Negli anni '80 ci saremmo potuti salvare, ora i cambiamenti climatici sono irreversibili

Una lunga inchiesta del New York Times Magazine racconta come la temperatura salirà e il nostro modo di vivere sarà completamente trasformato. Fermare il processo? Pare che sia troppo tardi, avremmo dovuto farlo negli anni '80
AP

Discutiamo da anni di cambiamenti climatici. Ma trattiamo il discorso come se fosse un esercizio di retorica lontano dalla realtà di tutti i giorni. A volte entriamo in crisi, soprattutto nei giorni più caldi dell'anno, ma poi dopo articoli, chiacchiere tra amici, servizi ai telegiornali ed esperti alla prima pioggia ci dimentichiamo di tutto. E invece il problema c'è e pare sia molto peggio di quanto potessimo immaginare.

Una lunga e approfondita inchiesta del New York Times Magazine racconta come il processo iniziato sia irreversibile, i cambiamenti climatici aumenteranno i loro effetti e noi siamo abbastanza impotenti, soprattutto se guardiamo la questione sul breve termine. Certo, avremmo avuto la possibilità di invertire il processo, ma avremmo dovuto agire nel decennio degli anni '80. In quel momento, quando ci rendemmo conto che qualcosa stava cambiando, avremmo potuto farcela.

"Il mondo si è surriscaldato più di un grado dall'inizio della rivoluzione industriale. L'accordo sul clima di Parigi - il non obbligatorio, impossibile da far rispettare e già ignorato trattato firmato nel Earth Day del 2016 - ha come obiettivo quello di bloccare il rialzo della temperatura a due gradi. La possibilità di avere successo, facendo riferimento a un recente studio che si basa sugli attuali trend di emissioni, sono una su venti", si legge nell'articolo firmato da Nathaniel Rich.

Lo scrittore ha passato 18 mesi a studiare il problema, ha condotto centinaia di interviste. Insieme a lui, George Steinmetz, ha scattato foto aeree e filmato con droni aree della Terra che già stanno subendo i cambiamenti climatici. In pratica, spiega lo scienziato Robert Watson - ex direttore dell'Intergovernmental Panel on Climate Change delle Nazioni Unite - fermare il rialzo delle temperature a 2 gradi è la ricetta per un "disastro di lungo termine". Mentre se saremo meno bravi un rialzo di tre gradi porterebbe a un disastro sul breve termine: l'Artico perderebbe i suoi ghiacci, la maggior parte delle città costiere sparirebbero.

E per Watson i tre gradi sono un minimo realistico. Ma potrebbero essere anche di più, continua l'articolo. Con quattro gradi, l'Europa vivrebbe una siccità permanente; ampie aree della Cina, dell'India e del Bangladesh si desertificherebbero; la Polinesia sarebbe sommersa; il Colorado River diventerebbe un ruscello; il Sudest dell'America sarebbe quasi completamente inabitabile. Cinque gradi invece secondo molti scienziati porterebbero alla fine della civilizzazione umana.

Tutto questo, sostiene la tesi dell'articolo che uscirà in due parti sul magazine del New York Times, poteva essere fermato negli anni '80. Perché non lo abbiamo fatto? La lobby del petrolio, la corruzione della politica, di alcuni scienziati, la propaganda negazionista che ancora oggi sostiene che non stia accadendo nulla. Una propaganda che funziona visto che milioni di Americani non credono ai cambiamenti climatici e che il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, è uno di essi.

In realtà prima della fine degli anni ’90 i colossi del petrolio sembravano aperti a lavorare per diminuire le emissioni, i politici (anche i repubblicani) erano schierati dalla parte degli ambientalisti e le teorie del complotto non circolavano in modo incontrollato come oggi. L’articolo racconta di come nel decennio degli anni ’80 siamo stati vicini alla soluzione del problema. E racconta i nomi dei pionieri che hanno combattuto e i motivi che ci hanno portato alla sconfitta.

Altri Servizi

Il Canada legalizza la marijuana, sell-off per i titoli di gruppi produttori

Diventa il più grande paese al mondo (e il secondo dopo l'Uruguay) a consentire la vendita di quella a uso ricreativo e non solo medico

Il Canada diventa oggi il più grande paese al mondo (e il secondo dopo l'Uruguay) a legalizzare la marijuana a uso recreativo. Nonostante questo, i titoli di aziende produttrici di marijuana soffrono, in alcuni casi anche vistosamente.

Nuovo fronte di Trump contro la Cina: Usa fuori da trattato postale internazionale

Fu creato nel 1874 ed era pensato per agevolare lo sviluppo di nazioni povere concedendo commissioni basse per le spedizioni di pacchi. Per Washington, Pechino se ne è approfittata

Il presidente americano, Donald Trump, vuole aprire un nuovo fronte nella sua battaglia commerciale con la Cina. Come? Ritirando gli Stati Uniti da un trattato postale vecchio di 144 anni che ha permesso alle aziende cinesi di inviare pacchi di piccole dimensioni in Usa a un tasso decisamente scontato.

Uber valuta uno scorporo delle attività a guida autonoma in vista dell'Ipo

Il gruppo ne manterrebbe il controllo ma potrebbe condividerne gli ingenti costi con i partner. Modello simile a quello di Cruise (GM)

In vista dell'Ipo stimata nel 2019, per il quale è stato valuto 120 miliardi di dollari da alcune banche, Uber sta valutando se scorporare le attività costose legate alla guida autonoma.

Netflix: la crescita degli abbonati straccia le stime

Utili triplicati nel terzo trimestre. Ricavi cresciuti più del previsto (+34% a 4 miliardi di dollari). Aumenta la cassa bruciata. Pesano investimenti in contenuti originali
iStock

Nel terzo trimestre del 2018, Netflix è tornato a sorprendere in positivo, motivo per cui il titolo a Wall Street ieri nell'after-hours era arrivato a guadagnare fino al 13%: il gruppo di video in streaming ha registrato un aumento degli abbonati superiore alle stime, cosa che ha fatto venire meno i timori di un rallentamento che erano sorti con la trimestrale precedente. Il gruppo ha inoltre visto triplicare gli utili rispetto a un anno prima e ha registrato ricavi in aumento del 34%, più del previsto, anche se ha continuato a bruciare cassa a un passo più rapido che in passato. Il tutto mentre investe sempre di più sui contenuti, per i quali secondo gli analisti spenderà quest'anno 12 miliardi di dollari, 4 miliardi in più di quelli annunciati dall'azienda.

Per il terzo mese di fila la Cina riduce i Treasury in suo possesso

Ad agosto la quantità in mano a Pechino è scesa ai minimi del giugno 2017 ma il calo non è significativo. Anche il Giappone ha venduto mentre l'Arabia Saudita ha comprato

Per il terzo mese di fila, ad agosto, la Cina ha ridotto la quantità di Treasury in suo possesso portandola ai minimi del giugno 2017, quando erano a 1.147 miliardi di dollari.

Il primo anno fiscale completo di Trump chiuso con deficit al top del 2012

E' salito del 17% a 779 miliardi di dollari, top del 2012. Come percentuale del Pil, il dato è cresciuto al 3,9% dal 3,5%. Timori su sostenibilità dei conti pubblici

Nel primo anno fiscale completo dell'era Trump, il deficit federale americano è salito ai massimi di sei anni fa. E' l'effetto della politica fiscale espansiva voluta dal presidente Donald Trump, fatta di tagli alle tasse e maggiori spese (anche militari).

La minaccia velata di Riad: usare di nuovo il petrolio come arma politica

Tagliare la produzione per fare schizzare i prezzi del barile. E' questa la mossa temuta dagli investitori da parte dell'Arabia Saudita

Il petrolio al Nymex viaggia in modo volatile mentre il mercato si concentra sulle crescenti tensioni tra Usa e Arabia Saudita per via della scomparsa del giornalista saudita Jamal Khashoggi. 

Nyt: Kushner non ha pagato tasse per anni

Il genero di Donald Trump ha usufruito di pesanti sgravi fiscali nel periodo tra il 2009 e il 2016

Nel periodo tra il 2009 e il 2016 Jared Kushner, genero di Donald Trump e consigliere della Casa Bianca, non ha pagato tasse o ne ha pagate pochissime. A scriverlo è il New York Times che cita documenti finanziari riservati tra cui carte compilate, con la collaborazione dello stesso immobiliarista, da un istituto finanziario in vista della concessione di un prestito.

"Sip Trip": il viaggio a tappe in Italia con cui il sommelier di Bastianich vuole ingolosire gli Usa

Al via le registrazioni della serie YouTube di Jeff Porter, direttore beverage dell'impero della celebre chef. Dalla Lombardia alla Campania per condividere piatti e vini del nostro Paese

A lui i "superlativi" non piacciono e dunque non si spingerà mai a dire che l'Italia è il migliore produttore di vini in assoluto. Eppure l'Italia sta diventando la "seconda casa" di Jeff Porter. Ed è la "prima porta" di quella casa che il sommelier americano vuole aprire allo spettatore di "Sip Trip", una mini serie su YouTube da lui ideata e che sta per essere girata nelle regioni italiane famose per il loro vino con tappe nelle cantine migliori, dal Veneto al Piemonte passando per Lombardia, Toscana, Umbria e Campania.