Amazon: per la prima volta utili sopra il miliardo di dollari

La disciplina fiscale del colosso americano del commercio elettronico migliora

Amazon continua a stupire il mercato, mettendo a segno conti trimestrali che battono le attese sia sul fronte degli utili - per la prima volta sopra il miliardo di dollari - sia su quello dei ricavi.

Il gruppo guidato da Jeff Besos negli ultimi tre mesi del 2017 ha registrato 1,9 miliardi di dollari di utili contro i 749 milioni di dollari dello stesso periodo del 2016. I profitti per azione sono stati di 3,75 dollari, contro 1,54 dollari dello stesso periodo del 2016 e comunque ben oltre le attese degli analisti che erano per soli 1,85 dollari.

Nel periodo, i ricavi del gruppo sono saliti del 38% a 60,5 miliardi di dollari, meglio delle previsioni per 59,83 miliardi e sopra lo stesso periodo del 2016 quando erano stati di 43,7 miliardi di dollari: il dato include le vendite di Whole Foods Market, la catena di supermercati acquisita il 28 agosto 2017 per 13,7 miliardi di dollari. Amazon ha detto che ha guadagnato 789 milioni di dollari dalla riforma fiscale americana. Nel dettaglio, Amazon Web Services (AWS), la divisione di cloud computing che genera più utili, ha garantito un fatturato per 5,11 miliardi, in rialzo dai 3,53 miliardi di un anno prima e oltre le previsioni del mercato per un dato a 4,97 miliardi. In questo mercato, Amazon resta di gran lunga il leader davanti ad Azure di Microsoft ma la competizione si fa agguerrita.

Le stime di Amazon per il trimestre in corso, il primo del 2017, hanno soddisfatto. Il gruppo si aspetta ricavi tra i 47,75 miliardi e i 50,75 miliardi di dollari ossia in rialzo del 34-42% rispetto allo stesso periodo del 2016. Gli utili operativi sono compresi tra 300 milioni a 1 miliardo; nello stesso periodo del 2016 il dato era stato di 1 miliardo di dollari.

La previsione non include altre acquisizioni, investimenti, ristrutturazioni né patteggiamenti legali. In attesa dei conti, il titolo Amazon aveva chiuso la seduta in ribasso del 4,2% a 1.390 dollari ad azione. Nel dopo mercato ha guadagnato oltre il 6%, portando il titolo vicino ai 1.500 dollari. Nell'ultimo anno il titolo Amazon ha guadagnato il 70% . La capitalizzazione questa settimana ha toccato quota 700 miliardi di dollari per la prima volta.

Altri Servizi

Wall Street spera nei negoziati commerciali tra Usa e Cina

A fine mese una delegazione cinese sarà a Washington
AP

Bannon punta su Wall Street in vista delle elezioni Usa di novembre

Lancia il gruppo "Citizens of the American Republic". Il 9 settembre a New York la premiere di "Trump @ War", film scritto e diretto da lui per promuovere l'agenda del presidente che lo ha silurato
AP

Sta entrando nel vivo l'offensiva di Steve Bannon in vista delle elezioni americane di metà mandato del prossimo novembre. Mentre da Bruxelles, con la sua organizzazione "The Movement", punta a unire i movimenti populisti nazionali sperando abbiano la meglio alle elezioni europee del maggio prossimo, da Washington il simbolo dell'ultra-destra punta a convincere l'elettorato americano a votare per i repubblicani con un suo nuovo gruppo creato ad hoc. Si chiama "Citizens of the American Republic" ma non è chiaro chi lo finanzi (essendo formalmente una non profit, non è tenuto a comunicare che siano i donatori).

Processo a Manafort, la giuria è entrata in camera di consiglio

Il destino dell'ex direttore della campagna elettorale di Trump è nelle mani di sei uomini e sei donne. Accusato di evasione fiscale e frodi bancarie legate al suo lavoro di consulenza in Ucraina
AP

E' affidato a sei uomini e sei donne il destino di Paul Manafort, colui che dal marzo all'agosto 2016 fu presidente della campagna dell'allora candidato repubblicano alle elezioni presidenziali americane. Dopo due settimane di processo, dodici giurati hanno infatti iniziato a deliberare per decidere se l'uomo vicino a Donald Trump, il 45esimo presidente Usa, abbia davvero compiuto frodi bancarie e fiscali per il lavoro di consulenza svolto tra il 2005 e il 2014 per politici ucraini pro-russi. Il rischio è che sia condannato a trascorrere decenni dietro le sbarre.

La stampa Usa unita per dire a Trump che non è "nemica del popolo"

Su iniziativa del Boston Globe, almeno 100 organizzazioni il 16 agosto pubblicheranno editoriali per criticare la retorica del presidente Usa. Il 43% degli elettori Gop darebbe a Trump il potere di chiudere giornali "cattivi"
Ap

Ripetutamente attaccata da Donald Trump come fonte di "fake news" e considerata sin dal suo primo giorno alla Casa Bianca una "nemica della gente", la stampa americana si prepara a unire le forze in un'operazione contro il presidente americano.

iStock

Walmart è protagonista di un rally grazie a una trimestrale che ha stracciato le stime degli analisti e a un miglioramento delle guidance per l'intero esercizio. A rincuorare è l'accelerazione della divisione online ma soprattutto il passo, il più veloce da 10 anni, con cui sono cresciute le vendite negli Stati Uniti.

Tesla: cda forma comitato speciale per valutare il delisting sognato da Musk

Nelle mani di tre persone la decisione sul buyout

Il consiglio di amministrazione di Tesla ha confermato di avere formato un comitato speciale per valutare il desiderio del Ceo Elon Musk di delistare il gruppo. Il comitato - composto da tre direttori indipendenti - "non ha ancora ricevuto una proposta formale da parte di Musk" né "ha raggiunto una conclusione sulla fattibilità della transazione".

Nfl, tornano le proteste e la crociata di Trump contro gli atleti

Atleti 'contro' l'inno nazionale, Trump:"Protestate in altro modo". Il primo fu Kaepernick, rimasto senza squadra. Lega e associazione giocatori in trattativa per evitare lo scontro in tribunale sull'obbligo di seguire in piedi 'The Star-Spangled Banner'

Insieme alla Nfl, è tornata la crociata del presidente statunitense Donald Trump contro le proteste durante l'esecuzione dell'inno nazionale. Ieri sera, diversi giocatori hanno poggiato un ginocchio a terra o hanno alzato un pugno durante 'The Star-Spangled Banner', prima di alcune partite amichevoli in vista del prossimo campionato di football, per protestare contro la brutalità della polizia, la diseguaglianza razziale e l'ingiustizia sociale.

Trump attacca i giornali uniti per difendere la libertà di stampa: "colludono"

Quasi in 350 hanno pubblicato editoriali per dire che non sono nemici della gente, come sostenuto dal presidente Usa. Telefonata minacciosa al Boston Globe, che ha lanciato l'iniziativa

Donald Trump è tornato ad attaccare i media che hanno aderito a un'iniziativa lanciata dal Boston Globe e pensata per promuovere la libertà di stampa e per dimostrare che i giornali "non sono nemici della gente" come invece sostenuto dal presidente americano.

I gruppi di private equity si danno ai prestiti

A fine 2017 avevano concesso oltre 500 milioni di dollari ad aziende di medie dimensioni, contro i 300 milioni del 2012

Noti per essere proprietari di aziende, i gruppi di private equity stanno sempre più diventando anche i loro principali creditori. Sono disposti a concedere prestiti laddove le banche non lo farebbero un po' per via di regolazioni più stringenti e un po' per evitare i passi falsi passati.

La Fed avverte Trump: i dazi faranno calare le esportazioni americane

Con essi il presidente Usa vuole ridurre il deficit commerciale della nazione, che però non migliorerà
iStock

I dazi voluti da Donald Trump per ridurre il deficit commerciale degli Usa - pari nel 2017 a 568,4 miliardi di dollari (il 2,9% del Pil) - sono pensati per ridurre le importazioni dell'America dal resto del mondo "ma non si può dare per scontato che il valore delle esportazioni resti invariato". Anzi. Stando a un'analisi pubblicata sul sito della Federal Reserve di New York da alcuni ricercatori, l'export americano di fatto "calerà, non solo per via delle tariffe doganali adottate da altri Paesi come ritorsione sulle esportazioni americane ma anche perché il costo per le aziende Usa di produrre beni per l'esportazione salirà rendendo l'export Usa meno competitivo nel mercato mondiale".