Al via in Canada il road show del vino italiano

Inizia “A TASTING OF WINES FROM ITALY” con tappe a Vancouver, Calgary, Toronto e Montréal

Parte oggi “A TASTING OF WINES FROM ITALY”, il roadshow del vino italiano in Canada. Giunto alla 23esima edizione, il tour farà tappa come ogni anno a Vancouver, Calgary, Toronto e terminerà a Montréal. L’iniziativa - organizzata dall’ICE Canada - è divenuta con gli anni l’appuntamento commerciale di riferimento per il trade canadese e rappresenta oggi l’evento più atteso e accreditato dedicato al vino italiano in Canada. Sono 100 i produttori italiani che parteciperanno ai 'walk around tasting' e che prenderanno contatti con oltre 3.500 operatori tra agenti del vino, rappresentanti dei monopoli provinciali canadesi (che sono tra i principali importatori di vini e liquori al mondo), HoReCa, giornalisti specializzati, opinion leader, wine lover e altri interlocutori specializzati che prenderanno parte agli eventi previsti nelle quattro città.

A Montréal, un'attenzione particolare sarà dedicata anche alla formazione dei giovani sommelier canadesi. Sarà infatti organizzato un momento formativo per gli studenti provenienti dalle cinque più importanti scuole di sommelier del Québec. L’ICE consegnerà un premio per il miglior sommelier tra i finissants del corso di sommellerie della più importante scuola del Québec.

Con questa edizione 2018 nelle tappe del West Canada prenderanno il via per la prima volta alcune iniziative a supporto della manifestazione principale. A Vancouver è previsto il seminario "Taste of Tuscany" destinato ai product consultant del monopolio e alla stampa specializzata mentre a Calgary ci sarà la premiazione della migliore lista dei vini italiani nei ristornati in collaborazione con la principale rivista del settore.

In collaborazione con Vinitaly, sono previsti poi corsi di formazione nelle aree dove il vino è meno conosciuto con tappe a Ottawa, Halifax, St.Johns.

Il vino italiano sul mercato del Canada è in piena salute. I dati parlano chiaro: il valore delle importazioni negli ultimi 10 anni è aumentato in modo esponenziale da 301 milioni a 515 milioni, una crescita del 71%.

L’Italia è il primo esportatore di vino in Canada in termini di litri, con 80 milioni di litri forniti nel 2017, una crescita del 9% rispetto al 2016 (73,4 milioni di litri). In termini di vendite, il vino italiano ha superato il miliardo di dollari canadesi: circa un settimo del fatturato totale del vino in Canada. Il settore vinicolo è davvero un pilastro fondamentale del Made in Italy in Canada.

Le tipologie di vino e i territori sono ancora dominati dalla presenza di regioni importanti come Toscana e Veneto, ma è importante sottolineare l’emergere delle regioni meridionali (Puglia, Campania, Sicilia) che per il rapporto qualità-prezzo sono competitive.

Il Canada è un Paese ad alto consumo di bevande alcoliche e il vino in particolare è cresciuto in modo significativo specialmente nelle Province più popolate, come Ontario e Québec. Secondo i dati pubblicati da Statistics Canada, negli ultimi due anni i canadesi hanno speso circa 7 miliardi di dollari per l’acquisto di vino.

L’interesse dei baby boomers e dei millennials per i prodotti vinicoli, cos" come la maggiore varietà e qualità dei vini presenti sul mercato, sono tutti fattori che spiegano l’interesse crescente dei consumatori canadesi per il vino, anche dal punto di vista qualitativo, nella gamma dei prodotti richiesti.

"Siamo il punto di riferimento in Canada per il vino italiano e siamo contenti che la qualità del nostro lavoro si rifletta sulla nostra posizione nel mercato locale", ha dichiarato Matteo Picariello, direttore ICE Canada. Secondo lui, "ICE ha rapporti solidi di collaborazione con i vari monopoli provinciali, con i quali organizza regolarmente iniziative di promozione del prodotto italiano a livello di grande distribuzione. La conoscenza del territorio italiano è un altro impegno su cui ICE punta, attraverso una serie di eventi nel corso dell’anno, come seminari, discovery trips per operatori privati e funzionari del monopolio, di fatto rendendo il lavoro dei nostri uffici in Canada quasi quotidiano per questo settore".

I dati relativi ai primi 8 mesi del 2018, ha precisato Picariello, indicano però un rallentamento nella corsa dei nostri vini: "Nei primi 8 mesi del 2017 l’Italia ha esportato 53 milioni di litri di vino; nello stesso periodo del 2018, erano 51 milioni di litri (-3,4%); i dati in valore indicano comunque una crescita del 6,5%". Seppure si tratti di un dato provvisorio che potrebbe venire considerato di assestamento, ha concluso Picariello, "è un dato che monitoreremo con attenzione". Nel frattempo ci sarà un parziale spostanteto da iniziative volte principalmente a favorire l’ingresso di nuovi prodotti/produttori ad anche azioni di supporto ai consumi e campagne social e pubblicitarie.

Altri Servizi

Wall Street, giornata di trimestrali

Restano le preoccupazioni per il più lungo shutdown nella storia degli Stati Uniti
AP
Ibm

Per International Business Machines (Ibm), il recupero dei ricavi trimestrali sembra un miraggio dopo la breve ripresa finita lo scorso giugno e durata nove mesi consecutivi (i primi successivi a cinque anni di declini). L'azienda ha tuttavia saputo superare le stime degli investitori, concentrati sul fatto che le vendite siano salite nell'intero esercizio per la prima volta in vari anni.

Trump riconosce Guaido come leader del Venezuela, sfida a Maduro

"Tutte le opzioni sono sul tavolo" se il regime reagirà con violenze. "Ha i giorni contati". Meglio una "exit pacifica" per consentire nuove elezioni
AP

Il presidente americano, Donald Trump, ha ufficialmente riconosciuto come nuovo presidente ad interim del Venezuela l'attuale presidente dell'Assemblea nazionale e leader dell'opposizione nel Paese, Juan Guaido. E ha lanciato un messaggio al regime di Nicolas Maduro: se reagirà con violenza "tutte le opzioni sono sul tavolo". I suoi giorni sono comunque "contati".

Shutdown e Russia, sempre più americani bocciano Trump

Sondaggio di Politico: il 57% disapprova il suo operato (record)
White House /Shealah Craighead

Il tasso di disapprovazione per l'operato del presidente statunitense, Donald Trump, ha raggiunto un nuovo record, a causa dello shutdown più lungo nella storia del Paese e delle preoccupazioni per i rapporti con l'omologo russo Vladimir Putin. Questo il risultato dell'ultimo sondaggio di Politico/Morning Consult, secondo cui il 57% degli elettori disapprova il lavoro di Trump, mentre il 40% lo approva.

La Corte Suprema Usa respinge Trump: resta la tutela per i Dreamers (per ora)

Il massimo tribunale ha deciso di non pronunciarsi sulla fine del programma Daca, cercata dal presidente anche per avere un'arma in più nei negoziati con i democratici su immigrazione e muro
Ap

La Corte Suprema statunitense ha respinto la richiesta dell'amministrazione Trump di valutare subito e pronunciarsi sulla fine del programma Daca, che protegge dal rimpatrio 700.000 immigrati irregolari arrivati da bambini. Questo significa che il programma voluto dall'allora presidente Barack Obama, contro cui si batte Donald Trump, resta per ora in vigore, in attesa che lo scontro arrivi a conclusione nei tribunali inferiori; inoltre, nel caso in cui il massimo tribunale dovesse accettare un nuovo tentativo da parte del governo, il caso non verrebbe discusso prima di ottobre e una decisione non sarebbe presa prima del 2020. La volontà del massimo tribunale statunitense di non valutare il caso toglierà una potente arma di negoziazione al presidente, che si era detto sicuro di una vittoria davanti alla Corte Suprema, nelle trattative con i democratici sull'immigrazione.

Casa Bianca smentisce: nessuna trattativa è stata cancellata con la Cina

Secondo l'FT, saltati incontri in questa settimana in vista di quello che secondo Larry Kudlow conta più di tutti: quello con il vice premier cinese
AP

Larry Kudlow, il consigliere economico della Casa Bianca, ha negato indiscrezioni di stampa secondo cui gli Stati Uniti hanno cancellato un incontro con la Cina pensato per spianare la strada al prossimo round di negoziati di alto livello previsto a Washington tra i negoziatori delle due nazioni il 30 e il 31 gennaio prossimo.

"Il Buffett di Boston" preoccupa i leader riuniti a Davos

Seth Klarman, a capo di Baupost Group (uno degli hedge fund più grandi al mondo), non esclude una crisi che si manifesterà con disordini sociali e non solo con sell-off dei mercati

Un investitore miliardario - conosciuto negli Stati Uniti per essere l'equivalente di Boston del cosiddetto Oracolo di Omaha, ossia Warren Buffett - ha messo in guardia gli investitori "compiaciuti" che stanno ignorando i rischi esistenti prendendone di nuovi. Seth Klarman, a capo di Baupost Group (uno degli hedge fund più grandi al mondo), ha lanciato il suo avvertimento nella lettera annuale da 22 pagine scritta agli investitori e di cui il New York Times ha ottenuto una copia.

Shutdown, idea Kushner: Green Card per i Dreamers in cambio del muro

La Casa Bianca cerca una soluzione per mettere fine alla paralisi

Un permesso di soggiorno permanente per i 'Dreamers' in cambio dei fondi per il muro con il Messico. Sarebbe questa l'ultima idea in circolazione alla Casa Bianca per un compromesso con i democratici che faccia terminare lo shutdown, secondo tre fonti del sito Axios.

Procter & Gamble ha chiuso un trimestre con utili superiori alle stime e vendite organiche forti, cosa che ha spinto il colosso dei beni al consumo ad alzare il suo outlook.