L'America torna a scontrarsi sulla sanità: Sanders propone copertura per tutti

La proposta del senatore democratico contrasta nettamente con quella di due colleghi repubblicani che puntano a indebolire piuttosto che ad ampliare la portata dell'Obamacare

L'America torna a scontrarsi sul settore della sanità. Nello stesso giorno al Congresso sono andate in scena due proposte radicalmente opposte: una, promossa da Bernie Sanders, punta ad ampliare a tutti gli americani nell'arco di quattro anni l'accesso al Medicare ossia il programma federale che attualmente offre una copertura medica a chi ha almeno 65 anni o è disabile; l'altra, di stampo conservatore, punta a indebolire l'Obamacare. Anche se per ragioni diverse, tutte e due le proposte puntano ad andare oltre l'Affordable Care Act, la riforma sanitaria entrata in vigore nel 2010 e tanto caldeggiata dall'allora presidente Barack Obama. L'ala liberal a Capitol Hill punta ad allargarne la portata, quella opposta è intenzionata a smantellarla. C'è tuttavia un comune denominatore ai due approcci: nessuno verrà messo presto in pratica.

La proposta del democratico Sanders
Sanders, il senatore del Vermont che ha dato del filo da torcere a Hillary Clinton nella corsa verso la nomination democratica, propone un "Medicare for all" con l'obiettivo ultimo di fare risparmiare le famiglie americane, che con la sua proposta non avrebbero più bisogno di acquistare necessariamente una polizza sanitaria (potrebbe essere comunque siglata con gruppi privati per una copertura aggiuntiva). Nelle 96 pagine di proposta, Sanders non fornisce spiegazioni su come un tale piano verrebbe finanziato. Di certo, servirà alzare le tasse ma allo stesso tempo il governo potrebbe garantirsi costi più bassi per i servizi medici di base offerti (e su cui le aziende assicuratrici non potrebbero competere).

"Invece di sprecare centinaia di miliardi di dollari cercando di gestire un sistema estremamente complicato fatto da centinaia di piani assicurativi diversi, ci sarebbe un unico piano per il popolo americano", recita un riassunto della legislazione proposta da Sanders. L'idea di una sorta di servizio sanitario nazionale era stata proposta dal senatore durante la campagna elettorale del 2016, quando tra gli esempi a cui guardare l'allora candidato aveva citato anche l'Italia. Tre anni prima, quando aveva lanciato un piano simile, nessuno tra i legislatori democratici vi aveva aderito visto che un piano simile era considerato come una ingerenza pseudocomunista dello Stato. Da allora i tempi sono cambiati così come la percezione del welfare; lo dimostra il fatto che questa volta 15 senatori democratici si sono schierati in favore della proposta di Sanders. Tra di loro ci sono almeno quattro potenziali candidati alle presidenziali del 2020, segno che l'argomento è destinato ad accompagnare e magari cambiare l'America. Si tratta di Elizabeth Warren, la donna dal Massachusetts anti-Wall Street che era scesa in campo per promuovere l'ascesa (fallita) di Hillary Clinton alla Casa Bianca; Kirsten Gillibrand (New York), Kamala Harris (California) e Cory Booker (New Jersey).

La proposta repubblicana
Quanto alla proposta repubblicana, i senatori Lindsey Graham della South Carolina e Bill Cassidy della Louisiana hanno presentato il loro piano: prenderebbe il denaro attualmente versato dal governo per ampliare il Medicare e per dare sussidi a chi guadagna poco in modo da potere acquistare un'assicurazione medica e lo dirotterebbe ai singoli Stati; la distribuzione dei fondi avverrebbe in base a un complesso sistema in base al quale gli Stati che spendono di più, riceverebbero di meno. La legislazione targata Graham-Cassidy prevede tagli pesanti al Medicaid, un programma federale che garantisce una copertura sanitaria a chi non se la può permettere, eliminerebbe l'obbligo voluto da Obama che ogni americano abbia una polizza e non forzerebbe i datori di lavoro ad offrirne una.

Se questa proposta ha contro di sé il tempo che corre, quella di Sanders non avrà certamente il favore delle compagnie assicurative e dei gruppi farmaceutici. Nel primo caso, dopo il 30 settembre la legislazione Graham-Cassidy perderebbe protezioni procedurali che ne permetterebbero l'approvazione al Senato con la maggioranza semplice invece dei 60 voti altrimenti necessari. Nel secondo caso, il 76enne che ha saputo attrarre giovani elettori in tutta America a scapito di Clinton sa che Wall Street remerà contro di lui così come le lobby potenti. Dalla sua parte ha però il favore di sempre più concittadini: stando a un recente sondaggio del Pew Research Center, il 60% degli americani crede che il governo federale abbia la responsabilità di garantire una copertura medica a tutti contro il 39% che non la pensa così. Non solo: il 33% favorisce il cosiddetto "single payer", il 5% in più rispetto a gennaio e il 12% in più sul 2014.

Altri Servizi

Wall Street, Microsoft spinge il Nasdaq

Buona trimestrale del colosso tech. Oggi i dati di General Electric
iStock

Usa 2016, Nyt: Trump sapeva delle ingerenze di Putin sin dall'inizio

Il presidente ha visto le prove due settimane prima del suo insediamento

Due settimane prima del suo insediamento alla Casa Bianca, il presidente Donald Trump ha avuto accesso a informazioni segrete dell'intelligence che provavano il coinvolgimento in prima persona di Vladimir Putin nelle ingerenze russe nelle scorse elezioni presidenziali. Lo scrive il New York Times, secondo cui dai documenti emergeva che il presidente russo "ordinò personalmente gli attacchi informatici per influenzare le elezioni americane". Trump si sarebbe "convinto con riluttanza", vedendo i documenti il 6 gennaio dello scorso anno, due settimane prima del giuramento, secondo le fonti presenti all'incontro alla Trump Tower tra l'allora presidente eletto e l'intelligence. Tra le prove mostrate a Trump, c'erano messaggi e e-mail di funzionari dell'intelligence militare russa. Inoltre, c'erano anche informazioni ottenute da una fonte top-secret vicina a Putin, da cui emergeva il piano del Cremlino per influenzare le elezioni.

Wall Street, attenzione a trimestrali e a testimonianza Powell

Il numero uno della Fed atteso in Congresso, trimestrali di Goldman Sachs e Johnson & Johnson
iStock

Migranti, l'amministrazione Trump accelera per riunire 2.551 bambini ai genitori

Separati come conseguenza della 'tolleranza zero' al confine nei confronti degli irregolari
Immigration and Customs Enforcement

L'amministrazione Trump ha annunciato che riunirà ai genitori i 2.551 bambini migranti separati nelle passate settimane - dopo aver oltrepassato irregolarmente il confine tra Messico e Stati Uniti -in ottemperanza dell'ordine di un tribunale federale di farlo entro il 26 luglio. Lo riporta Politico.

Trump: incontro con Putin un successo, anche secondo l'intelligence

Ieri, la marcia indietro: "Non ho motivi per non credere all'intelligence" sulla colpevolezza della Russia per le ingerenze nelle elezioni

"Così tante persone ai più alti livelli dell'intelligence hanno amato la mia performance alla conferenza stampa di Helsinki. Putin e io abbiamo discusso di molti argomenti importanti durante il nostro incontro. Siamo andati molto d'accordo e questo ha veramente dato fastidio a molti 'haters' che volevano vedere un incontro di pugilato. Grandi risultati arriveranno!". Questo il primo tweet di giornata del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, tornato a commentare il bilaterale con il presidente russo, Vladimir Putin, e la controversa conferenza stampa.

Obama celebra Mandela: "Viviamo in tempi strani e incerti. Attenzione all'uomo forte"

L'ex presidente Usa a Johannesburg per i 100 anni dalla nascita del leader per la lotta contro l'apartheid. "La stampa libera sotto attacco"
AP

"Viviamo in tempi strani e incerti. Ogni giorno ci sono titoli preoccupanti". Lo ha detto l'ex presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, parlando alla sedicesima conferenza annuale in ricordo di Nelson Mandela, a 100 anni dalla nascita del Nobel per la Pace e presidente sudafricano. Obama ha poi guardato al passato, rimarcando "le notevoli trasformazioni" avvenute negli ultimi cento anni. "Anche in democrazie come gli Stati Uniti, la segregazione razziale e la sistemica discriminazione erano legge in quasi la metà del Paese e la norma nell'altra metà" ha ricordato Obama, durante l'evento organizzato a Johannesburg.

Trump: vertice con Putin "anche meglio" di quello con la Nato

Il presidente Usa non cede di fronte alle critiche e rilancia, come sempre su Twitter
AP

Il vertice con Vladimir Putin è andato "anche meglio" di quello con gli alleati della Nato. Lo ha scritto su Twitter il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, rispondendo così alle critiche per il suo bilaterale con il collega russo. "Anche se ho avuto un grande incontro con la Nato, ottenendo una grande quantità di denaro, ho avuto un incontro persino migliore con Vladimir Putin. Purtroppo, non è stato riportato in questa maniera. Le Fake News stanno impazzendo!".

Sanzioni all'Iran, gli Usa non concederanno esenzioni alle società europee

Washington respinge la richiesta di Regno Unito, Francia e Germania. "Faremo una pressione finanziaria senza precedenti sul regime iraniano"

Gli Stati Uniti hanno respinto l'appello di Regno Unito, Francia e Germania, che chiedevano ampie esenzioni alle aziende europee per fare affari con l'Iran, e andranno avanti con la loro volontà di imporre sanzioni per esercitare pressioni economiche "senza precedenti" sul regime di Teheran. Lo hanno detto funzionari statunitensi ed europei a Nbc News.

Dalle ingerenze russe nelle elezioni Usa alla Siria: i temi sul tavolo del vertice Trump-Putin

L'incontro di lunedì 16 luglio, a Helsinki, avrà al centro delle discussioni anche l'Ucraina e la corsa agli armamenti
Ap

Quattro questioni saranno probabilmente al centro del summit di Helsinki di lunedì 16 luglio tra Donald Trump e Vladimir Putin: le ingerenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi del 2016, l'Ucraina, la Siria e le armi nucleari. Le delegazioni statunitense e russa hanno fatto, finora, pochi progressi su ciascun argomento. Secondo Stephen Sestanovich del Council on Foreign Relations, però, ci sono buoni motivi per pensare che una o entrambe le parti approcceranno queste questioni in modo nuovo.

Messico, la prossima crisi arriverà da Sud

Il presidente eletto Lopez Obrador potrebbe entrare in contrasto con Donald Trump sull'immigrazione. Il rischio è che ne esca perdente
iStock

Dopo la vittoria di Andres Manuel Lopez Obrador alle elezioni presidenziali messicane, i mercati si sono concentrati sulle prospettive economiche di un Paese che rischia la crisi finanziaria. Eppure, il primo e più grande problema della futura amministrazione, in carica dal primo dicembre, potrebbe essere l'immigrazione dall'America Centrale, come scritto da Shannon O'Neil, senior fellow per gli Studi sull'America Latina del Council on Foreign Relations.