Allarme dei democratici Usa: alle elezioni del 4 marzo l'Italia rischia l'interferenza della Russia

In un rapporto di 206 pagine, chiedono che Washington aiuti il nostro Paese a proteggere il suo processo democratico. Motivo? E' un membro "essenziale" della Nato e un membro "chiave" della Ue. Accuse contro M5S e Lega
AP

L'opposizione democratica al Congresso Usa ha sollevato nuove preoccupazioni sull'interferenza della Russia nelle elezioni di almeno 19 nazioni europee, Italia inclusa. Lo ha fatto in un rapporto commissionato dal senatore Benjamin L. Cardin.

Lungo 206 pagine, il documento si intitola "L'assalto asimmetrico di Putin alla democrazia in Russia e in Europa: implicazioni per la sicurezza nazionale Usa". In esso si legge che con le politiche del 4 marzo prossimo, "l'Italia potrebbe essere un target dell'interferenza elettorale del Cremlino, che probabilmente cercherà di promuovere partiti che sono contrari a un rinnovo delle sanzioni Ue contro la Russia" per via di quella che viene chiamata "aggressione in Ucraina", a cui nel marzo 2014 Mosca strappò la penisola di Crimea dopo avere condotto un referendum.

Oltre ad accusare il presidente Donald Trump, un repubblicano, di avere fallito nel contrastare le minacce in arrivo da Mosca, punite anche da Barack Obama sul finire della sua presidenza nel dicembre 2016, il documento dedica tre pagine esclusivamente al nostro Paese. Si comincia dicendo che "negli ultimi anni in Italia c'è stata una ripresa di partiti populisti anti-establishment che hanno fatto presa nella popolazione e che hanno raggiunto qualche successo". Secondo il rapporto, alcuni di questi partiti sono "forti sostenitori della politica estera del Cremlino e hanno ampiamente usato Fake News e teorie del complotto nelle loro campagna media". La Lega viene citata quattro volte (con la parola "Nord", anche se ormai decaduta); il Movimento 5 Stelle, una.

Dall'analisi del rapporto, fatto mettendo insieme un'accozzaglia di informazioni raccolte in passato dalla stampa come BuzzFeed o il New York Times, il Movimento 5 Stelle ne esce apparentemente distrutto; viene di fatto descritto come una fonte di notizie false e talvolta promosse da RT, il network controllato da Mosca.

Utilizzando gli stessi metodi, volendo discutibili per un rapporto congressuale, gli autori del documento citano notizie secondo cui la Lega ha siglato accordi con il Cremlino, da cui "potrebbe anche avere ricevuto fondi dai servizi per la sicurrezza russi". Lo stesso rapporto ammette che "non ci sono prove che il M5S stia ricevendo finanziamenti da Mosca" ma poi cita quanto fu rifererito da Business Insider, che a sua volta citava un funzionario italiano secondo cui alcuni dei nostri partiti sono "vulnerabili alle interferenze".

Dal referendum del dicembre 2006 che costò la presidenza del consiglio a Matteo Renzi, si legge, "il governo italiano ha iniziato a prendere azioni per meglio difendere la popolazione dalle fake news e dalle campagne di disinformazione". Perché la disinformazione "arriva anche da fonti interne" e non solo dall'estero. In questo contesto viene ricordata l'iniziativa di Laura Boldrini.

La parte dedicata al nostro Paese si conclude dicendo che "il governo Usa deve aiutare l'Italia a garantire un processo democratico contro l'interferenza straniera". Il motivo? "L'Italia è un alleato essenziale della Nato e un membro chiave della Ue, che nel 2018 voterà per decidere se mantenere o meno le sanzioni contro la Russia per le sue attività in Ucraina".

Altri Servizi

Trump: "Credo nella Nato, gli alleati pagheranno di più". Ma Macron e Conte lo smentiscono

Il presidente Usa: "La Nato è molto più forte ora. Gli alleati aumenteranno la spesa per la difesa, e anche velocemente". Il presidente francese: "Il comunicato è chiaro: riafferma l'impegno del 2% entro il 2024"
AP

"Io credo nella Nato. La Nato è molto più forte ora di due giorni fa". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante la conferenza stampa alla Nato, a Bruxelles, piena di contenuti, in parte già smentiti dagli altri leader. "Alla fine, abbiamo avuto un fantastico meeting. Gli Stati Uniti non erano trattati in modo giusto, ora sì" ha detto Trump, affermando che gli alleati hanno accettato di aumentare le spese per la difesa, come da lui chiesto, "e anche velocemente".

Trump: "Andare d'accordo con la Russia è una buona cosa, non cattiva"

Al via il vertice con Putin a Helsinki. Il presidente russo: "È ora di affrontare i punti dolenti"
Ap

"Andare d'accordo con la Russia è una buona cosa, non una cosa cattiva". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante il saluto ufficiale con l'omologo russo, Vladimir Putin, all'interno del palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Il presidente statunitense, che so è congratulato con Putin "per il Mondiale davvero grandioso", ha detto che con il leader russo affronterà la questione nucleare. "Siamo le due più grandi potenze nucleari. Abbiamo il 90% del nucleare e questa è una cosa negativa, non positiva. Spero che potremo fare qualcosa al riguardo" ha aggiunto Trump.

Wall Street, attenzione a trimestrali e a testimonianza Powell

Il numero uno della Fed atteso in Congresso, trimestrali di Goldman Sachs e Johnson & Johnson
iStock

Wall Street, attenzione al Beige Book

La Federal Reserve lo pubblicherà alle 14 (le 20 in Italia)
iStock

Trump: vertice con Putin "anche meglio" di quello con la Nato

Il presidente Usa non cede di fronte alle critiche e rilancia, come sempre su Twitter
AP

Il vertice con Vladimir Putin è andato "anche meglio" di quello con gli alleati della Nato. Lo ha scritto su Twitter il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, rispondendo così alle critiche per il suo bilaterale con il collega russo. "Anche se ho avuto un grande incontro con la Nato, ottenendo una grande quantità di denaro, ho avuto un incontro persino migliore con Vladimir Putin. Purtroppo, non è stato riportato in questa maniera. Le Fake News stanno impazzendo!".

Wall Street, attenzione alle trimestrali e al vertice Trump-Putin

Attesi i dati di Bank of America e BlackRock prima dell'apertura dei mercati. Trimestrale di Netflix dopo la chiusura
iStock

Donald Trump contro l'Europa: è un nemico

In una intervista a Cbs il presidente americano contro l'Unione europea a pochi giorni dalla sua visita ufficiale
©AP

Il presidente americano, Donald Trump, ha definito l'Unione europea un "nemico" degli Stati Uniti in un'intervista a seguito di un incontro controverso la scorsa settimana con gli alleati della NATO.

Obama celebra Mandela: "Viviamo in tempi strani e incerti. Attenzione all'uomo forte"

L'ex presidente Usa a Johannesburg per i 100 anni dalla nascita del leader per la lotta contro l'apartheid. "La stampa libera sotto attacco"
AP

"Viviamo in tempi strani e incerti. Ogni giorno ci sono titoli preoccupanti". Lo ha detto l'ex presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, parlando alla sedicesima conferenza annuale in ricordo di Nelson Mandela, a 100 anni dalla nascita del Nobel per la Pace e presidente sudafricano. Obama ha poi guardato al passato, rimarcando "le notevoli trasformazioni" avvenute negli ultimi cento anni. "Anche in democrazie come gli Stati Uniti, la segregazione razziale e la sistemica discriminazione erano legge in quasi la metà del Paese e la norma nell'altra metà" ha ricordato Obama, durante l'evento organizzato a Johannesburg.

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali delle banche

Seguita anche la visita del presidente Trump in Europa
iStock

Migranti, l'amministrazione Trump accelera per riunire 2.551 bambini ai genitori

Separati come conseguenza della 'tolleranza zero' al confine nei confronti degli irregolari
Immigration and Customs Enforcement

L'amministrazione Trump ha annunciato che riunirà ai genitori i 2.551 bambini migranti separati nelle passate settimane - dopo aver oltrepassato irregolarmente il confine tra Messico e Stati Uniti -in ottemperanza dell'ordine di un tribunale federale di farlo entro il 26 luglio. Lo riporta Politico.