Accusato di molestie, chef Mario Batali taglia i ponti con i Bastianich ed Eataly

Ha ceduto le sue quote in vari ristoranti come anche nella controllata Usa della mecca del cibo Made in Italy
America24

La partnership ventennale tra lo chef Mario Batali e la famiglia Bastianich è formalmente finita oltre un anno dopo le accuse di molestie sessuali che hanno travolto lo stesso Batali (era il dicembre 2017). A dare la notizia è stato il New York Times citando Tanya Bastianich Manuali, la sorella di Joe Bastianich e figlia di Lidia Bastianich (una celebrità in Usa della cucina italiana, proprietaria dello storico ristorante a Manhattan che si chiama Felidia).

Batali ha ceduto le quote che aveva nei ristoranti controllati insieme ai Bastianich attraverso la holding Batali & Bastianich Hospitality Group. Lo chef - famoso per indossare Crocs arancioni - "non trarrà più alcun profitto dai ristoranti in alcun modo", ha detto Tanya Bastianich Manuali, che guiderà le attività di una nuova azienda, quella ancora da nominare e che prenderà il posto del gruppo; sotto un nuovo management, quel gruppo gestirà i 16 ristoranti rimasti dopo una serie di chiusure. Stando al Nyt, lei e il fratello hanno comprato le quote di Batali senza però svelare i termini finanziari dell'operazione.

Arruolato alla Casa Bianca per l'ultima cena di stato dell'era Obama, quella che aveva come ospite d'onore l'ex presidente del Consiglio Matteo Renzi, Batali ha anche ceduto la sua partecipazione in Eataly Usa, la mecca americana del cibo Made in Italy di cui lo chef era socio con una quota di minoranza. La controllante Eataly, gruppo italiano fondato da Oscar Farinetti, "sta acquisendo la partecipazione di minoranza di Batali in Eataly Usa", ha spiegato al giornale il portavoce Chris Giglio.

La nuova azienda, stando al Times, vedrà come partner Joe Bastianich, la sorella Tanya, la madre Lidia e Nancy Silverton, chef californiana già partner della società dissolta.

Batali ha confermato dicendo: "Ho raggiunto un accordo con Joe e non ho più alcuna quota in nessuno dei ristoranti che abbiamo sviluppato insieme. Gli auguro il meglio per il futuro".

Dal canto suo, riferisce il Nyt, Joe Bastianich ha ribadito di non essere stato a conoscenza delle aggressioni fatte dallo chef contro le donne ma ha ammesso di non esserci focalizzato sufficientemente sui ristoranti aperti con Batali avendo preferito concentrarsi sull'Italia, dove è stato giudice in nove stagioni dello show "MasterChef" e dove ha anche vigneti in Friuli. "Sebbene non abbia mai sentito o visto Mario molestare un dipendente, l'ho sentito dire cose inappropriate ai nostri dipendenti. Anche se di tanto in tanto l'ho criticato per questo, avrei dovuto fare di più. Ho trascurato le mie responsabilità e non mi sono concentrato sui ristoranti. Persone sono state ferite e per questo me ne scuso profondamente".

Nell'era post Batali, ogni ristorante parte della galassia continuerà a essere gestito e finanziato indipendentemente da vari soggetti. Dal canto suo Bastianich Manuali, che non aveva mai avuto un ruolo pubblico nel gruppo Batali & Bastianich occupandosi della gestione dei ristoranti della madre, ha spiegato al Nyt che "non avevo mai pianificato un ritorno". Lei che ha un dottorato in storia dell'arte alla Oxford University, che ha co-scritto sette dei libri di cucina della madre e che è dal 2006 produttrice delle sue serie tv, ha aggiunto: "La forza con cui le attività di famiglia di attraggono può essere forte".

Andando a ricoprire un ruolo che prima non esisteva, a 46 anni ha promesso di "spazzare via la polvere" che per fin troppo tempo c'è stata. Pentimenti nell'aprire le attività di famiglia a Batali? La madre, 72 anni, ha det: Tutto è stato fatto con le migliori intenzioni".

America24
Altri Servizi

Fca: richiama in Usa quasi 900mila vetture, non rispettano standard su emissioni

Epa soddisfatta dell'azione volontaria del gruppo. La mossa segue test condotti dall'azienda e dall'Agenzia per la protezione ambientale. Fca: veicoli sicuri, nessuna multa
FCA

Fiat Chrysler Automobiles ha deciso di richiamare quasi 900mila vetture negli Stati Uniti, per l'esattezza 862.520. La mossa segue test sulle emissioni condotti dall'Agenzia per la protezione ambientale americana (l'Epa) e dall'azienda stessa come richiesto dalla legge. A dare l'annuncio è stata l'Epa, che "dà il benvenuto all'azione di Fiat Chrysler di richiamare volontariemente i suoi veicoli che non rispettano gli standard sulle emissioni Usa".

Wall Street sotto pressione per Boeing

Il dipartimento dei Trasporti ha aperto un'indagine sull'approvazione della Faa al Boeing 737 Max
AP

Kirsten Gillibrand ha ufficialmente lanciato la sua campagna presidenziale

La senatrice è la sesta donna in campo per le primarie democratiche
Ap

La senatrice Kirsten Gillibrand ha ufficialmente lanciato la propria candidatura alle primarie democratiche per le presidenziali statunitensi del prossimo anno, con un video intitolato "Il coraggioso vince", che parte da un verso dell'inno nazionale (Di' dunque, sventola ancora la nostra bandiera adorna di stelle sulla terra dei liberi e la patria dei coraggiosi?) per affermare che il coraggio degli americani può aiutare il Paese a raggiungere risultati come il sistema sanitario universale, il congedo parentale per tutti e una nuova riforma per l'ambiente. "Abbiamo bisogno di un leader che faccia delle scelte notevoli e coraggiose. Qualcuno che non sia spaventato dal progresso. Ecco perché mi candido alla presidenza".

Wall Street sotto pressione per Boeing

Il dipartimento dei Trasporti ha aperto un'indagine sull'approvazione della Faa al Boeing 737 Max
AP

Wall Street sotto pressione per Boeing

Il dipartimento dei Trasporti ha aperto un'indagine sull'approvazione della Faa al Boeing 737 Max
AP

Wall Street, speranze su accordo Usa-Cina

Atteso il dato sulla fiducia dei consumatori di marzo
AP

Trump propone budget da 4.700 mld di dollari, Congresso pronto a bocciarlo

Chiede 8,6 miliardi aggiuntivi per il muro. A ottobre rischio shutdown

Il presidente americano, Donald Trump, ha presentato una proposta di budget per l'anno fiscale 2020 che vale 4.700 miliardi di dollari ma che rischia già in partenza di creare tensioni al Congresso, che deve approvare la manovra (la prima, firmata Trump, con una Camera controllata dall'opposizione democratica).

Boeing: "piena fiducia" nel 737 Max ma vari Paesi ne impediscono l'uso

Regno Unito, Francia e Germania tra le nazioni che puntano su sicurezza. Romney primo senatore Gop a chiedere lo stop all'uso del jet. L'aviazione civile Usa dalla parte del gruppo. Passeggeri preoccupati. Trump: aerei troppo complessi.

Messo sotto pressione dalle autorità dell'aviazione civile nel mondo, Boeing ha diffuso un comunicato difendendo la sicurezza dei suoi jet 737 Max, nei quali ha "piena fiducia".

Federcalcio Usa sorpresa dalla causa per discriminazione intentata dalle giocatrici della nazionale

Carlos Cordeiro ha detto che le atlete non si erano mai lamentate del contratto collettivo. Le campionesse del mondo chiedono di essere pagate (e trattate) come gli uomini
Ap

Il presidente della Federcalcio statunitense, Carlos Cordeiro, ha manifestato la propria sorpresa, e quella dell'organizzazione che presiede, nel prendere atto della causa intentata dalle calciatrici della nazionale per discriminazione di genere. Cordeiro ha detto che non aveva mai sentito lamentele sull'accordo collettivo contrattato e firmato tra le due parti due anni fa.

Lyft lancia il road show per la sua Ipo da 2 miliardi di dollari

Sarà la prima del settore dei trasporti on-demand a quotarsi a Wall Street, ma sarà presto seguita da Uber

Parte lunedì il road show di Lyft per la sua Ipo, durante la quale cercherà di raccogliere fino a due miliardi di dollari, per arrivare a una valutazione di oltre 20 miliardi di dollari. Lyft dovrà cercare di convincere gli investitori a preferire la sua Ipo a quella di Uber, che dovrebbe lanciarla il prossimo mese.