AmEx chiude trimestre in perdita, prima volta da un quarto di secolo. Pesa riforma fiscale Usa

Colpo da 2,6 miliardi di dollari. Il gruppo si aspetta dal provvedimento benefici nel lungo termine. Nel frattempo però sospenderà il programma di buyback. Salvi i dividendi

Per la prima volta in un quarto di secolo, American Express ha chiuso un trimestre in perdita. Non solo. Il gruppo di carte di credito ha detto che sospenderà il suo programma di riacquisto di azioni proprie nella prima metà del 2018 per ricostituire i propri livelli di capitale, intaccati da oneri per 2,6 miliardi di dollari dovuti alla riforma fiscale Usa approvata prima di Natale. AmEx ha spiegato che i dividendi trimestrali resteranno invece invariati.

Nei tre mesi chiusi il 31 dicembre scorso, il gruppo di carte di credito ha registrato una perdita di 1,12 miliardi di dollari contro utili per 825 milioni dello stesso periodo del 2016. Sul risultato ha pesato l'effetto riforma, su cui già il 3 gennaio scorso l'azienda aveva messo in guardia anche se aveva calcolato un colpo da circa 2,4 miliardi di dollari. Al netto di questa voce, i profitti per azione sono stati di 1,58 dollari, 4 centesimi di più rispetto alle stime degli analisti. Nel suo quarto trimestre fiscale AmEx ha messo a segno ricavi per 8,84 miliardi di dollari, in rialzo del 10% sul periodo ottobre-dicembre del 2016 e sopra le previsioni del mercato per 8,71 miliardi.

Nel 2017 AmEx ha registrato profitti per 2,7 miliardi di dollari, in ribasso dai 5,4 miliardi del 2016; in termini di utili per azione, il risultato è sceso a 2,97 dollari da 5,65 dollari. Al netto dell'impatto negativo della riforma fiscale, gli utili annui sono stati di 5,87 dollari per titolo, in linea alle guidance fornite dall'azienda lo scorso ottobre. I ricavi sono saliti del 4% a 33,5 miliardi. Le spese consolidate nell'esercizio sono cresciute del 6% a 23,3 miliardi.

"Abbiamo chiuso l'anno con fatturazioni record e una crescita forte dei prestiti, cosa che ha contribuito al rialzo del 10% dei ricavi trimestrali", ha spiegato in una nota Kenneth I. Chenault, l'uscente amministratore delegato nonché presidente del consiglio di amministrazione di AmEx. E' lui ad avere aggiunto che le spese da parte di chi possiede una carta di credito del gruppo sono salite dell'11% e che nel periodo sono stati emessi oltre 2,5 milioni di nuove carte. Chenault ha detto che gli oneri dovuti alla riforma fiscale "hanno ridotto i nostri coefficienti patrimoniali", motivo per cui AmEx sospenderà il buyback. Il Ceo crede che "la riforma fiscale sarà positiva sia per l'economia Usa sia per American Express. Dato lo slancio delle aziende e i benefici stimati dall'abbassamento dell'aliquota [aziendale al 21% dal 35%] ci aspettiamo di investire fino a 200 milioni di dollari in più nel 2018 rispetto a quanto pianificato per iniziative centrate sulla clientela".

Per il 2018, AmEx stima utili per azione tra i 6,9 e i 7,3 dollari contro un consenso per 7,04 dollari; presupponendo un risultato a metà di quel range, ci sarebbe un incremento del 20% sui profitti per azione del 2017, escluso l'effetto della riforma fiscale firmata da Donald Trump prima di Natale. "Sono contento dei progressi che abbiamo fatto nel corso del 2017 e lascerò American Express in mani molto forti quando [il vicepresidente] Steve Squeri prenderà il mio posto alla fine di questo mese". Il cambio di guardia con Chenault - da 16 anni alla guida di AmEx e da 37 anni nell'azienda - era stato annunciato il 16 ottobre 2017.

In attesa dei conti, arrivati a mercati chiusi, il titolo AmEx aveva perso lo 0,89% a 99,86 dollari; in settimana aveva raggiunto un record a 102,39 dollari. Nel dopo mercato ha ceduto il 2% circa. Da inizio anno è salito dello 0,5% e negli ultimi 12 mesi del 29%.

Altri Servizi

Wall Street incerta, attenzione rivolta ai colloqui sul commercio con la Cina

Prosegue il secondo round di colloqui ad alto livello tra Washington e Pechino
iStock

Gli Usa aprono l' ambasciata a Gerusalemme, per Israele un momento storico

Mentre israeliani e statunitensi celebrano la nuova sede, nella Striscia di Gaza si muore: almeno 52 persone sono state uccise dalle forze dello Stato ebraico. Casa Bianca: colpa di Hamas
Ap

Sessantanove anni dopo che Israele l'ha dichiarata capitale e 23 anni dopo che il Congresso statunitense ha approvato una legge per riconoscerla come tale, gli Stati Uniti hanno formalmente aperto la loro ambasciata a Gerusalemme. Mentre Usa e Israele celebravano, i soldati israeliani sparavano sulle migliaia di palestinesi che hanno protestato lungo il confine tra la Striscia di Gaza e lo stato ebraico. Almeno 52 palestinesi sono stati uccisi e - stando al ministero della Salute palestinese - oltre 1.200 sono rimasti feriti. La Casa Bianca non ha condannato l'accaduto attribuendo la colpa esclusivamente ad Hamas, l'organizzazione politica che controlla Gaza e che secondo Washington "sfrutta in modo cinico la situazione".

Bassa affluenza alle elezioni in Iraq, Usa e Iran attendono i risultati

Washington e Teheran si contendono l'influenza nel Paese
iStock

Gli iracheni hanno disertato in massa le urne facendo avanzare, secondo le prime indicazioni, le liste anti-sistema nelle prime elezioni politiche dopo la vittoria delle truppe governative sull'Isis, guardate molto da vicino da Stati Uniti e Iran. Secondo la commissione elettorale, il 44,52% degli iscritti ha votato per eleggere i 329 parlamentari. Si tratta della partecipazione più bassa registrata nel Paese dall'instaurazione delle elezioni multipartitiche nel 2005, dopo la caduta di Saddam Hussein.

Wall Street ritrova forza

Il rendimento del Treasury a 10 anni resta però sopra il 3%
iStock

Ford riprende la produzione di pickup F-Series, lo stop peserà su utili Q2

Il gruppo ha confermato le guidance per l'intero esercizio

Ford sta per riprendere prima del previsto la produzione di uno dei suoi veicoli più popolari e redditizi parte della famiglia di pick-up truck F-Series. Lo stop c'era stato dopo un incendio che il 2 maggio aveva colpito un suo fornitore, Meridian Magnesium Products of America con sede in Michigan, causando una carenza di componentistica.

La Cina tende la mano a Trump

Pechino smentisce l'offerta per ridurre di 200 miliardi di dollari l'avanzo commerciale annuo che vanta sugli Stati Uniti. Ha però eliminato dazi sul sorgo Usa

La Cina non ha offerto a Donald Trump una riduzione di 200 miliardi di dollari dell'avanzo commerciale annuo che vanta sugli Stati Uniti ma ha comunque teso la mano agli Stati Uniti.

Oltre la Russia. Anche alcuni paesi del Golfo offrirono aiuto a Trump

Il New York Times parla di incontri tra Trump Jr. e altri membri del comitato elettorale del presidente con funzionari dei governi del Medio Oriente e una società israeliana

Tre mesi prima delle elezioni presidenziali del 2016, un piccolo gruppo si è riunito alla Trump Tower, a Manhattan, per incontrare Donald Trump Jr., il figlio maggiore del presidente. Uno di essi era uno specialista israeliano nella manipolazione dei social media. Un altro era un emissario di due ricchi principi arabi. Il terzo era un donatore repubblicano, con un passato controverso in Medio Oriente dove si è occupato di sicurezza privata.

Dopo lo scandalo di Philadelphia, Starbucks studia nuove regole per gli "ospiti che non consumano"

Nessuno potrà più essere cacciato negli 8.000 negozi americani del gruppo
Starbucks

Starbucks ha annunciato che sta studiando una serie di regole ufficiali che consentiranno a tutti gli ospiti di entrare e usare i bar, inclusi i servizi igienici, indipendentemente dal fatto che effettuino o meno un acquisto.

Wall Street, attenzione a disoccupazione e Fed

Oggi il dato sui sussidi. Il Fondo monetario internazionale tiene il suo consueto briefing bisettimanale con la stampa alle 9:30 (le 15:30 in Italia)
iStock

Ottimismo a Wall Street, si attenuano le tensioni commerciali tra Usa e Cina

Il presidente Trump disposto a lavorare insieme all'omologo Xi per salvare ZTE
iStock