Addio Andy Rooney, icona dell'America vecchio stile

Muore il decano della tv. Dall'era di Mad Men a un mondo che non capiva più

Aveva 92 anni, faceva televisione da sessanta, non c'è americano che non sapesse chi fosse: era Andy Rooney, commentatore della CBS e gran decano dei giornalisti tv, titolo che aveva ereditato dopo la scomparsa di Walter Cronkite nel 2009. Adesso è morto anche lui, a New York, per le complicazioni di un'operazione chirurgica. Era stato in onda fino all'ultimo, apparendo l'ultima volta il 2 ottobre a 60 Minutes, il settimanale di approfondimento che è da decenni lo standard aureo dell'informazione televisiva negli Stati Uniti.

Aveva inventato il television essay, il saggio televisivo, più o meno un editoriale in cui diceva la sua sul mondo e frequentemente se la prendeva con quello (ed era molto) che non gli piaceva. Era ormai era il vecchio burbero della tv, con le sopracciglia incolte che lo facevano prendere in giro dai comici, ma quasi sempre bonariamente: era una figura benvoluta, e parlava in un tono semplice che l'aveva fatto diventare icona dell'Everyman, il proverbiale americano medio.

Con Rooney se ne va uno degli ultimi legami con il mondo degli anni Cinquanta e Sessanta che oggi va di moda rivisitare nostalgicamente. La sua era la tv di Goodnight and good luck, il film in cui George Clooney ricorda in bianco e nero i tempi in cui producer e anchormen – ed erano tutti men, le anchorwomen erano ancora inimmaginabili – fumavano in studio (e dicevano, almeno secondo il regista, cose scomode per il potere).

Le cose un po' all'antica che Rooney diceva nei suoi essays, ne ha fatti più di mille, suonavano come frasi che sarebbero state benissimo in bocca a qualche personaggio di sceneggiati come Mad Men o Pan Am, dove gli anni Sessanta precontestazione vengono ricostruiti come una perduta età dell'oro.

Della tv aveva visto la nascita, facendo l'autore e il producer prima di passare dalla parte opposta della telecamera, anche se gli piaceva dire di essere soprattutto uno scrittore e giornalista. Al quale peraltro molti colleghi erano tutt'altro che simpatici: era famoso per i giudizi trancianti e non risparmiava i mostri sacri, nemmeno Hemingway, cui dava del pallone gonfiato (a ragion veduta: lo conosceva personalmente).

Proprio come l'America che rappresentava, però, a volte non capiva il mondo che lo circondava. Nel 1994 aveva avuto parole infelici dopo il suicidio di Kurt Cobain, prendendosi in risposta del vecchio scemo dalla scrittrice Anna Quindlen. Già nel 1989 era finito nei guai per aver detto in onda che "troppo alcool, troppo cibo, droga, unioni omosessuali e sigarette portano spesso alla morte prematura". Si era scusato, per poi ricascarci nel 2002 affermando che le donne non erano capaci di fare le giornaliste sportive "perché non capiscono il football"; e nel 2007, offendendo l'America ispanica con l'osservazione che un tempo il baseball era più facile da seguire "mentre oggi si chiamano tutti Rodriguez".

Del resto era cresciuto in un'America che non c'è più. Giocava a football all'università, era sotto le armi il giorno di Pearl Harbor, ed era riuscito a farsi assegnare come reporter a Stars and Stripes, il giornale dell'esercito. Ma non per mancanza di coraggio: da cronista di guerra aveva fatto lo sbarco in Normandia, aveva volato sui bombardieri, era stato tra i primi a entrare nel campo di Buchenwald appena liberato.

Poi una lunga e onorata carriera nella New York dei grandi network televisivi, quando ce n'erano solo tre – ABC, CBS, NBC – e il potere nei media e nella politica era tutto in mano alla sua generazione, quella della guerra mondiale che un altro anchor famoso, Tom Brokaw, ha chiamato la più grande, the greatest generation. Poi è arrivato il rock and roll, la controcultura, gli anni Sessanta che ancora adesso aprono ferite nella società americana. Il vecchio Everyman non era d'accordo e lo diceva a voce alta. Se n'è andato con classe: "Qui mi sono lamentato parecchio", ha detto nell'ultima apparizione a 60 Minutes, "ma di sicuro della mia vita non mi posso lamentare".

Altri Servizi

Wall Street, attenzione rivolta a trimestrali e tensioni commerciali

Tra le grandi banche, oggi è il turno di Bank of America
AP

C'è anche Bill Gates tra gli amici di Jeffrey Epstein

Il miliardario fondatore di Microsoft ha sempre minimizzato il rapporto, il New York Times svela delle mail che rivelano un’amicizia non così superficiale

Jeffrey Epstein, il milionario arrestato per abusi e traffico sessuale di minorenni poi morto suicida in prigione, è riuscito ad attirare nella sua orbita una serie sorprendente di uomini ricchi, potenti e famosi. C'erano miliardari del calibro di Leslie Wexner e Leon Black, politici come Bill Clinton e Bill Richardson, addirittura premi Nobel quali Murray Gell-Mann e Frank Wilczek fino ad arrivare ai reali come il principe Andrea.

Usa 2020, modelli Moody's: Trump vincerà facilmente, con economia stabile

Elaborati tre modelli: il presidente risulta sempre vittorioso. Previsioni sempre corrette dal 1980, tranne nel 2016
Ap

La maggior parte dei sondaggi indica che il presidente statunitense, Donald Trump, perderebbe alle prossime elezioni contro diversi candidati democratici; Trump, però, ha ricevuto notizie incoraggianti, questa settimana, dai modelli economici di Moody's. I tre modelli sviluppati da Moody's Analytics, basati su mercato azionario, disoccupazione e portafogli (dei cittadini), sono giunti alla stessa conclusione: Trump vincerà facilmente le elezioni del 2020, se le condizioni dell'economia rimarranno relativamente stabili. 

Quarto dibattito Dem: insidie per Biden, Warren da favorita

Primo confronto dal lancio delle indagini per l'impeachment di Trump e dal malore di Sanders

Dodici candidati democratici prenderanno parte, martedì 15 ottobre, al quarto dibattito verso le primarie per le presidenziali statunitensi. A Westerville, in Ohio, andrà in scena il primo confronto da quando i democratici alla Camera hanno lanciato le indagini per l'impeachment del presidente Donald Trump, dalle accuse di corruzione contro l'ex vicepresidente Joe Biden da parte della Casa Bianca (senza prove), dall'operazione subita dal senatore Bernie Sanders e dal sorpasso in testa ai sondaggi della senatrice Elizabeth Warren.

Un accordo ‘sostanziale’, ma che in realtà e’ soltanto parziale. E’ quanto annunciato dal presidente Donald Trump al termine di due giorni di negoziati con la delegazione cinese capeggiata dal vicepremier Liu He. L’intesa e’ stata comunque ben accolta dai mercati in quanto e’ riuscita ad evitare lo scattare di un incremento dei dazi in programma in prossimo 15 ottobre. Ma e’ lontana dal poter essere considerata una soluzione permanente alla guerra commerciale in corso da oltre 15 mesi tra le due economie piu’ importanti del mondo.

Wall Street, svanisce l'ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Pechino vuole approfondire alcune questioni prima di firmare la 'fase uno' dell'accordo
AP

Ucrainagate, l’ambasciatore americano nell'Ue parlerà al Congresso: "Ho avuto rassicurazioni da Trump"

Secondo il Washington Post Gordon Sondland dichiarerà che il Tycoon lo rassicurò sul fatto che non c’erano legami tra gli aiuti a Kiev e la richiesta di indagare Biden
AP

Negli Stati Uniti continua a tenere banco l’Ucrainagate. L'ambasciatore americano nell’Unione Europea, Gordon Sondland, dopo un primo divieto da parte di Donald Trump, parlerà al Congresso e dirà che il presidente americano gli assicurò personalmente in una telefonata che non c'era nessun "quid pro quo" fra gli aiuti all'Ucraina e la richiesta di aprire un'indagine su Joe Biden.

Hunter Biden lascerà il board di un fondo di investimento cinese

Il figlio del candidato democratico si dimetterà da BHR e non lavorerà per nessuna società straniera in caso di elezione del padre alla Casa Bianca
Ap

Hunter Biden, il figlio dell’ex vicepresidente americano e candidato alle primarie democratiche Joe Biden, lascerà il suo posto nel Consiglio di Amministrazione di BHR, fondo di investimento cinese. Lo ha dichiarato il suo avvocato, George Mesires, in una nota nella quale ha specificato che Biden Junior non farà parte di alcun board di società straniere, né continuerà a lavorare per loro, qualora il padre dovesse vincere le presidenziali.

Caso Ucraina, arrestati due soci di Giuliani per fondi elettorali illegali

Avrebbero violato le leggi contro l'influenza straniera nelle elezioni

Due persone vicine a Rudy Giuliani, l'avvocato personale del presidente Donald Trump, sono state arrestate ieri sera in Virginia, con l'accusa di aver violato le leggi sui finanziamenti delle campagne elettorali. Lo scrive il Washington Post.

Pentagono invia 3.000 truppe in Arabia Saudita

Nonostante proclami per minore coinvolgimento militare nella zona
AP

Gli Stati Uniti invieranno nuove truppe in Arabia Saudita nonostante i proclami del presidente americano Donald Trump che vorrebbe un minore coinvolgimento militare statunitense in Medio Oriente.