Accordo di Parigi sul clima, Trump lascia il mondo sospeso

Secondo i media americani è quasi certo: gli Usa ne usciranno. Ma ci sono ancora speranze. L'accordo è stato firmato alla fine del 2015 e prevede il taglio del 26-28% delle emissioni di gas serra entro il 2025 rispetto ai livelli del 2005

Il presidente americano, Donald Trump, sta lasciando il mondo sospeso sulla possibile uscita degli Stati Uniti dall'accordo sul clima di Parigi. Nonostante abbia detto che annuncerà la sua decisione finale nei prossimi giorni, alcuni media americani sostengono che abbia già deciso di ritirare Washington dagli impegni presi alla fine del 2015 dall'amministrazione di Barack Obama. Gli Usa firmarono il documento insieme ad altri 195 Paesi, 147 dei quali lo hanno già ratificato.

Un ritiro degli Stati Uniti sarebbe un colpo profondo agli sforzi della comunità internazionale per fermare i cambiamenti climatici e il riscaldamento globale. Al documento di Parigi si era arrivati dopo una lunga trattativa tra l'amministrazione Obama e la Cina, i due principali produttori di gas serra. Ma sembra ci siano poche speranze di continuare in questa direzione, tagliando in modo notevole le emissioni inquinanti, visto che mancherebbero soltanto i dettagli del piano di ritiro della Casa Bianca. Gli Stati Uniti - secondo produttore di gas serra dopo la Cina - si sono impegnati a diminuire le emissioni del 26-28% rispetto i livelli del 2005 entro il 2025. Ma nel corso della sua campagna elettorale, il presidente Usa si è più volte espresso contro l'accordo, sostenendo che i cambiamenti climatici sono un imbroglio.

Da quando è entrato alla Casa Bianca, però, Trump ha dato segnali contraddittori sul tema, mettendo in posizioni centrali del suo governo persone con posizioni opposte, dal segretario di Stato, Rex Tillerson, che tende a sostenere l'accordo, al capo dell'Environmental Protection Agency, Scott Pruitt, uno dei più accaniti oppositori del documento. Lo stesso portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer, ha lasciato i giornalisti senza parole: ha detto di non aver mai chiesto a Trump se crede che le attività umane siano responsabili dei cambiamenti del clima. C'è poi la figlia Ivanka, e ancora Gary Cohn, capo dei consiglieri economici di Trump, che vorrebbero che gli Stati Uniti restassero nel trattato.

Ci sono infine colossi come Apple e Google, ma anche gruppi petroliferi come BP, Shell ed Exxon Mobil che non voglio un ritiro degli Usa. Infine c'è il resto dei paesi del G7, che a Taormina si sono espressi a favore dell'accordo sul clima e hanno fatto pressioni affinché anche gli Usa continuino su questa strada. La cancelliera tedesca, Angela Merkel, si è smarcata sostenendo che sul clima l'Europa deve prendere la sua posizione, che è chiaramente pro Parigi. Intanto anche il segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, ha mandato un messaggio chiaro a Trump. "Il mondo è un disastro" e gli effetti dei cambiamenti climatici sono pericolosi e stanno aumentando giorno dopo giorno.

Ma sembra che ci sia uno spiraglio: la settimana scorsa Cohn ha detto che la posizione di Trump sul tema "si sta evolvendo". Allo stesso tempo il segretario alla Difesa, Jim Mattis, ha sottolineato che la posizione di Trump è aperta e che prende in considerazione tutti i pro e i contro dell'accordo.

Altri Servizi

Trump: pronto a dazi su tutto l'import cinese, pari a 505 miliardi

Il presidente Usa minaccia Pechino in un'intervista alla Cnbc

Il presidente Donald Trump ha dichiarato di essere pronto a imporre dazi su tutti i prodotti cinesi importati negli Stati Uniti, pari a 505,5 miliardi di dollari nel 2017. "Sono pronto ad arrivare a 500" ha detto, durante un'intervista in onda questa mattina sulla Cnbc, riferendosi appunto al valore di tutte le importazioni dalla Cina dello scorso anno, secondo i dati del Census Bureau; le esportazioni statunitensi in Cina, invece, sono state pari a 129,9 miliardi di dollari. Finora, i dazi statunitensi sono stati imposti solo su prodotti cinesi del valore di 34 miliardi, a cui la Cina ha risposto con dazi su prodotti statunitensi.

Trump: "Russiagate ridicolo, nessuna interferenza russa". Con Putin "è solo l'inizio"

Incontro tra i due presidenti a Helsinki: "Ci incontreremo spesso, in futuro. I nostri rapporti non erano mai stati peggiori, ma le cose ora sono cambiate"
AP

"Io e Putin ci incontreremo spesso, in futuro. Sono state ore molto costruttive". Lo ha detto il presidente statunitense, Donald Trump, durante la conferenza stampa congiunta con l'omologo russo, Vladimir Putin, organizzata dopo il loro bilaterale al palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Secondo Trump, il summit odierno "è solo l'inizio".

L'ultimo Blockbuster d'America

Si trova a 120 chilometri da Portland, in Oregon. Tra poco - quando chiuderanno i due negozi dell'Alaska - rimarrà solo.

Il negozio Blockbuster a Bend, in Oregon, ha una strategia chiara: vuole resistere e fare da argine all'espansione dei servizi di streaming digitale come Netflix e HBO, che permettono ai clienti di non alzarsi dal divano per vedere un film. Ma è rimasto solo.

Mnuchin: Usa pronti a togliere le sanzioni al gigante russo Rusal

Il secondo produttore al mondo di alluminio colpito per 'colpa' di Deripaska, il tycoon vicino a Putin coinvolto nelle indagini sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi

Duck boat, una trappola mortale per turisti

La morte di 13 persone in un incidente nel 1999 portò alla pubblicazione di una serie di raccomandazioni per gli operatori sulla sicurezza. Ma poco è cambiato, fino all'incidente di giovedì notte, in cui sono morte 17 persone
Ap

Gli Usa dicono no al referendum nell'Ucraina orientale e stanziano 200 milioni in aiuti per la difesa di Kiev

Putin aveva chiesto a Trump il sostegno per l'organizzazione di un voto nelle regioni separatiste, ma Washington ha respinto l'ipotesi. Gli Stati Uniti, invece, continuano ad appoggiare il governo centrale

Tregua tra Nfl e giocatori sull'inno, sospeso l'obbligo di stare in piedi

A maggio, l'annuncio della nuova regola, una 'vittoria' per Trump; ora, la lega e l'associazione che rappresenta gli atleti cercano un accordo. Il presidente insorge: "Ancora si discute, non posso crederci!"
AP

Trump registrato dal suo ex avvocato sul pagamento a un'ex modella di Playboy

I due discussero della situazione prima delle elezioni; ora la registrazione è in mano agli investigatori
AP

Il capo dell'intelligence Usa bacchetta Trump sull'incontro con Putin

Coats: "Non doveva incontrarlo da solo, mi aspettavo dichiarazioni diverse"

Wall Street, pesano i nuovi dazi minacciati da Trump

Il presidente Usa è tornato poi ad attaccare l'Unione europea e a criticare la Fed
iStock