Aldo Finzi e quell'amore folle per la musica

Il compositore italiano celebrato a New York
Aldo Finzi

New York ha celebrato Aldo Finzi nella celebre sala di Carnegie Hall e ad assistere al concerto c'erano i discendenti del compositore nato nel 1897 in una antica famiglia ebrea originaria di Mantova. Abbiamo parlato al nipote del compositore e suo omonimo, Aldo Finzi.

Raccontaci di tuo nonno e del suo rapporto con la musica?

Io le dico soltanto le ultime parole che pronunziò: “fate eseguire la mia musica”. Questo le dice come la sua vita fosse tutta intessuta con la sua musica, un quid unicum, lui e la musica che aveva nell’animo. Era fra l’altro un autodidatta e come privatista si presentò all’Accademia di Santa Cecilia, che gli conferì il riconoscimento di maestro compositore, come per un grande musicista russo che volle che sulla pietra tombale fosse scritto che la chimica era sua moglie e la musica la sua amante...

A causa delle leggi razziali, quando morì fu sepolto sotto falso nome. Crede che se non fosse stato per queste circostanze, al di là dell'indiscutibile talento, avrebbe goduto di maggiore fama?

Vero che fu sepolto sotto falso nome e la vedova che andò alla procura di Torino a rivelarlo, vide iniziare contro di sé un procedimento penale per falso in atto pubblico, assolta poi in istruttoria per aver agito in stato di necessità. Non io, non noi soltanto, ma il critico musicale Benzing, ascoltato “L’infinito” in un’esecuzione milanese, scrisse poi – dolorosamente – chissà quali altre opere ci avrebbe dato se fosse sopravvissuto, morendo invece il giorno del suo 48esimo compleanno di crepacuore dopo sette anni di oblio dovuto alle leggi razziali. Sofferenze che iniziarono nell’autunno 1937 dopo che, avuta da uno dei membri della commissione giudicatrice per un’opera nuova alla Scala (Pick-Mangiagalli, direttore del Conservatorio di Milano), la notizia dell’avvenuta vittoria del concorso, non potè sentire la sua musica eseguita in quel teatro per l’avvenuta emanazione nel frattempo delle leggi razziali.

Oggi la missione della sua famiglia è quella di diffondere la conoscenza di Finzi? In che modo?

Sì, in osservanza di quell’invocazione finale nel febbraio 1945 e per aver scoperto quanto bella fosse la sua musica. Scrivendone, parlandone ma soprattutto facendo eseguire le sue musiche e facendole conoscere alle nuove generazioni, di musicisti e non.

New York è la prima tappa negli Usa. Perché avete scelto l'America? E perché New York come prima tappa?

È la prima, nuova tappa del “Progetto Finzi” a cura della Ace – la società che ha organizzato il concerto – ma già anni fa (a nostra insaputa) vi sono state esecuzioni a Phoenix, Augusta e Atlanta. La scelta è caduta su New York perché la Carnegie Hall è il tempio della musica nel mondo e per le musiche di mio nonno è la consacrazione definitiva di una carriera spezzata.

Qual è la tua missione oggi, ricordare e far conoscere la musica di suo nonno?

Ebbene sì, ne ripeto anche il nome, ma mi sono proposto tanti anni fa – quasi una mission – di diffondere le sue musiche: ma non solo nella qualità di nipote ma anche e soprattutto perché mi resi conto di quanto belle fossero le sue musiche cui spettavano il giusto ruolo nel mondo musicale.

Da sinistra, la soprano Ágnes Molnar e il nipote di Aldo Finzi
Altri Servizi

Duck boat, una trappola mortale per turisti

La morte di 13 persone in un incidente nel 1999 portò alla pubblicazione di una serie di raccomandazioni per gli operatori sulla sicurezza. Ma poco è cambiato, fino all'incidente di giovedì notte, in cui sono morte 17 persone
Ap

Quasi 20 anni fa, una duck boat chiamata Miss Majestic affondò nel lago Hamilton vicino a Hot Springs, in Arkansas, provocando la morte di 13 persone. La tragedia del 1999 fu dovuta all'inadeguata manutenzione dell'imbarcazione anfibia, secondo il National Transportation Safety Board (Ntsb); in un rapporto del 2002 sull'incidente, l'agenzia federale pubblicò una serie di raccomandazioni per gli operatori di duck boat, in modo da rendere più sicure le imbarcazioni.

Los Angeles: è morto Jonathan Gold, critico gastronomico da Pulitzer

Aveva 57 anni, a ucciderlo è stato un cancro al pancreas
Wikipedia

È morto all'eta' di 57 anni, stroncato da un cancro al pancreas, Jonathan Gold, uno dei più famosi critici gastronomici di Los Angeles e di tutti gli Stati Uniti, considerato un titano nel suo campo. "Era l'anima di questa città e di tutti i suoi incredibili sapori", ha twittato il sindaco, Eric Garcetti, aggiungendo che "non ci sarà mai un altro come lui”.

Trump - Clinton, nuovo botta e risposta sul Russiagate

Per la democratica Mosca tornerà all’attacco durante le elezioni di Midterm, per il tycoon ad essere spiata è stata proprio la sua campagna
Ap

Si aggiunge un nuovo capitolo alla saga Donald Trump Vs Hillary Clinton sulle presunte ingerenze russe nella campagna elettorale del 2016. Secondo l’ex candidata democratica non ci sono dubbi sulla questione: "È stato un enorme cyber attacco al nostro sistema elettorale, e ha avuto successo". La Clinton, intervenuta sabato pomeriggio all’OzyFest, un festival di incontri e di musica a Central Park, lo definisce ancora. "Un attacco al cuore della nostra democrazia. Il grande mistero è perché il nostro presidente non abbia parlato (nel meeting di Helsinki con Putin, ndr) in favore del suo Paese".

Trump: "Russiagate ridicolo, nessuna interferenza russa". Con Putin "è solo l'inizio"

Incontro tra i due presidenti a Helsinki: "Ci incontreremo spesso, in futuro. I nostri rapporti non erano mai stati peggiori, ma le cose ora sono cambiate"
AP

"Io e Putin ci incontreremo spesso, in futuro. Sono state ore molto costruttive". Lo ha detto il presidente statunitense, Donald Trump, durante la conferenza stampa congiunta con l'omologo russo, Vladimir Putin, organizzata dopo il loro bilaterale al palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Secondo Trump, il summit odierno "è solo l'inizio".

Wall Street, attenzione alle trimestrali

Ancora una giornata significativa per la pubblicazione di dati societari
iStock

Gli Usa dicono no al referendum nell'Ucraina orientale e stanziano 200 milioni in aiuti per la difesa di Kiev

Putin aveva chiesto a Trump il sostegno per l'organizzazione di un voto nelle regioni separatiste, ma Washington ha respinto l'ipotesi. Gli Stati Uniti, invece, continuano ad appoggiare il governo centrale

Il Pentagono ha annunciato che fornirà 200 milioni di dollari in aiuti per la sicurezza all'Ucraina. Il finanziamento è già stato approvato e coincide con una serie di riforme approvate da Kiev per rendere più moderna la difesa. La decisione di Washington irriterà la Russia, che pochi giorni fa aveva dichiarato di essere pronta a lavorare con il dipartimento della Difesa statunitense su una serie di tematiche sulla sicurezza, dopo il vertice tra i presidenti Donald Trump e Vladimir Putin.

Wall Street: continuano le tensioni commerciali. Focus su Fca

Titolo del gruppo auto sotto pressione dopo il cambio ai vertici dovuto a gravi problemi di salute che hanno colpito Marchionne
AP

Dazi, l'amministrazione Trump si divide sulle auto Ue

Mercoledì la visita di Juncker alla Casa Bianca
Shutterstock

Trump, avvertimento da Rouhani: "La guerra con l’Iran è la madre di tutte le guerre"

Il presidente iraniano ammonisce il tycoon sul perseguimento di politiche ostili contro Teheran
AP

Mnuchin: Usa pronti a togliere le sanzioni al gigante russo Rusal

Il secondo produttore al mondo di alluminio colpito per 'colpa' di Deripaska, il tycoon vicino a Putin coinvolto nelle indagini sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi