All’Onu arriva lo Stato di plastica

Maria Cristina Finucci porta la sua opera-denuncia tra i governanti riuniti per l’Assemblea generale. Un “serpentone” di tappi di plastica per ricordarci che la soluzione ai problemi ambientali parte anche dalle scelte di ognuno di noi

Il 29 settembre segnerà l’ingresso di un nuovo stato alle Nazioni Unite. Si tratta del “Garbage Patch State”, lo Stato di Plastica, un'installazione creata con migliaia di tappi di plastica dall’artista italiana Maria Cristina Finucci.

Quest’enorme serpentone di rifiuti si insinuerà tra le colonne della lobby del Palazzo di Vetro a New York nel corso dell’Assemblea generale. Ad accompagnare l’installazione, un padiglione che servirà da ambasciata dove i visitatori potranno richiedere la cittadinanza dello Stato di Plastica e vedersi consegnare la carta d’identità.

Ma come è nata l’idea del “Garbage Patch State”?

“Qualche anno fa, su un settimanale, lessi la notizia dell’esistenza del Garbage patch, un’isola composta da detriti plastici grande quanto il Texas e profonda trenta metri, che galleggiava in mezzo all’Oceano pacifico. Ne rimasi profondamente colpita e decisi subito che avrei dovuto visitarla” racconta Cristina. L’artista scoprì in seguito che quell’isola era in realtà un arcipelago di ben cinque isole che erano “estese come un continente e terra di nessuno”.

Ma perché un disastro di quelle dimensioni era quasi sconosciuto? Il termine “arcipelago di plastica” evoca un’immagine di isole compatte e colorate che fluttuano tra le onde del Pacifico. Una prova inconfutabile dell’impatto dell’uomo sul pianeta che non passerebbe certo inosservata.

Invece, questo disastro ambientale non è visibile a occhio nudo: i rifiuti alla deriva nell’oceano diventano microscopici per via dell’esposizione prolungata ai raggi solari che ne rimpicciolisce la massa organica —un fenomeno chiamato fotodegradazione.

Il “Garbage Patch” è quindi un enorme “zuppa di plastica” composta da microscopici frammenti di rifiuti, fino a 46.000 pezzi per miglio quadrato, destinati a permanere tra le correnti degli oceani perché la plastica non è biodegradabile.

"Non sta a me divulgare certe notizie, anche perché in rete se ne trovano molte.” aggiunge l'artista. "Ma il problema è proprio questo: quando l’informazione è troppa, occorre una sintesi. Laddove il pensiero razionale non ha presa, l’arte può invece arrivare a smuoverci nel profondo."

È proprio il linguaggio artistico che Cristina sceglie per la sua campagna contro questo disastro, “che coinvolge tutti perché è opera di tutti. Lo Stato di Plastica è un’entità che ci appartiene e allo stesso tempo ci minaccia. Un luogo recondito della nostra coscienza che riaffiora.”

Nel 2013, Cristina ha sancito la nascita dello Stato di Plastica con una cerimonia ufficiale tenutasi presso i quartieri generali dell’Unesco a Parigi in cui l’artista ha piantato la bandiera sul “suo” Garbage Patch.

Nello stesso anno, lo Stato si presenta alla Biennale di Venezia. Migliaia di tappi di plastica colorata allestiti lungo le mura del cortile dell’Università Ca’ Foscari fino a spuntare fuori dall’edificio, sulla laguna.

E poi ancora Madrid durante la fiera d’arte ARCO e al MAXXI di Roma, occasione in cui lo Stato ha aperto la sua prima “ambasciata”.

E da domani il serpentone del Garbage State accoglierà governanti e sherpa impegnati a discutere di politiche globali nei giorni conclusivi dell’Assemblea generale Onu. Ma lo Stato sarà anche aperto al pubblico, per ricordarci che “dietro ogni piccolo pezzo che compone il Garbage Patch c’è una persona che lo ha abbandonato nell’ambiente”.

L’installazione sarà aperta al pubblico fino al 19 ottobre 2014.

Altri Servizi

Wall Street, focus sul commercio e sui segnali di recessione

Dati in programma: avvio di nuovi cantieri e fiducia dei consumatori
AP

Suicidio in carcere per il finanziere Epstein

Stava aspettando l'inizio del processo. Era accusato di avere reclutato e sfruttato sessualmente una "rete di vittime" giovanissime. Fbi e Giustizia indagano. Focus sulle procedure di sicurezza nel centro di detenzione

Probabilmente suicidio. Il finanziere newyorchese che per anni ha sfruttato sessualmente minori anche solo di 14 anni è stato trovato morto nella cella del carcere dove si trovava in attesa che iniziasse il processo a suo carico. Se fosse stato giudicato colpevole, avrebbe dovuto trascorrere il resto della sua vita in carcere visto che la pena sarebbe stata di 45 anni.

Afghanistan, Trump stringe i tempi per un accordo con i talebani

Il presidente, contrario alla presenza di soldati Usa nel Paese, vuole trovare una soluzione prima delle presidenziali del prossimo anno
AP

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha incontrato i suoi massimi consiglieri per valutare un possibile accordo con i talebani, che potrebbe permettere agli Stati Uniti di mettere fine alla loro presenza in Afghanistan. All'incontro hanno partecipato, tra gli altri, il vicepresidente Mike Pence, il segretario di Stato, Mike Pompeo, la direttrice della Cia, Gina Haspel, e il consigliere per la sicurezza nazionale, John Bolton. In un tweet dopo l'incontro, che si è tenuto nel suo golf club in New Jersey, Trump ha scritto che gli Stati Uniti "stanno cercando di fare un accordo, se possibile".

Cbs e Viacom tornano a sposarsi

Nasce ViacomCBS, un gruppo con rivavi di oltre 28 miliardi di dollari

Cbs e Viacom hanno deciso di tornare a sposarsi creando un colosso dell'intrattenimento con ricavi di oltre 28 miliardi di dollari. Lo hanno annunciato in una nota congiunta le due aziende. Il gruppo che nasce dalla fusione si chiamerà ViacomCBS.

Tsai (Alibaba) compra Brooklyn Nets e Barclays Arena per 3,5 mld $

Finisce l'era del russo Mikhail Prokhorov, artefice dello spostamento dal New Jersey a New York
Ap

I Brooklyn Nets hanno un nuovo proprietario. Il vicepresidente esecutivo di Alibaba Group, Joe Tsai, ha esercitato l'opzione di acquisto per le quote della società non ancora in suo possesso (il 51%), mettendo fine all'era di Mikhail Prokhorov, il magnate russo che aveva spostato la franchigia Nba - il massimo campionato professionistico di pallacanestro di Stati Uniti e Canada - dal New Jersey a New York.

Per il re del "Big Short", proteste Hong Kong una minaccia per economia globale

Steve Eisman teme che possano diventare un "cigno nero"

Le proteste a Hong Kong potrebbero mettere a repentaglio un qualsiasi accordo commerciale tra Stati Uniti e Cina e potrebbero pesare sull'economia globale. Per questo, quelle proteste sono la principale preoccupazione per Steve Eisman, l'investitore reso celebre anche fuori dagli ambienti di Wall Street grazie al film "The Big short".

Wall Street, pesano le tensioni internazionali

Dalla guerra commerciale tra Usa e Cina alle proteste a Hong Kong
AP

BlackRock diventerà socio di maggioranza nel proprietario di Sport Illustrated

Si tratta di Authentic Brands, che controlla anche i diritti legati a Marilyn Monroe e Muhammad Ali

Il più grane asset manager al mondo scommette sul private equity. BlackRock sta per prendere la quota di controllo di Authentic Brands, gruppo con sede a New York che ha le licenze di 50 marchi tra l'intrattenimento e il lifestyle che generano ogni anno 9,3 miliardi di dollari. 

Hong Kong, la Cina accusa gli Usa di fomentare il caos

Pechino biasima soprattutto Pelosi e McConnell

Gli Stati Uniti fomentano il caos a Hong Kong. L'accusa è stata formulata dalla portavoce del ministero degli Esteri cinese, secondo cui ci sono "prove evidenti" del coinvolgimento di Washington nelle proteste. La portavoce Hua Chunying ha commentato: "Gli Stati Uniti hanno negato in molte occasioni il loro coinvolgimento nelle violenze in corso a Hong Kong. I commenti di alcuni membri del Congresso - il riferimento è alla speaker della Camera, la democratica Nancy Pelosi, e al leader della maggioranza repubblicana in Senato, Mitch McConnell, ndr - hanno fornito al mondo nuove ed evidenti prove del coinvolgimento" degli Stati Uniti.

Ap

La popolarità di Donald Trump è in forte calo e il presidente sarebbe sconfitto nelle elezioni del 2020 da uno qualsiasi dei quattro principali candidati democratici. È il risultato dell'ultimo sondaggio condotto da Fox News.