Afghanistan, Usa hanno lanciato la più grande bomba non nucleare. Trump: un'altra missione di successo

La MOAB è stata usata per la prima volta sul campo di battaglia. Usata contro tunnel dello Stato islamico

Le forze statunitensi hanno lanciato in Afghanistan la più grande bomba non nucleare. Dopo che fonti militari avevano rivelato la notizia a Cnn, la conferma è poi arrivata dalla Casa Bianca: per il presidente Donald Trump si tratta di "un'altra missione di successo". Una GBU-43 Massive Ordnance Air Blast Bomb (MOAB), definita informalmente la "madre di tutte le bombe" (Mother Of All Bombs) è stata sganciata oggi intorno alle 19:30, ora locale. Per la prima volta una MOAB è stata usata sul campo di battaglia. Si tratta di un ordigno sviluppato durante la guerra in Iraq, dal peso di 21.600 libre e dalla lunghezza di 30 piedi guidato con sistema satellitare.

Obiettivo dell'operazione era quello di colpire i tunnel dell'Isis e i miliziani nel distretto di Achin, nella provincia di Nangarhar, a 200 chilometri dalla capitale Kabul e al confine con il Pakistan: il principale centro delle attività dei jihadisti del Califfato in Afghanistan, dove un soldato dei gruppi speciali statunitensi è stato ucciso in combattimento sabato scorso. Il portavoce del Pentagono Adam Stump ha spiegato che la MOAB è stata sganciata da un caccia MC-130 presente in Afghanistan in un'operazione gestita dall'Air Force Special Operations Command.

"Gli Stati Uniti prendono molto seriamente la lotta contro Isis e allo scopo di sconfiggere il gruppo quello che è necessario è impedirne l'accesso allo spazio operativo, ed è ciò che abbiamo fatto", ha dichiarato il portavoce della Casa Bianca Sean Spicer. L'attacco, ha aggiunto, "ha colpito un sistema di tunnel e caverne usati dai miliziani di Isis per muoversi liberamente". L'esercito Usa sta conducendo un'inchiesta sull'entità dei danni e la presenza di morti e feriti, al momento non ci sono notizie chiare al riguardo. il ministero degli interni Afghano ha fatto sapere di non aver alcuna informazione sull'attacco americano.

Le forze americane in Afghanistan hanno spiegato in una nota di aver preso "ogni precauzione per evitare morti o feriti tra la popolazione civile" e che "le operazioni di attacco continueranno finché l'Isis non sarà distrutto in Afghanistan". L'operazione ha avuto il via libera da parte del generale John Nicholson, comandante delle forze statunitesi in Afghanistan. Trump non ha chiarito esplicitamente se il comando di sganciare la bomba sia arrivato direttamente da lui, ma ha detto: "Tutti sanno quel che accade, quello che io faccio è dare autorizzazioni all'esercito. E abbiamo dato un'autorizzazione totale".

Un portavoce del Pentagono ha spiegato che l'autorizzazione all'utilizzo della bomba è stata accordata a Nicholson dal generale Joseph Votel, che guida il Central Command statunitense (Centcom), il comando delle forze americane in Medio Oriente, Nordafrica e Asia . Trump aveva previsto la possibilità per i comandanti militari di agire in maniera indipendente sui diversi campi di battaglia in cui sono impegnate le forze americane, come strategia per un'azione più efficace contro lo Stato islamico.

Durante la campagna elettorale Trump aveva promesso di sradicare Isis. ."L'Isis sta subendo perdite crescenti, i miliziani fanno quindi ricorso a ordigni non convenzionali, bunker e tunnel allo scopo di accrescere la loro difesa", ha detto Nicholson, aggiungendo che la MOAB è "il giusto tipo di munzione per ridurre questi ostacoli e mantenere lo slancio della nostra offensiva contro Isis". Il Pentagono sta inoltre valutando se inviare ulteriori uomini per le attività di supporto e addestramento alle forze alleate sul campo. 

In Afghanistan continuano a esserci 8.400 militari americani che si occupano di lotta al terrorismo, soprattutto nella provincia di Nangarhar, una delle più difficili da controllare di tutto il Paese. Inoltre la Nato svolge missioni di addestramento delle forze governative. Tuttavia la presenza di gruppi locali legati allo Stato islamico è tutta da verificare: alcuni esperti di terrorismo internazionale sostengono che in realtà si tratti di jihadisti pakistani che si sono spostati in Afghanistan e avvicinati all'Isis per ricevere finanziamenti.

Altri Servizi

Trump vuole taglio del 10% delle esportazioni Ue di acciaio e alluminio

Secondo il Wsj, Washington ha fatto due proposte a Bruxelles. C'è tempo fino al primo giugno

Tagliare di circa il 10% le esportazioni di alluminio e di acciaio Ue verso gli Usa. Sarebbe questo il piano del presidente americano Donald Trump, che conferma lo scetticismo espresso ieri da Cecilia Malstroem: la commissaria al Commercio aveva spiegato che a Washington potrebbero non bastare le proposte fatte da Bruxelles per essere esonerata in modo permanente dai dazi sui metalli (scattati il 23 marzo scorso per la gran parte delle nazioni incluse Cina e Giappone). C'è tempo per negoziare fino al primo giugno ma "ci sono segnali dagli Usa che l'esenzione non sarà prolungata" come successe all'ultimo minuto prima della scadenza del primo maggio scorso.

Trump contro il 'Deep State': "Mi ha spiato, è un grave scandalo"

Serie di tweet del presidente contro l'Fbi; il dipartimento di Giustizia, intanto, indaga

"Guardate come le cose si sono rivoltate sullo 'Stato profondo' criminale. Si sono scagliati sulla fasulla collusione con la Russia, un imbroglio inventato, e sono stati beccati in uno scandalo di spionaggio considerevole, come mai questo Paese ha visto prima d'ora! Chi la fa, l'aspetti!". Lo ha scritto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, su Twitter. Per 'Deep State', Stato profondo, si intende l'apparato federale che agirebbe contro il presidente.

Fca: per Hsbc, Marchionne prepara il "gran finale"

Gli analisti avviano la copertura del titolo consigliando di comprarlo. Arriverà a 23 euro. Possibile il raggiungimento dei target 2018 e una revisione al rialzo delle stime sugli utili

Fiat Chrysler Automobiles ha corso a Wall Street, dove il titolo del produttore di auto ha registrato un +1,3% a 22,62 dollari ma era arrivato fino a 22,91 dollari. A Piazza Affari l'azione ha guadagnato l'1,66% a 19,35 euro.

Trump mette in dubbio il summit con Kim, chiede condizioni

A Kim, il leader Usa offre sicurezza in cambio della denuclearizzazione della sua nazione
AP

Era volato a Washington per assicurarsi che il summit storico tra il presidente americano e quello nordcoreano si verificasse come previsto il 12 giugno prossimo a Singapore. E invece il presidente sudcoreano non ha potuto fare altro che dire che "la persona al comando" è Donald Trump. Tradotto: sarà lui a decidere cosa fare dopo il cambiamento di retorica da parte di Pyongyang, che la settimana scorsa ha cancellato all'ultimo minuto trattative di alto livello con una delegazione sudcoreana minacciando il faccia a faccia con Trump.

Banche Usa: nel primo trimestre 2018 utili record

Profitti a quota 56 miliardi di dollari, un rialzo del 27,5% sui primi tre mesi del 2017
AP

Nel primo trimestre del 2018 gli utili netti delle principali banche americane hanno raggiunti i 56 miliardi di dollari, un rialzo del 27,5% rispetto allo stesso periodo del 2017. Si tratta di un record visto che il precedente massimo risale al secondo trimestre del 2011, quando si arrivò a 48,1 miliardi. Lo ha comunicato la Federal Deposit Insurance Corporation (Fdic), l'agenzia americana indipendente che garantisce i depositi bancari e secondo cui il miglioramento è dovuto a ricavi operativi in aumento (+8,3% a 198,8 miliardi di dollari) e ad aliquote fiscali più basse.

AP

Netflix continua a investire sui contenuti rafforzandosi nella sfida contro rivali come Amazon e Walt Disney. Il servizio di video in streaming ha siglato con Barack e Michelle Obama un accordo pluriennale per la produzione di film e serie. Stando a una nota di Netflix, il 44esimo presidente americano e la moglie "produrrano un insieme vario di contenuti" tra cui potrebbero rientrare serie, docu-serie e documentari. "Questi progetti saranno disponibili ai 125 milioni di membri Netflix in 190 Paesi". Si chiama Higher Ground Productions la società con cui gli Obama produrranno contenuti per Netflix.

Wall Street attende le minute della Fed

Ieri chiusura in calo: Trump alimenta le tensioni commerciali
iStock

Wall Street attende le minute della Fed

Ieri chiusura in calo: Trump alimenta le tensioni commerciali
iStock

Melania torna a casa dopo l'intervento, Trump l’accoglie sbagliando il suo nome su Twitter

Il presidente americano la chiama Melanie. L’errore, subito corretto, non è passato inosservato agli utenti della rete

Un errore dovuto, molto probabilmente, ad una disattenzione nella digitazione. Fatto sta che il benvenuto di Donald Trump alla moglie Melania, rientrata a casa dopo il ricovero ospedaliero, è stato preda di sfottò e battute varie ai danni del presidente americano che su Twitter ha sbagliato il nome della First Lady chiamandola "Melanie".

Wall Street, investitori innervositi da Trump

Il presidente Usa non contento delle trattative commerciali con la Cina. Possibile un rinvio del summit con Kim
iStock