Altra gaffe per Biden in Iowa. Problema di stile o di età?

L'ex vicepresidente sbaglia la data della sparatoria a Parkland, Florida, la peggiore della storia Usa ad essere avvenuta in una scuola
Ap

Joe Biden ha un problema con le gaffe? E' quello che l'America che nel 2020 andrà a votare per le presidenziali si sta domandando. Da destra a sinistra.

L'ultimo scivolone del vicepresidente di Barack Obama è stato fatto in Iowa, uno stato cruciale per qualsiasi candidato alla Casa Bianca. Una settimana dopo la prima di due sparatorie di massa avvenute nel giro di due giorni negli Stati Uniti, Biden stava cercando di spiegare come da quando lui era alla Casa Bianca, la sensibilità degli americani nei confronti del tema della sicurezza da armi da fuoco sia aumentata e come, quindi, ci sia un terreno più favorevole per agire al fine di risolvere il problema. Peccato che forse per empatizzare con il pubblico, Biden abbia ricordato la sparatoria del febbraio del 2018 avvenuta a Parkland, in Florida, sbagliando data. "Questi ragazzi a Parkland vennero a trovarmi [a Washington] quando ero vicepresidente". Lui aveva lasciato la Casa Bianca nel gennaio del 2017 e quella a cui ha fatto riferimento è stata la peggiore sparatoria nella storia degli Stati Uniti a essere stata commessa in una scuola.

Giorni prima aveva fatto riferimento alle due più recenti sparatorie di massa sbagliando il luogo in cui sono avvenute. Invece di El Paso disse Houston (due città del Texas) e invece di dire Ohio (lo stato dove la città di Dayton si trova), Biden parlò di Michigan. Lui si difese dicendo: "Non credo che nessuno abbia pensato ad altro rispetto a quello che intendevo dire".

Le gaffe di Biden non sono finite qui. Nella stessa settimana il 76enne si stava rivolgendo a un gruppo di elettori di origini asiatiche e ispaniche dicendo loro che "questi poveri bambini sono tanto brillanti e pieni di talento quanto quelli bianchi", come se questi ultimi fossero l'unità di misura. E infatti subito dopo ha aggiunto: "bambini ricchi". Quello che intendeva dire era che anche i bambini più sfortunati, se fosse data loro un'opportunità, saprebbero dimostrare di fare qualsiasi cosa come tutti gli altri. A prescindere dalle intenzioni, Biden ha dato ai repubblicani una scusa per criticare lui e i democratici sul tema del razzismo a pochi giorni dal secondo anniversario della tragedia di Charlottesville, in Virginia, dove un suprematista bianco guidò sulla folla uccidendo una persona che stava manifestando pacificamente contro un gruppo di altri suprematisti. Allora il presidente americano, Donald Trump, fu pesantemente criticato per non avere condannato l'accaduto.

E così nei dibattiti in corso in Usa, ci si domanda se Biden sia l'uomo ideale per sfidare Trump e se la sua età dimostri che non lo sia. Nel corso del secondo dibattito democratico, Biden ha fatto riferimento al rivale Cory Booker come "presidente" invece che "senatore" facendo impazzire la rete che subitò lo schernì per il falso endorsement. Sempre in quell'occasione, da Detroit, Biden si rivolse al pubblico a casa affermando: "Se siete d'accordo con me, andate su Joe 30330 e aiutatemi in questa battaglia". Nel giro di pochi minuti "Joe 30330" era diventato un trend su Twitter e la campagna dell'ex presidente subito chiarì: Biden intendeva dire di scrivere un sms a quel numero e non di visitare il sito legato alla campagna del 2020.

A prescindere dall'età anagrafica, Biden è noto per fare gaffe. Durante la campagna elettorale che portò poi all'elezione del primo presidente afroamericano nella storia degli Stati Uniti, Biden disse che Barack Obama era "pulito" e che "articolato".



Altri Servizi

Per i Ceo d'America, garantire valore ai soci non è più la sola priorità

Più attenzione a consumatori, dipendenti, fornitori e comunità. Dimon: "Il sogno americano è vivo ma si sta logorando"
Wikimedia Commons

Creare ricchezza per i propri soci non è più la sola priorità per i Ceo d'America. La Business Roundtable, un gruppo di amministratori delegati delle principali aziende Usa, ha diffuso un comunicato offrendo una nuova definizione di "scopo di un'azienda". Invece che servire prima di tutto i propri azionisti massimizzando i profitti, la nuova idea di "corporation" prevede investimenti nei dipendenti, valore per i consumatori, una gestione etica delle relazioni con fornitori e sostegno alle comunità locali dove le aziende operano.

Kudlow: "Vogliamo un nuovo round di negoziati con la Cina. E non c'è nessuna recessione all'orizzonte"

Il consigliere economico della Casa Bianca rassicura sui colloqui con Pechino e sull'economia. Ma aveva pronunciato le stesse affermazioni nel 2007, poco prima della grande recessione
Gage Skidmore /Gage Skidmore

L'amministrazione statunitense vuole portare avanti i negoziati con la Cina per porre fine alla guerra commerciale tra i due Paesi (vissuta con molto nervosismo dai mercati). Lo ha dichiarato il consigliere economico della Casa Bianca, Larry Kudlow, in un'intervista alla trasmissione Fox News Sunday.

Toronto, la Silicon Valley canadese

Aumentano le società tech che investono nella quarta città nordamericana, attirati da costi inferiori e leggi sull'immigrazione migliori rispetto a quelle statunitensi
Ap

La Silicon Valley sta invadendo Toronto. Intel Corp. ha annunciato che costruirà un laboratorio, Uber Technologies aprirà un polo ingegneristico, Alphabet (Google) ha proposto la costruzione di un nuovo campus e Microsoft ha reso noto di voler aumentare la propria forza lavoro in città di oltre il 20 per cento. C'è cos" tanto fermento che la Silicon Valley Bank, che finanzia alcune delle maggiori società di venture-capital e startup al mondo, vi ha aperto un ufficio lo scorso marzo, dopo aver gestito per 19 anni gli affari canadesi da Seattle e Boston.

Wall Street, focus sul commercio e sui segnali di recessione

Dati in programma: avvio di nuovi cantieri e fiducia dei consumatori
AP

La diplomazia straniera si prepara a un'altra vittoria di Trump

Scottate dall'esito delle elezioni del 2016, le ambasciate si aspettano il secondo mandato del presidente: una previsione che sta già influenzando rapporti e negoziati con Washington
Ap

Scottati dall'imprevista vittoria di Donald Trump nel 2016, i diplomatici stranieri non vogliono commettere lo stesso errore: per questo, si stanno già preparando per la vittoria del presidente statunitense alle elezioni del prossimo anno. L'opinione che Trump vincerà ancora, emersa dalle conversazioni dei giornalisti di Politico con una ventina di diplomatici stranieri, funzionari internazionali e analisti, è molto diffusa.

Hong Kong, la Cina accusa gli Usa di fomentare il caos

Pechino biasima soprattutto Pelosi e McConnell

Gli Stati Uniti fomentano il caos a Hong Kong. L'accusa è stata formulata dalla portavoce del ministero degli Esteri cinese, secondo cui ci sono "prove evidenti" del coinvolgimento di Washington nelle proteste. La portavoce Hua Chunying ha commentato: "Gli Stati Uniti hanno negato in molte occasioni il loro coinvolgimento nelle violenze in corso a Hong Kong. I commenti di alcuni membri del Congresso - il riferimento è alla speaker della Camera, la democratica Nancy Pelosi, e al leader della maggioranza repubblicana in Senato, Mitch McConnell, ndr - hanno fornito al mondo nuove ed evidenti prove del coinvolgimento" degli Stati Uniti.

Wall Street, investitori concentrati sui rapporti Usa-Cina

Giornata priva di spunti macroeconomici
AP

Usa verso proroga di 3 mesi per permettere a Huawei di acquistare da fornitori Usa

La Casa Bianca ha subito le pressioni delle società tecnologiche Usa, preoccupate dalla possibilità di perdere diversi miliardi di dollari
AP