Amazon ci spia? Conversazione privata registrata e inviata da Alexa

Montano i timori per la privacy. L'assistente vocale, attraverso lo speaker Echo, ha ascoltato quanto detto da una coppia mal interpretando comandi inesistenti
Amazon

Sarà stato anche un "episodio estremamente raro" ma il gruppo Amazon è costretto a fare i conti con preoccupazioni legate alla violazione della privacy dei suoi clienti e al rischio che le sue ambizioni volte a conquistare le nostre case per renderle sempre più 'smart' si scontrino con la diffidenza di chi non vuole essere spiato.

Ad avere sollevato i timori è quanto successo a una coppia americana, la cui conversazione privata è stata registrata da Echo (lo speaker intelligente del gruppo) e poi inviata a uno persona a caso presente tra i loro contatti. Marito e moglie hanno scoperto che quanto si erano detti era uscito dalle pareti domestiche a loro insaputa solo quando, due settimane dopo, un dipendente di lui li ha chiamati avvertendoli: "Staccate immediatamante la spina dei vostri dispositivi [dotati dell'assistente vocale] Alexa. Siete stati hackerati".

L'incidente, di cui ha dato notizia per prima l'emittente Kiro 7, ha spinto il colosso americano del commercio elettronico a difendersi: "Amazon prende molto seriamente la privacy. Abbiamo indagato su quanto successo e determinato che questo è stato un episodio estremamente raro. Stiamo facendo in modo che un incidente così non si ripeta in futuro".

Stando alla ricostruzione fornita dalla donna all'emittente, da Seattle (nello Stato di Washington) il dipendente ha telefonato alla coppia che vive a Portland (in Oregon) e ha spiegato di avere ricevuto file audio riguardanti le loro conversazioni. Incredule, le due persone inconsapevolemte spiate da Alexa hanno ascoltato i file e confermato quanto successo. A quel punto la coppia ha contattato Amazon. Un ingegnere del gruppo "si è scusato tipo 15 volte in 30 minuti e ha detto che apprezzava davvero il fatto che avessimo segnalato la cosa", ha raccontato la donna all'emittente. L'ingegnere "ci ha detto che il dispostivo stava semplicemente indovinando quello che stavamo dicendo", ha continuato la donna sostenendo però di non avere sentito Alexa dire che stava per inviare i file (una funzione che è in grado di fare).

Mentre la coppia ha chiesto al colosso tech guidato da Jeff Bezos di rimborsarla per quanto speso nell'acquisto dei vari dispositivi pensati per rendere la loro casa intelligente, Amazon ha fornito ulteriori spiegazioni. A Cnbc, il gruppo ha spiegato che Echo si è attivato per via di una parola nella conversazione sullo sfondo che è suonata come 'Alexa' (il comando che serve per iniziare a dare comandi allo speaker, ndr). A quel punto, la conversazione che ne è seguita è stata sentita come una richiesta 'invia il messaggio'". Successivamente "la conversazione sullo sfondo è stata interpretata come un nome nell'elenco dei contatti dei clienti. A quel punto Alexa ha chiesto espressamente '[nome del contatto], giusto?'". Stando ad Amazon, Alexa ha di conseguenza interpretato la conversazione successiva come "giusto" in risposta alla domanda fatta dall'assistente vocale per eccertarsi di avere capito il tipo di comando che però nessuno aveva pronunciato. "Per quanto improbabile questa serie di eventi sia, stiamo valutando le opzioni per rendere questo caso ancora meno probabile", ha detto Amazon.

Altri Servizi

Wall Street, timori per la crescita cinese

L'economia di Pechino cresciuta del 6,2% nel secondo trimestre rispetto a un anno prima, il passo più lento in almeno 27 anni
AP


Migranti, Corte costituzionale del Guatemala blocca il possibile accordo con gli Usa

Washington vuole lasciare ai centroamericani i richiedenti asilo provenienti da El Salvador e Honduras
AP

La Corte costituzionale del Guatemala ha emesso un'ordinanza per impedire al presidente Jimmy Morales di firmare un controverso accordo sull'immigrazione con il presidente statunitense Donald Trump. L'accordo, se firmato, costringerebbe i migranti provenienti da El Salvador e Honduras a chiedere asilo in Guatemala, invece che negli Stati Uniti, il Paese dove vorrebbero dirigersi.

Blackout a New York, città al buio per tre ore

Colpita una parte di Manhattan, oltre 70 mila senza corrente elettrica. Traffico impazzito e diversi problemi ma nessun danno né feriti
Ap

Caos a New York per un blackout che sabato sera ha paralizzato una parte della città per almeno tre ore. Il problema, dovuto a un guasto alla rete elettrica, ha lasciato al buio oltre 70mila persone secondo quanto dichiarato da Con Edison, la società che gestisce i servizi di gas ed elettricità della città. La zona maggiormente colpita è stata quella del West Side, la parte di Manhattan a ovest di Central Park, dove il blackout è iniziato attorno alle sette di sabato sera.

Trump attacca le deputate progressiste: "Tornino nei Paesi corrotti da dove sono venute"

Nel mirino Ocasio-Cortez, le musulmane Ilhan Omar e Rashida Tlaib e l'afroamericana Ayanna Pressley

In un weekend particolarmente teso negli Stati Uniti, dopo il via libera di Donald Trump ai raid contro i migranti irregolari, il presidente americano si è scagliato contro un gruppo di parlamentari progressiste appartenenti ad alcune minoranze etniche sempre più influenti all'interno del Partito Democratico.

Usa-Iran, Trump uscì dall'accordo nucleare per "fare un dispetto a Obama"

Il Mail on Sunday ha pubblicato nuove rivelazioni dai messaggi dell'ex ambasciatore britannico a Washington Kim Darroch
AP

Continua a fuga di notizie che ha causato le dimissioni dell'ambasciatore britannico negli Stati Uniti, Kim Darroch. Il The Mail on Sunday ha pubblicato nuovi messaggi relativi a un memo scritto dall’ambasciatore di Londra nel quale si dice che il presidente Donald Trump decise di uscire dall'accordo sul nucleare iraniano, nel maggio del 2018, "per fare un dispetto" al suo predecessore, Barack Obama, che lo aveva firmato nel 2015.

Dopo il governatore della Federal Reserve, anche il segretario americano al Tesoro fa pressione sul Congresso affinché alzi il tetto al debito per evitare che gli Stati Uniti si ritrovino da inizio settembre senza i fondi per finanziare le loro spese e onorare i propri impegni con i creditori.

Netflix perde "Friends", la celebre serie TV passa sul nuovo servizio Hbo Max

L'annuncio di WarnerMedia. Accordo quinquennale a partire dal 2020

Dopo "The Office", Netflix perde i diritti a trasmettere un'altra celebre serie Tv americana: "Friends". WarnerMedia (l'ex Time Warner rilevata da AT&T in una transazione da oltre 80 miliardi di dollari) ha comunicato che le avventure di Jennifer Aniston nei panni di Rachel Green e quelle degli altri cinque suoi amici verranno trasmesse su un nuovo servizio in streaming che verrà lanciato la prossima primavera e che si chiamerà HBO Max.

Wall Street ottimista dopo le parole di Powell

Il governatore della Fed ha fornito altri indizi che portano a un taglio dei tassi alla fine del mese
AP

Geraci al governo Trump: i dazi Usa per punire Airbus colpiscono l'Italia

Impatto potenziale su 4,3 miliardi di euro l'anno, pari al 10% dell'export italiano. L'amministrazione "rivedrà i suoi numeri". Il sottosegretario in quota Lega: non si è parlato di presunti fondi russi a Salvini
A24

I dazi minacciati dal governo americano contro la Ue nell'ambito della lunga battaglia legata ai sussidi tra il gruppo americano Boeing e l'arcirivale europeo Airbus finiscono per penalizzare l'Italia. Parola del sottosegretario allo Sviluppo Economico, Michele Geraci.