L'amministrazione Trump stabilisce i requisiti per il muro con il Messico: deve essere "alto e bello"

Washington ha pubblicato due richieste formali per le proposte delle società interessate alla costruzione delle barriere; il requisito dell'aspetto gradevole si riferisce soltanto al lato statunitense

L'amministrazione Trump ha pubblicato due richieste formali per ricevere le proposte, da parte delle società interessate, per la costruzione del muro che il presidente degli Stati Uniti vuole costruire al confine con il Messico. Le richieste includono le specifiche per le barriere, in modo che rispettino la promessa di The Donald di costruire un "muro grande e bello".

Inizialmente, lo U.S. Customs and Border Protection, agenzia federale responsabile del controllo delle frontiere e dell'immigrazione, aveva fissato la data per la pubblicazione intorno al 6 marzo, per poi rimandarla almeno fino al 15 marzo; infine, dopo aver annunciato che la richiesta sarebbe stata presentata "presto", ha pubblicato le due richieste nella serata di venerdì 17 marzo.

L'agenzia ha fornito gli undici requisiti necessari per il muro, che "deve essere fisicamente imponente in altezza"; il muro deve essere alto 30 piedi (9,1 metri), anche se "un'altezza di almeno 18 piedi (5,5 metri) potrebbe essere accettabile" e dovrebbe andare almeno sei piedi in profondità (1,8 metri) per evitare che siano costruiti dei tunnel sottoterra.

Il muro, si legge nel bando, deve essere difficile da superare e avere delle caratteristiche che impediscano l'ingresso degli irregolari anche nel caso di tentativi con "sofisticati strumenti". I prototipi devono anche dimostrare che non siano suscettibili di "brecce fisiche". I potenziali contractor devono anche garantire un certo stile per il lato settentrionale del muro, quello statunitense, perché le barriere "devono essere esteticamente piacevoli nel colore, nell'aspetto etc., rispettando l'ambiente circostante"; nessun dettaglio, invece, è stato imposto per il lato meridionale, quello del Messico.

Il governo federale aspetterà le proposte delle aziende fino al 29 marzo e assegnerà un contratto in base al prototipo presentato, che sarà costruito a San Diego. Secondo un'indagine del Guardian di alcuni giorni fa, più di 600 aziende hanno dimostrato ufficialmente interesse per il progetto dal 24 febbraio, tra cui oltre 60 di proprietà di statunitensi di origine latinoamericana.

A gennaio, Trump ha firmato un ordine esecutivo per la costruzione del muro, che potrebbe coprire quasi 2.000 miglia (3.218 chilometri) dal golfo del Messico all'Oceano pacifico. Sui costi, le stime sono molto diverse: per Trump costerà 12 miliardi di dollari, mentre per la New America Foundation, per esempio, potrebbe costare 38 miliardi; in mezzo, la stima preparata dal dipartimento per la Sicurezza interna, per cui il costo per chiudere il confine tra Stati Uniti e Messico si aggirerebbe intorno ai 21 miliardi, secondo un rapporto interno citato dalla stampa statunitenss; anche se Trump ha promesso che il Messico pagherà per il muro, le aspettative che questo possa realmente accadere sono basse, visto che il Paese confinante ha più volte respinto fermamente questa ipotesi.

Il piano prevede tre fasi di costruzione di barriere e muri per coprire oltre 1.250 miglia (2.000 chilometri) entro la fine del 2020; aggiungendoci le 654 miglia (1.046 chilometri) di barriere già erette, le nuove costruzioni estenderebbero la lunghezza del muro a quasi l'intero confine.

Altri Servizi

Wall Street chiusa per il Martin Luther King Day

Non sono in calendario dati e trimestrali, riflettori puntati sul salone dell'Auto di Detroit
AP

Spotify vuole rivoluzionare le Ipo a Wall Street: per banche commissioni più basse

I tre adviser di Spotify, Goldman Sachs, Morgan Stanley e Allen & Co, si divideranno probabilmente commissioni per 30 milioni di dollari, cifra che potrebbe cambiare in base alle dimensioni della società al momento del debutto e al successo della quotazio
iStock

Spotify ha rivoluzionato il mondo della musica con il proprio servizio di streaming. Ora la società svedese si prepara a fare lo stesso anche con Wall Street: le banche che stanno lavorando alla quotazione del gruppo, che seguirà una procedura inconsueta, riceveranno commissioni molto più basse rispetto a quelle consuete.

Per Astaldi contratto da 108 milioni di dollari per costruire una tratta autostradale in Usa

È prevista la costruzione di 8 chilometri di nuova autostrada lungo il tracciato State Road 429–State Road 46 (Wekiva Parkway, Sezione 7A), compresi 12 ponti e tutte le opere connesse.

Contratto negli Stati Uniti per Astaldi. La società, uno dei principali contractor in Italia e tra i primi 25 a livello europeo nel settore delle costruzioni, si è aggiudicata un appalto da 108 milioni di dollari per la realizzazione di una tratta dell'autostrada Wekiva Parkway, in Florida.

La nipote di Martin Luther King difende Trump: "Non è razzista e le sue politiche aiutano gli afroamericani"

Nel giorno in cui si festeggia negli Stati Uniti il Martin Luther King Day, la figlia del fratello minore del premio Nobel per la Pace difende il presidente, che dice: "Il sogno di Martin Luther King è il nostro sogno, è il sogno americano".

La nipote di Martin Luther King difende Donald Trump. Alveda King, figlia del fratello minore del premio Nobel per la Pace, ex deputata democratica statale in Georgia e ora dichiaratamente repubblicana e collaboratrice di Fox News, ha preso le parti del presidente degli Stati Uniti, sottolineando le opportunità economiche che sta dando agli afroamericani.

Trump all'attacco: non sono razzista, su immigrazione democratici mi ostacolano

Il presidente ha spiegato di voler concludere un accordo sull'immigrazione, ma di essere ostacolato dagli avversari democratici: "Noi siamo pronti, desiderosi e capaci di ottenere un accordo sui Daca", ha detto.
AP

"Non sono razzista. Sono la persona meno razzista che abbiate intervistato, questo lo posso dire per certo". Donald Trump, parlando dalla Florida, prova ancora a gettare acqua sul fuoco delle polemiche, come aveva già fatto venerdì, e a placare il vespaio scatenato da alcune sue presunte frasi molto poco "politically correct" su Paesi come Haiti riportate la settimana scorsa dal Washington Post.

Fca scommette su Jeep e Ram. Marchionne, "non abbiamo bisogno di nessuno"

Il gruppo tira dritto da stand alone. Target 2017 e 2018 confermati. Dividendo? Meglio un buyback. Un futuro in politica? "Nemmeno di notte"
Fca

Detroit - Per avere più chiarezza sul futuro di Fiat Chrysler Automobiles in Italia bisognerà aspettare il nuovo piano industriale, che verrà presentato il primo giugno prossimo con ogni probabilità a Balocco. Ma la rotta del gruppo, specialmente in Usa, sembra comunque già tracciata e destinata a passare attraverso i veicoli che rendono di più: pickup truck e Suv. "L'azienda ci ha visto lungo spostando la sua attenzione dalle auto ai light truck in Usa", ha detto alla stampa Sergio Marchionne, confermando i target del 2017 e del 2018, anno in cui potrebbe esserci lo spinoff di Magneti Marelli con quotazione solo a Milano.

SpaceX difende il lancio di un satellite top secret Usa, giallo su sua scomparsa

Si chiama Zuma ed è stato prodotto da Northrop Grumman. L'azienda di Elon Musk: tutto è stato fatto correttamente
AP

Space Exploration Technologies (SpaceX), il gruppo aerospaziale del fondatore di Tesla Elon Musk, ha detto di avere fatto tutto correttamente quando domenica scorsa ha lanciato un satellite spia per conto del governo americano; eppure si intensifica il giallo sull'apparente scomparsa del satellite stesso, nome in codice Zuma.

Il settore farmaceutico italiano va a caccia di investitori a San Francisco

Oggi la seconda edizione della conferenza “Healthcare: Italy on the Move”, in concomitanza con la JP Morgan Annual Healthcare Conference

Si tiene oggi a San Francisco la seconda edizione della conferenza “Healthcare: Italy on the Move”, l'incontro internazionale dedicato alle Scienze della Vita programmato in concomitanza con l'ultimo giorno dell'annuale JP Morgan Annual Healthcare Conference.

Con Trump, gli Usa puntano a più pene di morte per punire crimini violenti

Il favore dell'opinione pubblica americana per questo tipo di pena è tuttavia ai minimi di 45 anni fa
Il segretario alla Giustizia, Jeff Sessions Ap

Dagli Stati Uniti sono arrivati i primi segnali di come, per punire crimini violenti, il dipartimento di Giustizia nell'era Trump voglia un uso maggiore della pena di morte rispetto ad amministrazioni precedenti. E questo, nonostante il favore dell'opinione pubblica verso questa misura sia calato: secondo un sondaggio di Gallup risalente a ottobre, l'ultimo disponibile sull'argomento, il 55% degli americani adulti è favorevole a spedire nel braccio della morte gli autori di omicidi; si tratta di minimi di 45 anni fa.

Kodak si unisce alla criptomania: lancia valuta digitale per fotografi

Si chiama KODAKCoin. Al via piattaforma KODAKOne su cui gli artisti potranno registrare il loro lavoro in modo da poterlo offrire in licenza
Kodak

Anche Eastman Kodak si unisce alla mania associata alle valute digitali. E il titolo vola del 45% a 4,49 dollari al New York Stock Exchange.