Al mattino si mangiano meno cereali, Kellogg prova a reinventarsi

Da un colosso dei cereali per la prima colazione a uno di snack. E' quello che vuole diventare Kellogg, il produttore numero uno al mondo di cereali. L'azienda si sta adeguando, consapevole del fatto che sempre meno americani mangiano Special K o Frosted Flakes al mattino. L'idea è usare i cereali, ma in prodotti da gustare durante la giornata o come dessert.

L'amministratore delegato del gruppo, Steve Cahillane, ha spiegato che "i cereali non devono essere necessariamente il motore di crescita di Kellogg. Nel mondo il motore di crescita sono gli snack" come le patatine Pringles e i cracker prodotti dall'azienda. Il Ceo ha però promesso una stabilizzazione delle vendite dei fiocchi di mais o riso soffiato, arricchiti con ingredienti probiotici, cannella e altri sapori, attraverso innovazione e iniziative di marketing. Certo è che Kellogg si deve reinventare. Lo dimostrano i conti del quarto trimestre del 2017.

Tra ottobre e dicembre Kellogg ha registrato un fatturato in rialzo del 3,6% sullo stesso periodo del 2016 a 3,2 miliardi di dollari. Le vendite comparate, tuttavia, sono scese dell'1,5% se si escludono effetti valutari e l'acquisizione, avvenuta lo scorso ottobre per 600 milioni di dollari, del produttore di barrette ricche di proteine Rxbar. I profitti sono stati di 428 milioni di dollari contro una perdita di 53 milioni dello stesso periodo dell'anno precedente, merito anche di un taglio ai costi.

A dettare un cambio di rotta nel gruppo è la divisione chiamata US Morning Foods, quella che comprende i cereali e che una volta era la principale fonte di ricavi. Ha sofferto un calo delle vendite per il sesto trimestre consecutivo generando nell'intero 2017 2,8 miliardi di dollari contro i 3,5 miliardi del 2016.

Il mercato sembra avere fiducia negli sforzi di Kellogg: il titolo quotato al Nyse sale del 3,8% a 66,70 dollari al barile in una giornata in cui gli indici a Wall Street sono travolti da vendite pesanti. Nell'ultimo anno il titolo ha ceduto il 9% e da inizio 2018 quasi il 2%.

Altri Servizi

L’euforia del mercato azionario statunitense è razionale?

L'analisi di Didier Saint-Georges, managing director e membro del comitato investimenti di Carmignac
Carmignac

di Didier Saint-Georges*

A Wall Street piace la marijuana: performance 'stupefacente' di Tilray

Il titolo del produttore canadese arrivato a guadagnare fino al 94%. Dall'Ipo di luglio +1.100% circa. Il gruppo punta sul beverage e sul pharma

Tilray, produttore canadese di cannabis, ha appena archiviato una seduta sull'ottovolante a Wall Street, confermando una performance 'stupefacente' da quando il gruppo si è quotato sul Nasdaq il 19 luglio scorso. Da allora, quando debuttò il borsa a 17 dollari, l'azione che oggi ha raggiunto un record intraday a 300 dollari ha guadagnato oltre il 1.100%.

Trump difende Kavanaugh ("difficile immaginare che sia successo qualcosa") e si augura che l'accusatrice parli

Il giudice nominato dal presidente alla Corte Suprema accusato di tentato stupro
AP

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha detto che dovrà "prendere una decisione" sul futuro della nomina del giudice Brett Kavanaugh alla Corte Suprema, se la sua accusatrice, Christine Blasey Ford, darà "una testimonianza credibile". Sarebbe "meraviglioso" se si presentasse davanti alla commissione Giustizia del Senato, "spiacevole" se non lo facesse, ha aggiunto il presidente.

Facebook verificherà l'autenticità di video e foto

Attenzione non solo ad articoli e link. Ricorrerà a segnalazioni di utenti e tecnologia per individuare "nuovi formati visuali di disinformazione"

Continuano gli sforzi di Facebook volti a individuare i contenuti falsi che circolano sulla sua piattaforma. Con l'aiuto di persone e strumenti tecnologici, il social network verificherà l'autenticità di immagini e video testati.

Bitcoin: verso standard globali contro il riciclaggio, boom di mining illecito

La Financial Action Task Force punta a un quadro normativo uniforme. La Cyber Threat Alliance lancia l'allarme sulla generazione illegale di valite digitali

Sono sempre più vicini gli standard globali contro il riciclaggio di denaro realizzato attraverso criptovalute. La Financial Action Task Force (FATF) creata a questo proposito si riunirà a ottobre e c'è ottimismo affinché venga trovata un'intesa su una serie di standard. "E' essenziale che vengano fissati degli standard globali da usare in modo uniforme", ha dichiarato Marshall Billingslea, il presidente della FATF mentre la Cyber Threat Alliance pubblicava un rapporto secondo cui gli hacker stanno generando illegalmente Bitcoin, Monero e altre valute digitali attraverso uno strumento (Eternal Blue) sviluppato presumibilmente dalla National Security Agency per sfruttare falle di un software Microsoft.

Nafta: Usa e Canada tornano a trattare

Sembra difficile che un accordo possa essere raggiunto entro la scadenza del 30 settembre
AP

A Washington sono ripresi i negoziati tra Usa e Canada per riscrivere il North American Free Trade Agreement (Nafta), l'accordo di libero scambio siglato nel 1994 e che include anche il Messico. E' stato il presidente americano, Donald Trump, a spingere affinché il Nafta - giudicato "l'accordo peggiore di sempre" - fosse rivisto.

Wall Street non teme i nuovi dazi Usa contro la Cina

I mercati sembrano reagire bene alla nuova mossa del presidente Trump
iStock

Stretta di Trump sui rifugiati: solo 30.000 in Usa nel 2019

È il limite più basso dalla creazione del programma per i rifugiati nel 1980
AP

L'amministrazione statunitense ha deciso, per il prossimo anno fiscale, di abbassare a 30.000 il numero di rifugiati ammessi nel Paese. Lo ha annunciato ieri il segretario di Stato, Mike Pompeo. Si tratta del tetto più basso imposto al programma per i rifugiati dalla sua creazione nel 1980 e di una riduzione di un terzo dal limite di 45.000 rifugiati imposto dal presidente Donald Trump per l'anno attuale. Ad agosto, il New York Times aveva anticipato la scelta dell'amministrazione, scrivendo che in discussione c'era addirittura l'ipotesi di abbassare il limite a 25.000 rifugiati.

Sgarbo dei sauditi a Tesla: investono nella rivale Lucid Motors

Ironia vuole che la start-up californiana sia stata cofondata da un ex vicepresidente del gruppo di Elon Musk. Con il miliardo di dollari di Riad, punta a lanciare prima vettura elettrica nel 2020
Lucid Motors

Tesla soffre a Wall Street con un calo del 2% a 289,2362 dollari. A pesare sulle quotazioni non è solo "l'inferno" - così lo ha definito il Ceo Elon Musk - delle consegne (in ritardo) delle sue vetture ma anche e soprattutto il fatto che il fondo sovrano saudita abbia investito in un'azienda rivale ironicamente co-fondata nel 2007 da un ex vicepresidente e membro del cda di Tesla (Bernard Tse).

Jack Ma 'tradisce' Trump: Alibaba non creerà più 1 mln di posti di lavoro in Usa

La promessa si fondava su "partnership amichevole tra Usa e Cina e relazioni commerciali razionali"
ap