Amministrazione Trump contro Fmi: vuole che riforma fiscale fallisca

L'istituto di Washington aspetta dettagli sulla legislazione ma avverte: non aumenti il deficit. Le probabilità che un taglio alle tasse si finanzi da solo è bassa

Washington - L'amministrazione Trump ha apertamente attaccato il Fondo monetario internazionale, accusandolo di volere un fallimento della riforma fiscale che il presidente americano vorrebbe portare a casa entro fine anno; per lui, sarebbe la prima vittoria legislativa da quando mise piede alla Casa Bianca dal 20 gennaio scorso.

E' stato Mick Mulvaney, a capo dell'Office of Management and Budget al civico 1600 di Pennsylvania Avenue a Washington, a spiegare al Financial Times che gli scettici vogliono che la riforma non funzioni. E tra loro c'è anche - secondo lui - il Fondo, che preme sui Paesi membri che hanno alti deficit affinché alzino, piuttosto che abbassare, le aliquote fiscali. L'amministrazione Usa invece è dell'idea che alleggerendo il peso fiscale per aziende e persone, la crescita accelererà così come le entrate nelle casse dello stato. "C'è chi ha interesse di vedere che [la riforma fiscale] fallisca perché....se un taglio delle aliquote porta alla crescita, come si può sostenere che serve alzare le tasse in futuro?".

I commenti di Mulvaney seguono la pubblicazione da parte del Fondo di un rapporto che ha avvertito sulle vulnerabilità che rischiano di mettere a rischio la stabilità finanziaria, a cominciare da 135.000 miliardi di dollari di debiti che aziende e consumatori delle nazioni parte del G20 stanno faticando a onorare. "L'idea che si possano ottenere entrare addizionali abbassando le aliquote è qualcosa che, essendo una possibilità concettuale, è raramente documentata in modo empirico", ha spiegato all'FT Vitor Gaspar, direttore del dipartimento Affari fiscali del Fondo monetario internazionale. E' lui ad avere detto al quotidiano di "non avere trovato prove sistemiche che un aumento progressivo delle tasse leda la crescita".

Va detto che nelle conferenze a commento dei rapporti pubblicati tra ieri e l'altro ieri Gaspar e prima di lui Maury Obstfeld, consigliere economico e direttore del dipartimento di ricerca del Fondo, si sono astenuti dall'esprimersi apertamente sulla proposta di riforma fiscale che soltanto ieri Trump è tornato a promuovere a Harrisburg, Pennsylvania. "Ci sono ancora tante cose che devono essere decise; molte potrebbero sembrare semplici dettagli ma sono in realtà cruciali per capire il tipo di deficit o avanzo che si verrà a creare nel bilancio" federale, aveva detto il 10 ottobre Obstfeld. Ieri Gaspar ha ribadito lo stesso concetto. Ma se Obstfeld si era detto convinto che in Usa "una riforma fiscale non dovrebbe aumentare il deficit" e che nel medio termine "dovrebbe aumentare il gettito, da usare poi per investimenti infrastrutturali", Gaspar ha invitato la Casa Bianca a usare prove empiriche a sostegno della sua proposta. Perché "la frequenza di situazioni in cui tagli alle tasse si finanziano da soli è bassa".

Il governo Trump è convinto che l'economia Usa possa crescere al tasso annuo del 3%, un target che l'Fmi non reputa raggiungibile visto che ha tagliato le stime di crescita americana per il 2017 e il 2018 perché in pratica l'istituto di Washington non si aspetta da parte dell'amministrazione Usa gli stimoli fiscali che invece aveva incluso nei suoi calcoli primaverili. Di fronte a una "incertezza significativa", il Fondo dunque preferisce fare riferimento a uno scenario in cui tutto resta come è. L'Fmi prevede che dopo un +1,5% nel 2016, il Pil Usa cresca quest'anno del 2,2% e il prossimo del 2,3%. Nel lungo termine, il potenziale di crescita è visto a un +1,8%. Un problema per Trump, che in passato si è vantato di essere "il re del debito".

Altri Servizi

Wall Street, attenzione rivolta al dato sull'inflazione

Occhi puntati anche sulle dispute commerciali
iStock

Pfizer parla con Trump, rinvia il rincaro dei farmaci

Passo indietro, in attesa del piano del presidente Usa

Pfizer ha deciso di rinviare il rincaro di decine di farmaci, dopo le critiche ricevute dal presidente statunitense, Donald Trump. Il colosso farmaceutico ha annunciato "il ritorno ai prezzi precedenti al primo luglio per dare al presidente l'opportunità di lavorare al suo piano" per ridurre i prezzi dei farmaci; la decisione è stata presa dopo un colloquio tra l'amministratore delegato, Ian Read, e il presidente.

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali delle banche

Seguita anche la visita del presidente Trump in Europa
iStock

Trump a May: su Brexit fate come volete, basta che poi facciamo affari

Solito show del presidente Usa nella conferenza stampa con la premier del Regno Unito. Smentisce le critiche e definisce la sua intervista al Sun una 'Fake News'
AP

"Qualsiasi approccio sceglierete per la Brexit mi andrà bene, sta a voi, fate solo in modo di essere sicuri di poter fare accordi commerciali con gli Stati Uniti, che è quello che conta". La conferenza stampa con la premier del Regno Unito, Theresa May, è il solito show del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che smentisce la sua intervista al tabloid Sun, definita 'Fake News' (ma l'audio conferma quanto riportato dal giornalista, ndr) e sottolinea che "gli Stati Uniti vogliono fare affari con il Regno Unito, e il Regno Unito vuole fare affari con noi".

Messico, la prossima crisi arriverà da Sud

Il presidente eletto Lopez Obrador potrebbe entrare in contrasto con Donald Trump sull'immigrazione. Il rischio è che ne esca perdente
iStock

Dopo la vittoria di Andres Manuel Lopez Obrador alle elezioni presidenziali messicane, i mercati si sono concentrati sulle prospettive economiche di un Paese che rischia la crisi finanziaria. Eppure, il primo e più grande problema della futura amministrazione, in carica dal primo dicembre, potrebbe essere l'immigrazione dall'America Centrale, come scritto da Shannon O'Neil, senior fellow per gli Studi sull'America Latina del Council on Foreign Relations.

Dalle ingerenze russe nelle elezioni Usa alla Siria: i temi sul tavolo del vertice Trump-Putin

L'incontro di lunedì 16 luglio, a Helsinki, avrà al centro delle discussioni anche l'Ucraina e la corsa agli armamenti
Ap

Quattro questioni saranno probabilmente al centro del summit di Helsinki di lunedì 16 luglio tra Donald Trump e Vladimir Putin: le ingerenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi del 2016, l'Ucraina, la Siria e le armi nucleari. Le delegazioni statunitense e russa hanno fatto, finora, pochi progressi su ciascun argomento. Secondo Stephen Sestanovich del Council on Foreign Relations, però, ci sono buoni motivi per pensare che una o entrambe le parti approcceranno queste questioni in modo nuovo.

Russiagate, Mueller incrimina 12 agenti dell'intelligence russa

Le accuse sono state mosse a tre giorni dall'incontro tra il presidente statunitense, Donald Trump, e l'omologo russo, Vladimir Putin
AP

Il gran giurì convocato dal procuratore speciale Robert Mueller, che indaga sulle ingerenze russe nelle elezioni presidenziali del novembre 2016, ha accusato formalmente 12 agenti dell'intelligence russa per i furti informatici ai danni del partito democratico, nel corso di quella campagna elettorale.

AP

Il progetto della premier britannica Theresa May di mantenere una stretta relazione economica con l'Unione Europea dopo la Brexit "ucciderà probabilmente" la possibilità di chiudere un accordo di libero scambio con gli Stati Uniti. Lo ha dichiarato il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, in un'intervista al tabloid britannico Sun che sta facendo discutere da ore. Poi, il passo indietro non appena arrivato a Chequers, la residenza di campagna del primo ministro del Regno Unito, che si trova a Ellesborough.

Trump: "Credo nella Nato, gli alleati pagheranno di più". Ma Macron e Conte lo smentiscono

Il presidente Usa: "La Nato è molto più forte ora. Gli alleati aumenteranno la spesa per la difesa, e anche velocemente". Il presidente francese: "Il comunicato è chiaro: riafferma l'impegno del 2% entro il 2024"
AP

"Io credo nella Nato. La Nato è molto più forte ora di due giorni fa". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante la conferenza stampa alla Nato, a Bruxelles, piena di contenuti, in parte già smentiti dagli altri leader. "Alla fine, abbiamo avuto un fantastico meeting. Gli Stati Uniti non erano trattati in modo giusto, ora sì" ha detto Trump, affermando che gli alleati hanno accettato di aumentare le spese per la difesa, come da lui chiesto, "e anche velocemente".

Vertice Nato, Trump chiede agli alleati un nuovo obiettivo: il 4% del Pil alla difesa

Gli alleati faticano ad avvicinarsi al 2%, come promesso nel 2014 (entro 10 anni)
Ap

Vertice Nato,Trump chiede nuovo obiettivo: 4% Pil alla difesa Lo ha riferito il presidente bulgaro New York, 11 lug - Il presidente statunitense, Donald Trump, ha formalmente chiesto agli alleati della Nato di alzare al 4% la percentuale del Pil da dedicare alle spese per la difesa, nonostante la maggior parte degli alleati sia ancora lontana dall'obiettivo del 2%, fissato nel 2014 per il 2024. A renderlo noto è stato il presidente bulgaro, Rumen Radev.