16 anni per Bulgari, con vari incarichi, compreso quello di direttore operativo), entrerà anche nel consiglio di amministrazione.

Cambio al vertice di Tiffany & Co, dopo l'uscita di Frederic Cumenal. Il colosso americano dei gioielli di lusso ha scelto l'italiano Alessandro Bogliolo, ex numero uno di Diesel, come nuovo amministratore delegato, incarico che rivestirà dal prossimo 2 ottobre. Come si legge in una nota, Bogliolo, 52 anni e una lunga esperienza nel settore del lusso (ha lavorato 16 anni per Bulgari, con vari incarichi, compreso quello di direttore operativo), entrerà anche nel consiglio di amministrazione.

JPMorgan batte le stime nel secondo trimestre, bene investment e commercial banking

Soddisfazione da parte dell'amministratore delegato Jamie Dimon: "Abbiamo continuato a registrare risultati molto solidi, in un contesto economico globale stabile o in miglioramento".
AP

Secondo trimestre sopra le stime per JPMorgan Chase, prima delle grandi banche americane a pubblicare i conti, anticipando di un'ora circa Citigroup e Wells Fargo. A fare da traino le attività di commercial e investment banking.

I quotidiani americani chiedono al Congresso protezione contro Google e Facebook

La News Media Alliance (NMA) - che rappresenta più di 2.000 quotidiani - vuole chiedere a Capitol Hill di fermare il duopolio nella pubblicità digitale dei due colossi. Controllano il 60% del mercato americano

La News Media Alliance (NMA) - una associazione che rappresenta più di 2.000 quotidiani negli Stati Uniti, tra cui il New York Times e il Washington Post - sta chiedendo al Congresso una concessione alla legge antitrust per poter proteggere i giornali americani da Google e Facebook. Lo scrive il quotidiano online Axios. Il gruppo sostiene che le leggi che impediscono ai media di lavorare insieme per contrattare accordi pubblicitari migliori con le piattaforme internet favoriscano i due colossi, che continuano a controllare il mercato della pubblicità digitale e l'economia dell'informazione.

Sposarsi negli Usa: quanto spendono gli americani?

Il costo sale con il reddito a disposizione: differenze evidenti tra il Sud e il Nordest

Se state pianificando il vostro matrimonio, probabilmente sarete già consci di quanto possa costare. E negli Stati Uniti? A livello nazionale, la media è di 26.720 dollari, ma il costo varia notevolmente a seconda dello Stato; naturalmente, che sia la coppia o i genitori a pagare, dietro un matrimonio costoso c'è una famiglia in grado di pagare: per questo, si spende di più negli Stati dove i redditi sono più alti.

Cinquant’anni dagli scontri di Newark, sei giorni di proteste che portarono alla morte di 26 persone

Il caos scoppiò il 12 luglio del 1967 in seguito all’arresto di un tassista afroamericano

Sono passati cinquant’anni dall’inizio delle proteste a Newark, scoppiate il 12 luglio del 1967 nella città del New Jersey, quando violenti tumulti colpirono la città in seguito alla falsa notizia che un tassista afroamericano era stato ucciso dalla polizia. Secondo le ricostruzioni, i poliziotti John DeSimone e Vito Pontrelli arrestarono il guidatore John William Smith e lo pestarono fino a renderlo incosciente. Gli abitante della zona, vedendo che l’uomo veniva trascinato via dalla polizia, sparsero la voce che era stato ucciso.

Trump 'apre' sul clima: "L'accordo di Parigi? Qualcosa potrebbe succedere"

Il presidente Usa in conferenza stampa con l'omologo francese, Macron. I due leader hanno discusso anche di terrorismo e commercio

"Qualcosa potrebbe succedere sull'accordo di Parigi, vedremo cosa succederà. Se succederà sarà fantastico. Altrimenti, andrà bene ugualmente". Cos" il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha risposto a una domanda sull'accordo sul clima di Parigi, durante la conferenza stampa congiunta con l'omologo francese, Emmanuel Macron, all'Eliseo, a Parigi, aprendo quindi a nuovi scenari, anche se non è chiaro quali potrebbero essere. Trump ha ribadito l'impegno degli Stati Uniti "a rimanere leader nella tutela dell'ambiente", ferme restando le divergenze con gli altri Paesi sulla strategia da seguire, come dimostrato dall'uscita degli Stati Uniti dall'accordo di Parigi. Poco prima, Macron aveva detto che lavorerà con Trump sul clima e che capisce le ragioni del presidente degli Stati Uniti, che vuole difendere l'occupazione e l'economia degli Stati Uniti. Parigi, ha detto Macron, resta "impegnata" nell'intesa di Parigi.