Abusi sessuali sulle ginnaste, l'inchiesta dell'Indianapolis Star mette sotto accusa l'intero sistema

La federazione statunitense non avrebbe protetto le bambine. Mancanza di controllo e cultura del segreto hanno permesso ai predatori sessuali di abusare per anni delle atlete, di palestra in palestra

Jenny Brannan rispose al telefono e 20 anni di paure tornarono in superficie, con la prima domanda del suo interlocutore: "Sa chi è Ray Adams?". Quella donna del Missouri aveva trascorso la maggior parte della sua vita cercando di dimenticare quel nome. Nel 1993, quando aveva 12 anni, accusò il suo carismatico allenatore di ginnastica di aver abusato sessualmente di lei. Ma il caso non arrivò mai in tribunale.

Anni dopo, nel 2013, un procuratore della Florida le chiede di condividere la sua storia e di testimoniare in tribunale, perché Adams continuava a fare del male. Brannan venne così a sapere che Adams era stato accusato da altre 15 ragazze. Nel corso degli anni, aveva lavorato almeno in una dozzina di palestre di quattro Stati e era stato licenziato almeno sei volte. Eppure, in qualche modo, Adams ha continuato a ottenere incarichi di lavoro, anche in palestre d'élite dove si formano le migliori atlete della federazione statunitense di ginnastica, finché non è stato condannato a 20 anni di prigione perché in possesso di materiale pedopornografico a livello federale e a 15 anni (da scontare contemporaneamente) a livello statale, in Florida, per molestie.

Il caso di Adams, più di ogni altro tra quelli sollevati dalla lunga indagine dell'Indianapolis Star, dimostra le ampie carenze nell'apparato di controllo della federazione statunitense di ginnastica e la cultura del segreto che ha permesso ai predatori sessuali come Adams di continuare ad allenare e a molestare bambine. Secondo l'inchiesta del quotidiano, almeno 368 ginnaste bambine avrebbero subito abusi sessuali per mano di allenatori, proprietari delle palestre o altri adulti che hanno lavorato nel settore della ginnastica statunitense, dal livello amatoriale a quello olimpico, negli ultimi due decenni. Il quotidiano ha studiato centinaia di denunce e cause in tutti gli Stati Uniti, oltre ad aver intervistato più di 100 tra atleti, allenatori, procuratori, avvocati, poliziotti e proprietari di palestre.

L'inchiesta ha fatto luce, oltre che sulle molestie di Adams, su bambine fotografate nude dagli allenatori, su quattordicenni che sono state molestate o hanno avuto rapporti sessuali con i coach. Uno dei problemi emersi dall'inchiesta è che i colpevoli hanno potuto continuare ad agire indisturbati, da palestra a palestra, perché una volta scoperti venivano solo licenziati, dato che i proprietari delle strutture avevano paura che, denunciandoli, avrebbero ricevuto una pubblicità negativa e gli affari sarebbero diminuiti. Il quotidiano ha poi criticato la federazione di ginnastica statunitense, che avrebbe spesso trattato con scetticismo le accuse delle atlete, evitando di denunciare i casi. Nel complesso, secondo il quotidiano, gli eventi successi in questi ultimi due decenni portano a una cruda realtà: le palestre americane hanno fallito a tutti i livelli e sono state incapaci di proteggere le bambine sotto la loro supervisione.

Altri Servizi

Wall Street, settimana di trimestrali

A mercati chiusi è arrivata quella, superiore alle stime, di Netflix
AP

Amico di Trump inietta capitali in Weinstein Company

Il miliardario Tom Barrack tratta per comprare tutta o parte della società di produzione travolta dagli scandali sessuali del suo co-fondatore, silurato dal club degli Oscar
AP

The Weinstein Company, la società di produzione cinematografica travolta dagli scandali sessuali riguardanti il suo cofondatore Harvey Weinstein, ha raggiunto un accordo preliminare per una immediata iniezione di capitali. A concerderli è Colony Capital, società di investimento di Tom Barrack (amico di lunga data del presidente americano Donald Trump). A comunicarlo è stata l'azienda stessa, che ha iniziato un periodo di negoziati che potrebbe portare Colony Capital a comprare tutto o parte del gruppo che - tra gli altri - ha prodotto film come "Lion" e che ha distribuito "The Hateful Eight" di Quentin Tarantino.

Cook: "La realtà aumentata cambierà la nostra vita, ma gli occhiali smart non sono ancora pronti"

L'amministratore delegato di Apple, intervistato dall'Independent, non parla solo di tecnologia: "La vita sarebbe così tanto più facile se solo trattassimo tutti con dignità e rispetto"
iStock

La realtà aumentata (AR) cambierà la nostra vita. Ne è convinto Tim Cook, l'amministratore delegato di Apple, che ha rilasciato un'intervista all'Independent. La società di Cupertino ha realizzato ArKit, una piattaforma che "offre un'opportunità commerciale a tutti i progetti basati sull'AR; senza questa opportunità non ci sarebbero 15 milioni di persone pronte a sviluppare le proprie passioni con la realtà aumentata".

Il Ceo di Blackrock: Bitcoin un "indice del riciclaggio di denaro"

Laurence Fink si unisce a James Dimon, numero uno di JP Morgan, nel criticare la criptovaluta. Lagarde non esclude che l'Fmi possa arrivare a svilupparne una sua

"Un indice del riciclaggio del denaro". Così il Ceo di Blackrock ha definito Bitcoin. E' stato Laurence Fink, l'uomo a capo del più grande gruppo di asset management al mondo, a lanciare l'ultimo attacco contro la criptovaluta già definita una "frode" dall'amministratore delegato di JP Morgan, che dopo l'ennesima critica sulla valuta digitale ha promesso che non si pronuncerà più sull'argomento.

Netflix: gli iscritti al di fuori degli Usa spingono i conti

Nel terzo trimestre conquistati 5,3 milioni di nuovi abbonati di cui 85mila in Usa e 4,45 milioni all'estero. Utili +150% a 130 milioni di dollari; ricavi +30,3% a 2,98 miliardi. Anche l'outlook superara le stime degli analisti
AP

Ecco la startup di New York che porta nel cloud il guardaroba a noleggio

Con 89 dollari al mese, Rent the Runway permette di scegliere quattro capi. Lanciato il primo spot con cui preannuncia la fine delle cabine armadio
Rent the runway

Casa Bianca: taglio aliquote aziendali sosterrà i salari. I democratici: matematica fake

I consiglieri economici di Trump sostengono che riducendola al 20% dal 35%, i redditi delle famiglie saliranno almeno di 4mila dollari l'anno
AP

Haley, il falco dietro la scelta di Trump sull'Iran: "Gli Usa rimarranno nell'accordo sul nucleare solo se migliorato"

L'ambasciatrice alle Nazioni Unite ha spinto il presidente a non certificare il rispetto dell'intesa da parte di Teheran. "Ora cambiamo in meglio l'intesa, nell'interesse americano"
Ap

L'ansia, un disturbo sempre più diffuso tra gli adolescenti americani

È la storia di copertina dell'ultimo numero del New York Times Magazine ed è la più letta della settimana sul sito nytimes.com

Amazon sbarcherà nel mercato dell'abbigliamento sportivo (con il proprio marchio)

Lo rivela Bloomberg. La società di Bezos starebbe già lavorando con alcuni produttori di Taiwan