Alfano a New York difende Colombo, il dibattito in America non si ferma

A San Jose in California il sindaco promette di spostare la statua del navigatore genovese. A New York i simboli sono inclusi nella lista di quelli che potrebbero essere eliminati. E si apre una lotta interna tra progressisti e conservatori

Nonostante nelle ultime settimane non abbia più fatto notizia, negli Stati Uniti continua il dibattito e la battaglia attorno alle statue di Cristoforo Colombo. Proprio oggi il sindaco democratico di un'altrettanto città democratica e progressista, San Jose in California, ha detto di voler togliere il simbolo dell'esploratore dal palazzo del comune. New York sta portando avanti una revisione di statue e simboli che possano offendere le minoranze e i nativi. Colombo fa parte della lista, anche se il sindaco Bill de Blasio - che delle sue origini italiane ne ha sempre fatto un vanto - ha detto che parteciperà alla parata di Columbus Day, il 9 ottobre.

Così la visita di oggi alla statua del navigatore a Columbus Circle, a New York, da parte del ministro degli esteri Angelino Alfano ha un forte potere simbolico, soprattutto per la comunità italiana negli Stati Uniti: si è da subito schierata dalla parte di Colombo, creando diverse associazioni per proteggere i suoi simboli. "Siamo fieri di Cristoforo Colombo. È patrimonio dell'Italia e del mondo e pioniere della globalizzazione", ha detto il ministro. Aggiungendo: "La polemica interna agli Stati Uniti sulla loro storia è legittima e noi non ci entriamo".

È chiaro, l'Italia non ha nulla a che vedere con la polemica nazionale e qualunque decisione venga presa è certo che non condizionerà le relazioni tra i due Paesi. Ma allo stesso tempo, per molti italo-americani, la negazione di un simbolo e il suo accostamento a quello del generale sudista, Robert E. Lee, sono concetti che colpiscono direttamente l'orgoglio delle origini.

C'è però da dire che questa polemica - all'esterno della comunità italiana - sta chiaramente dividendo l'America liberal e progressista da quella più di destra e bigotta. Alcuni editoriali nelle settimane passate, tra cui l'edizione americana dell'Huffington Post, hanno preso le parti di chi crede (ovviamente in modo civile) che sia giunto il momento di mettere almeno in dubbio alcuni simboli.

Schiere di editorialisti di destra, invece, stanno difendendo Colombo, come ha fatto il magazine National Review.

E ancora, mercoledì il Washington Times, quotidiano di destra della capitale americana, ha pubblicato un editoriale in cui si definiscono "talebani interni" i movimenti che stanno attaccando Colombo e la sua memoria.

Una buona definizione per chi mozza le teste alle statue e le imbratta di vernice. Forse un po' troppo per chi sta aprendo un dibattito su un malessere molto attuale nella società americana. (a.p.)

David Guralnick/Detroit News via AP
Altri Servizi

Bill O'Reilly pagò 32 milioni per fermare denuncia molestie. E Fox gli rinnovò il contratto

Un nuovo caso che coinvolge il super presentatore del network conservatore, il sesto dopo i cinque già noti. I vertici del gruppo sapevano

A gennaio del 2017 il presentatore di Fox, Bill O'Reilly, pagò 32 milioni di dollari per patteggiare una causa di violenza sessuale su una analista del network. Poco dopo il canale conservatore gli rinnovò il contratto per 3 anni pagandolo 25 milioni all'anno, pur sapendo che aveva appena pagato la somma per fermare il processo.

John Kelly e la reputazione corrotta da Donald Trump

Un'altra vittima del presidente americano, che rischia di perdere ogni credibilità. Soprattutto dopo l'enorme bugia raccontata sul conto di una deputata afroamericana del partito democratico
AP

Lavorare per Donald Trump significa fare un sacrificio. Questo assunto è così vero che nei primi mesi di presidenza, sono stati pubblicati diversi articoli per raccontare come Trump facesse fatica a riempire i posti, soprattutto quelli che richiedono competenze e un curriculum di alto livello. Il rischio? Vedere infangata la propria reputazione e non trovare più lavoro in futuro.

Brexit: Blankfein (Goldman) pensa a Francoforte

Il Ceo della banca Usa dice in un tweet che trascorrerà più tempo nella capitale finanziaria tedesca. Messaggio diretto al premier britannico Theresa May?
AP

Con un semplice tweet, il Ceo di Goldman Sachs ha ventilato l'ipotesi di un trasferimento di gran parte delle attività della banca di Wall Street da Londra a Francoforte. Sarebbe l'effetto provocato dalla Brexit.

Trump pubblicherà gli ultimi documenti segreti sulla morte di Kennedy

Lo ha annunciato su Twitter sabato mattina nonostante alcune agenzie federali gli abbiano consigliato di non declassificarli
JFK Library

Fuori dalla Casa Bianca, Bannon è sempre più vicino a Trump

Il Washington Post racconta come l'ex super consigliere del presidente americano si senta costantemente più volte ogni settimana con Trump. Anche se il rischio di uno scontro nelle elezioni di Midterm continua a esserci
AP

Fitch: luci e ombre sull'Italia, ripresa in corso ma rischi politici all'orizzone

L'agenzia lascia il rating a "BBB" con outlook "stabile". Debito pubblico e npl alti. Crescita lenta: nel 2019 il Pil italiano sarà ancora il 4% al di sotto del livello 2007

I favoriti da Trump per il vertice della Fed sembrano Taylor e Powell

Si tratta, rispettivamente, di un economista di Stanford giudicato come un 'falco' e dell'attuale membro del board della banca centrale Usa, visto come una sorta di 'colomba'. Yellen non ancora fuori dai giochi
John Taylor

Trump esulta, ma la strada per la riforma fiscale è ancora lunga

I repubblicani sperano di farcela per la fine dell'anno, ma dovranno superare le divisioni interne
AP

Fed: il Wsj fa il tifo per i falchi, il prossimo governatore sia Taylor o Warsh

In un editoriale, il giornale chiede al presidente Donald Trump una "voce fresca" al vertice della banca centrale Usa
Kevin Warsh AP

Microsoft entra (in ritardo) nel mercato degli speaker per la casa

Il gruppo informatico lo fa con Invoke, quasi tre anni dopo il lancio da parte della rivale Amazon di Echo. Google lo ha fatto un anno e mezzo fa
Microsoft