Al mattino si mangiano meno cereali, Kellogg prova a reinventarsi

Da un colosso dei cereali per la prima colazione a uno di snack. E' quello che vuole diventare Kellogg, il produttore numero uno al mondo di cereali. L'azienda si sta adeguando, consapevole del fatto che sempre meno americani mangiano Special K o Frosted Flakes al mattino. L'idea è usare i cereali, ma in prodotti da gustare durante la giornata o come dessert.

L'amministratore delegato del gruppo, Steve Cahillane, ha spiegato che "i cereali non devono essere necessariamente il motore di crescita di Kellogg. Nel mondo il motore di crescita sono gli snack" come le patatine Pringles e i cracker prodotti dall'azienda. Il Ceo ha però promesso una stabilizzazione delle vendite dei fiocchi di mais o riso soffiato, arricchiti con ingredienti probiotici, cannella e altri sapori, attraverso innovazione e iniziative di marketing. Certo è che Kellogg si deve reinventare. Lo dimostrano i conti del quarto trimestre del 2017.

Tra ottobre e dicembre Kellogg ha registrato un fatturato in rialzo del 3,6% sullo stesso periodo del 2016 a 3,2 miliardi di dollari. Le vendite comparate, tuttavia, sono scese dell'1,5% se si escludono effetti valutari e l'acquisizione, avvenuta lo scorso ottobre per 600 milioni di dollari, del produttore di barrette ricche di proteine Rxbar. I profitti sono stati di 428 milioni di dollari contro una perdita di 53 milioni dello stesso periodo dell'anno precedente, merito anche di un taglio ai costi.

A dettare un cambio di rotta nel gruppo è la divisione chiamata US Morning Foods, quella che comprende i cereali e che una volta era la principale fonte di ricavi. Ha sofferto un calo delle vendite per il sesto trimestre consecutivo generando nell'intero 2017 2,8 miliardi di dollari contro i 3,5 miliardi del 2016.

Il mercato sembra avere fiducia negli sforzi di Kellogg: il titolo quotato al Nyse sale del 3,8% a 66,70 dollari al barile in una giornata in cui gli indici a Wall Street sono travolti da vendite pesanti. Nell'ultimo anno il titolo ha ceduto il 9% e da inizio 2018 quasi il 2%.

Altri Servizi

Fed: le banche Usa superano il primo round di stress test

35 istituti di credito subirebbero perdite per 578 miliardi di dollari nello scenario più avverso in cui l'azionario crollerebbe del 65%, il tasso di disoccupazione balzerebbe al 10% e i prezzi delle case scenderebbero del 30%

Le 35 principali banche americane a cui fa capo l'80% degli asset di tutti gli istituti di credito attivi in Usa hanno superato il primo round degli stress test che la Federal Reserve conduce ogni anno.

Trump ai repubblicani: "Aspettiamo le elezioni per approvare la legge sull'immigrazione"

Il presidente ha attaccato ancora i democratici. Nancy Pelosi ha detto che la proposta di legge dei repubblicani "è un compromesso con il diavolo"
iStock

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha ripreso questa mattina gli attacchi su Twitter contro i democratici sull'immigrazione, dopo il rinvio alla prossima settimana della votazione su una proposta di legge repubblicana, per cui al momento mancano i voti necessari all'approvazione.

Volkswagen e Ford studiano alleanza strategica sui veicoli commerciali

Escluso un merger. Le due aziende vogliono diventare più competitive

Volkswagen e Ford Motor stanno esplorando una "alleanza strategica" pensata per "rafforzare la competitività delle due aziende e per meglio servire i propri clienti" mentre le vetture nel mondo diventano tecnologicamente sempre più avanzate cambiando le aspettative dei consumatori.

Camera Usa, mancano i voti per approvare la legge sull'immigrazione. Pelosi: "È un compromesso con il diavolo"

Lo ha detto la deputata repubblicana McMorris Rodgers: "Ma stiamo lavorando per riuscirci"
iStock

La proposta di legge 'moderata' del partito repubblicano alla Camera è un accordo "con il diavolo". Lo ha detto la leader della minoranza democratica, Nancy Pelosi, che ha accusato gli avversari politici di promuovere la crudeltà nei confronti dei bambini al confine.

Wall Street, pesano ancora le tensioni commerciali

Il Dow Jones chiude l'ottava seduta in perdita
iStock

Wsj, Trump a Macron al G7: "Tutti i terroristi sono a Parigi"

Il giornale newyorchese svela alcuni dietro le quinte del vertice canadese in cui il presidente americano avrebbe criticato l’operato dei suoi colleghi su diversi temi
©AP

"Caro Emmanuel, dovresti conoscere bene l’argomento (terrorismo ndr) dal momento che tutti i terroristi sono a Parigi". Donald Trump si sarebbe rivolto con queste parole, parlando della sfida dell’occidente al terrorismo, al suo omologo francese, Macron, durante il G7 canadese tenutosi a La Malbaie l’8 e il 9 giugno scorsi. A ricostruire il dietro le quinte è un articolo del Wall Street Journal che cita fonti diplomatiche europee.

New Jersey, sparatoria dopo una lite: 1 morto e 20 feriti

L'episodio è avvenuto al Festival di Trenton. La polizia ha ucciso uno dei due assalitori mentre l’altro è stato arrestato
©AP

Ennesima sparatoria negli Stati Uniti. Questa volta è accaduto a Trenton, in New Jersey, durante l’Art all Night festival, una manifestazione culturale locale, iniziata ieri e in procinto di finire oggi, in cui ci sono mostre d’arte e concerti.

Fox e Comcast pronte a dichiarare guerra per aggiudicarsi Sky

Il governo britannico apre 15 giorni di consultazioni pubbliche sul tentativo di takeover della pay tv da parte di Murdoch. Dopo il 4 luglio atteso l'ok formale
iStock

Il governo britannico ha rimosso uno degli ultimi ostacoli che, una volta eliminati, permetteranno a 21st Century Fox di prendere parte a una guerra contro Comcast per aggiudicarsi il controllo di Sky. Si tratta di una partita che chiama in causa anche Disney, pronto a difendersi da Comcast su un altro campo da gioco: quello per ottenere asset che 21st Century Fox ha già promesso a Disney ma che anche Comcast vuole (per questo mercoled" scorso la controllante di NBCUniversal ha lanciato un'offerta da 65 miliardi di dollari in contanti contro quella in azioni da 52,4 miliardi del gruppo a cui fa capo Topolino e che lo scorso dicembre era stata accettata da Rupert Murdoch).

Wall Street, permangono i timori sui rapporti commerciali tra gli Usa e la Cina

Il Dow Jones ha chiuso in negativo le ultime quattro sedute
iStock