L'Alabama sceglie contro Trump: un avvertimento per le elezioni 2018

Per un posto in Senato, scelto il candidato anti-establishment sostenuto da Bannon; Roy Moore, ex giudice della Corte Suprema statale, dubita che Obama sia nato negli Stati Uniti e si riferisce a nativi americani e asiatici parlando di "rossi e gialli"

La netta sconfitta alle primarie repubblicane, in Alabama, del candidato per il Senato statunitense sostenuto dal presidente Donald Trump (che poi si è affrettato a cancellare i tweet in favore del perdente) sembra preparare il terreno per una guerra civile repubblicana (per usare i termini scelti dal Washington Post). Una guerra con effetti potenzialmente decisivi, e devastanti, sulle elezioni di metà mandato del prossimo anno e sulla capacità di Trump di tenere dalla sua parte la base che lo ha portato alla vittoria nel novembre scorso.

La vittoria alle primarie repubblicane per il seggio in Senato lasciato libero dal segretario alla Giustizia, Jeff Sessions, del conservatore anti-establishment Roy Moore sul senatore Luther Strange potrebbe anche provocare una serie di rinunce alla candidatura di navigati politici repubblicani, che dovrebbero fare i conti con il 'vento contrario' ai parlamentari in carica, a favore di un'ondata di volti nuovi che si propongono contro la vecchia politica. La sconfitta di Strange, inoltre, rappresenta l'ennesima umiliazione per l'establishment repubblicano, in particolar modo per il leader della maggioranza in Senato, Mitch McConnell, i cui sostenitori hanno versato milioni di dollari per il suo candidato.

McConnell aveva anche rassicurato i colleghi sulla loro capacità di sopravvivere all'era Trump, ma la vittoria di Moore dimostra anche i limiti dello stesso presidente, incapace di indirizzare i suoi elettori, apparsi già stufi e alla ricerca di altri leader da seguire, sempre più a destra. In Alabama, Trump aveva vinto le primarie repubblicane con il 43,4% dei voti, più del doppio del primo inseguitore, Ted Cruz; alle presidenziali, poi, aveva ottenuto il 62,1%, contro il 34,4% di Hillary Clinton. Ieri, invece, il suo candidato si è fermato al 45,4%, contro il 54,6% del candidato sostenuto da Steve Bannon, l'ex stratega della Casa Bianca, fondamentale in campagna elettorale per portare a Trump i voti dei movimenti populisti e di estrema destra, tornato a lavorare per il sito d'informazione Breitbart.

Moore, ex giudice della Corte Suprema dell'Alabama, è uno che dubita che Barack Obama sia nato negli Stati Uniti e che, questo mese, ha parlato di nativi americani e asiatici definendoli "i rossi e i gialli". "Ho parlato con Roy Moore la scorsa notte, per la prima volta" ha scritto Trump su Twitter, questa mattina. "Sembra un tipo davvero grande, che ha fatto una corsa fantastica. Ci aiuterà a rendere di nuovo grande l'America!".

Altri Servizi
Da sinista, l'administrator di UNDP, Achim Steiner, e l'a.d. di Eni, Claudio Descalzi

Eni e il Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (UNDP) coopereranno per migliorare l'accessibilità a un'energia sostenibile in Africa e per contribuire al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. La partnership è la prima di questo genere tra lo UNDP e una compagnia energetica globale.

Moavero da NY, pronto a difendere in Europa una manovra per favorire la crescita in Italia

Il ministro degli Esteri chiede alla Ue di fare di più su migranti e Libia. Descalzi (Eni) sulla manovra: "Tutti gli italiani stanno lavorando a livello istituzionale e di imprese per il bene del Paese"

Trump incontrerà Rosenstein giovedì. Dimissioni, licenziamento o tutto fermo fino alle elezioni?

Il vicesegretario alla Giustizia ha nominato il procuratore speciale Mueller e supervisiona le indagini sulle ingerenze di Mosca nel voto del 2016. Dopo voci contrastanti su dimissioni e licenziamento, la notizia dell'incontro
AP

Trump sta con Kavanaugh: "Accuse totalmente politiche"

Il presidente sostiene il giudice nominato per la Corte Suprema

Wall Street, attenzione rivolta ai dazi Usa-Cina in vigore da oggi

Il presidente Trump impregnato a New York per i primi impegni alle Nazioni Unite, in attesa del suo discorso, domani, all'Assemblea generale
iStock

Trump alle Nazioni Unite: focus su Iran, commercio e sovranità

Il presidente Usa alla sua seconda apparizione al Palazzo di Vetro di New York, per la 73esima Assemblea generale. Lo scorso anno, minacciò di "distruggere totalmente" la Corea del Nord; ora si vanta dei nuovi rapporti con Pyongyang (con pochi risultati)
Ap

La guerra di Trump contro gli immigrati poveri

L'amministrazione non vuole concedere visti provvisori e Green Card agli stranieri che ricevano, o potrebbero ricevere, aiuti statali: no al "carico pubblico". E ha già abbassato ai minimi storici il numero massimo di rifugiati da accogliere

Comcast batte Fox all'asta: Sky è sua per 17,28 sterline ad azione (valutazione di 29,7 miliardi)

Dopo 21 mesi, si è conclusa la battaglia per il controllo della pay-tv britannica
Ap

Caso Kavanaugh, Christine Blasey Ford ha accettato di testimoniare giovedì

La donna che ha accusato di tentato stupro il giudice nominato da Trump per la Corte Suprema parlerà davanti alla commissione Giustizia del Senato
Ap

Sanzioni Usa all'Iran, l'Iraq rischia la paralisi

Baghdad chiede all'amministrazione Trump di essere esentata dal rispetto dei provvedimenti che scatteranno contro Teheran il 5 novembre, perché dipende ormai troppo dal Paese vicino (a causa degli Stati Uniti)
iStock