Amministrazione Trump contro Fmi: vuole che riforma fiscale fallisca

L'istituto di Washington aspetta dettagli sulla legislazione ma avverte: non aumenti il deficit. Le probabilità che un taglio alle tasse si finanzi da solo è bassa

Washington - L'amministrazione Trump ha apertamente attaccato il Fondo monetario internazionale, accusandolo di volere un fallimento della riforma fiscale che il presidente americano vorrebbe portare a casa entro fine anno; per lui, sarebbe la prima vittoria legislativa da quando mise piede alla Casa Bianca dal 20 gennaio scorso.

E' stato Mick Mulvaney, a capo dell'Office of Management and Budget al civico 1600 di Pennsylvania Avenue a Washington, a spiegare al Financial Times che gli scettici vogliono che la riforma non funzioni. E tra loro c'è anche - secondo lui - il Fondo, che preme sui Paesi membri che hanno alti deficit affinché alzino, piuttosto che abbassare, le aliquote fiscali. L'amministrazione Usa invece è dell'idea che alleggerendo il peso fiscale per aziende e persone, la crescita accelererà così come le entrate nelle casse dello stato. "C'è chi ha interesse di vedere che [la riforma fiscale] fallisca perché....se un taglio delle aliquote porta alla crescita, come si può sostenere che serve alzare le tasse in futuro?".

I commenti di Mulvaney seguono la pubblicazione da parte del Fondo di un rapporto che ha avvertito sulle vulnerabilità che rischiano di mettere a rischio la stabilità finanziaria, a cominciare da 135.000 miliardi di dollari di debiti che aziende e consumatori delle nazioni parte del G20 stanno faticando a onorare. "L'idea che si possano ottenere entrare addizionali abbassando le aliquote è qualcosa che, essendo una possibilità concettuale, è raramente documentata in modo empirico", ha spiegato all'FT Vitor Gaspar, direttore del dipartimento Affari fiscali del Fondo monetario internazionale. E' lui ad avere detto al quotidiano di "non avere trovato prove sistemiche che un aumento progressivo delle tasse leda la crescita".

Va detto che nelle conferenze a commento dei rapporti pubblicati tra ieri e l'altro ieri Gaspar e prima di lui Maury Obstfeld, consigliere economico e direttore del dipartimento di ricerca del Fondo, si sono astenuti dall'esprimersi apertamente sulla proposta di riforma fiscale che soltanto ieri Trump è tornato a promuovere a Harrisburg, Pennsylvania. "Ci sono ancora tante cose che devono essere decise; molte potrebbero sembrare semplici dettagli ma sono in realtà cruciali per capire il tipo di deficit o avanzo che si verrà a creare nel bilancio" federale, aveva detto il 10 ottobre Obstfeld. Ieri Gaspar ha ribadito lo stesso concetto. Ma se Obstfeld si era detto convinto che in Usa "una riforma fiscale non dovrebbe aumentare il deficit" e che nel medio termine "dovrebbe aumentare il gettito, da usare poi per investimenti infrastrutturali", Gaspar ha invitato la Casa Bianca a usare prove empiriche a sostegno della sua proposta. Perché "la frequenza di situazioni in cui tagli alle tasse si finanziano da soli è bassa".

Il governo Trump è convinto che l'economia Usa possa crescere al tasso annuo del 3%, un target che l'Fmi non reputa raggiungibile visto che ha tagliato le stime di crescita americana per il 2017 e il 2018 perché in pratica l'istituto di Washington non si aspetta da parte dell'amministrazione Usa gli stimoli fiscali che invece aveva incluso nei suoi calcoli primaverili. Di fronte a una "incertezza significativa", il Fondo dunque preferisce fare riferimento a uno scenario in cui tutto resta come è. L'Fmi prevede che dopo un +1,5% nel 2016, il Pil Usa cresca quest'anno del 2,2% e il prossimo del 2,3%. Nel lungo termine, il potenziale di crescita è visto a un +1,8%. Un problema per Trump, che in passato si è vantato di essere "il re del debito".

Altri Servizi

Wall Street, attenzione rivolta a trimestrali e sussidi di disoccupazione

Oggi i dati di Bank of New York Mellon, Morgan Stanley, American Express e Ibm
AP

Interferenza russa nel referendum su Brexit? Facebook amplia l'inchiesta

Il social network risponde al pressing dei legislatori britannici. Il gruppo aveva scoperto solo una minima attività riconducibile a Mosca

Facebook sta ampliando la sua inchiesta volta a capire se la Russia ha interferito nel referendum con cui nel giugno 2016 i cittadini britannici hanno scelto l'uscita del Regno Unito dall'Unione europea. Lo ha detto ieri il social network, che in una precedente indagine aveva scoperto soltanto un'attività minima da parte di Mosca.

Trump: sul muro non è cambiato nulla, lo pagherà il Messico

Il presidente replica a un articolo del New York Times, secondo cui il capo di gabinetto, John Kelly, avrebbe detto a un gruppo di democratici di averlo convinto che la barriera non è necessaria
Ap

"Il muro è il muro, non è mai cambiato dal primo giorno in cui l'ho concepito" e "sarà pagato, direttamente o indirettamente, dal Messico". Lo ha assicurato il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, tornando a parlare, su Twitter, della barriera al confine tra i due Paesi.

Russiagate, Bannon "collaborerà totalmente con Mueller"

L'ex stratega della Casa Bianca ha ricevuto un mandato di comparizione dal procuratore speciale. Il privilegio esecutivo, invece, 'blocca' Bannon davanti alla commissione Intelligence della Camera

Steve Bannon "intende cooperare totalmente con Mueller", secondo una fonte di Axios vicina all'ex stratega della Casa Bianca. Robert Mueller, il procuratore speciale che indaga sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi e sulle possibili collusioni tra il Cremlino e lo staff di Donald Trump, ha infatti spiccato un mandato di comparizione, la scorsa settimana, nei confronti di Bannon, come svelato ieri dal New York Times.

Un avvocato di Trump: "Il presidente è molto impaziente di parlare con Mueller"

Il procuratore speciale che indaga sulle interferenze russe nelle scorse elezioni potrebbe presto ascoltare il capo di Stato

Un avvocato di Donald Trump ha detto che il presidente degli Stati Uniti è "molto impaziente" di sedersi a parlare con il procuratore speciale Robert Mueller, che indaga sulle interferenze russe nelle scorse elezioni.

Russiagate: accordo con Mueller, Bannon evita il gran giurì

L'ex stratega della Casa Bianca risponderà alle domande del procuratore speciale sulle interferenze russe nelle elezioni

Steve Bannon avrebbe raggiunto un accordo con Robert Mueller per evitare di testimoniare davanti al gran giurì istituito per l'inchiesta sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi. Lo riporta la Cnn.

Fmi a San Marino: il settore bancario deve essere rafforzato

La Cassa di Risparmio della Repubblica di San Marino va ristrutturata, deve cambiare modello di business e ridurre costi operativi

Ristabilire la tenuta del settore bancario e mantenere la stabilità finanziaria restano le principali priorità per San Marino. Lo sostiene il Fondo monetario internazionale, il cui staff ha concluso la sua missione nel Paese. Facendo notare che la rotta del debito pubblico dipenderà dal costo fiscale finale della riparazione del sistema bancario, l'istituto di Washington consiglia riforme strutturali, inclusa la riduzione della burocrazia, per aiutare una riorganizzazione dell'economia. Anche perché, sostiene l'Fmi, "l'agenda delle riforme è faticosa e richiede un forte impegno da parte di tutti".

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali

Oggi i conti di Goldman Sachs e Bank of America
AP

Goldman Sachs: primo rosso trimestrale da 2011, ma conti sopra stime; da riforma 4,4 miliardi di oneri

Il Ceo Blankfein: "Con la prevista accelerata dell'economia globale, i benefici che arriveranno dalla nuova legislazione fiscale e grazie a un franchise di primo piano, siamo ben posizionati per fare significativi progressi sul piano di crescita".

Nei tre mesi a dicembre Goldman Sachs ha virato in rosso, riportando le sue prime perdite trimestrali dal 2011. Come già successo con i conti delle maggiori rivali dell'istituto newyorkese, ha pesato l'impatto della riforma fiscale voluta dal presidente Donald Trump, che ha provocato oneri straordinari per 4,4 miliardi di dollari.

Alcoa: perdita trimestrale peggiora, pesano chiusure fonderie (anche in Italia)

Rosso da 196 milioni di dollari. Oneri per 391 milioni legati anche all'impianto sardo a Portovesme. Dalla riforma fiscale Usa, impatto negativo per 22 milioni

La chiusura di un paio di fonderie, inclusa quella a Portovesme (Sardegna), e la nuova riforma fiscale Usa hanno pesato sugli utili di Alcoa relativi agli ultimi tre mesi del 2017. L'intero esercizio commerciale è finito in modo migliore di quello precedente grazie all'andamento dei prezzi dell'alluminio.