Amore e una giusta cattiveria: ecco la ricetta delle eccellenze italiane in Usa

Si è appena conclusa a New York la fiera di food&beverage più importante del Nord America: Summer Fancy Food Show. Ecco alcuni protagonisti e le novità di quest'anno

Trecento imprese distribuite in 284 stand su una superficie di quasi 8.000 metri quadrati, un premio che per la prima volta viene assegnato negli Usa e un numero record di visitatori: sono le cifre del Padiglione Italia al Summer Fancy Food Show 2017, la più grande fiera del Nord America dedicata alle specialità food&beverage che si è conclusa il 27 giugno a New York.

"Quando si parla di autenticità del cibo non si può non pensare all'Italia", ha detto Philip M. Kafarakis, presidente della Specialty Food Association, l'ente organizzatore della manifestazione. "Oggi c'è sempre più interesse verso l'autenticità: da dove arriva un prodotto, com'è stato preparato. C'è una rivoluzione in corso, che premia il biologico, la genuinità, la tracciabilità. L'industria alimentare si sta trasformando per andare incontro al consumatore: pensiamo anche a quello che è appena successo con Amazon che ha acquistato Whole Foods", ha continuato Kafarakis, riferendosi all'acquisizione da parte di Jeff Bezos della catena americana di supermercati bio per 13,7 miliardi, debito compreso.

Il Summer Fancy Food è stato anche occasione per portare negli Usa un premio che finora era stato assegnato solo in Europa: l'Italian Food Award, voluto dalla rivista Italianfood.net in collaborazione con Universal Marketing e Specialty Food Association. Il riconoscimento, attraverso dieci categorie (Bakery & Snacks, Beverage, Frozen Food, Olive Oils & Condiments, Pasta, Preserves & Sauces, Rice & Cereals, Salumi & Cheeses, Sweets & Confectionery, Vinegars & Dressings), è andato a premiare quelle eccellenze italiane che operano negli Usa che si sono particolarmente distinte nell'ultimo anno.

"E' da trent'anni che rappresentiamo questa fiera", ci ha detto Donato Cinelli, agente unico per l'Italia della Specialty Food Association e produttore dell'Italian Pavilion. "Ho visto tante aziende crescere nel corso del tempo, e ormai la qualità è altissima".

"Diversamente da quanto si pensa, il buyer americano conosce molto bene il prodotto italiano", ha detto Maurizio Forte, presidente dell'Agenzia Ice a New York. "Sono le aziende alimentari italiane, piuttosto, che devono imparare dall'America la propensione al marketing".

E alcune stanno facendo proprio questo, come ha raccontato ad America24 Lucia Nettis, direttore generale dell'Associazione Puglia in Rosé, un consorzio che unisce 60 produttori di vini rosati pugliesi: "La Puglia è la prima regione per produzione di vini rosati in Italia, ed è stata anche la prima a imbottigliarlo, a ridosso della Seconda Guerra Mondiale", ci ha spiegato Nettis. "Qui in America abbiamo aperto da poco Luna Ventures, un'agenzia che ha lo scopo di promuovere l'eccellenza dei rosati di Puglia sul territorio americano, creando una rete di vendita negli Usa", ha proseguito Nettis. "Il rosato, da non confondersi con il rosé classico che nasce dall'unione tra bianco e rosso, è un vino a lavorazione particolarissima: si produce dal contatto della vinaccia, ovvero le bucce rosse, con il mosto; questo contatto non può durare più di qualche ora, al massimo una notte: per questo viene chiamato anche 'vino di una notte'. Quello pugliese si distingue dagli altri per il colore, che non è rosa, ma corallo", ha continuato Nettis, arrivata a New York da Bari per presentare Puglia in Rosé al Summer Fancy Food Show in collaborazione con Vinitaly e appunto, come direbbe Forte, "fare marketing", o in questo caso far conoscere negli Stati Uniti un'eccellenza enologica italiana di cui al momento si sa poco anche in Italia.

Va detto però che negli ultimi anni il sud della nostra penisola sta suscitando sempre più interesse da questa parte dell'oceano Atlantico: lo dimostra il New York Times, che ha inserito la Calabria nella sua lista delle 52 mete da visitare nel 2017. E la regione ha avuto al Summer Fancy Food Show uno spazio di riguardo, in cui si è discusso anche di genetica. L'università della Calabria ha infatti svolto insieme alla University of Southern California uno studio che mostra come la longevità sul territorio calabrese - in particolare di alcune generazioni - sia dovuta all'antica dieta tradizionale degli anni '50-'60 tipica di quelle zone. "Poche proteine, pochi grassi animali, molte farine integrali, buoni grassi vegetali: grazie a questa dieta chi aveva cinquant'anni negli anni '60 del '900 è diventato centenario", ci ha spiegato Giuseppe Passarino, professore dell'ateneo calabrese. "I cibi trendy del 2018 saranno calabresi: la 'nduja, il caciocavallo, la liquirizia e il bergamotto", ha detto la celebre chef Lidia Bastianich, che nonostante le origini istriane è sempre più appassionata di Calabria. "In America sta crescendo l'interesse per questa regione e la sua cucina, che si sta affermando come icona di prodotti ricchi di personalità e salutari".

E a proposito di personalità, sempre rimanendo nel Sud Italia ma saltando in Sicilia, alla fiera abbiamo conosciuto Nicola Fiasconaro, che insieme ai fratelli guida l'azienda dolciaria di famiglia fondata nel 1953 a Castelbuono (provincia di Palermo), e si è inventato la cosa più strana che si possa pensare di trovare in meridione: il panettone. "Scoprii il tipico dolce natalizio del Nord quando andai appunto al Nord a studiare pasticceria, da ragazzo", ha raccontato Fiasconaro. "E pensai: perché non produrre il nostro, al Sud?". E' nato così il panettone Fiasconaro, che mescola tradizione settentrionale e creatività siciliana: da quello alla manna a quelli con pistacchio e cioccolato di Modica, passando per il panettone omaggio a Cuneo e ai suoi marron glacé, Nicola ha reinventato un classico natalizio di una zona completamente diversa d'Italia, dandogli un twist siciliano. "Ora sto perfezionando il panettone ai marron glacé. L'ho presentato qui in fiera specificando che non è ancora del tutto pronto: lancerò la versione definitiva in autunno, adesso manca ancora qualcosa", spiega Fiasconaro. Gli abbiamo chiesto che cosa. "Un po' di cattiveria, di aggressività", ci risponde. "E come si mette la cattiveria in un prodotto? Mettendoci ancora più amore".


Altri Servizi

Simona Ferrari, dalla tv italiana ai documentari a New York: "Qui ci sono molte più opportunità"

Intervista con la regista e video editor di Milano, che ora vive a Brooklyn e lavora ad Harlem

Si potrebbe pensare che i cunicoli sotterranei di Parigi e la montagna El Capitan nel parco Yosemite in California in comune non abbiano niente. Si potrebbe, ma sarebbe un pensiero sbagliato, perché a legare questi due luoghi così diversi c’è una donna italiana di quarantun anni che vive a Brooklyn: Simona Ferrari.

Il messaggio degli Usa alla Cina: giù le mani dalle nostre aziende

La commissione sugli investimenti stranieri sta rallentando o bloccando vari takeover, preoccupata per gli effetti sulla sicurezza nazionale
AP

Gli Stati Uniti stanno rafforzando i controlli sugli accordi che trasferirebbero la proprietà di aziende nazionali a società cinesi, mettendo in dubbio il buon esito di takeover di alto profilo. La commissione sugli investimenti stranieri negli Stati Uniti (Cfius) avrebbe dichiarato che ci sono ostacoli significativi alla conclusione positiva dell'acquisto di MoneyGram International, società di pagamenti con base a Dallas, da parte di Ant Financial Services Group, controllata dal miliardario cinese Jack Ma, cofondatore di Alibaba Group, per 1,2 miliardi di dollari. A riferirlo sono alcune fonti del Wall Street Journal.

Russiagate, Trump Jr. e Manafort testimonieranno a porte chiuse

Accordo con la commissione Giustizia del Senato per un'udienza non aperta al pubblico. Nei prossimi giorni, anche Kushner atteso in Congresso, sempre in merito alle indagini sulle possibili collusioni con la Russia
AP

Il figlio del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump Jr., e l'ex manager della campagna elettorale, Paul Manafort, hanno raggiunto un accordo con la commissione Giustizia del Senato per testimoniare, la prossima settimana, a porte chiuse, prima di un'eventuale udienza pubblica. La testimonianza verterà sui presunti rapporti tra lo staff di Trump e le autorità russe, su cui sono in corso le indagini, e in particolar modo sull'ormai famoso incontro alla Trump Tower, nel giugno 2016, con alcuni cittadini russi con presunti legami con il Cremlino e l'intelligence russa.

Apple: voci di ritardi, niente iPhone 8 fino a novembre?

Secondo indiscrezioni di stampa, ci sono problemi con i sensori 3D per il riconoscimento del volto

Il tanto atteso iPhone 8 potrebbe non arrivare nei negozi fino almeno a novembre a causa di ritardi nella produzione. È quanto sostiene il quotidiano cinese Economic Daily News, ripreso dal sito taiwanese DigiTimes. Se le indiscrezioni, che ricalcano le preoccupazioni degli analisti a Wall Street, fossero confermate, il nuovo modello dello smartphone realizzato da Apple non verrebbe lanciato a settembre, come successo per tutti i modelli precedenti.

Amazon vuole trasformarci in chef. Blue Apron a picco a Wall Street

Depositato uno slogan di otto parole che fa capire come il colosso voglia vendere kit per preparare un pasto, come quelli distribuiti dalla piccola azienda

Dai supermercati ai kit per preparare un pasto completo. Dopo aver annunciato di voler acquistare il gruppo Whole Foods, operazione su cui il governo Usa ha acceso un faro, Amazon si avventura in un mercato nuovo: in pratica, il colosso americano del commercio elettronico punta a trasformare i suoi consumatori in chef.

Su Snapchat il nuovo show di notizie di Nbc News

Il programma d’informazione per giovani, "Stay Tuned", andrà in onda due volte al giorno sulla app

A fronte di una crescente preoccupazione degli investitori sulla sua capacità di competere con Instagram (di Facebook), Snapchat unisce le forze con Comcast (che nel gruppo aveva investito 500 milioni di dollari durante l'Ipo). Nbc News, divisione del gruppo media, produrrà due volte al giorno per tre-quattro minuti "Stay tuned", un programma d’informazione visibile sulla app di messaggistica e dedicato alle notizie più importanti della giornata. È il primo show quotidiano di notizie parte della strategia di Snapchat basata su contenuti originali. Evidentemente il gruppo vuole sfruttare il fatto che in media un utente usi la app almeno 18 volte al giorno. E che nello show stesso finiscano 10 secondi di pubblicità, fonte importante di ricavi.

Hyperloop, città e Stati Usa ignari del progetto di Musk

Il fondatore di Tesla ha annunciato un accordo verbale con il governo, ma nessuno ne sa qualcosa. Tra dubbi e speranze, il deputato Castro gli lancia una proposta su Twitter: "Vieni a costruirlo in Texas"
AP

Elon Musk ha stupito il mondo, annunciando di aver ottenuto "l'approvazione verbale del governo" per costruire una linea underground New York-Philadelphia-Baltimora-Washington D.C. da coprire con l'Hyperloop. Con il sistema di trasporto del futuro, alimentato a energia solare, il tragitto dal centro di New York al centro di Washington si farà, aveva scritto il fondatore di Tesla su Twitter, in 29 minuti. Poi, aveva aggiunto che "c'è bisogno ancora di molto lavoro per ricevere l'approvazione formale, ma sono ottimista che succederà rapidamente".

Microsoft: il cloud computing spinge gli utili oltre le stime

Nel suo quarto trimestre fiscale, il gruppo informatico ha più che raddoppiato i profitti a 6,51 miliardi di dollari. LinkedIn contribuisce 1,1 miliardi.

Nel suo quarto trimestre fiscale, chiuso il 30 giugno scorso, Microsoft ha registrato utili netti per 6,51 miliardi di dollari, o 83 centesimi per azione, più del doppio rispetto ai 3,12 miliardi dello stesso periodo del 2016. Al netto di voci straordinarie, i profitti per azione sono saliti a 98 centesimi da 69 centesimi, sopra il consenso per 71 centesimi. I ricavi sono aumentati a quota 24,7 miliardi, oltre le stime per 24,27 miliardi.

Visa: conti oltre le stime grazie a "spinta economica" e Visa Europe

Il gruppo che gestisce una rete di pagamenti ha alzato l'outlook per l'intero esercizio fiscale

Grazie a un aumento dei volumi di pagamento, merio anche all'acquisizione di Visa Europe, Visa ha chiuso il suo terzo trimestre fiscale con utili in netto rialzo tanto che il gruppo che come MasterCard gestisce transazioni di carte di credito e bancomat ha alzato le stime per l'anno: i profitti sono arrivati a quota 2,06 miliardi di dollari, o 86 centesimi per azione, dai 412 milioni, o 17 centesimi per azione, dello stesso periodo dell'esercizio precedente; gli analisti si aspettavano un risultato pari a 81 centesimi per azione. I ricavi operativi sono balzati del 26% a 4,57 miliardi di dollari, sopra le previsioni per 4,36 miliardi attesi dal mercato.

GE: utili trimestali -57% ma sopra le stime, avanti con taglio ai costi

Pesa la vendita delle attività legate agli elettrodomestici. Immelt: entro fine anno 1 miliardo di dollari di spese tagliate
General Electric

Nel secondo trimestre dell'anno, uno degli ultimi con al vertice Jeff Immelt, General Electric ha subito un calo degli utili del 57% a 1,19 miliardi di dollari contro i 2,76 miliardi dello stesso periodo dello scorso anno. La conglomerata amaericana ha registrato utili per azione in calo a 28 da 51 centesimi, comunque sopra le stime degli analisti per un risultato pari a 25 centesimi. I ricavi sono diminuiti del 12% a 29,56 miliardi, anche in questo caso oltre le attese del mercato per 29,02 miliardi di dollari.