Al via la guerra tra Comcast e Disney per aggiudicarsi gli asset di Fox

La controllante di NBCUniversal offre 65 miliardi di dollari in contanti contro la proposta in azioni da 52,4 miliardi del gruppo guidato da Bob Iger. Murdoch al bivio

La guerra tra Comcast e Walt Disney è ufficialmente iniziata. E Rupert Murdoch studia la situazione.

Come ampiamente atteso, il gruppo che controlla NBCUniversal, canali tv come Cnbc, Nbc News e Msnbc e - tra gli altri asset - lo studio cinematografico Universal ha lanciato un'offerta interamente in contanti di circa 65 miliardi di dollari per gli asset che 21st Century Fox lo scorso dicembre aveva deciso di cedere a Disney in un'operazione da 52,4 miliardi in azioni. Secondo Dealogic, si tratta della proposta in cash più grande mai fatta prima d'ora, anche includendo il debito di Fox pari a 13,5 miliardi.

Lo scorso anno il colosso dell'intrattenimento di Murdoch aveva respinto un'offerta tutta in titoli di circa 60 miliardi arrivata proprio da Comcast, che ora ci riprova. La sfida è tra Jurassic Park e Topolino o, detta in altri termini, tra Brian Roberts (Ceo del più grande gruppo di servizi via cavo Usa) e Robert Iger (che proprio grazie all'intesa con Murdoch decise di allungare la sua permanenza al vertice di Disney fino alla fine del 2021 anziché andarsene nel luglio 2019). Il rancore tra i due giganti è in realtà più vecchio: risale al 2004, quando Comcast cercò di comprare Disney.

La proposta di Comcast offre ai soci di 21st Century Fox 35 dollari per ogni azione e il 100% delle azioni della nuova Fox che emergerà dallo scorporo degli asset che Murdoch vuole cedere. Essa rappresenta un premio del 19% rispetto a quella di Disney.

L'offerta è arrivata quasi esattamente 24 ore dopo la decisione di un giudice federale di dare il via alle nozze per 85 miliardi di dollari di AT&T e Time Warner; la Giustizia Usa aveva cercato inutilmente di bloccarle. Alla luce di quella decisione, "del tempo limitato prima della vostra assemblea degli azionisti (prevista il 10 luglio per approvare l'accordo con Disney, ndr) e del nostro forte interesse continuo, siamo felici di presentare una nuova proposta tutta in cash che affronta completamente le preoccupazioni sollevate dal cda in merito alla proposta precedente", ha scritto il Ceo di Comcast in una lettera a Murdoch. L'offerta di Comcast rigettata da Fox lo scorso anno non aveva convinto per via di preoccupazioni regolatorie ma il via libera al merger tra AT&T e Time Warner facilita l'operazione.

E infatti, Comcast si è detto "altamente fiducioso" non solo nella sua abilità di finanziare la transazione ma anche di incassare i necessari via libera regolatori. Per dimostrarlo, è disposto a pagare a Fox - esattamente come proposto da Disney - 2,5 miliardi di dollari nel caso in cui l'intesa sia bloccata dai regolatori. Comcast si è anche offerto di pagare la quota di 1,5 miliardi di dollari che Fox dovrebbe versare a Disney nel caso voltasse le spalle a quest'ultimo gruppo.

Ora Fox può formalmente prendere in considerazione la nuova proposta, cosa che non poteva fare fino al suo lancio ufficiale. Consapevole degli accordi presi con Disney, Fox ha detto che "studierà e prenderà seriamente in considerazione la proposta di Comcast in consultazione con consiglieri legali esterni e con gli advisor finanziari". Per il momento, il gruppo "non ha ancora preso una decisione" sul posticipare o meno l'assemblea dei soci del 10 luglio.

Ora la palla passa a Disney, che potrebbe decidere di rilanciare al rialzo, cambiando magari anche il mix dell'offerta (un po' in azioni e un po' in contanti). Topolino ha cinque giorni per tornare a difendersi dai dinosauri di Jurassic Park.

Altri Servizi

Facebook ha un team di esperti per fare 'saltare' il social network

L'obiettivo è scoprire le falle della piattaforma prima che a scovarle siano soggetti con cattive intenzioni
AP

Scoprire le vulnerabilità di Facebook prima che a farlo siano soggetti mal intenzionati. E' questo l'obiettivo di una nuova task force arruolata da Facebook. Essa è composta da ex funzionari dell'intelligence, ricercatori e media buyer. A darne notizia è BuzzFeed News, secondo cui il social network si riferisce a questa squadra di esperti con l'espressione "Investigative Operations Team".

La 'tolleranza zero' di Trump è già alla fine

La strategia dell'attuale amministrazione si sta scontrando con problemi logistici, legali e sociali. L'ordine esecutivo firmato dal presidente provocherà il ritorno alla politica del 'rilascio immediato'
iStock

Il presidente Donald Trump potrà pure non ammetterlo, ma la sua strategia della 'tolleranza zero' con i migranti irregolari è di fatto conclusa. I massimi funzionari del dipartimento della Sicurezza nazionale hanno riconosciuto la realtà dei fatti in un incontro avvenuto giovedì pomeriggio, secondo un ex funzionario a conoscenza del vertice che ne ha parlato con Politico.

Incidente fatale con vettura autonoma di Uber: conducente era "distratto"

Per la polizia di Tempe (Arizona) la persona al volante avrebbe potuto evitare l'accaduto. Forse stava guardando video sul servizio Hulu
Uber

La persona al volante di una vettura a guida autonoma di Uber che lo scorso 18 marzo a Tempe, Arizona, travolse e uccise un pedone avrebbe potuto evitare l'incidente se non fosse stata "distratta". E' quanto emerso dalle indagini della polizia locale.

Wall Street, il Dow Jones interrompe i ribassi dell'ultima settimana

Prima giornata in rialzo dopo otto di fila in calo
iStock

Commercio: per la Cina, gli Usa sono "paranoici"

Dentro la Casa Bianca c'è chi lavora per evitare una guerra commerciale che potrebbe scoppiare il 6 luglio
AP

Attenta a non apparire affatto debole, la Cina continua a usare una retorica dura nei confronti delle politica commerciale degli Stati Uniti. Tuttavia, secondo varie indiscrezioni di stampa, sia Pechino sia Washington stanno lavorando da dietro le quinte per evitare una guerra commerciale che potrebbe scoppiare il 6 luglio prossimo, la data in cui tutte e due le nazioni faranno scattare nuovi dazi l'una contro l'altra.

Netflix, il capo della comunicazione dice "negro": costretto alle dimissioni

Il Ce Hastings: "Inaccettabile, non in linea con i valori della nostra società". Friedland ricopriva il ruolo da 6 anni
AP

Jonathan Friedland non è più il responsabile della comunicazione di Netflix. In una lettera inviata a tutti i dipendenti, l'amministratore delegato, Reed Hastings, ha spiegato che la separazione è stata decisa dopo alcune dichiarazioni inaccettabili di Friedland al suo staff.

Pompeo avverte l'Iran sul nucleare: "Speriamo che la forza militare non sia mai necessaria"

Gli Stati Uniti, che hanno abbandonato l'accordo sul nucleare firmato da Obama, continuano a minacciare Teheran: "A prescindere dal destino dell'intesa, non sarebbe nel loro interesse sviluppare armi nucleari"
Ap

Il segretario di Stato americano, Mike Pompeo, ha avvertito l'Iran di non tentare di sviluppare armi nucleari, perché affronterebbe "l'ira del mondo intero"; poi, ha dichiarato di augurarsi che non sia mai necessario usare la forza militare contro Teheran.

Usa-Russia, vertice sull'energia a Washington

L'amministrazione Trump ha chiesto (e ottenuto) un aumento della produzione di petrolio degli altri Paesi, visto il rialzo del prezzo della benzina
AP

I due maggiori produttori di petrolio e gas al mondo si siederanno allo stesso tavolo, la prossima settimana. Il segretario statunitense dell'Energia, Rick Perry, ospiterà a Washington l'omologo russo, in una fase in cui i rapporti tra le due potenze sono costantemente sotto i riflettori.

Trump ai repubblicani: "Aspettiamo le elezioni per approvare la legge sull'immigrazione"

Il presidente ha attaccato ancora i democratici. Nancy Pelosi ha detto che la proposta di legge dei repubblicani "è un compromesso con il diavolo"
iStock

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha ripreso questa mattina gli attacchi su Twitter contro i democratici sull'immigrazione, dopo il rinvio alla prossima settimana della votazione su una proposta di legge repubblicana, per cui al momento mancano i voti necessari all'approvazione.

Volkswagen e Ford studiano alleanza strategica sui veicoli commerciali

Escluso un merger. Le due aziende vogliono diventare più competitive

Volkswagen e Ford Motor stanno esplorando una "alleanza strategica" pensata per "rafforzare la competitività delle due aziende e per meglio servire i propri clienti" mentre le vetture nel mondo diventano tecnologicamente sempre più avanzate cambiando le aspettative dei consumatori.