Accordo di Parigi sul clima, Trump lascia il mondo sospeso

Secondo i media americani è quasi certo: gli Usa ne usciranno. Ma ci sono ancora speranze. L'accordo è stato firmato alla fine del 2015 e prevede il taglio del 26-28% delle emissioni di gas serra entro il 2025 rispetto ai livelli del 2005

Il presidente americano, Donald Trump, sta lasciando il mondo sospeso sulla possibile uscita degli Stati Uniti dall'accordo sul clima di Parigi. Nonostante abbia detto che annuncerà la sua decisione finale nei prossimi giorni, alcuni media americani sostengono che abbia già deciso di ritirare Washington dagli impegni presi alla fine del 2015 dall'amministrazione di Barack Obama. Gli Usa firmarono il documento insieme ad altri 195 Paesi, 147 dei quali lo hanno già ratificato.

Un ritiro degli Stati Uniti sarebbe un colpo profondo agli sforzi della comunità internazionale per fermare i cambiamenti climatici e il riscaldamento globale. Al documento di Parigi si era arrivati dopo una lunga trattativa tra l'amministrazione Obama e la Cina, i due principali produttori di gas serra. Ma sembra ci siano poche speranze di continuare in questa direzione, tagliando in modo notevole le emissioni inquinanti, visto che mancherebbero soltanto i dettagli del piano di ritiro della Casa Bianca. Gli Stati Uniti - secondo produttore di gas serra dopo la Cina - si sono impegnati a diminuire le emissioni del 26-28% rispetto i livelli del 2005 entro il 2025. Ma nel corso della sua campagna elettorale, il presidente Usa si è più volte espresso contro l'accordo, sostenendo che i cambiamenti climatici sono un imbroglio.

Da quando è entrato alla Casa Bianca, però, Trump ha dato segnali contraddittori sul tema, mettendo in posizioni centrali del suo governo persone con posizioni opposte, dal segretario di Stato, Rex Tillerson, che tende a sostenere l'accordo, al capo dell'Environmental Protection Agency, Scott Pruitt, uno dei più accaniti oppositori del documento. Lo stesso portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer, ha lasciato i giornalisti senza parole: ha detto di non aver mai chiesto a Trump se crede che le attività umane siano responsabili dei cambiamenti del clima. C'è poi la figlia Ivanka, e ancora Gary Cohn, capo dei consiglieri economici di Trump, che vorrebbero che gli Stati Uniti restassero nel trattato.

Ci sono infine colossi come Apple e Google, ma anche gruppi petroliferi come BP, Shell ed Exxon Mobil che non voglio un ritiro degli Usa. Infine c'è il resto dei paesi del G7, che a Taormina si sono espressi a favore dell'accordo sul clima e hanno fatto pressioni affinché anche gli Usa continuino su questa strada. La cancelliera tedesca, Angela Merkel, si è smarcata sostenendo che sul clima l'Europa deve prendere la sua posizione, che è chiaramente pro Parigi. Intanto anche il segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, ha mandato un messaggio chiaro a Trump. "Il mondo è un disastro" e gli effetti dei cambiamenti climatici sono pericolosi e stanno aumentando giorno dopo giorno.

Ma sembra che ci sia uno spiraglio: la settimana scorsa Cohn ha detto che la posizione di Trump sul tema "si sta evolvendo". Allo stesso tempo il segretario alla Difesa, Jim Mattis, ha sottolineato che la posizione di Trump è aperta e che prende in considerazione tutti i pro e i contro dell'accordo.

Altri Servizi

Wall Street, le peggiori due settimane del Dow Jones dallo scorso settembre

I listini provano a rialzarsi dopo la pessima chiusura di ieri, tra Trump e terrorismo
AP

Netflix sfida Amazon e Disney: recluta creatrice di "Grey's Anatomy"

E' corsa ai migliori talenti. Il sito di video in streaming risponde al colosso del commercio elettronico (che ha arruolato il produttore di "The Walking Dead") e a quello dell'intrattenimento (che ha silurato il gruppo)

Tra Netflix e Amazon la sfida è ufficialmente aperta così come tra vecchi e nuovi gruppi media. Il sito di video in streaming ha annunciato di avere reclutato la creatrice delle serie “Scandal” e “Grey’s Anatomy”; una risposta al fatto che tre giorni prima il colosso del commercio elettronico avesse detto di avere arruolato il creatore della serie tv "The Walking Dead".

Trump contro la rimozione delle statue sudiste: "Fatta a pezzi la Storia"

Dopo le violenze di Charlottesville, prosegue la polemica tra il presidente e gli antirazzisti. Autorità cittadine e statali sempre più decise a cancellare 'gli eroi del Sud'

"Triste vedere che la Storia e la cultura del nostro grande Paese siano fatte a pezzi con la rimozione delle nostre belle statue e dei monumenti. Non potete cambiare la Storia, ma potete imparare da essa. Robert Lee, Stonewall Jackson...il prossimo chi sarà? Washington, Jefferson? Così assurdo! La bellezza che è stata portata via dalle nostre città, da paesi e parchi mancherà enormemente e non sarà mai sostituita adeguatamente!". Così il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha espresso su Twitter la propria opinione sulla rimozione di molte statue che rappresentano gli 'eroi' dei sudisti.

Wall Street: sell-off tra terrorismo e Trump

Gli investitori temono che l'agenda pro-crescita promessa dal presidente non venga attuata
AP

Charlottesville, anche Cook (Apple) e Dimon (JPMorgan) contro Trump

Molti top manager contro il presidente Usa, che ha messo sullo stesso piano suprematisti bianchi e manifestanti di sinistra

Si allunga la serie di top manager americani che hanno "scaricato" Donald Trump per i suoi commenti sui fatti di Charlottesville, dove James Alex Fields, ventenne militante dell'alt right, sabato si è lanciato con la propria auto contro i manifestanti anti-razzisti, uccidendo una persona e ferendone altre 19.

Chelsea Manning su Vogue in costume da bagno

L'ex analista diventata talpa fotografata da Annie Leibovitz nella leggendaria September Issue della rivista di moda
Vogue

Chelsea Manning, l'ex analista dell'esercito americano diventato talpa, sarà nel numero più prestigioso di Vogue America: la leggendaria "September Issue", l'edizione più attesa della rivista (tanto che il documentario su Anna Wintour, la sua celeberrima direttrice - a cui è ispirato il personaggio di Meryl Streep ne "Il Diavolo veste Prada" - si intitola proprio così: "The September Issue").

Mls, errore clamoroso del Var. Espulso Kaka per condotta violenta, ma stava scherzando

L'arbitro Jorge Gonzalez ha sventolato il rosso alla stella brasiliana durante New York Red Bulls e Orlando

Ricardo Kaka è stato espulso. Già questa è una notizia considerando che il giocatore brasiliano ex Milan e Real Madrid, oggi numero dieci di Orlando City, ha ricevuto solo un altro cartellino rosso nella sua carriera. Eppure c’è dell’altro perché l’espulsione del brasiliano, avvenuta "per condotta violenta", è scaturita dopo l’intervento del Var (video assistant referee) che esamina le decisioni degli altri arbitri in campo tramite l'ausilio di filmati, si tratta di quella che in gergo viene definita "moviola in campo".

Charlottesville, la Casa Bianca prova a spegnere le polemiche contro Trump

Una nota ha fatto chiarezza sostenendo che il il presidente "condanna tutti, anche i suprematisti bianchi"

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, condanna "tutte le forme di violenza", incluse quelle dei suprematisti bianchi, dei neonazisti, del Kkk e di tutti i gruppi estremisti. Questo il senso della nota rilasciata dalla Casa Bianca per cercare di fare chiarezza dopo le polemiche arrivate da più parti nei confronti del presidente Trump, accusato di non aver condannato esplicitamente la violenza dei suprematisti bianchi a Charlottesville, Virginia, dove sono morte tre persone e 35 sono rimaste ferite.

L'alt-right sta creando la Silicon Valley ombra

I suprematisti bianchi, banditi da Uber, Airbnb e Twitter, hanno creato i loro servizi paralleli
AP

Dopo gli scontri avvenuti a Charlottesville, in Virginia, nel corso della manifestazione di migliaia di suprematisti bianchi, alcuni servizi della Silicon Valley hanno deciso espellere diverse persone che hanno partecipato alla giornata di violenza. Airbnb in particolare ha escluso tutti i neonazisti che avevano prenotato stanze nella città giorni prima della manifestazione di sabato 12 agosto. Allo stesso tempo anche Uber ha iniziato a comportarsi in modo molto più rigoroso verso gli estremisti di destra. Per questo motivo i gruppi dell'alt-right americana stanno creando servizi che ricalcano quelli della Silicon Valley, ai quali non possono più partecipare.

Minniti a Politico: la "visione" d'Italia sulla Libia ha funzionato. Bruxelles paghi

Il ministro italiano dell'Interno avanza tre richieste alla Ue. Perché ora la guardia costiera libica salva più vite dell'intero apparato internazionale
Ministero dell'Interno

La "visione" dell'Italia, secondo cui bisognava investire sulla Libia per fermare il flusso di migranti disposti ad attraversare il Mediterraneo, ha dimostrato di funzionare. Ne è convinto Marco Minniti, ministro degli Interni forte di dati secondo cui nei primi 10 giorni di agosto il numero di migranti che ha attraversato il mare per raggiungere le coste italiane (in larga maggioranza dalla Libia) è sceso del 76% rispetto allo stesso periodo del 2016; ciò si traduce in 1.572 persone sbarcate contro le 6.554 dell'anno scorso.