Amministrazione Trump contro Fmi: vuole che riforma fiscale fallisca

L'istituto di Washington aspetta dettagli sulla legislazione ma avverte: non aumenti il deficit. Le probabilità che un taglio alle tasse si finanzi da solo è bassa

Washington - L'amministrazione Trump ha apertamente attaccato il Fondo monetario internazionale, accusandolo di volere un fallimento della riforma fiscale che il presidente americano vorrebbe portare a casa entro fine anno; per lui, sarebbe la prima vittoria legislativa da quando mise piede alla Casa Bianca dal 20 gennaio scorso.

E' stato Mick Mulvaney, a capo dell'Office of Management and Budget al civico 1600 di Pennsylvania Avenue a Washington, a spiegare al Financial Times che gli scettici vogliono che la riforma non funzioni. E tra loro c'è anche - secondo lui - il Fondo, che preme sui Paesi membri che hanno alti deficit affinché alzino, piuttosto che abbassare, le aliquote fiscali. L'amministrazione Usa invece è dell'idea che alleggerendo il peso fiscale per aziende e persone, la crescita accelererà così come le entrate nelle casse dello stato. "C'è chi ha interesse di vedere che [la riforma fiscale] fallisca perché....se un taglio delle aliquote porta alla crescita, come si può sostenere che serve alzare le tasse in futuro?".

I commenti di Mulvaney seguono la pubblicazione da parte del Fondo di un rapporto che ha avvertito sulle vulnerabilità che rischiano di mettere a rischio la stabilità finanziaria, a cominciare da 135.000 miliardi di dollari di debiti che aziende e consumatori delle nazioni parte del G20 stanno faticando a onorare. "L'idea che si possano ottenere entrare addizionali abbassando le aliquote è qualcosa che, essendo una possibilità concettuale, è raramente documentata in modo empirico", ha spiegato all'FT Vitor Gaspar, direttore del dipartimento Affari fiscali del Fondo monetario internazionale. E' lui ad avere detto al quotidiano di "non avere trovato prove sistemiche che un aumento progressivo delle tasse leda la crescita".

Va detto che nelle conferenze a commento dei rapporti pubblicati tra ieri e l'altro ieri Gaspar e prima di lui Maury Obstfeld, consigliere economico e direttore del dipartimento di ricerca del Fondo, si sono astenuti dall'esprimersi apertamente sulla proposta di riforma fiscale che soltanto ieri Trump è tornato a promuovere a Harrisburg, Pennsylvania. "Ci sono ancora tante cose che devono essere decise; molte potrebbero sembrare semplici dettagli ma sono in realtà cruciali per capire il tipo di deficit o avanzo che si verrà a creare nel bilancio" federale, aveva detto il 10 ottobre Obstfeld. Ieri Gaspar ha ribadito lo stesso concetto. Ma se Obstfeld si era detto convinto che in Usa "una riforma fiscale non dovrebbe aumentare il deficit" e che nel medio termine "dovrebbe aumentare il gettito, da usare poi per investimenti infrastrutturali", Gaspar ha invitato la Casa Bianca a usare prove empiriche a sostegno della sua proposta. Perché "la frequenza di situazioni in cui tagli alle tasse si finanziano da soli è bassa".

Il governo Trump è convinto che l'economia Usa possa crescere al tasso annuo del 3%, un target che l'Fmi non reputa raggiungibile visto che ha tagliato le stime di crescita americana per il 2017 e il 2018 perché in pratica l'istituto di Washington non si aspetta da parte dell'amministrazione Usa gli stimoli fiscali che invece aveva incluso nei suoi calcoli primaverili. Di fronte a una "incertezza significativa", il Fondo dunque preferisce fare riferimento a uno scenario in cui tutto resta come è. L'Fmi prevede che dopo un +1,5% nel 2016, il Pil Usa cresca quest'anno del 2,2% e il prossimo del 2,3%. Nel lungo termine, il potenziale di crescita è visto a un +1,8%. Un problema per Trump, che in passato si è vantato di essere "il re del debito".

Altri Servizi

Ok dei repubblicani al testo unificato della riforma fiscale. Il plauso di Trump: rispettiamo promesse

L'approvazione finale potrebbe arrivare già mercoledì. L'aliquota per le imprese dal 35 al 21%, cancellato l'individual mandate previsto dall'Obamacare, previste te dell'8% sugli asset illiquidi e del 15,5% su quelli liquidi per il rimpatrio dei capitali.
AP

I repubblicani della Camera e del Senato hanno raggiunto un accordo su un testo congiunto per la controversa riforma fiscale voluta dal presidente americano Donald Trump, che, tra le altre cose, riduce l'aliquota per le imprese dal 35 al 21%. A rendere possibile l'accordo, un testo da 500 pagine e 1.500 miliardi di dollari, è stato il via libera di due senatori che finora avevano espresso riserve, Marco Rubio e Bob Corker. Il testo prevede anche l'abolizione del cosiddetto "individual mandate", ovvero l'obbligo di assicurazione sanitaria per tutti previsto dall'Obamacare.

La Fed alza i tassi per la terza volta nel 2017, altre tre strette nel 2018

Aumento di 25 punti base all'1,25-1,5%, come ampiamento atteso. Yellen non preoccupata da rally a Wall Street. Bitcoin? Un asset altamente speculativo. Riforma fiscale? Effetti ancora incerti
AP

Gli investitori non avevano (giustamente) dubbi: la Federal Reserve ha annunciato un aumento dei tassi per la terza volta nel 2017, la quinta dal giugno 2006. E ha confermato le attese per tre strette nel 2018 e due nel 2019. Non solo. Ha rivisto al rialzo le stime di crescita dell'economia americana per questo e il prossimo anno e si aspetta un ulteriore calo del tasso di disoccupazione, già ai minimi del dicembre 2000. Il governator Janet Yellen può vantarsi di lasciare la guida della banca centrale con gli Stati Uniti in buona salute e pronti a godere, almeno un po', di una riforma fiscale sempre più vicina ma dagli effetti ancora "incerti".

Difesa Usa preoccupata dal rischio di incidenti con caccia russi in Siria

Il rischio di scontri tra gli aerei da combattimento russi e quelli americani in Siria preoccupa il Pentagono. Gli incidenti si sono moltiplicati nelle ultime settimane, nonostante gli accordi verbali tra Mosca e Washington.

Il rischio di scontri tra gli aerei da combattimento russi e quelli americani in Siria preoccupa il dipartimento alla Difesa americano, che teme un precipitare degli eventi che sarebbe innanzi tutto un grave incidente diplomatico tra Mosca e Washington.

Giudice Usa blocca Trump: contraccezione resta gratuita

Un giudice federale della Pennsylvania ha bloccato una misura con cui l'amministrazione Trump avrebbe voluto smantellare l'ennesimo pezzo dell'eredità lasciata da Barack Obama.

Un giudice federale della Pennsylvania ha bloccato una misura con cui l'amministrazione Trump avrebbe voluto smantellare l'ennesimo pezzo dell'eredità lasciata da Barack Obama. Il governo del 45esimo presidente americano non può attuare le regole che virtualmente avrebbero permesso a ogni datore di lavoro di rifiutarsi di fornire alle dipendenti polizze assicurative che comprendono i metodi contraccettivi, se considerati in contrasto con i loro valori etici o religiosi.

Onu: rara apparizione dell'ambasciatore nordcoreano

Ja Song Nam parteciperà a una riunione a livello ministeriale del consiglio di sicurezza del Palazzo di Vetro. Ci sarà anche Tillerson

Il segretario americano di Stato e l'ambasciatore nordcoreano alle Nazioni Uniti parteciperanno al consiglio di sicurezza dell'Onu in calendario oggi. Rex Tillerson descriverà la linea con cui Washington intende affrontare la crisi con Pyongyang, che nonostante le sanzioni internazionali continua a portare avanti i suoi programmi nucleare e missilistico.

La riforma fiscale torna a preoccupare Wall Street

Progressi verso l'approvazione di una riforma fiscale; la Federal Reserve ha alzato i tassi, come previsto, di 25 punti base all'1,25-1,5%
AP

Bloomberg a Trump: la riforma fiscale è una "cantonata economicamente indifendibile"

Per l'ex sindaco di NY, dà alle grandi aziende tagli alle tasse di cui non hanno bisogno, abbassa le aliquote dei contribuenti più abbienti e per permette ai più ricchi di proteggere i loro patrimoni
iStock

Michael Bloomberg, il tre volte sindaco di New York che nel 2016 accarezzò l'idea di candidarsi alle presidenziali americane, ha pesantemente criticato la riforma fiscale che Donald Trump spera di rendere legge entro Natale. Secondo lui è una "cantonata economicamente indifendibile" di cui il presidente dovrà rispondere per gli effetti che creerà. Per questo i repubblicani che ne sono consapevoli dovrebbero votare no.

Riforma fiscale sempre più vicina, Rubio voterà sì

Il senatore della Florida si aggiunge quello del Tennessee. La settimana prossima verrà messa al voto in Parlamento. Entro Natale, la firma di Trump (salvo sorprese)
AP

La riforma fiscale negli Stati Uniti è sempre più vicina. I legislatori repubblicani hanno finalizzato in un unico testo le bozze del provvedimento approvato alla Camera il 16 novembre scorso e al Senato il 2 dicembre successivo. E se ieri i mercati finanziari temevano nuovi ostacoli, oggi sono tornati a sperare spingendosi a livelli record.

Riforma fiscale sempre più vicina: Trump già festeggia

Trovato un accordo di principio sul testo unico della legislazione. Agevolati i ricchi. Aliquota aziendale al 21% dal 35%
Ap

E' ufficiale. I leader repubblicani di Camera e Senato hanno trovato un accordo di principio sul testo finale della riforma fiscale. Di conseguenza, l'approvazione della maggiore riforma del fisco in Usa dal 1986 si fa un passo più vicina.

In America internet è meno libera

Stop alle regole sulla Net Neutrality volute da Barack Obama nel 2015 per garantire internet aperta e uguale per tutti. Netflix e i colossi della Silicon Valley contro: sarà una lunga battaglia

La Federal Communications Commission (Fcc), l'agenzia che regola il settore delle comunicazioni negli Stati Uniti, ha votato per l'eliminazione delle regole volute nel 2015 dall'amministrazione Obama a favore della neutralità della rete, il principio secondo cui non si può creare un internet a due velocità per favorire chi è disposto a pagare di più. In commissione, il voto ha seguito la divisione tra partiti: i tre repubblicani hanno votato a favore dell'eliminazione, i due democratici contro.