Alabama, duplice sconfitta per Trump: "Ma sapevo che Moore avrebbe perso"

Il presidente aveva appoggiato Strange alle primarie repubblicane. La sconfitta di Moore è un buon segnale per l'establishment repubblicano contro Bannon, mentre è preoccupante per Trump, che in Alabama aveva stravinto le presidenziali

Dopo la sconfitta del repubblicano Roy Moore nelle elezioni speciali in Alabama per un seggio nel Senato federale statunitense, i media nazionali hanno ricordato che entrambi i candidati sostenuti da Donald Trump hanno perso: alle primarie repubblicane, infatti, il presidente aveva appoggiato Luther Strange, sconfitto poi dal candidato che ieri è stato battuto dal democratico Doug Jones.

Questa mattina, Trump ha motivato la sua scelta iniziale nel primo tweet odierno: "La ragione per cui avevo inizialmente sostenuto Luther Strange è che avevo detto che Roy Moore non sarebbe stato in grado di vincere le elezioni. Avevo ragione! Roy ha lavorato duramente, ma le carte sono state truccate contro di lui!". Trump, dopo l'incertezza iniziale, aveva pienamente appoggiato Moore, accusato di molestie sessuali; molti leader del partito repubblicano, invece, avevano scelto di non sostenerlo.

Strange, sostenuto dal presidente Donald Trump (che poi si era affrettato a cancellare i tweet in favore del perdente) aveva nettamente perso le primarie a settembre contro Moore, candidato sostenuto da Steve Bannon, l'ex stratega della Casa Bianca, fondamentale in campagna elettorale per portare a Trump i voti dei movimenti populisti e di estrema destra, tornato a lavorare per il sito d'informazione Breitbart.

Una vittoria che sembrava lanciare i candidati nemici dell'establishment repubblicano, ora sollevato per la sconfitta di Moore, nonostante il partito abbia un margine quasi nullo sui democratici in Senato (51-49). La duplice sconfitta in Alabama, che non eleggeva un democratico in Senato dal 1992, è un segnale estremamente negativo per Trump, che aveva vinto le primarie repubblicane con il 43,4% dei voti, più del doppio del primo inseguitore, Ted Cruz, e che alle presidenziali, poi, aveva ottenuto il 62,1%, contro il 34,4% di Hillary Clinton.

Altri Servizi

Fca: in Italia Marchionne chiede tempo, ci impegniamo come in Usa

La stretegia passa per Jeep e marchi premium Maserati e Alfa Romeo. Il Ceo su Renzi? Quello "che appoggiavo io non l'ho più visto da un po'"

Nyt: Russiagate, mandato di comparizione di Mueller per Bannon

Il procuratore speciale indaga sullo staff di Trump. La sua potrebbe essere una mossa per spingere l'ex stratega della Casa Bianca a trattare
AP

Ferrari: Marchionne promette, saremo i primi a fare super car elettrica

Per il manager di Fca potrebbe già essere nel prossimo piano industriale

Citigroup: perdite nette 18,3 miliardi, pesano oneri per 22 miliardi per riforma fiscale

Nell'intero 2017 il giro d'affari è salito del 2% a 71,449 miliardi di dollari. L'onere straordinario legato alla riforma fiscale ha pesato anche sui profitti dell'intero anno: Citigroup ha messo a segno perdite nette per 6,204 miliardi.
iStock

General Electric: oneri 6,2 mld $ in IV trim. su revisione attività assicurative

Al lordo delle tasse l'onere è di 9,5 miliardi (con la nuova aliquota fiscale passata dal 35 al 21% con la riforma voluta da Donald Trump la cifra scenderebbe a 7,5 miliardi).
General Electric

Gli Usa vogliono due nuove armi nucleari per contrastare Russia e Cina

A breve, sarà pubblicata una revisione della strategia nucleare statunitense
Shutterstock

Wall Street punta a nuovi record

Oggi trimestrale di Citigroup alle 8 (le 14 in Italia). Fiat Chrysler Automobiles presenta un nuovo Cherokee (Suv di Jeep) alle 8:30 (le 14:30 in Italia)
AP

Fca scommette su Jeep e Ram. Marchionne, "non abbiamo bisogno di nessuno"

Il gruppo tira dritto da stand alone. Target 2017 e 2018 confermati. Dividendo? Meglio un buyback. Un futuro in politica? "Nemmeno di notte"
Fca

La nipote di Martin Luther King difende Trump: "Non è razzista e le sue politiche aiutano gli afroamericani"

Nel giorno in cui si festeggia negli Stati Uniti il Martin Luther King Day, la figlia del fratello minore del premio Nobel per la Pace difende il presidente, che dice: "Il sogno di Martin Luther King è il nostro sogno, è il sogno americano".