Amministrazione Trump contro Fmi: vuole che riforma fiscale fallisca

L'istituto di Washington aspetta dettagli sulla legislazione ma avverte: non aumenti il deficit. Le probabilità che un taglio alle tasse si finanzi da solo è bassa

Washington - L'amministrazione Trump ha apertamente attaccato il Fondo monetario internazionale, accusandolo di volere un fallimento della riforma fiscale che il presidente americano vorrebbe portare a casa entro fine anno; per lui, sarebbe la prima vittoria legislativa da quando mise piede alla Casa Bianca dal 20 gennaio scorso.

E' stato Mick Mulvaney, a capo dell'Office of Management and Budget al civico 1600 di Pennsylvania Avenue a Washington, a spiegare al Financial Times che gli scettici vogliono che la riforma non funzioni. E tra loro c'è anche - secondo lui - il Fondo, che preme sui Paesi membri che hanno alti deficit affinché alzino, piuttosto che abbassare, le aliquote fiscali. L'amministrazione Usa invece è dell'idea che alleggerendo il peso fiscale per aziende e persone, la crescita accelererà così come le entrate nelle casse dello stato. "C'è chi ha interesse di vedere che [la riforma fiscale] fallisca perché....se un taglio delle aliquote porta alla crescita, come si può sostenere che serve alzare le tasse in futuro?".

I commenti di Mulvaney seguono la pubblicazione da parte del Fondo di un rapporto che ha avvertito sulle vulnerabilità che rischiano di mettere a rischio la stabilità finanziaria, a cominciare da 135.000 miliardi di dollari di debiti che aziende e consumatori delle nazioni parte del G20 stanno faticando a onorare. "L'idea che si possano ottenere entrare addizionali abbassando le aliquote è qualcosa che, essendo una possibilità concettuale, è raramente documentata in modo empirico", ha spiegato all'FT Vitor Gaspar, direttore del dipartimento Affari fiscali del Fondo monetario internazionale. E' lui ad avere detto al quotidiano di "non avere trovato prove sistemiche che un aumento progressivo delle tasse leda la crescita".

Va detto che nelle conferenze a commento dei rapporti pubblicati tra ieri e l'altro ieri Gaspar e prima di lui Maury Obstfeld, consigliere economico e direttore del dipartimento di ricerca del Fondo, si sono astenuti dall'esprimersi apertamente sulla proposta di riforma fiscale che soltanto ieri Trump è tornato a promuovere a Harrisburg, Pennsylvania. "Ci sono ancora tante cose che devono essere decise; molte potrebbero sembrare semplici dettagli ma sono in realtà cruciali per capire il tipo di deficit o avanzo che si verrà a creare nel bilancio" federale, aveva detto il 10 ottobre Obstfeld. Ieri Gaspar ha ribadito lo stesso concetto. Ma se Obstfeld si era detto convinto che in Usa "una riforma fiscale non dovrebbe aumentare il deficit" e che nel medio termine "dovrebbe aumentare il gettito, da usare poi per investimenti infrastrutturali", Gaspar ha invitato la Casa Bianca a usare prove empiriche a sostegno della sua proposta. Perché "la frequenza di situazioni in cui tagli alle tasse si finanziano da soli è bassa".

Il governo Trump è convinto che l'economia Usa possa crescere al tasso annuo del 3%, un target che l'Fmi non reputa raggiungibile visto che ha tagliato le stime di crescita americana per il 2017 e il 2018 perché in pratica l'istituto di Washington non si aspetta da parte dell'amministrazione Usa gli stimoli fiscali che invece aveva incluso nei suoi calcoli primaverili. Di fronte a una "incertezza significativa", il Fondo dunque preferisce fare riferimento a uno scenario in cui tutto resta come è. L'Fmi prevede che dopo un +1,5% nel 2016, il Pil Usa cresca quest'anno del 2,2% e il prossimo del 2,3%. Nel lungo termine, il potenziale di crescita è visto a un +1,8%. Un problema per Trump, che in passato si è vantato di essere "il re del debito".

Altri Servizi

Wall Street incerta, attenzione rivolta ai colloqui sul commercio con la Cina

Prosegue il secondo round di colloqui ad alto livello tra Washington e Pechino
iStock

Gli Usa aprono l' ambasciata a Gerusalemme, per Israele un momento storico

Mentre israeliani e statunitensi celebrano la nuova sede, nella Striscia di Gaza si muore: almeno 52 persone sono state uccise dalle forze dello Stato ebraico. Casa Bianca: colpa di Hamas
Ap

Sessantanove anni dopo che Israele l'ha dichiarata capitale e 23 anni dopo che il Congresso statunitense ha approvato una legge per riconoscerla come tale, gli Stati Uniti hanno formalmente aperto la loro ambasciata a Gerusalemme. Mentre Usa e Israele celebravano, i soldati israeliani sparavano sulle migliaia di palestinesi che hanno protestato lungo il confine tra la Striscia di Gaza e lo stato ebraico. Almeno 52 palestinesi sono stati uccisi e - stando al ministero della Salute palestinese - oltre 1.200 sono rimasti feriti. La Casa Bianca non ha condannato l'accaduto attribuendo la colpa esclusivamente ad Hamas, l'organizzazione politica che controlla Gaza e che secondo Washington "sfrutta in modo cinico la situazione".

Bassa affluenza alle elezioni in Iraq, Usa e Iran attendono i risultati

Washington e Teheran si contendono l'influenza nel Paese
iStock

Gli iracheni hanno disertato in massa le urne facendo avanzare, secondo le prime indicazioni, le liste anti-sistema nelle prime elezioni politiche dopo la vittoria delle truppe governative sull'Isis, guardate molto da vicino da Stati Uniti e Iran. Secondo la commissione elettorale, il 44,52% degli iscritti ha votato per eleggere i 329 parlamentari. Si tratta della partecipazione più bassa registrata nel Paese dall'instaurazione delle elezioni multipartitiche nel 2005, dopo la caduta di Saddam Hussein.

Wall Street ritrova forza

Il rendimento del Treasury a 10 anni resta però sopra il 3%
iStock

Ford riprende la produzione di pickup F-Series, lo stop peserà su utili Q2

Il gruppo ha confermato le guidance per l'intero esercizio

Ford sta per riprendere prima del previsto la produzione di uno dei suoi veicoli più popolari e redditizi parte della famiglia di pick-up truck F-Series. Lo stop c'era stato dopo un incendio che il 2 maggio aveva colpito un suo fornitore, Meridian Magnesium Products of America con sede in Michigan, causando una carenza di componentistica.

La Cina tende la mano a Trump

Pechino smentisce l'offerta per ridurre di 200 miliardi di dollari l'avanzo commerciale annuo che vanta sugli Stati Uniti. Ha però eliminato dazi sul sorgo Usa

La Cina non ha offerto a Donald Trump una riduzione di 200 miliardi di dollari dell'avanzo commerciale annuo che vanta sugli Stati Uniti ma ha comunque teso la mano agli Stati Uniti.

Oltre la Russia. Anche alcuni paesi del Golfo offrirono aiuto a Trump

Il New York Times parla di incontri tra Trump Jr. e altri membri del comitato elettorale del presidente con funzionari dei governi del Medio Oriente e una società israeliana

Tre mesi prima delle elezioni presidenziali del 2016, un piccolo gruppo si è riunito alla Trump Tower, a Manhattan, per incontrare Donald Trump Jr., il figlio maggiore del presidente. Uno di essi era uno specialista israeliano nella manipolazione dei social media. Un altro era un emissario di due ricchi principi arabi. Il terzo era un donatore repubblicano, con un passato controverso in Medio Oriente dove si è occupato di sicurezza privata.

Dopo lo scandalo di Philadelphia, Starbucks studia nuove regole per gli "ospiti che non consumano"

Nessuno potrà più essere cacciato negli 8.000 negozi americani del gruppo
Starbucks

Starbucks ha annunciato che sta studiando una serie di regole ufficiali che consentiranno a tutti gli ospiti di entrare e usare i bar, inclusi i servizi igienici, indipendentemente dal fatto che effettuino o meno un acquisto.

Wall Street, attenzione a disoccupazione e Fed

Oggi il dato sui sussidi. Il Fondo monetario internazionale tiene il suo consueto briefing bisettimanale con la stampa alle 9:30 (le 15:30 in Italia)
iStock

Ottimismo a Wall Street, si attenuano le tensioni commerciali tra Usa e Cina

Il presidente Trump disposto a lavorare insieme all'omologo Xi per salvare ZTE
iStock