L'ambasciatore Usa in Cina: intesa non imminente, summit non fissato

Branstad: "Sull'intesa commerciale restano distanze da limare"

Stati Uniti e Cina non hanno ancora fissato la data per un summit tra i presidenti Donald Trump e Xi Jinping, perché i due Paesi non sono ancora vicini a un accordo sul commercio. Il vertice tra i due leader, infatti, sarà organizzato solo quando sarà possibile annunciare un accordo. Ad ammetterlo è stato Terry Branstad, l'ambasciatore statunitense in Cina, in un'intervista al Wall Street Journal.

Branstad ha spiegato che i negoziatori hanno bisogno di ulteriore tempo per limare le differenze. "Entrambe le parti concordano sul fatto che debbano esserci progressi significativi, tali da dare la sensazione di essere molto vicini a un accordo, prima che avvenga" l'incontro tra i due presidenti. "Non siamo ancora a quel punto, ma siamo più vicini di quanto lo siamo stati in passato [...] Ci sono stati progressi considerevoli".

Il consigliere economico della Casa Bianca, Larry Kudlow, ha detto a Fox News che "c'è la speranza che forse, entro la fine di questo mese o l'inizio di aprile, i due leader possano incontrarsi e concludere un accordo". Pechino vorrebbe che il summit fosse più che altro una cerimonia per le firme sull'accordo, piuttosto che una negoziazione finale, per evitare richieste dell'ultimo minuto di Trump che possano far saltare l'intesa.

Come parte di una potenziale intesa, Pechino ha finora offerto di acquistare una maggiore quantità di prodotti agricoli ed energetici degli Stati Uniti, di permettere agli imprenditori statunitensi un maggior accesso al mercato cinese e di migliorare la protezione dei diritti di proprietà intellettuale; Washington vorrebbe che fosse garantito un meccanismo di controllo sul rispetto degli accordi.

Altri Servizi

BlackRock diventerà socio di maggioranza nel proprietario di Sport Illustrated

Si tratta di Authentic Brands, che controlla anche i diritti legati a Marilyn Monroe e Muhammad Ali

Il più grane asset manager al mondo scommette sul private equity. BlackRock sta per prendere la quota di controllo di Authentic Brands, gruppo con sede a New York che ha le licenze di 50 marchi tra l'intrattenimento e il lifestyle che generano ogni anno 9,3 miliardi di dollari. 

Tsai (Alibaba) compra Brooklyn Nets e Barclays Arena per 3,5 mld $

Finisce l'era del russo Mikhail Prokhorov, artefice dello spostamento dal New Jersey a New York
Ap

I Brooklyn Nets hanno un nuovo proprietario. Il vicepresidente esecutivo di Alibaba Group, Joe Tsai, ha esercitato l'opzione di acquisto per le quote della società non ancora in suo possesso (il 51%), mettendo fine all'era di Mikhail Prokhorov, il magnate russo che aveva spostato la franchigia Nba - il massimo campionato professionistico di pallacanestro di Stati Uniti e Canada - dal New Jersey a New York.

Usa verso proroga di 3 mesi per permettere a Huawei di acquistare da fornitori Usa

La Casa Bianca ha subito le pressioni delle società tecnologiche Usa, preoccupate dalla possibilità di perdere diversi miliardi di dollari
AP

Afghanistan, Trump stringe i tempi per un accordo con i talebani

Il presidente, contrario alla presenza di soldati Usa nel Paese, vuole trovare una soluzione prima delle presidenziali del prossimo anno
AP

GE rimbalza: Ceo compra 2 mln $ di azioni dopo accusa di frode in stile Enron

Ieri il tonfo maggiore da 11 anni dopo la diffusione di un rapporto redatto da colui che aveva avvertito sullo schema Ponzi creato da Bernie Madoff

La Fda rilancia la lotta per mettere immagini choc sui pacchetti di sigarette

L'agenzia federale perse la battaglia legale contro le multinazionali nel 2012

Wall Street, focus sul commercio e sui segnali di recessione

Dati in programma: avvio di nuovi cantieri e fiducia dei consumatori
AP

Huawei ha aiutato i governi di Uganda e Zambia a spiare oppositori politici (Wsj)

Il colosso cinese, che domina i mercati africani, ha respinto ogni accusa
AP