Amazon compra Whole Foods Market per circa 13,7 mld $ in cash, debito incluso

Whole Foods continuerà a gestire i supermercati con il proprio marchio e l'amministratore delegato John Mackey resterà in carica.
Shutterstock

Amazon si espande nel settore della grande distribuzione tradizionale. Come si legge in una nota, il colosso americano dell'e-commerce ha rilevato la catena di supermercati Whole Foods Markets per 42 dollari per azione, completamente in contanti, nell'ambito di un'operazione valutata circa 13,7 miliardi di dollari, compreso il debito netto del retailer.

Per il gigante fondato da Jeff Bezos è la maggiore acquisizione di sempre. L'operazione è anche una delle maggiori che abbiano coinvolto una catena di supermercati americana.

"Milioni di persone amano Whole Foods Market perché offrono i migliori prodotti organici e naturali e rendono divertente mangiare in modo salutare", ha detto Jeff Bezos, amministratore delegato di Amazon, sottolineando che la catena di supermercati "sta facendo un ottimo lavoro e vogliamo che questo continui".

Per Amazon, ha detto ancora Bezos, "la partnership è un'opportunità per massimizzare il valore per gli azionisti di Whole Foors, allo stesso tempo ampliando la mission di Amazon, dando ai clienti la massima qualità, esperienza, convenienza e innovazione". 

Amazon ha precisato che Whole Foods continuerà a gestire i supermercati con il proprio marchio e l'amministratore delegato John Mackey resterà in carica. Il quartier generale resterà ad Austin, in Texas. La transazione, che secondo le previsioni sarà chiusa nella seconda metà del 2017, deve essere approvata dagli azionisti di Whole Foods Market e dalle autorità di regolamentazione.

In base ai termini dell'accordo, Whole Foods sarà tenuta a pagare ad Amazon una penale di 400 milioni di dollari qualora decidesse di fare saltare l'operazione. Amazon ha fatto sapere che intende finanziare la transazione tramite liquidità attualmente disponibile e tramite debito. Il gruppo ha ricevuto impegno da parte di creditori per un prestito ponte da 13,7 miliardi di dollari, con la durata di 364 giorni.

Il finanziamento potrà includere anche titoli senior non assicurati e prestiti a lungo termine. Il titolo di Whole Foods ha perso quasi la metà del proprio valore rispetto ai massimi del 2013 e si aggira attualmente a circa 33 dollari per azione. Le vendite comparate, ovvero quelle dei negozi aperti da almeno un anno, si attestano in ribasso costante da settembre 2015.

Altri Servizi

L'Organizzazione mondiale del commercio risponde a Trump

Dopo gli attacchi del presidente americano, Cina, Europa e Argentina chiedono rapporti bilaterali più stretti. Per Trump invece l'Omc ha un piano per indebolire gli Stati Uniti
AP

Negli ultimi giorni i paesi membri dell'Organizzazione mondiale del commercio hanno attaccato il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump per le sue posizioni nei confronti dell'organizzazione, che ha più volte descritto come un gruppo che ha pregiudizi nei confronti di Washington. Domenica mattina si è aperto a Buenos Aires, in Argentina, l'incontro biennale dei 164 Paesi membri. All'apertura dei lavori, il presidente argentino, Mauricio Macri, ha detto che è importante rafforzare i rapporti multilaterali tra gli Stati. Si tratta della stessa posizione dei Paesi europei e della Cina, che nei giorni scorsi hanno sostenuto la stessa posizione espressa da Macri. 

Trump Jr. chiese a un'avvocata russa le prove contro la fondazione Clinton

La legale, Natalia Veselnitskaya, lo ha detto alla commissione Giustizia del Senato. Negli Stati Uniti, sono in corso le indagini sulle interferenze russe nelle scorse elezioni presidenziali e sui possibili legami tra Mosca e lo staff di Donald Trump

L'avvocata russa presente all'incontro alla Trump Tower, il 9 giugno 2016, con i massimi responsabili della campagna elettorale del candidato repubblicano ha dichiarato che il figlio dell'attuale presidente statunitense, Donald Trump Jr., le chiese se avesse le prove di donazioni illegali alla Clinton Foundation. L'avvocata, riporta Nbc News, ha risposto alle domande che la commissione Giustizia del Senato le ha presentato per iscritto.

La settimana negli Stati Uniti: Fed, riforma fiscale e voto in Alabama

L'ultima settimana prima delle vacanze di Natale. Il Congresso deve affrontare anche lo shutdown, mentre la Fed si prepara ad alzare i tassi sul denaro per la terza volta nel 2017
AP

Manca ormai poco alle feste di Natale e alla chiusura del 2017. La settimana in arrivo in America - dopo quella incredibile appena passata - prevede tre eventi fondamentali. Il Congresso continua a lavorare sulla riforma fiscale, la Federal reserve dovrebbe annunciare un rialzo dei tassi di interesse e poi si vota in Alabama per assegnare un posto al Senato: tutti parlano solo di Roy Moore. Vediamoli.

Trump, con un video attacca Obama, Clinton e Bush su Gerusalemme

Con un tweet il presidente americano critica i suoi predecessori: avevano annunciato lo spostamento dell'ambasciata Usa in Israele da Tel Aviv nella città contesa ma non lo hanno fatto
AP

Due giorni dopo avere riconosciuto Gerusalemme come capitale d'Israele, Donald Trump ha pubblicato su Twitter un video che mostra tre suoi predecessori - Bill Clinton, George W. Bush e Barack Obama - fare la stessa promessa, poi non mantenute. "Io ho mantenuto le promesse della mia campagna elettorale - altri non lo hanno fatto", ha tuonato il45esimo presidente americano.

Ge: 12mila esuberi nella divisione Power

Obiettivo: tagliare i costi di un miliardo di dollari nel 2018

La divisione di General Electric dedicata alle attività energetiche intende tagliare 12.000 posti di lavoro, di cui 1.100 nel Regno Unito, con l'intento di ridurre i costi di un miliardo di dollari nel 2018. La decisione della conglomerata americana, che secondo gli analisti era da tempo necessaria, colpirà professionisti e addetti alla produzione. Il numero di esuberi corrisponde al 20% circa della forza lavoro della divisione che produce turbine per impianti energetici a carbone e a gas.

Trump Jr. agli investigatori: "Non parlo della conversazione con mio padre"

In commissione Intelligence della Camera, ha invocato il diritto alla riservatezza garantito nel rapporto tra cliente e avvocato, visto che parteciparono, oltre a padre e figlio, anche i rispettivi legali
AP

Donald Trump Jr., il figlio maggiore del presidente statunitense Donald Trump, si è rifiutato di discutere con gli investigatori del Congresso di una conversazione con il padre, a proposito delle rivelazioni sul suo incontro con un'avvocata russa durante la scorsa campagna elettorale. Lo hanno riferito alcune fonti al Wall Street Journal.

Wall Street: occupazione Usa in primo piano

Creati più posti di lavoro del previsto ma i salari stentano a crescere. La Federal Reserve è pronta ad alzare i tassi la settimana prossima
AP

Apple verso l'acquisto di Shazam, app per riconoscere le canzoni

TechCrunch: il produttore dell'iPhone potrebbe pagare meno di un miliardo di dollari

Apple sta per acquistare Shazam, la app per riconoscere le canzoni. A sostenerlo è il sito TechCrunch: citando fonti anonime, il sito specializzato in tecnologia riferisce che il produttore dell'iPhone potrebbe pagare centinaia di migliaia di dollari per l'applicazione; se cos" fosse, Apple verserebbe meno del miliardo di dollari circa a cui Shazam fu valutata nel suo ultimo round di raccolta fondi risalente al 2015. Un'intesa potrebbe essere annunciata luned" 11 dicembre.

Lo spettro di molestie sessuali arriva anche a Wall Street

Morgan Stanley licenzia un advisor, ex deputato a Washington, per "condotta inopportuna" nei confronti di una donna. Si tratta di Harold Ford Jr
iStock

Dopo Hollywood, Capitol Hill e la Silicon Valley, anche a Wall Street si solleva lo spettro di molestie sessuali. Morgan Stanley ha subito licenziato un advisor di alto livello dopo che una donna si è lamentata di una sua condotta inappropriata e giudicata dalla banca come "non in linea ai nostri valori e in violazione delle nostre politiche.

L'occupazione Usa cresciuta più del previsto a novembre, Fed pronta a una stretta

Per l'86esimo mese di fila le aziende hanno reclutato personale. I salari orari però sono saliti meno del previsto

A novembre le aziende americane hanno continuato ad assumere continuando la tendenza vista il mese precedente. Il rialzo del mese scorso segna l'86esimo mese di fila in cui i datori di lavoro hanno reclutato personale negli Stati Uniti.