Alfano a New York difende Colombo, il dibattito in America non si ferma

A San Jose in California il sindaco promette di spostare la statua del navigatore genovese. A New York i simboli sono inclusi nella lista di quelli che potrebbero essere eliminati. E si apre una lotta interna tra progressisti e conservatori

Nonostante nelle ultime settimane non abbia più fatto notizia, negli Stati Uniti continua il dibattito e la battaglia attorno alle statue di Cristoforo Colombo. Proprio oggi il sindaco democratico di un'altrettanto città democratica e progressista, San Jose in California, ha detto di voler togliere il simbolo dell'esploratore dal palazzo del comune. New York sta portando avanti una revisione di statue e simboli che possano offendere le minoranze e i nativi. Colombo fa parte della lista, anche se il sindaco Bill de Blasio - che delle sue origini italiane ne ha sempre fatto un vanto - ha detto che parteciperà alla parata di Columbus Day, il 9 ottobre.

Così la visita di oggi alla statua del navigatore a Columbus Circle, a New York, da parte del ministro degli esteri Angelino Alfano ha un forte potere simbolico, soprattutto per la comunità italiana negli Stati Uniti: si è da subito schierata dalla parte di Colombo, creando diverse associazioni per proteggere i suoi simboli. "Siamo fieri di Cristoforo Colombo. È patrimonio dell'Italia e del mondo e pioniere della globalizzazione", ha detto il ministro. Aggiungendo: "La polemica interna agli Stati Uniti sulla loro storia è legittima e noi non ci entriamo".

È chiaro, l'Italia non ha nulla a che vedere con la polemica nazionale e qualunque decisione venga presa è certo che non condizionerà le relazioni tra i due Paesi. Ma allo stesso tempo, per molti italo-americani, la negazione di un simbolo e il suo accostamento a quello del generale sudista, Robert E. Lee, sono concetti che colpiscono direttamente l'orgoglio delle origini.

C'è però da dire che questa polemica - all'esterno della comunità italiana - sta chiaramente dividendo l'America liberal e progressista da quella più di destra e bigotta. Alcuni editoriali nelle settimane passate, tra cui l'edizione americana dell'Huffington Post, hanno preso le parti di chi crede (ovviamente in modo civile) che sia giunto il momento di mettere almeno in dubbio alcuni simboli.

Schiere di editorialisti di destra, invece, stanno difendendo Colombo, come ha fatto il magazine National Review.

E ancora, mercoledì il Washington Times, quotidiano di destra della capitale americana, ha pubblicato un editoriale in cui si definiscono "talebani interni" i movimenti che stanno attaccando Colombo e la sua memoria.

Una buona definizione per chi mozza le teste alle statue e le imbratta di vernice. Forse un po' troppo per chi sta aprendo un dibattito su un malessere molto attuale nella società americana. (a.p.)

David Guralnick/Detroit News via AP
Altri Servizi

Trump, con un video attacca Obama, Clinton e Bush su Gerusalemme

Con un tweet il presidente americano critica i suoi predecessori: avevano annunciato lo spostamento dell'ambasciata Usa in Israele da Tel Aviv nella città contesa ma non lo hanno fatto
AP

Due giorni dopo avere riconosciuto Gerusalemme come capitale d'Israele, Donald Trump ha pubblicato su Twitter un video che mostra tre suoi predecessori - Bill Clinton, George W. Bush e Barack Obama - fare la stessa promessa, poi non mantenute. "Io ho mantenuto le promesse della mia campagna elettorale - altri non lo hanno fatto", ha tuonato il45esimo presidente americano.

Scandali sessuali, tre parlamentari Usa costretti alle dimissioni in tre giorni. Qualcosa di simile accadde solo per la schiavitù

Per il Washington Post, situazione senza precedenti. Quelle dimissioni, prima della Guerra civile, furono un atto politico. Oggi, sono le donne comuni a costringere senatori e deputati a farsi da parte

È stata una settimana straordinaria, quella appena terminata al Congresso statunitense: dopo essere stati accusati di molestie sessuali, tre membri del parlamento si sono dimessi. Per trovare un momento simile, nella storia degli Stati Uniti, bisogna tornare alla Guerra civile e alla schiavitù.

La Nba vuole una squadra della sua lega minore a Città del Messico

La lega professionistica vuole continuare a espandersi e guarda al maggior mercato dell'America Latina. La nuova squadra della G League potrebbe giocare già dalla prossima stagione
Ap

Gerusalemme capitale, rottura tra palestinesi e statunitensi: Abu Mazen non riceverà Pence

Il presidente dell'Autorità palestinese annulla l'incontro con il vicepresidente statunitense previsto a giorni, a causa della decisione di Washington di riconoscere Gerusalemme come capitale d'Israele

Gli Usa contro la Russia, a 30 anni dal trattato INF per l'eliminazione dei missili

Da tempo Washington denuncia le violazioni di Mosca. L'amministrazione Trump pronta a sviluppare un'arma per restare al passo dei russi
Ap

Apple verso l'acquisto di Shazam, app per riconoscere le canzoni

TechCrunch: il produttore dell'iPhone potrebbe pagare meno di un miliardo di dollari

Obama paragona Trump a Hitler

Invocando lo spettro della Germania nazista, il 44esimo presidente americano avverte i concittadini: non siate compiacenti
Ap

La Casa Bianca cerca di tranquillizzare gli amici newyorchesi di Trump sulle deduzioni

Gli Stati con tasse altre fanno pressing per non vedere ridotta o eliminata la possibilità di detrarre le imposte statali e locali nella dichiarazione dei redditi
AP

Caterpillar fa mea culpa, ha truffato clienti e gettato in mare le prove

Riparazioni inutile ai vagoni di gruppi attivi nel settore ferroviario. Multa da 5 milioni di dollari e rimborsi per 20 milioni. Cifre modeste ma un colpo alla sua reputazione
Caterpillar

L'occupazione Usa cresciuta più del previsto a novembre, Fed pronta a una stretta

Per l'86esimo mese di fila le aziende hanno reclutato personale. I salari orari però sono saliti meno del previsto