L'America in lutto per Bush padre, il 5 dicembre funerali di stato

L'America sarà in lutto nazionale il 5 dicembre. Lo sarà per onorare la vita di George Herbert Walker Bush, il 41esimo presidente americano deceduto venerdì 30 novembre all'età di 94 anni. Il suo decesso segue quello di aprile di colei che fu sua moglie per oltre 70 anni, Barbara.

I preparativi per il funerale di stato che si svolgerà in quel giorno alla Cattedrale nazionale a Washington sono già iniziati. Il presidente Donald Trump e la first lady parteciperanno alla cerimonia funebre dedicata a colui che visse alla Casa Bianca la caduta pacifica dell'Unione Sovietica nel 1989 e due anni dopo la prima Guerra del Golfo, guidando la coalizione internazionale che cacciò Saddam Hussein.

il 45esimo inquilino della Casa Bianca, Donald Trump, ha deciso che "in segno di rispetto" per l'ultimo presidente americano ad avere partecipato alla Seconda guerra mondiale, era meglio cancellare la conferenza stampa prevista nel pomeriggio di Buenos Aires (Argentina) alla conclusione del G20.

"Non vedevo l'ora di avere una conferenza stampa prima di lasciare l'Argentina perché abbiamo avuto un grande successo nel relazionarci con i vari Paesi e i rispettivi leader del G20", ha scritto Trump su Twitter. "Tuttavia, in segno di rispetto per la famiglia Bush e l'ex presidente George H.W. Bush, aspetteremo fino a dopo il funerale per avere una conferenza". Con lui avrebbe dovuto parlare proprio oggi.

Il New York Stock Exchange resterà chiuso il 5 dicembre per ricordare un uomo che è stato imprenditore, parlamentare, inviato Onu in Cina e capo della Cia prima di diventare nel 1980 vicepresidente del repubblicano Ronald Reagan e poi succedergli alla Casa Bianca alle elezioni del 1988. Quattro anni dopo perse la sfida contro il democratico Bill Clinton per la rielezione, colpa di una performance dell'economia che deludeva da un paio di anni e da tensioni interne al Gop dovute alla sua decisione di alzare le tasse. Bush ottenne una sorta di riscatto quando il figlio George W. vinse alle presidenziali del 2000 facendo la storia: Bush divenne il solo americano dai tempi di John Adams a essere stato sia presidente sia padre di un presidente.

Le reazioni

- Trump: "Capacità di giudizio, buon senso e leadership imperturbabile. Attrarverso la sua autenticità, l'umorismo disarmante e l'impegno inflessibile per la fede, per la famiglia e per il Paese, il presidente Bush ha ispirato generazioni di americani a servire il Paese, e come Presidente ha gettato le basi per i sucessivi decenni di prosperità".

- Barack Obama: "L'America ha perso un patriota ed un umile servitore. Il predecessore di Trump ha reso omaggio alla politica di Bush che "ha permesso di ridurre il flagello delle armi nucleari e di formare una vasta coalizione internazionale per espellere un dittatore dal Kuwait". Secondo il 44esimo presidente Usa, la diplomazia di Bush ha contribuito "a mettere fine alla Guerra Fredda senza sparare un colpo".

- Mikhail Gorbachev, ultimo leader dell'Unione Sovietica: "Molti dei miei ricordi sono legati a quest'uomo, abbiamo avuto l'opportunità di lavorare insieme in un'epoca di enormi cambiamenti" nella quale "ciascuno era stato chiamato ad assumersi delle enormi responsabilità".

- Jean-Claude Juncker: "Non dimenticherò mai il ruolo che ha avuto nel rendere l'Europa un luogo più unito e sicuro dopo la caduta del Muro e della Cortina di Ferro". Il presidente della Commissione europea ha aggiunto: "Il suo sangue freddo, le sue capacità politiche e le strette relazioni personali con il Cancelliere Helmut Kohl e il leader sovietico Mikhail Gorbaciov sono stati decisivi per la restaurazione della pace e la restituzione della libertà a tanta gente sul nostro continente: noi europei non lo dimenticheremo".

Angela Merkel: "La Germania deve molto a George H.W.Bush. Fu un colpo di fortuna nella storia tedesca che fosse lui a capo degli Stati Uniti d'America quando si concluse la Guerra Fredda e la riunificazione della Germania divenne possibile. Il popolo tedesco aveva in lui un vero amico" perché - ha spiegato la Cancelliera - in quel momento storico "ci diede fiducia e sostegno".

Sergio Mattarella: "Nel corso della sua lunga e straordinaria carriera al servizio delle istituzioni americane e durante tutta la sua vita il presidente Bush ha saputo agire con lungimiranza, equilibrata determinazione e coraggio, servendo al meglio gli interessi degli Stati Uniti, in patria e nel mondo e promuovendo i valori della pace e di un solido vincolo transatlantico. Egli lo ha fatto guidando il Paese in un'epoca contraddistinta da eventi di portata storica e da radicali mutamenti dell'ordine internazionale, ai quali il presidente Bush ha contribuito con autorevolezza e senso di responsabilità".

Altri Servizi

Trump apre alla Cina: Usa vincano competendo, non bloccando tecnologie avanzate

Mentre proseguono i negoziati commerciali, il presidente Usa sembra sminuire le preoccupazioni degli esperti americani sui rischi associati all'uso di attrezzature Huawei
AP

Il presidente americano, Donald Trump, sembra offrire un ramo d'ulivo alla Cina e la suo colosso delle tlc Huawei, accusato dagli Stati Uniti di sfruttare le sue attrezzature per spiare sui clienti per conto di Pechino. Il tutto mentre le due maggiori potenze economiche mondiali stanno trattando per trovare un accordo commerciale che eviterebbe una guerra a colpi di dazi.

Usa-Cina: i negoziati commerciali di alto livello entrano nel vivo

Bloomberg: Pechino si impegna a comprare 30 miliardi di dollari addizionali di materie prime agricole americane. Reuters: al lavoro su sei memorandum

Dopo due giornate preparatorie, a Washington iniziano oggi i negoziati commerciali di alto livello tra Usa e Cina. Le due parti stanno delineando i contenuti di un memorandum of understanding iniziale di cui si parlava già la settimana scorsa quando a Pechino era finito il sesto round di trattative.

Gli Usa allenteranno le regole per vendere droni armati ai Paesi arabi

Washington al momento non li vende a causa di una ferrea politica sulle esportazioni di tecnologia militare. Ma ora vuole contrastare la Cina

Gli Stati Uniti non forniscono i propri droni armati agli alleati del Golfo a causa di regole ferree sulle esportazioni di tecnologia militare. Di fronte agli investimenti record per la difesa dei Paesi dell'area e all'ingresso della Cina nel mercato militare mediorientale, Washington cambierà presto politica.

AP

Le banche americane hanno chiuso un 2018 con utili record. Stando alla Federal Deposit Insurance Corporation (Fdic), l'agenzia americana indipendente che garantisce i depositi bancari, gli utili netti sono saliti sul 2017 di 72,4 miliardi di dollari o del 44,1% a 236,7 miliardi.

Wall Street, segnali positivi dai negoziati Usa-Cina

Le due potenze mondiali cominciano a delineare l'accordo per porre fine alla guerra commerciale
iStock

Bernie Sanders ci riprova: in un video annuncia candidatura a presidenziali 2020

Lo rivela Politico ma non è chiaro se e quando verrà diffuso
AP

Bernie Sanders scenderà di nuovo in campo per correre verso la Casa Bianca. Secondo il sito Politico, il senatore indipendente del Vermont ha registrato un video in cui dice che si candiderà alle elezioni presidenziali americane del 2020. Non è tuttavia chiaro se e quando il video sarà diffuso.

Scelta da Trump per diventare ambasciatrice Onu, Nauert si ritira

La portavoce del dipartimento di Stato, ex conduttrice di Fox News, lascia l'amministrazione dopo due anni. Pompeo: decisione "personale". Lei: è "nell'interesse della mia famiglia". Sarebbe stata messa sotto torchio al Senato per la conferma
U.S. Department of State

La portavoce del dipartimento di Stato nominata a dicembre da Donald Trump per diventare ambasciatrice alle Nazioni Unite, si è ritirata. E dopo due anni, ha lasciato l'amministrazione Usa. Ironia della sorte vuole che a fermare l'ascesa di Heather Nauert al Palazzo di vetro, almeno secondo Bloomberg, sia stato un passo falso commesso in passato: ha arruolato una baby sitter straniera che viveva legalmente negli Stati Uniti ma che non era autorizzata a lavorare. Nell'America del 45esimo presidente americano, in cui la retorica contro gli immigrati è usata per giustificare la costruzione del muro tra Usa e Messico, quella di Nauert è una pecca che politicamente avrebbe creato non poco imbarazzo all'amministrazione Trump. Anche se va detto che Trump ha assunto migranti privi di permesso di soggiorno nei suoi vari campi da golf.

Mueller chiede per Manafort fino a 24,4 anni in carcere per frodi fiscali

Il procuratore che sta indagando sul Russiagate vuole anche una multa pari a un massimo di 24 milioni di dollari. Le sorti dell'ex presidente della campagna Trump nelle mani di un giudice in Virginia

Fino a un quarto di secolo. Tanto l'ex presidente della campagna elettorale di Donald Trump dovrebbe trascorrere in prigione. E' questa la raccomandazione fatta da Robert Mueller per Paul Manafort. Il procuratore speciale che sta indagando sul Russiagate di fatto crede che Manafort, 69 anni, debba trascorrere il resto della sua vita dietro le sbarre per avere commesso frodi fiscali e bancarie commesse mentre dal 2010 al 2014 mentre lavorava come consulente di politici ucraini pro-Russia. L'uomo fu giudicato colpevole di otto capi di imputazione lo scorso agosto in un processo ad Alexandria, Virginia.

I mercati sperano in un accordo Usa-Cina ma "resta ancora molto da fare"

Segnali incoraggianti dopo il sesto round di trattative. Da Pechino, i negoziati si spostano di nuovo a Washington. Trump: "Mai così vicini a un'intesa"

Da Pechino a Washington sono giunti segnali incoraggianti sull'ultimo round, il sesto, di trattative commerciali tra Stati Uniti e Cina.

Trump attacca Maduro e corteggia il voto latinoamericano

Il presidente Usa alla Florida International University per parlare a due platee: gli espatriati e i generali venezuelani

Il presidente statunitense Donald Trump, durante un discorso in programma a Miami, chiederà a Nicolas Maduro di lasciare il potere in Venezuela. Lo farà parlando a due diversi pubblici: i generali che mantengono alla guida del Paese il presidente non più riconosciuto dagli Stati Uniti e le decine di migliaia di venezuelani espatriati, che potrebbero essere decisivi, in Florida, alle elezioni presidenziali del 2020.