L'amministrazione Trump stabilisce i requisiti per il muro con il Messico: deve essere "alto e bello"

Washington ha pubblicato due richieste formali per le proposte delle società interessate alla costruzione delle barriere; il requisito dell'aspetto gradevole si riferisce soltanto al lato statunitense

L'amministrazione Trump ha pubblicato due richieste formali per ricevere le proposte, da parte delle società interessate, per la costruzione del muro che il presidente degli Stati Uniti vuole costruire al confine con il Messico. Le richieste includono le specifiche per le barriere, in modo che rispettino la promessa di The Donald di costruire un "muro grande e bello".

Inizialmente, lo U.S. Customs and Border Protection, agenzia federale responsabile del controllo delle frontiere e dell'immigrazione, aveva fissato la data per la pubblicazione intorno al 6 marzo, per poi rimandarla almeno fino al 15 marzo; infine, dopo aver annunciato che la richiesta sarebbe stata presentata "presto", ha pubblicato le due richieste nella serata di venerdì 17 marzo.

L'agenzia ha fornito gli undici requisiti necessari per il muro, che "deve essere fisicamente imponente in altezza"; il muro deve essere alto 30 piedi (9,1 metri), anche se "un'altezza di almeno 18 piedi (5,5 metri) potrebbe essere accettabile" e dovrebbe andare almeno sei piedi in profondità (1,8 metri) per evitare che siano costruiti dei tunnel sottoterra.

Il muro, si legge nel bando, deve essere difficile da superare e avere delle caratteristiche che impediscano l'ingresso degli irregolari anche nel caso di tentativi con "sofisticati strumenti". I prototipi devono anche dimostrare che non siano suscettibili di "brecce fisiche". I potenziali contractor devono anche garantire un certo stile per il lato settentrionale del muro, quello statunitense, perché le barriere "devono essere esteticamente piacevoli nel colore, nell'aspetto etc., rispettando l'ambiente circostante"; nessun dettaglio, invece, è stato imposto per il lato meridionale, quello del Messico.

Il governo federale aspetterà le proposte delle aziende fino al 29 marzo e assegnerà un contratto in base al prototipo presentato, che sarà costruito a San Diego. Secondo un'indagine del Guardian di alcuni giorni fa, più di 600 aziende hanno dimostrato ufficialmente interesse per il progetto dal 24 febbraio, tra cui oltre 60 di proprietà di statunitensi di origine latinoamericana.

A gennaio, Trump ha firmato un ordine esecutivo per la costruzione del muro, che potrebbe coprire quasi 2.000 miglia (3.218 chilometri) dal golfo del Messico all'Oceano pacifico. Sui costi, le stime sono molto diverse: per Trump costerà 12 miliardi di dollari, mentre per la New America Foundation, per esempio, potrebbe costare 38 miliardi; in mezzo, la stima preparata dal dipartimento per la Sicurezza interna, per cui il costo per chiudere il confine tra Stati Uniti e Messico si aggirerebbe intorno ai 21 miliardi, secondo un rapporto interno citato dalla stampa statunitenss; anche se Trump ha promesso che il Messico pagherà per il muro, le aspettative che questo possa realmente accadere sono basse, visto che il Paese confinante ha più volte respinto fermamente questa ipotesi.

Il piano prevede tre fasi di costruzione di barriere e muri per coprire oltre 1.250 miglia (2.000 chilometri) entro la fine del 2020; aggiungendoci le 654 miglia (1.046 chilometri) di barriere già erette, le nuove costruzioni estenderebbero la lunghezza del muro a quasi l'intero confine.

Altri Servizi

Wall Street, giornata dedicata alle trimestrali

Oggi i dati di PepsiCo, Nasdaq, Procter & Gamble, Twitter, Boeing, Fca e PayPal
AP

Wall Street, investitori cauti sulla riforma fiscale di Trump

Oggi, giornata scandita da un nutrito numero di trimestrali
AP

I primi cento giorni di Donald Trump

Ecco perché il presidente americano non dovrebbe attaccare i suoi predecessori. I numeri (e le sconfitte) dicono che il suo inizio alla Casa Bianca è tutt'altro che entusiasmante

Sabato 29 aprile Donald Trump passerà il traguardo dei primi cento giorni alla Casa Bianca. Ma, scrivono i media americani, il presidente americano ha veramente poco da festeggiare, soprattutto perché in più di tre mesi non è riuscito a portare a termine nessuna delle promesse fatte ai suoi elettori: il divieto di ingresso ai cittadini di alcuni Paesi a maggioranza musulmana (il muslim ban) è stato bloccato due volte da due diversi tribunali. La riforma sanitaria che avrebbe dovuto sostituire il "disastroso" Obamacare è stata bocciata dalla Camera. Il muro con il Messico potrebbe non avere il via libera dal Congresso al suo primo finanziamento, 1,4 miliardi di dollari per iniziare i primi chilometri, in un atto più simbolico che di sostanza.

La ricetta di McDonald's per il rilancio funziona, lo dimostra la trimestrale

Le vendite nei ristoranti aperti da almeno un anno sono cresciute a livello globale e in Usa, il mercato di riferimento
iStock

Un'offerta più ampia di hamburger di varie dimensioni, bibite in vendita per un solo dollaro e caffè a due dollari hanno permesso a McDonald's di chiudere un trimestre con conti superiori alle stime del mercato. E negli Stati Uniti è in atto la tanto attesa ripresa.

O'Sullivan a Trump: senza Europa, niente America Great Again

L'ambasciatore Ue negli Stati Uniti, da New York, critica il focus dell'amministrazione Usa sugli accordi bilaterali e sui deficit commerciali. Il presidente americano non è cheerleader dell'integrazione Ue ma ha bisogno di Vecchio Continente prospero

In un'Europa in cui c'è una "rinnovata attività economica", c'è anche una diffusa convinzione che "il libero commercio e gli accordi commerciali messi a punto bene diano benefici". E pur non sottovalutando gli effetti collaterali della globalizzazione e i problemi che ancora ci sono nell'Unione europea come la disoccupazione giovanile alta, le prospettive sono finalmente "incoraggianti". Ne è convinto David O'Sullivan, l'ambasciatore Ue negli Stati Uniti che ha presentato la Ue come "il blocco commerciale più aperto e libero al mondo" e che scherzosamente ha aperto una ristretta colazione di lavoro a New York dicendo che "il mondo non è finito con l'elezione di Donald Trump" alla presidenza americana.

Governo Usa: "L'arresto di Assange è una priorità"

Lo ha detto il segretario alla Giustizia, Jeff Sessions. Trump, mesi fa: "Amo WikiLeaks", nel 2010: "Pena di morte"
Ap

L'arresto del fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, è una "priorità" per gli Stati Uniti. Lo ha detto ieri il segretario alla Giustizia, Jeff Sessions, durante una conferenza stampa a El Paso, in Texas. "Aumenteremo ancora i nostri sforzi, e li stiamo già aumentando, contro tutte le fughe di notizie [...] S", è una priorità [arrestare Assange]. Cercheremo di mettere un po' di persone in carcere".

Riforma sanitaria Usa, dai conservatori un 'sì' a Trump

I membri del Freedom Caucus approvano le modifiche, dopo il 'no' che aveva costretto i repubblicani a ritirare la proposta di legge lo scorso 24 marzo, in assenza del sostegno necessario
AP

Il Freedom Caucus, il gruppo di deputati conservatori responsabile, insieme ad alcuni moderati, della bocciatura alla Camera della riforma sanitaria dell'amministrazione Trump per sostituire l'Obamacare, ha approvato le modifiche alla proposta di legge. Lo speaker della Camera, Paul Ryan, ha dichiarato che gli emendamenti "ci aiutano a ottenere consensi", ma non ha detto quanto i repubblicani siano vicini al numero di voti necessario per far approvare la riforma alla Camera.

L'ammiraglio Harris (Uspacom): "La Corea del Nord è una minaccia per le Hawaii"

Harris ha suggerito la possibilità di "installare una difesa missilistica alle Hawaii". "Non condivido la vostra sicurezza" sul fatto che Pyongyang "non cercherà di attaccare gli Stati Uniti, una volta capace di farlo"

"La Corea del Nord è la più grande minaccia" per gli Stati Uniti e "Kim Jong-Un è chiaramente nella posizione di minacciare le Hawaii, oggi". Lo ha detto l'ammiraglio Harry Harris, a capo dello U.S. Pacific Command (Uspacom), il comando unificato delle Forze armate degli Stati Uniti responsabile per l'area dell'oceano Pacifico e gran parte dell'oceano Indiano, parlando davanti alla commissione delle Forze armate della Camera.

Primo trimestre positivo per Twitter: calano perdite, cresce numero utenti

Quarto aumento trimestrale consecutivo del numero di utenti mensili attivi: +14% nel primo trimestre a 328 milioni su base annuale e +6% dai tre mesi precedenti, meglio dei 321 milioni attesi dagli analisti).

Nel primo trimestre Twitter ha riportato conti al di sopra delle aspettative, grazie al quarto aumento trimestrale consecutivo del numero di utenti mensili attivi (+14% nel primo trimestre a 328 milioni su base annuale e +6% dai tre mesi precedenti, meglio dei 321 milioni attesi dagli analisti).