Accordo bipartisan al Senato Usa per salvare i Dreamers

La proposta sarà presentata al presidente Trump, che ha deciso di porre fine al programma Daca, che garantiva un permesso di lavoro o di studio biennale e rinnovabile

Un gruppo bipartisan di senatori statunitensi ha raggiunto un accordo su una legge che proteggerebbe centinaia di migliaia di giovani immigrati, i cosiddetti Dreamers, dall'espulsione. Lo ha detto il repubblicano Jeff Flake.

"Abbiamo un accordo e ne parleremo con la Casa Bianca. Spero che si possa andare avanti con questo, è l'unica proposta in gioco, non ce ne sono altre" ha aggiunto il senatore dell'Arizona. Flake fa parte del gruppo bipartisan che da mesi cerca una soluzione legislativa dopo che il presidente Donald Trump, a settembre, ha deciso di porre fine al Deferred Action for Childhood Arrivals (Daca), il programma voluto nel 2012 da Barack Obama per permettere agli immigrati irregolari, entrati da bambini nel Paese, di evitare l'espulsione e ricevere un permesso di lavoro o di studio biennale e rinnovabile. Trump ha dato 6 mesi di tempo al Congresso, fino al 5 marzo, per trovare una soluzione appropriata per le quasi 800.000 persone interessate dal provvedimento.

Trump ha più volte detto di voler salvare i Dreamers, ma di volere anche la costruzione del muro al confine con il Messico e il rafforzamento dei controlli. Nel frattempo, comunque, un giudice distrettuale ha bloccato la decisione di Trump, accogliendo la richiesta di fermarla almeno fino a quando le varie cause avviate non saranno risolte.

Su Twitter, il presidente aveva reagito definendo il sistema giudiziario "guasto e ingiusto" e attaccando i suoi oppositori, che si rivolgono "sempre al nono circuito e vincono quasi sempre, prima che la decisione sia ribaltata da tribunali di grado superiore".

La reazione della Casa Bianca. "Non è stato raggiunto un accordo" per salvare i Dreamers, anche se "pensiamo di porter arrivare a uno". Lo ha detto Sarah Sanders, portavoce della Casa Bianca, nel corso della conferenza stampa di giovedì pomeriggio.

Altri Servizi

Bezos dona 33 milioni di dollari per studenti Dreamers: mio padre (adottivo) arrivò in Usa da minore e solo

Il Ceo di Amazon ricorda il caso personale: il secondo marito della madre atterrò in America da Cuba come parte del più grande esodo di minori non accompagnati dell'emisfero occidentale

L'amministratore delegato di Amazon, Jeff Bezos, ha deciso di donare 33 milioni di dollari in mille borse di studio destinate ai cosiddetti Dreamers, le persone entrate quando erano bambine negli Stati Uniti e che tutt'ora sono prive di un permesso di soggiorno.

Golden Globe: Oprah Winfrey invoca un "nuovo giorno"

"Tre manifesti a Ebbing, Missouri" vince quattro premi, tanti quanti "Big Little Lies". Guillermo del Toro migliore regista con "La forma dell’acqua". Italiani a bocca asciutta
AP

L'edizione 2018 dei Golden Globe verrà forse ricordata per il suo tono moderato, per nulla entusiasmante e insolitamente piatto. In una Hollywood ancora sconvolta dallo scandalo di molestie sessuali, esploso a ottobre con le accuse di molestie che hanno travolto il produttore Harvey Weinstein e che hanno poi travolto altri pesi massimi del settore, il mondo del cinema si è riunito al Beverly Hilton Hotel di Los Angeles all'insegna della pacatezza. Persino Seth Meyers, non proprio a suo agio nei panni di presentatore di un evento simile, è stato misurato nelle sue comparse centellinate durante la cerimonia ma il comico ha toccato con la sua tipica ironia da precisione il tema dominante della serata, un tema che grazie a Oprah Winfrey ha raggiunto l'apice dando una maggiore autorevolezza al neo nato "Time's Up", fondo per il sostegno legale a donne che sono state vittime di molestie sul posto di lavoro. L'accessorio politico della serata sono state spille a tema.

La Camera Usa approva il rinnovo di un programma di sorveglianza senza limiti, sconfitta la privacy

Per altri sei anni, consentito spiare gli stranieri all'estero senza mandato, anche quando comunicano con cittadini statunitensi in patria

 La Camera statunitense ha votato a favore del rinnovo per sei anni della sezione 702 del Foreign Intelligence Surveillance Act, che permette alle agenzie di spionaggio di obbligare le aziende statunitensi, come Google e AT&T, a consentire l'accesso illimitato e senza mandato alle e-mail e ad altre comunicazioni di stranieri all'estero, anche quando comunicano con cittadini statunitensi che si trovano in patria. La votazione era stata preceduta dai tweet contraddittori di Donald Trump, che avevano provocato la preoccupazione dei repubblicani, visto che il presidente sembrava inizialmente favorevole a dei limiti, andando contro la posizione della stessa Casa Bianca.

Il rapper Drake vuole 'servire' il suo whiskey agli investitori

Secondo l'FT, Virginia Black vuole raccogliere fino a 30 milioni di dollari vendendo titoli a piccoli investitori. Sceglie il crowdfunding invece dell'Ipo tradizionale
AP

L'attore George Clooney decise di fare cassa vendendo il suo marchio di tequila Casamigos al colosso britannico del beverage Diageo; il rapper Drake punta a invece a raccogliere 30 milioni di dollari vendendo ai suoi fan i titoli della sua azienda produttrice di whiskey.

Wal-Mart alza salario minimo a 11 dollari/ora, darà bonus una tantum, effetto riforma Trump

E' la terza volta dal 2015 che Wal-Mart alza il salario minimo, per migliorare le condizioni di lavoro nei 4.700 punti vendita americani e nell'ambito della più ampia strategia per competere sul fronte online, tenendo il passo Amazon.

Wal-Mart Stores, colosso mondiale della grande distribuzione con oltre 2,2 milioni di dipendenti, di cui 1,5 milioni negli Stati Uniti, a partire dal 17 febbraio alzerà il salario minimo orario da 10 a 11 dollari per tutti i lavoratori in America e concederà un bonus una tantum fino a 1.000 dollari (la cifra massima per chi ha oltre vent'anni di anzianità e a scalare per gli altri).

Shutterstock

Negli Stati Uniti sta per verificarsi un cambiamento non indifferente nel settore automobilistico: i gruppi stranieri presto produrranno su suolo statunitense più vetture di quelli di Detroit, capitale americana delle quattro ruote. E questo anche grazie alla nuova fabbrica che le giapponesi Toyota e Mazda hanno deciso di costruire insieme in Alabama con un investimento da 1,6 miliardi di dollari; la mossa - che rende felice il presidente americano Donald Trump, che da sempre spinge sul Made in America - darà lavoro a 4.000 persone. E' il primo impianto totalmente nuovo ad essere costruito da quando Trump ha messo piede nella Casa Bianca il 20 gennaio del 2017.

Mueller si 'avvicina', Trump: "Io interrogato? Vedremo, improbabile"

Il presidente sulle indagini sulle interferenze russe: "Non c'è stata collusione, a che servirebbe?"

Lo scorso anno, aveva detto di essere pronto a parlare, sotto giuramento, con Robert Mueller, il procuratore speciale che indaga sulle interferenze russe nelle ultime elezioni presidenziali statunitensi. Ieri, invece, il presidente Donald Trump non è stato altrettanto netto nel dare la propria disponibilità a parlare, ora che il procuratore sembra intenzionato a volerlo ascoltare.

Wall Street torna a livelli record

C'è ottimismo per l'avvio della stagione delle trimestrali. Domani i conti di JP Morgan, Wells Fargo e BlackRock
AP

NY Times: Basilicata, Emilia Romagna e Sudtirol da visitare nel 2018

Sulle 52 destinazioni consigliate, si collocano rispettivamente al terzo, 40esimo e 50esimo posto. L'anno scorso nella classifica c'era solo la Calabria (al 37esimo gradino)
Matera Wikimedia Commons

Tra i 52 luoghi da visitare nel 2018, il New York Times ne consiglia tre in Italia. Nell'annuale classifica del quotidiano americano, il nostro Paese vince tra quelli stranieri con tre raccomandazioni contro l'unica fatta nell'edizione del 2017.