Prezzo del mais alle stelle: allevatori contro produttori di etanolo

La siccità ha portato allo scontro tre grandi settori agro-alimentari

La siccità che ha colpito l’America ha finito per mettere contro tre grandi settori agro-alimentari: gli agricoltori produttori di mais, gli allevatori e le raffinerie di biocarburanti. Tutti e tre, in quanto utilizzatori di mais, cercano di proteggere i propri interessi.

Il mais viene utilizzato per la produzione dell’etanolo, carburante vegetale che abbatte l’inquinamento; ma il suo massiccio utilizzo ne ha sottratto buona parte, soprattutto in questo momento, agli allevatori di bestiame che hanno visto aumentare il prezzo. L'industria della carne, sostenuta da diversi governatori e parlamentari, ritiene che la quota di mais destinata all’etanolo, molto sostenuto dall’amministrazione Obama, abbia distorto il mercato dei cereali, con prezzi molto alti che i piccoli allevatori non posso più permettersi. Prezzi alti che ovviamente si riversano anche sull’uso alimentare.

Secondo l'industria dell’etanolo, il suo consumo di mais è sceso del 12 per cento dall'inizio dell'estate e la produzione di etanolo è la più bassa da due anni. Intanto, al centro della contesa vi sono i produttori di mais, che grazie alla scarsità di materia prima, hanno fatto lievitare il prezzo di vendita. Garry Niemeyer, presidente dell'Associazione nazionale coltivatori di mais, in una dichiarazione ha cercato di spiegare come la sua associazione sia preoccupata per gli allevatori nazionali ed esteri, ma anche per l'industria dell'etanolo. Infatti molti dei produttori di mais sono anche produttori di etanolo. Dalla Casa Bianca, il presidente Barack Obama preferisce non intervenire in questo momento elettorale, ma in Iowa un suo portavoce, Jennifer Psaki, ha solo rimarcato l’attenzione del presidente all’etanolo come driver per un’economia sempre più green. 

Il 10 agosto scorso, il dipartimento dell'Agricoltura ha detto che il raccolto di mais di quest’anno e’ il più povero degli ultimi sette anni. Minore produzione dunque significa danni per tutta la filiera che utilizza il cereale e ingenti danni economici che dovranno essere equamente ripartiti.

Altri Servizi

Trump sceglie McMaster come nuovo consigliere per la sicurezza nazionale

Segue Michael Flynn, dimessosi su richiesta del presidente Usa dopo 24 giorni dall'incarico. Il suo successore è considerato uno stratega di punta dell'esercito

Il presidente americano Donald Trump ha scelto uno stratega militare per diventare il suo nuovo consigliere per la sicurezza nazionale al posto di Michael Flynn, costretto a dimettersi dall'incarico dopo 24 giorni per avere fuorviato il vice Mike Pence sulla natura delle conversazioni avute con l'ambasciatore russo in Usa.

Nel Giorno dei presidenti, previste manifestazioni contro Trump

Originariamente, con il Presidents' Day si commemorava la nascita di George Washington; poi Nixon la trasformò nella festa di tutti i presidenti

È il terzo lunedì di febbraio, il giorno in cui gli Stati Uniti festeggiano il Presidents' Day, ovvero il Giorno dei presidenti. Donald Trump, il 45esimo presidente, ha naturalmente usato il suo mezzo preferito, Twitter, per augurare agli americani di passare una bella giornata, ribadendo poi il suo slogan elettorale: "Felice Giorno dei Presidenti. Make America Great Again!".

La gaffe di Trump sull'attentato (mai avvenuto) in Svezia diventa virale sul web

Il presidente cerca di difendersi e twitta: la mia affermazione su quanto accadeva in Svezia si riferiva a una trasmissione diffusa da Fox News sugli immigrati

Prima la gaffe, poi il tentativo di metterci una pezza: il risultato è una marea di tweet, tra il divertente, l'esilarante, lo sconfortato e l'arrabbiato. Si riassume così lo scivolone diplomatico di Donald Trump, che durante un comizio in Florida, arringando la folla e stigmatizzando l'immigrazione clandestina, ha citato un fantomatico attentato che sarebbe avvenuto in Svezia. Il problema è che l'attacco non si è mai verificato.

Il Calendario Pirelli 2017: Peter Lindbergh e l'emozione della bellezza

Durante la settimana della moda di New York, una serata per celebrare "The Cal" con il fotografo tedesco e Steve McCurry, Jessica Chastain, Fran Lebowitz e Derek Blasberg

Non c'è concetto che sia insieme più chiaro eppure più indefinibile della bellezza: non quella data da un'emozione e nemmeno quella interiore, ma la bellezza oggettiva. Che cos'è? Ha a che fare con l'armonia dei tratti del volto? Con l'equilibrio? Con la simmetria? Nessuno è davvero capace di dirlo, eppure resta un fatto: quando c'è, mette tutti d'accordo. Dall'antica Grecia a oggi, passando per ogni altra epoca, possono essere cambiati gli archetipi, le caratteristiche che ci fanno dire di un corpo "è bello", eppure c'è una cosa che non cambia mai: l'inevitabilità della bellezza. La chiarezza con cui, di epoca in epoca, di un viso o un corpo che è bello riusciamo a dire solo che è bello.

Kraft Heinz fa un passo indietro, ritirata l’offerta di acquisto per Unilever

L’operazione, valutata 143 miliardi di dollari avrebbe creato un colosso da

Kraft Heinz, gruppo agroalimentare statunitense, ha accettato "amichevolmente" di ritirare la sua offerta d'acquisto per il gigante anglo-olandese Unilever. L’annuncio è stato dato dai due gruppi in un comunicato congiunto.

Immelt resta saldo alla guida di General Electric, ma gli investitori pensano al dopo

E' Ceo da quindici anni, ma gli investitori si preparano a un'eventualità che, se non altro per questioni anagrafiche, non è così improbabile.
General Electric

Jeffrey Immelt non ha fatto intendere che lascerà a breve la guida di General Electric, di cui è amministratore delegato da quindici anni, ma gli investitori si preparano a un'eventualità che, se non altro per questioni anagrafiche, non è così improbabile.

Pence ribadisce il sostegno degli Usa all'Ue. Ma basterà?

Il vicepresidente ha voluto di nuovo rassicurare Bruxelles, ma Trump ha dimostrato di non avere a cuore le sorti dell'Unione europea

L'impegno degli Stati Uniti nei confronti dell'Unione europea "è saldo e duraturo". Lo ha dichiarato il vicepresidente Mike Pence, che anche a Bruxelles ha assicurato che Washington non cambierà direzione con Donald Trump alla Casa Bianca, come già fatto a Monaco di Baviera alla Conferenza sulla sicurezza.

Resistenze in Congresso per la politica di Trump sul trade. Anche dai repubblicani

I democratici sono delusi per la mancanza di dettagli precisi sull'azione che l'amministazione Trump intende promuovere, mentre rappresentanti del partito del presidente hanno lamentato una divergenza sulla priorità

La politica commerciale di Donald Trump, cruciale nell'agenda del presidente, focalizzata sull'"America First", gli interessi degli Stati Uniti prima di quelli degli altri Paesi, incontra resistenze in Congresso, da parte dei democratici, come prevedibile, ma anche da parte del suo stesso partito. Le tensioni sono venute a galla nell'ultima settimana, quando i parlamentari di entrambi i partiti hanno incontrato Peter Navarro, numero uno del National Trade Council, il panel creato da presidente per sviluppare e portare avanti la strategia sul trade.

"La vita è una campagna", il ritorno di Donald Trump alla sua "comfort zone"

Il presidente americano ha arringato i suoi sostenitori in Florida sullo stile della sua campagna elettorale

"La vita è una campagna" così come lo è "rendere l’America di nuovo grande". Parole di Donald Trump che si è espresso in questo modo davanti ai giornalisti al suo seguito sull’Air Force One che l’ha portato in Florida, dove sta trascorrendo il suo terzo weekend in quattro settimane da quando si è insediato alla Casa Bianca. Prima di dirigersi nel suo resort di Mar-a-Lago, a Palm Beach, il presidente americano ha però arringato una folla di un migliaio di sostenitori riunitisi in un hangar all’aeroporto di Melbourne, in Florida, dove l’aereo presidenziale è atterrato, con la verve e con i toni che hanno contraddistinto la sua campagna elettorale.

McCain difende la stampa e attacca ancora Trump: "È così che iniziano i dittatori"

Il senatore repubblicano è stato intervistato a Meet the Press, su Nbc