Allergan ribadisce no a Valeant e taglia 1.500 posti lavoro

Allergan ha visto salire i profitti, ha ribadito il no all'offerta d'acquisto da 53 miliardi di Valeant e taglierà il 13% della forza lavoro.

Allergan, la società farmaceutica che produce il Botox, ha riportato profitti migliori delle aspettative nel secondo trimestre e ha ribadito il proprio no all'offerta d'acquisto da 53 miliardi di dollari in contante e azioni presentata da Valeant Pharmaceuticals International. La società ha inoltre fatto sapere che taglierà 1.500 posti di lavoro, il 13% del totale, generare un risparmio di 475 milioni di dollari al lordo delle tasse nel 2015.

Per ridurre il personale Allergan registrerà oneri una tantum tra 375 e 425 milioni di dollari, legati al pagamento delle liquidazioni e ad altri costi di ristrutturazione. Nei tre mesi, la società ha riportato profitti per 417,2 milioni di dollari, con un rialzo del fatturato del 15,9% a 1,827 miliardi di dollari.

L'utile del secondo trimestre, pari a 1,37 dollari per azione, è superiore ai 359,9 milioni di dollari, 1,17 dollari per azione, dello stesso periodo dell'anno scorso. Escludendo le voci straordinarie l'utile è stato di 1,51 dollari per azione. Gli analisti attendevano profitti per 1,44 dollari per azione su un giro d'affari di 1,77 miliardi.

Prima della pubblicazione dei conti, i media americani avevano fatto sapere che il fondo comune di investimento Capital Research and Management, uno dei principali azionisti di Allergan, ha venduto quasi tutta la sua partecipazione, pari al 6,3%, lasciando il produttore del Botox senza il sostengo di un investitore grande e di lunga data proprio mentre il gruppo tenta di prevenire l'offerta ostile di Valeant.

Quest'ultima non intende arrendersi ed è pronta a percorrere anche vie legali: Valeant ha contattato le autorità di regolamentazione canadesi e americane per presunte false informazioni fornite da Allergan. Secondo Valeant, Allergan ha dichiarato il falso alla Securities and Exchange Commission, la Consob americana: avrebbe citato e descritto come stagnati o in calo le vendite della divisione ottica Bausch & Lomb, comprata l'anno scorso da Valeant per 8,57 miliardi di dollari in contanti dalla private equity Warburg Pincus.

Altri Servizi

Wall Street, attesa per il rapporto sull'occupazione

Petrolio in rialzo dopo il diffuso ottimismo sul taglio della produzione
AP

Usa: -701.000 posti di lavoro a marzo, la disoccupazione sale al 4,4%

Primi effetti del coronavirus, ma i dati si riferiscono solo fino al 12 marzo, all'inizio dell'applicazione delle misure restrittive per contenere la diffusione della pandemia

Il mese scorso, le aziende statunitensi hanno cominciato a licenziare, a cauda dell'emergenza coronavirus, i cui effetti saranno più visibili nei prossimi mesi; la disoccupazione è salita dai minimi degli ultimi 50 anni a un livello superiore a quello atteso dagli esperti. Negli Stati Uniti, a marzo sono stati persi 701.000 posti di lavoro, mentre gli analisti attendevano una riduzione di 10.000 posti di lavoro. La disoccupazione è salita dal 3,5% al 4,4%, contro attese per un 3,7 per cento.

Usa, effetto coronavirus: 10 milioni di disoccupati in due settimane

La scorsa settimana, 6,6 milioni di nuove richieste di sussidi di disoccupazione, il doppio della settimana precedente
Ap

Il numero dei lavoratori che per la prima volta hanno fatto richiesta, la scorsa settimana, per ricevere i sussidi di disoccupazione negli Stati Uniti ha registrato un aumento record, perché ha fortemente subito gli effetti della pandemia di coronavirus. Secondo quanto riportato dal dipartimento del Lavoro, le richieste iniziali di sussidi di disoccupazione sono aumentate di 3,341 milioni a 6,648 milioni di unità; gli analisti attendevano un dato in rialzo di 3,1 milioni. 

Wall Street, attenzione alle richieste di disoccupazione

In programma anche il deficit della bilancia commerciale
AP

Wall Street riparte dopo il primo trimestre peggiore della sua storia

Oggi atteso il dato sull'occupazione nel settore privato
AP

Coronavirus, Trump: picco a Pasqua, il numero di morti calerà molto entro giugno

Il presidente Usa intervistato da Fox News: "Se non avessi fatto nulla, avremmo rischiato 2,2 milioni di morti; avremo fatto un buon lavoro se saranno al massimo 200.000"
Ap

"Stiamo combattendo una guerra. È incredibile quello che stiamo facendo [...] Stiamo facendo un grande lavoro, stiamo costruendo degli ospedali in 3-4 giorni. Intorno a Pasqua ci sarà il picco, gli esperti prevedono che ci saranno dei veri progressi entro la fine di aprile". Lo ha detto il presidente statunitense, Donald Trump, che sta parlando a 'Fox and friends' su Fox News a proposito dell'emergenza coronavirus. Trump ha poi detto che il numero di morti "calerà molto" entro il primo giugno.

Coronavirus, Pence: "Situazione Usa comparabile a quella dell'Italia"

Il vicepresidente Usa: "Il futuro è nelle nostre mani". I casi negli Stati Uniti sono 189.633, i morti 4.081

"Pensiamo che l'Italia sia l'area più comparabile agli Stati Uniti, in questo momento". A dirlo è stato il vicepresidente statunitense, Mike Pence, intervistato dalla Cnn sull'emergenza coronavirus. "Il nostro messaggio di ieri e per i prossimi 30 giorni è che il futuro è nelle nostre mani" ha dichiarato.

Wall Street, resta l'agitazione per coronavirus e petrolio

Dati in programma: indice dei prezzi e fiducia dei consumatori
AP

Wall Street, verso un'altra settimana volatile

Il presidente Trump 'rinuncia' a far ripartire gli Stati Uniti entro Pasqua
AP

Trump allenta gli standard ambientali per le auto

Le nuove norme, che cancellano le misure volute da Obama, saranno subito portate in tribunale da Stati e gruppi ambientalisti