A Washington il gala della Niaf, Obama ospite d'onore

Eventi durante tutta la giornata, eccellenze italiane in mostra

E’ in corso a Washington D.C. la convention di due giorni organizzata dalla National Italian American Foundation, l’associazione fondata nel 1975 e che rappresenta gli oltre 25 milioni di italoamericani negli Stati Uniti (secondo i dati del Census Bureau). L’evento, giunto alla sua 36esima edizione, culminerà con la cena di gala di questa sera, durante la quale il presidente americano Barack Obama pronuncerà il discorso principale. Ad ascoltarlo, ci sarà una platea di 2.500 persone, in rappresentanza degli italoamericani che lavorano nel settore industriale, diplomatico e politico.

La Niaf si occupa di mantenere viva la cultura e le tradizioni italiane anche attraverso una stretta collaborazione con la Casa Bianca e il Congresso. In passato l’associazione ha premiato alcuni italoamericani che si sono imposti sulla scena americana fino ai massimi livelli nei rispettivi settore. Tra questi, solo per fare alcuni nomi, Antonin Scalia, primo giudice italo-americano della Corte Suprema degli Stati Uniti, Frank Sinatra, Joe Di Maggio e Liza Minnelli.

In attesa della cena di gala di questa sera, l’evento organizzato dalla National Italian American Foundation a Washington scalda i motori. Molte persone sono già al Washington Hilton Hotel, dove si tiene l’edizione numero 36 della manifestazione, per partecipare alle attività organizzate per la giornata.

Attorno alle 11 (le 17 in Italia) è cominciata anche un’asta silenziosa durante la quale sono state vendute, tra le altre cose, foto d’epoca di personaggi sportivi (non manca naturalmente Joe Di Maggio, con uno scatto autografato), bottiglie d’annata, gioielli e viaggi. Anche se è presto per sapere il riscontro ottenuto, passeggiando tra gli oggetti in vendita è facile vedere che le offerte non sono mancate. Nel pomeriggio, prima della cena, si terrà una dimostrazione culinaria: alcuni chef faranno provare alcune delle ricette della tradizione italiana, accompagnate dal vino più adeguato.

La giornata entrerà nel vivo attorno alle 18 (la mezzanotte italiana), quando gli ospiti potranno cominciare a entrare nella International Ballroom, prima i numerosissimi giornalisti, poi tutti gli altri. Nell’attesa, l’appuntamento è nella Columbia Hall dell’hotel: in mostra ci sono alcuni dei nomi più rappresentativi dell’industria e del settore enogastronomico italiano (Vespa, Maserati, Ferrari, Lamborghini tanto per citarne alcuni). Tra le auto fiammanti c’è anche una Chrysler 300, forse l’esempio più recente della partnership tra Italia e Stati Uniti (il colosso di Detroit Chrysler Group è parte di Fiat).

La cena inizierà invece attorno alle 19 (l’una di notte in Italia), mentre l’intervento di Obama, come si legge nel programma diffuso dalla Casa Bianca, è previsto attorno alle 20.20 (le 2.20 in Italia). Il presidente, come aveva già fatto in occasione del Columbus Day, dovrebbe ribadire lo stretto legame tra gli Stati Uniti, gli emigranti italiani che da decenni scelgono di vivere nel Paese e la cultura italiana.

Durante la serata di gala, che avrà come madrina Maria Bartiromo, giornalista televisiva di Cnbc e uno dei volti più famosi della comunità italoamericana, la presidente di Confindustria Emma Marcegaglia riceverà il premio Niaf Special Achievement Award in Women's Leadership, assegnato a donne che si sono distinte per la loro capacità di leadership (negli anni scorsi il riconoscimento era andato anche all’attuale leader democratica alla Camera Nancy Pelosi).

Altri riconoscimenti saranno assegnati a Claudio Bozzo, capo di Mediterranean Shipping Company negli Stati Uniti, all'amministratore delegato di Adler Plastic, Paolo Scudieri, e allo stilista italiano Santo Versace.

Marcegaglia aveva già ricevuto giovedì a New York il Gei Award 2011, il premio assegnato ogni anno dal Gruppo Esponenti Italiani. Durante la cerimonia, Marcegaglia aveva avuto modo di sottolineare che “l’Italia è un buon Paese e ancora molto forte”, nonostante le difficoltà che si trova ad affrontare. La presidente di Confindustria, durante il pranzo organizzato dal Gei al Plaza Hotel di New York, aveva detto: “sono italiana e amo il mio Paese, sono vicina agli Stati Uniti, li considero la mia seconda casa”, in questo modo sintetizzando il messaggio che la Niaf cerca di trasmettere nel sottolineare il forte legame fra i due Paesi.

Altri Servizi

Fca: richiama in Usa quasi 900mila vetture, non rispettano standard su emissioni

Epa soddisfatta dell'azione volontaria del gruppo. La mossa segue test condotti dall'azienda e dall'Agenzia per la protezione ambientale. Fca: veicoli sicuri, nessuna multa
FCA

Fiat Chrysler Automobiles ha deciso di richiamare quasi 900mila vetture negli Stati Uniti, per l'esattezza 862.520. La mossa segue test sulle emissioni condotti dall'Agenzia per la protezione ambientale americana (l'Epa) e dall'azienda stessa come richiesto dalla legge. A dare l'annuncio è stata l'Epa, che "dà il benvenuto all'azione di Fiat Chrysler di richiamare volontariemente i suoi veicoli che non rispettano gli standard sulle emissioni Usa".

Wall Street sotto pressione per Boeing

Il dipartimento dei Trasporti ha aperto un'indagine sull'approvazione della Faa al Boeing 737 Max
AP

Kirsten Gillibrand ha ufficialmente lanciato la sua campagna presidenziale

La senatrice è la sesta donna in campo per le primarie democratiche
Ap

La senatrice Kirsten Gillibrand ha ufficialmente lanciato la propria candidatura alle primarie democratiche per le presidenziali statunitensi del prossimo anno, con un video intitolato "Il coraggioso vince", che parte da un verso dell'inno nazionale (Di' dunque, sventola ancora la nostra bandiera adorna di stelle sulla terra dei liberi e la patria dei coraggiosi?) per affermare che il coraggio degli americani può aiutare il Paese a raggiungere risultati come il sistema sanitario universale, il congedo parentale per tutti e una nuova riforma per l'ambiente. "Abbiamo bisogno di un leader che faccia delle scelte notevoli e coraggiose. Qualcuno che non sia spaventato dal progresso. Ecco perché mi candido alla presidenza".

Wall Street sotto pressione per Boeing

Il dipartimento dei Trasporti ha aperto un'indagine sull'approvazione della Faa al Boeing 737 Max
AP

Wall Street sotto pressione per Boeing

Il dipartimento dei Trasporti ha aperto un'indagine sull'approvazione della Faa al Boeing 737 Max
AP

Wall Street, speranze su accordo Usa-Cina

Atteso il dato sulla fiducia dei consumatori di marzo
AP

Trump propone budget da 4.700 mld di dollari, Congresso pronto a bocciarlo

Chiede 8,6 miliardi aggiuntivi per il muro. A ottobre rischio shutdown

Il presidente americano, Donald Trump, ha presentato una proposta di budget per l'anno fiscale 2020 che vale 4.700 miliardi di dollari ma che rischia già in partenza di creare tensioni al Congresso, che deve approvare la manovra (la prima, firmata Trump, con una Camera controllata dall'opposizione democratica).

Boeing: "piena fiducia" nel 737 Max ma vari Paesi ne impediscono l'uso

Regno Unito, Francia e Germania tra le nazioni che puntano su sicurezza. Romney primo senatore Gop a chiedere lo stop all'uso del jet. L'aviazione civile Usa dalla parte del gruppo. Passeggeri preoccupati. Trump: aerei troppo complessi.

Messo sotto pressione dalle autorità dell'aviazione civile nel mondo, Boeing ha diffuso un comunicato difendendo la sicurezza dei suoi jet 737 Max, nei quali ha "piena fiducia".

Federcalcio Usa sorpresa dalla causa per discriminazione intentata dalle giocatrici della nazionale

Carlos Cordeiro ha detto che le atlete non si erano mai lamentate del contratto collettivo. Le campionesse del mondo chiedono di essere pagate (e trattate) come gli uomini
Ap

Il presidente della Federcalcio statunitense, Carlos Cordeiro, ha manifestato la propria sorpresa, e quella dell'organizzazione che presiede, nel prendere atto della causa intentata dalle calciatrici della nazionale per discriminazione di genere. Cordeiro ha detto che non aveva mai sentito lamentele sull'accordo collettivo contrattato e firmato tra le due parti due anni fa.

Lyft lancia il road show per la sua Ipo da 2 miliardi di dollari

Sarà la prima del settore dei trasporti on-demand a quotarsi a Wall Street, ma sarà presto seguita da Uber

Parte lunedì il road show di Lyft per la sua Ipo, durante la quale cercherà di raccogliere fino a due miliardi di dollari, per arrivare a una valutazione di oltre 20 miliardi di dollari. Lyft dovrà cercare di convincere gli investitori a preferire la sua Ipo a quella di Uber, che dovrebbe lanciarla il prossimo mese.