All’Onu arriva lo Stato di plastica

Maria Cristina Finucci porta la sua opera-denuncia tra i governanti riuniti per l’Assemblea generale. Un “serpentone” di tappi di plastica per ricordarci che la soluzione ai problemi ambientali parte anche dalle scelte di ognuno di noi

Il 29 settembre segnerà l’ingresso di un nuovo stato alle Nazioni Unite. Si tratta del “Garbage Patch State”, lo Stato di Plastica, un'installazione creata con migliaia di tappi di plastica dall’artista italiana Maria Cristina Finucci.

Quest’enorme serpentone di rifiuti si insinuerà tra le colonne della lobby del Palazzo di Vetro a New York nel corso dell’Assemblea generale. Ad accompagnare l’installazione, un padiglione che servirà da ambasciata dove i visitatori potranno richiedere la cittadinanza dello Stato di Plastica e vedersi consegnare la carta d’identità.

Ma come è nata l’idea del “Garbage Patch State”?

“Qualche anno fa, su un settimanale, lessi la notizia dell’esistenza del Garbage patch, un’isola composta da detriti plastici grande quanto il Texas e profonda trenta metri, che galleggiava in mezzo all’Oceano pacifico. Ne rimasi profondamente colpita e decisi subito che avrei dovuto visitarla” racconta Cristina. L’artista scoprì in seguito che quell’isola era in realtà un arcipelago di ben cinque isole che erano “estese come un continente e terra di nessuno”.

Ma perché un disastro di quelle dimensioni era quasi sconosciuto? Il termine “arcipelago di plastica” evoca un’immagine di isole compatte e colorate che fluttuano tra le onde del Pacifico. Una prova inconfutabile dell’impatto dell’uomo sul pianeta che non passerebbe certo inosservata.

Invece, questo disastro ambientale non è visibile a occhio nudo: i rifiuti alla deriva nell’oceano diventano microscopici per via dell’esposizione prolungata ai raggi solari che ne rimpicciolisce la massa organica —un fenomeno chiamato fotodegradazione.

Il “Garbage Patch” è quindi un enorme “zuppa di plastica” composta da microscopici frammenti di rifiuti, fino a 46.000 pezzi per miglio quadrato, destinati a permanere tra le correnti degli oceani perché la plastica non è biodegradabile.

"Non sta a me divulgare certe notizie, anche perché in rete se ne trovano molte.” aggiunge l'artista. "Ma il problema è proprio questo: quando l’informazione è troppa, occorre una sintesi. Laddove il pensiero razionale non ha presa, l’arte può invece arrivare a smuoverci nel profondo."

È proprio il linguaggio artistico che Cristina sceglie per la sua campagna contro questo disastro, “che coinvolge tutti perché è opera di tutti. Lo Stato di Plastica è un’entità che ci appartiene e allo stesso tempo ci minaccia. Un luogo recondito della nostra coscienza che riaffiora.”

Nel 2013, Cristina ha sancito la nascita dello Stato di Plastica con una cerimonia ufficiale tenutasi presso i quartieri generali dell’Unesco a Parigi in cui l’artista ha piantato la bandiera sul “suo” Garbage Patch.

Nello stesso anno, lo Stato si presenta alla Biennale di Venezia. Migliaia di tappi di plastica colorata allestiti lungo le mura del cortile dell’Università Ca’ Foscari fino a spuntare fuori dall’edificio, sulla laguna.

E poi ancora Madrid durante la fiera d’arte ARCO e al MAXXI di Roma, occasione in cui lo Stato ha aperto la sua prima “ambasciata”.

E da domani il serpentone del Garbage State accoglierà governanti e sherpa impegnati a discutere di politiche globali nei giorni conclusivi dell’Assemblea generale Onu. Ma lo Stato sarà anche aperto al pubblico, per ricordarci che “dietro ogni piccolo pezzo che compone il Garbage Patch c’è una persona che lo ha abbandonato nell’ambiente”.

L’installazione sarà aperta al pubblico fino al 19 ottobre 2014.

Altri Servizi

Usa 2020, Biden: il partito democratico non si è spostato a sinistra

"Media e rivali sbagliano a leggere la realtà"
Ap

Il partito democratico statunitense non si è spostato a 'sinistra'. Ne è convinto l'ex vicepresidente statunitense, Joe Biden, che ha detto che i media e i suoi rivali alle primarie sbagliano a leggere la realtà, pensando che Alexandria Ocasio-Cortez, la neodeputata più famosa del Paese, rappresenti la direzione intrapresa dal partito.

Pelosi: "Procediamo con gli articoli di impeachment per Trump"

La speaker della Camera chiede alla commissione Giustizia di redigere le accuse. Trump: "Impeachment? Fatelo in fretta, così poi torniamo al lavoro"
Ap

La speaker Nancy Pelosi ha annunciato che la Camera statunitense comincerà a redigere gli articoli per l'impeachment di Donald Trump, in un discorso durato meno di sei minuti in cui ha dichiarato che è ormai chiaro, dopo due mesi di indagini, che il presidente ha violato il suo giuramento, facendo pressioni su una potenza straniera per ricevere aiuto per le elezioni del 2020. "La nostra democrazia è in gioco. Il presidente non ci lascia altra scelta che agire, perché sta cercando di manipolare, ancora una volta, le elezioni a suo vantaggio".

Wall Street, attenzione sempre rivolta ai rapporti Usa-Cina

Tra i dati attesi oggi, le nuove richieste dei sussidi di disoccupazione
AP
Walt Disney

‘Frozen 2’ batte ogni record. Il film che narra la storia delle due sorelle, Elsa e Anna, ha incassato 123,7 milioni di dollari negli Stati Uniti ed in Canada durante i cinque giorni del weekend di Thanksgiving, superando il precedente record di 110 milioni di dollari detenuto da ‘Hunger Games: La Ragazza di Fuoco’ del 2013.

Usa 2020, primarie Dem: si ritira la senatrice Kamala Harris

Dopo un inizio promettente, era finita nell'anonimato. "Non abbiamo i soldi per andare avanti" ha spiegato ai suoi sostenitori

La senatrice Kamala Harris ha annunciato il ritiro della sua candidatura alle primarie democratiche per le presidenziali statunitensi. Nelle ore precedenti, era stata annunciata la cancellazione di un evento di raccolta fondi a New York.

Trump: "Forse meglio aspettare le elezioni prima di un accordo con la Cina"

Il presidente Usa: "Non ho una scadenza, mi piace l'idea di attendere"

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha dichiarato che potrebbe essere meglio aspettare che si svolgano le elezioni del 2020 prima di firmare un accordo commerciale con la Cina. "In un certo modo, mi piace l'idea di aspettare fin dopo le elezioni per un accordo con la Cina, ma loro vogliono farlo ora; vedremo. Non ho una scadenza" ha dichiarato Trump, che ha parlato da Londra, dove si trova per il vertice della Nato.

Trump: "Dem antipatriottici". Oggi il rapporto sulle indagini per l'impeachment

I democratici vogliono un voto alla Camera entro Natale; in questo caso, a gennaio partirebbe il processo in Senato
Ap

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha definito i democratici "molto antipatriottici" perché vogliono metterlo in stato d'accusa, mentre la commissione Intelligence della Camera si prepara a rendere noto il proprio rapporto sulle prove e le testimonianze raccolte nel corso delle ultime settimane; in base a questo rapporto, la commissione Giustizia deciderà se e quali articoli di impeachment redigere e far votare alla Camera. In settimana, la commissione darà il via alle proprie audizioni e ha invitato Trump a partecipare.

L’ex segretario di Stato Usa, John Kerry, ha creato una nuova coalizione formata da leader globali, esponenti militari e star di Hollywood con lo scopo di promuovere iniziative pubbliche per contrastare il cambiamento climatico.

Audizione per l'impeachment di Trump, tre costituzionalisti su quattro a favore

Quattro esperti chiamati a testimoniare davanti alla commissione Giustizia della Camera, che deciderà se procedere con la messa in stato d'accusa del presidente Usa
Ap

In base a prove e testimonianze, il presidente statunitense Donald Trump ha commesso reati passibili di impeachment. Lo ha detto Noah Feldman, professore di Harvard, primo dei quattro costituzionalisti chiamati a testimoniare davanti alla commissione Giustizia della Camera, che deve decidere sull'impeachment di Trump.