Amazon lancia servizio di consegne, FedEx e Ups tremano

Il programma “Shipping with Amazon” inizierà a Los Angeles. Cautela da parte degli analisti
Amazon

Amazon si prepara a lanciare un servizio di consegne pensato per le aziende e Ups e FedEx tremano. A Wall Street i titoli dei colossi americani delle spedizioni perdono terreno.

Stando al Wall Street Journal, il nuovo servizio si chiamerà "shipping with Amazon" (letteralmente, spedire con Amazon) o SWA. In pratica il colosso del commercio elettronico raccoglierà i pacchi dalle aziende clienti e li consegnerà ai destinatari. Amazon lancerà un programma pilota nelle settimane a venire a Los Angeles (California) per commercianti terzi che vendono prodotti sul suo sito; poi allargherà il servizio in altre città più avanti nell'anno. Da anni Amazon sta lavorando per creare una sua rete di trasporto merci, motivo per cui ha preso in leasing 40 aerei. 

Il programma “Shipping with Amazon” - già testato a Londra - rappresenta per l'azienda di Jeff Bezos il tentativo più aggressivo per ridurre la sua dipendenza da Ups e FedEx al fine di garantire la cosa più importante per la clientela: consegne rapide e affidabili. E intende farlo sfidando i due colossi delle spedizioni sul fronte dei prezzi, dicono le fonti del Wsj.

Amazon già effettua consegne degli ordini ricevuti sulla sua piattaforma in almeno 37 città americane. Il piano associato a SWA è quello di prelevare la merce da spedire direttamente dai magazzini o dalle aziende clienti laddove può farlo; altrimenti si affiderà al servizio nazionale di posta (Usps) o a quelli che stanno diventando a tutti gli effetti gruppi rivali.

Un portavoce del gruppo con sede a Seattle (nello Stato di Washington) ha detto al Wsj che "stiamo sempre innovando e sperimentando per conto dei nostri clienti e delle aziende che vendono e crescono su Amazon per creare scelte di consegne più veloci e a basso costo".

Resta da vedere se Amazon sarà in grado di effettuare consegne per conto di un vasto gruppo di aziende su larga scala. Farlo con successo richiede una rete distributiva enorme e costosa: basti pensare che Ups intende spendere quest'anno fino a 7 miliardi per migliorare la rete stessa. E infatti gli analisti di Citi hanno fatto notare che Amazon deve ancora dichiarare il suo impegno a spendere miliardi di dollari per costruire una rete logistica. "Non vogliamo dire che Amazon non potrà mai competere con FedEx, Ups o Usps dal momento che ha risorse vaste e un desiderio di espansione", ha scritto Citi. "Detto questo, il punto di svolta che da sempre cerchiamo nell'azienda come segnale di allarme è un impegno sul fronte degli asset". Per Citi, il gruppo non ha ancora "spinto in modo significativo" per acquisti considerevoli di camion e autisti per essere un vero competitor di FedEx e Ups.L'indiscrezione del Wsj arriva all'indomani dell'annuncio da parte di Amazon di consegne entro due ore offerte gratuitamente agli iscritti al servizio Prime che fanno acquisti a Whole Foods, la catena di supermercati di alta gamma comprata l'anno scorso per 13,7 miliardi di dollari e con cui ha lanciato una sfida al settore retail tradizionale proprio con un taglio dei prezzi di determinati articoli.

Altri Servizi
iStock

Walmart è protagonista di un rally grazie a una trimestrale che ha stracciato le stime degli analisti e a un miglioramento delle guidance per l'intero esercizio. A rincuorare è l'accelerazione della divisione online ma soprattutto il passo, il più veloce da 10 anni, con cui sono cresciute le vendite negli Stati Uniti.

Processo a Manafort, senza verdetto la prima giornata in camera di consiglio della giuria

Il destino dell'ex direttore della campagna elettorale di Trump è nelle mani di sei uomini e sei donne. Accusato di evasione fiscale e frodi bancarie legate al suo lavoro di consulenza in Ucraina
AP

E' affidato a sei uomini e sei donne il destino di Paul Manafort, colui che dal marzo all'agosto 2016 fu presidente della campagna dell'allora candidato repubblicano alle elezioni presidenziali americane. Dopo due settimane di processo, dodici giurati hanno infatti iniziato a deliberare per decidere se l'uomo vicino a Donald Trump, il 45esimo presidente Usa, abbia davvero compiuto frodi bancarie e fiscali per il lavoro di consulenza svolto tra il 2005 e il 2014 per politici ucraini pro-russi. Il rischio è che sia condannato a trascorrere decenni dietro le sbarre. La prima giornata in camera di consiglio è finita senza verdetto. I giurati hanno chiesto chiarimenti al giudice, anche sulla definizione di "colpevolezza oltre ogni ragionevole dubbio".

Quale era l'intento reale di Elon Musk quando, il 7 agosto scorso, ha scritto una serie di tweet annunciando la sua intenzione di delistare la sua Tesla con una maxi operazione di buyout per la quale a sua detta i fondi erano "garantiti"? E' questa la domanda a cui la Securities and Exchange Commission sta cercando di rispondere.

Bannon punta su Wall Street in vista delle elezioni Usa di novembre

Lancia il gruppo "Citizens of the American Republic". Il 9 settembre a New York la premiere di "Trump @ War", film scritto e diretto da lui per promuovere l'agenda del presidente che lo ha silurato
AP

Trump attacca i giornali uniti per difendere la libertà di stampa: "colludono"

Quasi in 350 hanno pubblicato editoriali per dire che non sono nemici della gente, come sostenuto dal presidente Usa. Telefonata minacciosa al Boston Globe, che ha lanciato l'iniziativa

Wall Street spera nei negoziati commerciali tra Usa e Cina

A fine mese una delegazione cinese sarà a Washington
AP

Tesla: cda forma comitato speciale per valutare il delisting sognato da Musk

Nelle mani di tre persone la decisione sul buyout

Coca-Cola sfida PepsiCo investendo in start-up appoggiata da Kobe Bryant

Si chiama BodyArmor e produce bevande sportive che sfidano Gatorade e Powerade