Al mattino si mangiano meno cereali, Kellogg prova a reinventarsi

Da un colosso dei cereali per la prima colazione a uno di snack. E' quello che vuole diventare Kellogg, il produttore numero uno al mondo di cereali. L'azienda si sta adeguando, consapevole del fatto che sempre meno americani mangiano Special K o Frosted Flakes al mattino. L'idea è usare i cereali, ma in prodotti da gustare durante la giornata o come dessert.

L'amministratore delegato del gruppo, Steve Cahillane, ha spiegato che "i cereali non devono essere necessariamente il motore di crescita di Kellogg. Nel mondo il motore di crescita sono gli snack" come le patatine Pringles e i cracker prodotti dall'azienda. Il Ceo ha però promesso una stabilizzazione delle vendite dei fiocchi di mais o riso soffiato, arricchiti con ingredienti probiotici, cannella e altri sapori, attraverso innovazione e iniziative di marketing. Certo è che Kellogg si deve reinventare. Lo dimostrano i conti del quarto trimestre del 2017.

Tra ottobre e dicembre Kellogg ha registrato un fatturato in rialzo del 3,6% sullo stesso periodo del 2016 a 3,2 miliardi di dollari. Le vendite comparate, tuttavia, sono scese dell'1,5% se si escludono effetti valutari e l'acquisizione, avvenuta lo scorso ottobre per 600 milioni di dollari, del produttore di barrette ricche di proteine Rxbar. I profitti sono stati di 428 milioni di dollari contro una perdita di 53 milioni dello stesso periodo dell'anno precedente, merito anche di un taglio ai costi.

A dettare un cambio di rotta nel gruppo è la divisione chiamata US Morning Foods, quella che comprende i cereali e che una volta era la principale fonte di ricavi. Ha sofferto un calo delle vendite per il sesto trimestre consecutivo generando nell'intero 2017 2,8 miliardi di dollari contro i 3,5 miliardi del 2016.

Il mercato sembra avere fiducia negli sforzi di Kellogg: il titolo quotato al Nyse sale del 3,8% a 66,70 dollari al barile in una giornata in cui gli indici a Wall Street sono travolti da vendite pesanti. Nell'ultimo anno il titolo ha ceduto il 9% e da inizio 2018 quasi il 2%.

Altri Servizi

Bruce Springsteen e Taylor Swift arrivano su Netflix

I concerti di The Boss al teatro Walter Kerr di New York e il tour Usa "Reputation" disponibili sul sito di video in streaming
iStock

Il mercato immobiliare a New York scricchiola ma tiene (per ora)

Effetto Trump e l'arrivo di Amazon con il secondo quartier generale. Intervista ad Andrea Pedicini, 36enne di Pordenone e agente immobiliare in Usa dal 2010

La riforma fiscale di Trump: le opportunità entro il 2018

Strategie di pianificazione per massimizzare il risparmio con il Tax Cuts and Jobs Act
AP

La leadership rosa di Deloitte in Usa verso la fine

Cathy Engelbert è stata la prima donna alla guida di una delle Big Four della revisione contabile in America. Il cda del gruppo ha nominato il numero uno delle attività contabili come prossimo Ceo.

L'esodo dalla Casa Bianca di Trump

Dopo un numero di addii record nel primo anno di presidenza, l'ultimo ad andarsene è Ryan Zinke, ministro degli Interni

Wall Street torna sui livelli di aprile, si teme frenata dell'economia mondiale

Tutti e tre gli indici principali in correzione. Dati deludenti dalla Cina e dall'Europa. Sale l'attesa per la riunione della Fed
AP

Lamborghini: nel 2019 raddoppierà le vendite in Usa grazie al super Suv Urus

Il 2018 sarà l'ottavo anno da record. Il Ceo Domenicali: nuove possibilità per il marchio e i clienti. Il responsabile delle Americhe: il 70% dei clienti è nuovo per il gruppo
Lamborghini

Cohen, ecco perché il silenzio comprato è una donazione illegale a Trump

L' ex avvocato del presidente ha violato una legge federale sui finanziamenti elettorali. E lo ha fatto per proteggere la candidatura del suo capo
AP

Wall Street messa a tappeto da timori sulla crescita economica mondiale

I dati cinesi sotto le attese preoccupano gli investitori. Male anche quelli dell'Europa. Sale l'attesa per la riunione della Fed
AP
Starbucks