Il giovane Murdoch difende le dimensioni di Fox. No comment su negoziati con Disney

Il gruppo ha chiuso un trimestre con ricavi migliori delle stime; conta di completare la scalata nella britannica Sky entro il giugno 2018
iStock

Nel giorno in cui ha pubblicato una trimestrale con ricavi superiori alle stime degli analisti, 21st Century Fox si è rifiutato di commentare indiscrezioni secondo cui avrebbe trattato con Walt Disney la cessione di gran parte dei suoi asset. Tra di essi ci sarebbe stata anche la quota nella britannica Sky, la cui presa di controllo totale è stimata entro il 30 giugno 2018. Mentre gli investitori si domandano se colossi come Verizon e Charter Communications stiano valutando potenziali takeover del colosso dell'intrattenimento, il suo co-presidente ha detto che l'azienda "ha le dimensioni per continuare a portare avanti la sua strategia di crescita e a garantire rendimenti ai soci".

Nella call a commento dei conti, Lachlan Murdoch - che con il padre Rupert condivide lo stesso incarico - non poteva essere più categorico: "Lasciatemi essere chiaro sin dall'inizio: abbiamo la tradizione di non commentare su attività aziendali o transazioni. Non risponderemo a nessuna domanda o richiesta di commento sulle ultime voci". Il riferimento era a quelle di Cnbc dei giorni precedenti, secondo cui 21st Century Fox ha appunto negoziato con Walt Disney; le trattative non sarebbero più in corso ma la sola idea che il magnate dei media Murdoch, arrivato a 86 anni di vita, abbia considerato un break-up del suo impero non è certo passato innosservato in un settore messo in difficoltà dall'avanzata di servizi online come Netflix e dal calo degli introiti da pubblicità.

Quanto ai conti, nel suo primo trimestre fiscale il gruppo nato nel 2013 dallo split in due della vecchia News Corp (a quella nuova fanno capo soltanto le attività editoriali con prodotti come il Wall Street Journal) ha registrato utili per 855 milioni di dollari, in rialzo del 4% sullo stesso periodo dell'esercizio precedente. Nei tre mesi chiusi il 30 settembre scorso, 21st Century Fox ha messo a segno profitti per azione al netto di voci straordinarie di 49 centesimi, meno dei 51 centesimi per azione dell'anno precedente ma in linea al consenso. Le vendite sono salite dell'8% a 7 miliardi di dollari, oltre le attese per 6,81 miliardi. Come spiegato dall'azienda in una nota, l'incremento è stato sostenuto da maggiori vendite nel segmento tv e in quello cinematografico. Nel dettaglio, la divisione di tv via cavo che comprende Fox News ha registrato vendite in rialzo a 4,196 miliardi da 3,81 miliardi e quella delle tv tradizionali ha messo a segno un fatturato poco mosso a 1,065 miliardi. La divisione cinematografica ha registrato vendite per 1,963 miliardi contro quelle da 1,907 miliardi nel periodo luglio-settembre del 2016

Lachlan Murdoch e il padre Rupert in una nota diffusa prima della call avevano posto l'accento sulla forza del gruppo "in un mercato globale dinamico per marchi di video e contenuti che si distinguono". Secondo i due "la performance solida del primo trimestre ci mette sulla strada giusta per raggiungere i nostri obiettivi finanziari e operativi per questo anno fiscale".

Il gruppo che lo scorso dicembre ha annunciato l'offerta di acquisto per circa 14,6 miliardi di dollari della quota del 61% che ancora non possiede nella britannica Sky, conta che la transazione verrà chiusa entro il 30 giugno del 2018 (manca l'ok delle autorità del Regno Unito). La controllata d'Oltremanica aveva minacciato il giorno precedente ai conti di chiudere Sky News se quella divisione rappresenta un ostacolo regolatorio per ottenere l'approvazione al merger con il gruppo Usa. 

Il titolo di classe A di 21st Century Fox, che non ha potere di voti, ha terminato la seduta in rialzo dell'1,2% a 28,09 dollari; nel dopo mercato ha guadagnato l'1% circa sulla scia dei conti. Da inizio anno il titolo non si è mosso; negli ultimi 12 mesi ha guadagnato quasi il 4%.

Altri Servizi

Wall Street si allontana dai record

Morgan Stanley ha battuto le stime con la sua trimestrale. A mercati chiusi i conti di American Express e Ibm
AP

Interferenza russa nel referendum su Brexit? Facebook amplia l'inchiesta

Il social network risponde al pressing dei legislatori britannici. Il gruppo aveva scoperto solo una minima attività riconducibile a Mosca

Facebook sta ampliando la sua inchiesta volta a capire se la Russia ha interferito nel referendum con cui nel giugno 2016 i cittadini britannici hanno scelto l'uscita del Regno Unito dall'Unione europea. Lo ha detto ieri il social network, che in una precedente indagine aveva scoperto soltanto un'attività minima da parte di Mosca.

Il Congresso Usa approva il rinnovo di un programma di sorveglianza, sconfitta la privacy

Dopo il voto della Camera, è arrivato quello del Senato. La sezione 702 del Foreign Intelligence Surveillance Act rinnovata per sei anni. Attesa la firma di Trump

Il Senato statunitense ha approvato (con 65 voti a favore e 34 contro) il rinnovo per sei anni della sezione 702 del Foreign Intelligence Surveillance Act, che permette alle agenzie di spionaggio di obbligare le aziende statunitensi, come Google e AT&T, a consentire l'accesso illimitato e senza mandato alle e-mail e ad altre comunicazioni di stranieri all'estero, anche quando comunicano con cittadini statunitensi che si trovano in patria. Si tratta di una sconfitta per le associazioni che si battono per la difesa della privacy. Il provvedimento, approvato dalla Camera la scorsa settimana, dovrebbe essere firmato domani dal presidente Donald Trump.

Russiagate, Bannon "collaborerà totalmente con Mueller"

L'ex stratega della Casa Bianca ha ricevuto un mandato di comparizione dal procuratore speciale. Il privilegio esecutivo, invece, 'blocca' Bannon davanti alla commissione Intelligence della Camera

Steve Bannon "intende cooperare totalmente con Mueller", secondo una fonte di Axios vicina all'ex stratega della Casa Bianca. Robert Mueller, il procuratore speciale che indaga sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi e sulle possibili collusioni tra il Cremlino e lo staff di Donald Trump, ha infatti spiccato un mandato di comparizione, la scorsa settimana, nei confronti di Bannon, come svelato ieri dal New York Times.

Trump: sul muro non è cambiato nulla, lo pagherà il Messico

Il presidente replica a un articolo del New York Times, secondo cui il capo di gabinetto, John Kelly, avrebbe detto a un gruppo di democratici di averlo convinto che la barriera non è necessaria
Ap

"Il muro è il muro, non è mai cambiato dal primo giorno in cui l'ho concepito" e "sarà pagato, direttamente o indirettamente, dal Messico". Lo ha assicurato il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, tornando a parlare, su Twitter, della barriera al confine tra i due Paesi.

Il capo, il fidanzato e l'Fbi: Simona Mangiante, l'italiana finita nel Russiagate

L'avvocata di diritto internazionale sta con Papadopoulos, ex consigliere di Trump, e ha lavorato per Mifsud, misterioso professore maltese finito al centro delle indagini di Mueller

C'è un uomo misterioso emerso come figura centrale nelle indagini di Robert Mueller, il procuratore speciale che indaga sulle interferenze russe nelle ultime elezioni presidenziali statunitensi: Joseph Mifsud, un professore maltese che avrebbe fatto da intermediario tra George Papadopoulos, ex consigliere di Donald Trump per la politica estera durante la campagna elettorale, e alcuni funzionari russi, promettendo allo statunitense informazioni compromettenti sulla candidata democratica, Hillary Clinton. Per Mifsud ha lavorato Simona Mangiante, fidanzata di Papadopoulos. Su queste tre figure si concentra un articolo del Guardian.

Un avvocato di Trump: "Il presidente è molto impaziente di parlare con Mueller"

Il procuratore speciale che indaga sulle interferenze russe nelle scorse elezioni potrebbe presto ascoltare il capo di Stato

Un avvocato di Donald Trump ha detto che il presidente degli Stati Uniti è "molto impaziente" di sedersi a parlare con il procuratore speciale Robert Mueller, che indaga sulle interferenze russe nelle scorse elezioni.

Russiagate: accordo con Mueller, Bannon evita il gran giurì

L'ex stratega della Casa Bianca risponderà alle domande del procuratore speciale sulle interferenze russe nelle elezioni

Steve Bannon avrebbe raggiunto un accordo con Robert Mueller per evitare di testimoniare davanti al gran giurì istituito per l'inchiesta sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi. Lo riporta la Cnn.

Fmi a San Marino: il settore bancario deve essere rafforzato

La Cassa di Risparmio della Repubblica di San Marino va ristrutturata, deve cambiare modello di business e ridurre costi operativi

Ristabilire la tenuta del settore bancario e mantenere la stabilità finanziaria restano le principali priorità per San Marino. Lo sostiene il Fondo monetario internazionale, il cui staff ha concluso la sua missione nel Paese. Facendo notare che la rotta del debito pubblico dipenderà dal costo fiscale finale della riparazione del sistema bancario, l'istituto di Washington consiglia riforme strutturali, inclusa la riduzione della burocrazia, per aiutare una riorganizzazione dell'economia. Anche perché, sostiene l'Fmi, "l'agenda delle riforme è faticosa e richiede un forte impegno da parte di tutti".

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali

Oggi i conti di Goldman Sachs e Bank of America
AP