Allarme dei democratici Usa: alle elezioni del 4 marzo l'Italia rischia l'interferenza della Russia

In un rapporto di 206 pagine, chiedono che Washington aiuti il nostro Paese a proteggere il suo processo democratico. Motivo? E' un membro "essenziale" della Nato e un membro "chiave" della Ue. Accuse contro M5S e Lega
AP

L'opposizione democratica al Congresso Usa ha sollevato nuove preoccupazioni sull'interferenza della Russia nelle elezioni di almeno 19 nazioni europee, Italia inclusa. Lo ha fatto in un rapporto commissionato dal senatore Benjamin L. Cardin.

Lungo 206 pagine, il documento si intitola "L'assalto asimmetrico di Putin alla democrazia in Russia e in Europa: implicazioni per la sicurezza nazionale Usa". In esso si legge che con le politiche del 4 marzo prossimo, "l'Italia potrebbe essere un target dell'interferenza elettorale del Cremlino, che probabilmente cercherà di promuovere partiti che sono contrari a un rinnovo delle sanzioni Ue contro la Russia" per via di quella che viene chiamata "aggressione in Ucraina", a cui nel marzo 2014 Mosca strappò la penisola di Crimea dopo avere condotto un referendum.

Oltre ad accusare il presidente Donald Trump, un repubblicano, di avere fallito nel contrastare le minacce in arrivo da Mosca, punite anche da Barack Obama sul finire della sua presidenza nel dicembre 2016, il documento dedica tre pagine esclusivamente al nostro Paese. Si comincia dicendo che "negli ultimi anni in Italia c'è stata una ripresa di partiti populisti anti-establishment che hanno fatto presa nella popolazione e che hanno raggiunto qualche successo". Secondo il rapporto, alcuni di questi partiti sono "forti sostenitori della politica estera del Cremlino e hanno ampiamente usato Fake News e teorie del complotto nelle loro campagna media". La Lega viene citata quattro volte (con la parola "Nord", anche se ormai decaduta); il Movimento 5 Stelle, una.

Dall'analisi del rapporto, fatto mettendo insieme un'accozzaglia di informazioni raccolte in passato dalla stampa come BuzzFeed o il New York Times, il Movimento 5 Stelle ne esce apparentemente distrutto; viene di fatto descritto come una fonte di notizie false e talvolta promosse da RT, il network controllato da Mosca.

Utilizzando gli stessi metodi, volendo discutibili per un rapporto congressuale, gli autori del documento citano notizie secondo cui la Lega ha siglato accordi con il Cremlino, da cui "potrebbe anche avere ricevuto fondi dai servizi per la sicurrezza russi". Lo stesso rapporto ammette che "non ci sono prove che il M5S stia ricevendo finanziamenti da Mosca" ma poi cita quanto fu rifererito da Business Insider, che a sua volta citava un funzionario italiano secondo cui alcuni dei nostri partiti sono "vulnerabili alle interferenze".

Dal referendum del dicembre 2006 che costò la presidenza del consiglio a Matteo Renzi, si legge, "il governo italiano ha iniziato a prendere azioni per meglio difendere la popolazione dalle fake news e dalle campagne di disinformazione". Perché la disinformazione "arriva anche da fonti interne" e non solo dall'estero. In questo contesto viene ricordata l'iniziativa di Laura Boldrini.

La parte dedicata al nostro Paese si conclude dicendo che "il governo Usa deve aiutare l'Italia a garantire un processo democratico contro l'interferenza straniera". Il motivo? "L'Italia è un alleato essenziale della Nato e un membro chiave della Ue, che nel 2018 voterà per decidere se mantenere o meno le sanzioni contro la Russia per le sue attività in Ucraina".

Altri Servizi

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali

Oggi i conti di Goldman Sachs e Bank of America
AP

Nyt: Russiagate, mandato di comparizione di Mueller per Bannon

Il procuratore speciale indaga sullo staff di Trump. La sua potrebbe essere una mossa per spingere l'ex stratega della Casa Bianca a trattare
AP

Robert Mueller, il procuratore speciale che indaga sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi e sulle possibili collusioni tra il Cremlino e lo staff di Donald Trump, ha spiccato un mandato di comparizione, la scorsa settimana, nei confronti di Steve Bannon, l'ex stratega capo del presidente degli Stati Uniti.

Russiagate: accordo con Mueller, Bannon evita il gran giurì

L'ex stratega della Casa Bianca risponderà alle domande del procuratore speciale sulle interferenze russe nelle elezioni

Steve Bannon avrebbe raggiunto un accordo con Robert Mueller per evitare di testimoniare davanti al gran giurì istituito per l'inchiesta sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi. Lo riporta la Cnn.

General Electric: oneri 6,2 mld $ in IV trim. su revisione attività assicurative

Al lordo delle tasse l'onere è di 9,5 miliardi (con la nuova aliquota fiscale passata dal 35 al 21% con la riforma voluta da Donald Trump la cifra scenderebbe a 7,5 miliardi).
General Electric

General Electric ha fatto sapere che la revisione di North American Life & Health, il portafoglio assicurativo in run-off di Ge Capital, porterà a oneri straordinari per 6,2 miliardi di dollari al netto delle tasse nel quarto trimestre. Al lordo delle tasse l'onere è di 9,5 miliardi (con la nuova aliquota fiscale passata dal 35 al 21% con la riforma voluta da Donald Trump la cifra scenderebbe a 7,5 miliardi).

Ferrari: Marchionne promette, saremo i primi a fare super car elettrica

Per il manager di Fca potrebbe già essere nel prossimo piano industriale

Sarà stato anche un "concetto quasi osceno", come aveva detto al salone dell'auto di Ginevra nel 2016, ma quasi due anni dopo una Ferrari elettrica non è più da escludere. Anzi. "Potrebbe essere nel piano" industriale prossimo. Parola di Sergio Marchionne. L'amministratore delegato e presidente del Cavallino Rampante sa bene che l'esperienza di guidare una Ferrari sta nel suono aggressivo prodotto dal motore ma "se si deve costruire una super car elettrica, Ferrari sarà la prima a farla. E' dovuto".

Cnn: Fox fermò lo scoop sulla relazione sessuale tra Trump e una pornostar prima delle elezioni

Venerdì scorso, il Wall Street Journal ha scritto che Stephanie Clifford fu pagata 130.000 dollari nell'ottobre 2016 per restare in silenzio

Fox News aveva tra le mani lo scoop con i dettagli della relazione sessuale tra la pornostar Stephanie Clifford - conosciuta come Stormy Daniels - e Donald Trump, ma scelse di non pubblicarlo, perché negli Stati Uniti si era in piena campagna elettorale presidenziale. Lo scrive la Cnn, citando quattro fonti.

Wall Street punta a nuovi record

Oggi trimestrale di Citigroup alle 8 (le 14 in Italia). Fiat Chrysler Automobiles presenta un nuovo Cherokee (Suv di Jeep) alle 8:30 (le 14:30 in Italia)
AP

Fmi a San Marino: il settore bancario deve essere rafforzato

La Cassa di Risparmio della Repubblica di San Marino va ristrutturata, deve cambiare modello di business e ridurre costi operativi

Ristabilire la tenuta del settore bancario e mantenere la stabilità finanziaria restano le principali priorità per San Marino. Lo sostiene il Fondo monetario internazionale, il cui staff ha concluso la sua missione nel Paese. Facendo notare che la rotta del debito pubblico dipenderà dal costo fiscale finale della riparazione del sistema bancario, l'istituto di Washington consiglia riforme strutturali, inclusa la riduzione della burocrazia, per aiutare una riorganizzazione dell'economia. Anche perché, sostiene l'Fmi, "l'agenda delle riforme è faticosa e richiede un forte impegno da parte di tutti".

Russiagate, Bannon "collaborerà totalmente con Mueller"

L'ex stratega della Casa Bianca ha ricevuto un mandato di comparizione dal procuratore speciale. Il privilegio esecutivo, invece, 'blocca' Bannon davanti alla commissione Intelligence della Camera

Steve Bannon "intende cooperare totalmente con Mueller", secondo una fonte di Axios vicina all'ex stratega della Casa Bianca. Robert Mueller, il procuratore speciale che indaga sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi e sulle possibili collusioni tra il Cremlino e lo staff di Donald Trump, ha infatti spiccato un mandato di comparizione, la scorsa settimana, nei confronti di Bannon, come svelato ieri dal New York Times.

Goldman Sachs: primo rosso trimestrale da 2011, ma conti sopra stime; da riforma 4,4 miliardi di oneri

Il Ceo Blankfein: "Con la prevista accelerata dell'economia globale, i benefici che arriveranno dalla nuova legislazione fiscale e grazie a un franchise di primo piano, siamo ben posizionati per fare significativi progressi sul piano di crescita".

Nei tre mesi a dicembre Goldman Sachs ha virato in rosso, riportando le sue prime perdite trimestrali dal 2011. Come già successo con i conti delle maggiori rivali dell'istituto newyorkese, ha pesato l'impatto della riforma fiscale voluta dal presidente Donald Trump, che ha provocato oneri straordinari per 4,4 miliardi di dollari.