Amazon apre la porta alle consegne dentro casa

Lancia il servizio Key e la telecamera connessa a internet Cloud Cam. Il gruppo di Jeff Bezos testa i limiti della privacy
Amazon

Amazon non si accontenta più di recapitare i pacchi ordinati dai suoi clienti sulla loro porta di casa. Il colosso del commercio elettronico vuole entrarci. Per chi si fida ciecamente dell'azienda di Jeff Bezos e del suo personale, la merce ordinata sulla piattaforma online potrà arrivare dentro le pareti domestiche

Amazon ha annunciato infatti il lancio di Amazon Keys: si tratta di un servizio abbinato a Cloud Cam, una nuova telecamera connessa a internet che consente di sorvegliare la propria casa a un prezzo che il gruppo definisce "abbordabile" (119,99 dollari); essa è compatibile a un lucchetto "smart".

Amazon Keys - il cui kit, che comprende Cloud Cam, ha un prezzo di partenza di 249,99 dollari - sarà disponibile solo agli abbonati al servizio Prime dall'8 novembre, inizialmente in 37 città Usa e poi in un numero crescente di posti. La soluzione è pensata per evitare il problema di pacchi andati persi o rubati quando, non essendo il destinatario a casa per riceverli, vengono lasciati davanti al portone. Essa inoltre permette al gruppo di creare nuovi servizi sfruttando la sua crescente gamma di prodotti hardware (Cloud Cam viene venduto anche come uno strumento utile per l'accesso in casa di ospiti o di chiunque abbia il permesso di entrarvi senza che il padrone sia presente). Il servizio tuttavia è destinato a testare i limiti della privacy visto che il personale addetto alle consegne potrà mettere piede dentro le mura domestiche "senza chiavi di accesso".

"Amazon Key dà ai consumatori la serenità di sapere che i loro ordini sono stati consegnati nelle loro case", ha detto in una nota Peter Larsen, vicepresidente per le tecnologie di consegna di Amazon. Ora i membri Prime possono scegliere le consegne in casa e vedere i loro pacchi essere consegnati direttamente dai loro smartphone".

Amazon
Altri Servizi

Ottimismo a Wall Street, giornata di trimestrali

Attesi i dati di Campbell Soup, Dollar Tree, DSW, Guess, Hewlett Packard Enterprise, HP e Salesforce
AP

Charlie Rose accusato di molestie. Pbs sospende il programma

Lui ammette: sono colpevole e chiede scusa. Le accuse da parte di otto donne sono contenute in un articolo del Washington Post

Lo storico giornalista americano, Charlie Rose, è stato coinvolto in uno scandalo sessuale: almeno otto donne lo hanno sostenuto di essere state molestate dal settantacinquenne. Per questo motivo, Cbs ha deciso di sospenderlo dalla conduzione della trasmissione "CBS This Morning" e da "60 Minutes", a cui contribuisce regolarmente. PBS e Bloomberg Television ha annunciato lo stop alla produzione e alla distribuzione del programma "Charlie Rose" che il 75enne conduce dal 1991.

Molestie sessuali, emergono vecchie accuse contro un deputato democratico

Il caso di John Conyers, secondo la stampa Usa, è un esempio di un meccanismo segreto e perverso che permette ai parlamentari di tenere segrete le accuse di molestie

Il democratico John Conyers, il deputato statunitense che da più tempo siede alla Camera, ha licenziato un'impiegata che, secondo l'accusa, non avrebbe ceduto ai suoi approcci sessuali; poi, ha trovato un accordo con la donna, che aveva denunciato il licenziamento illegittimo. A riportare i fatti, risalenti al 2015, è stato il sito BuzzFeed. Come parte dell'accordo, Conyers non ha ammesso alcuna responsabilità; contattato da BuzzFeed per commentare il fatto, non ha voluto parlare. Conyers, 88 anni, è deputato dal 1965, in rappresentanza del Michigan.

Trump e Putin cercano intesa sulla Siria, ma le difficoltà sono molte

L'intesa, ancora alle fasi iniziali, traballa già dopo uno scontro alle Nazioni Unite. Questo getta acqua sul fuoco dell'ottimismo e solleva dubbi in vista delle riunioni internazionali sulla spinosa questione.
AP

Il presidente americano Donald Trump e il suo omologo russo Vladimir Putin sono al lavoro su un accordo sulla Siria, ma la strada appare in salita. L'intesa, ancora alle fasi iniziali, traballa già dopo uno scontro alle Nazioni Unite. Come spiega l'Afp in un'analisi, questo getta acqua sul fuoco dell'ottimismo e solleva dubbi in vista delle riunioni internazionali sulla spinosa questione.

Hillary Clinton: "Trump è ossessionato da me"

L’ex candidata democratica ha parlato da Little Rock, in Arkansas, dove ha festeggiato il 25esimo anniversario della vittoria presidenziale del marito Bill
Ap

A poco più di un anno dalle elezioni americane che hanno segnato il trionfo di Donald Trump, lo scontro tra lui e Hillary Clinton sembra non essersi ancora placato. L’ultima frecciata arriva dall’ex candidata democratica secondo cui il presidente americano è ossessionato da lei. L’ex segretario di Stato ha parlato durante un forum a Little Rock, in Arkansas, dove è andata a celebrare il 25esimo anniversario della vittoria presidenziale del marito e i 13 anni di vita del centro a lui intitolato.

New Orleans, eletto il primo sindaco donna in 300 anni di storia

La democratica LaToya Cantrell ha battuto la rivale Desiree Charbonnet con il 60% dei voti
@LaToyaForNOLA

Una notte elettorale storica quella che si è vissuta a New Orleans, in Louisiana, dove per la prima volta in 300 anni di storia cittadina è stato eletto un sindaco donna. A trionfare, in un ballottaggio tutto al femminile, è stata la democratica LaToya Cantrell che ha battuto la rivale Desiree Charbonnet con il 60% delle preferenze.

Wall Street punta sul rimbalzo

Ieri per il DJIA è stata la peggiore seduta dal 19 ottobre
AP

Apple: fornitore Foxconn sfrutta studenti in fabbrica cinese (FT)

Lavorano fino a 11 ore al giorno, oltre il limite previsto dalla legge per i stagisti

Messo sotto pressione dai ritardi nella produzione, per assemblare l'iPhone X in una sua fabbrica in Cina il fornitore taiwanese di Apple (Foxconn) ha arruolato studenti facendo fare loro gli straordinari; si tratta di una mossa illecita in base alle leggi cinesi. Lo scrive il Finacial Times, che ha parlato con sei di quei studenti, parte di un gruppo di 3.000 inviati nello stabilimento dalla loro scuola, la Zhengzhou Urban Rail Transit School.

L'ex segretario al Tesoro Jacob Lew torna alla finanza

Lavorò nell'amministrazione Obama. Diventa partner della società di private equity Lindsay Goldberg. Avrà un ruolo attivo. Mossa simile a quella del suo precessore Timothy Geithner
United States Government Work

Jack Lew è diventato l'ultimo esempio di chi ha ricoperto incarichi di alto livello dentro il governo Usa e che ha poi deciso di darsi al settore privato. L'ex segretario al Tesoro durante il secondo mandato del presidente americano Barack Obama ha deciso di unirsi alla squadra della società di private equity Lindsay Goldberg nei panni di partner. Lo ha annunciato il gruppo con sede a New York con circa 130 dipendenti e che vanta capitali per 15 miliardi di dollari.

Il Mondiale delle escluse, l'idea che arriva dagli Usa

Molte nazionali di rilievo non andranno in Russia. Perché, allora, non organizzare un torneo tra loro, sull'esempio del basket universitario statunitense?
Ap

L'idea nasce negli Stati Uniti, dove il precedente - nel basket - esiste già: perché non organizzare un Mondiale di calcio con le nazionali escluse? A proporlo è il giornalista statunitense Andrew Joseph su Usa Today, ma l'idea era già da ore in circolo sui social network. Italia, Stati Uniti, Paesi Bassi e Cile sono solo alcune delle grandi escluse dal Mondiale del prossimo anno in Russia, che hanno fatto sprofondare nella tristezza i fan e provocato danni enormi anche a chi aveva investito sulla loro qualificazione, come le televisioni. Perché, allora, non organizzare un Mondiale a inviti, come succede per il basket universitario negli Stati Uniti con il Nit? Nit sta per National Invitational Tournament, sarcasticamente ribattezzato 'Not in Tournament', corrispondente peraltro alla verità: nata prima del campionato Ncaa, è poi diventata la competizione di consolazione per le squadre escluse dal grande torneo.