Amore e una giusta cattiveria: ecco la ricetta delle eccellenze italiane in Usa

Si è appena conclusa a New York la fiera di food&beverage più importante del Nord America: Summer Fancy Food Show. Ecco alcuni protagonisti e le novità di quest'anno

Trecento imprese distribuite in 284 stand su una superficie di quasi 8.000 metri quadrati, un premio che per la prima volta viene assegnato negli Usa e un numero record di visitatori: sono le cifre del Padiglione Italia al Summer Fancy Food Show 2017, la più grande fiera del Nord America dedicata alle specialità food&beverage che si è conclusa il 27 giugno a New York.

"Quando si parla di autenticità del cibo non si può non pensare all'Italia", ha detto Philip M. Kafarakis, presidente della Specialty Food Association, l'ente organizzatore della manifestazione. "Oggi c'è sempre più interesse verso l'autenticità: da dove arriva un prodotto, com'è stato preparato. C'è una rivoluzione in corso, che premia il biologico, la genuinità, la tracciabilità. L'industria alimentare si sta trasformando per andare incontro al consumatore: pensiamo anche a quello che è appena successo con Amazon che ha acquistato Whole Foods", ha continuato Kafarakis, riferendosi all'acquisizione da parte di Jeff Bezos della catena americana di supermercati bio per 13,7 miliardi, debito compreso.

Il Summer Fancy Food è stato anche occasione per portare negli Usa un premio che finora era stato assegnato solo in Europa: l'Italian Food Award, voluto dalla rivista Italianfood.net in collaborazione con Universal Marketing e Specialty Food Association. Il riconoscimento, attraverso dieci categorie (Bakery & Snacks, Beverage, Frozen Food, Olive Oils & Condiments, Pasta, Preserves & Sauces, Rice & Cereals, Salumi & Cheeses, Sweets & Confectionery, Vinegars & Dressings), è andato a premiare quelle eccellenze italiane che operano negli Usa che si sono particolarmente distinte nell'ultimo anno.

"E' da trent'anni che rappresentiamo questa fiera", ci ha detto Donato Cinelli, agente unico per l'Italia della Specialty Food Association e produttore dell'Italian Pavilion. "Ho visto tante aziende crescere nel corso del tempo, e ormai la qualità è altissima".

"Diversamente da quanto si pensa, il buyer americano conosce molto bene il prodotto italiano", ha detto Maurizio Forte, presidente dell'Agenzia Ice a New York. "Sono le aziende alimentari italiane, piuttosto, che devono imparare dall'America la propensione al marketing".

E alcune stanno facendo proprio questo, come ha raccontato ad America24 Lucia Nettis, direttore generale dell'Associazione Puglia in Rosé, un consorzio che unisce 60 produttori di vini rosati pugliesi: "La Puglia è la prima regione per produzione di vini rosati in Italia, ed è stata anche la prima a imbottigliarlo, a ridosso della Seconda Guerra Mondiale", ci ha spiegato Nettis. "Qui in America abbiamo aperto da poco Luna Ventures, un'agenzia che ha lo scopo di promuovere l'eccellenza dei rosati di Puglia sul territorio americano, creando una rete di vendita negli Usa", ha proseguito Nettis. "Il rosato, da non confondersi con il rosé classico che nasce dall'unione tra bianco e rosso, è un vino a lavorazione particolarissima: si produce dal contatto della vinaccia, ovvero le bucce rosse, con il mosto; questo contatto non può durare più di qualche ora, al massimo una notte: per questo viene chiamato anche 'vino di una notte'. Quello pugliese si distingue dagli altri per il colore, che non è rosa, ma corallo", ha continuato Nettis, arrivata a New York da Bari per presentare Puglia in Rosé al Summer Fancy Food Show in collaborazione con Vinitaly e appunto, come direbbe Forte, "fare marketing", o in questo caso far conoscere negli Stati Uniti un'eccellenza enologica italiana di cui al momento si sa poco anche in Italia.

Va detto però che negli ultimi anni il sud della nostra penisola sta suscitando sempre più interesse da questa parte dell'oceano Atlantico: lo dimostra il New York Times, che ha inserito la Calabria nella sua lista delle 52 mete da visitare nel 2017. E la regione ha avuto al Summer Fancy Food Show uno spazio di riguardo, in cui si è discusso anche di genetica. L'università della Calabria ha infatti svolto insieme alla University of Southern California uno studio che mostra come la longevità sul territorio calabrese - in particolare di alcune generazioni - sia dovuta all'antica dieta tradizionale degli anni '50-'60 tipica di quelle zone. "Poche proteine, pochi grassi animali, molte farine integrali, buoni grassi vegetali: grazie a questa dieta chi aveva cinquant'anni negli anni '60 del '900 è diventato centenario", ci ha spiegato Giuseppe Passarino, professore dell'ateneo calabrese. "I cibi trendy del 2018 saranno calabresi: la 'nduja, il caciocavallo, la liquirizia e il bergamotto", ha detto la celebre chef Lidia Bastianich, che nonostante le origini istriane è sempre più appassionata di Calabria. "In America sta crescendo l'interesse per questa regione e la sua cucina, che si sta affermando come icona di prodotti ricchi di personalità e salutari".

E a proposito di personalità, sempre rimanendo nel Sud Italia ma saltando in Sicilia, alla fiera abbiamo conosciuto Nicola Fiasconaro, che insieme ai fratelli guida l'azienda dolciaria di famiglia fondata nel 1953 a Castelbuono (provincia di Palermo), e si è inventato la cosa più strana che si possa pensare di trovare in meridione: il panettone. "Scoprii il tipico dolce natalizio del Nord quando andai appunto al Nord a studiare pasticceria, da ragazzo", ha raccontato Fiasconaro. "E pensai: perché non produrre il nostro, al Sud?". E' nato così il panettone Fiasconaro, che mescola tradizione settentrionale e creatività siciliana: da quello alla manna a quelli con pistacchio e cioccolato di Modica, passando per il panettone omaggio a Cuneo e ai suoi marron glacé, Nicola ha reinventato un classico natalizio di una zona completamente diversa d'Italia, dandogli un twist siciliano. "Ora sto perfezionando il panettone ai marron glacé. L'ho presentato qui in fiera specificando che non è ancora del tutto pronto: lancerò la versione definitiva in autunno, adesso manca ancora qualcosa", spiega Fiasconaro. Gli abbiamo chiesto che cosa. "Un po' di cattiveria, di aggressività", ci risponde. "E come si mette la cattiveria in un prodotto? Mettendoci ancora più amore".


Altri Servizi

Wall Street, occhi su trimestrali e Fmi

Attesi i conti di Wells Fargo e Bank of America
AP

G7: Mustier (Unicredit) a incontro centrato su cybersicurezza finanziaria

Dialogo tra settore pubblico e privato per capire le sfide e definire le soluzioni. Non è emerso un senso di urgenza nonostante i casi in Usa contro Equifax, Sec e Deloitte

Washington - Jean Pierre Mustier, Ceo di Unicredit, ha partecipato nel pomeriggio americano del 12 ottobre a una riunione del G7 che si è occupata anche di cybersicurezza nel settore finanziario. L'amministratore delegato è stato uno dei rappresentanti del settore privato, uno per nazione, che sono stati invitati a partecipare all'incontro organizzato a Washington a margine dei lavori autunnali del Fondo monetario internazionale.

Trump, altro colpo all'Obamacare: taglia i fondi per le polizze ai poveri

Annunciato ore dopo la firma di un ordine esecutivo sulla sanità, con cui il presidente ha compiuto il primo passo per smantellare la riforma del predecessore

L'amministrazione Trump, con un annuncio arrivato in serata, ha reso noto di aver deciso di porre fine ai fondi per le compagnie assicurative, che li usavano per poter offrire polizze sanitarie a costi molto ridotti ai più poveri sui mercati creati dall'Obamacare. Ore prima, il presidente Donald Trump aveva firmato un ordine esecutivo con cui apriva la strada a un ritorno ad alcune vecchie regole, compiendo il primo passo verso lo smantellamento della riforma di Obama, vista l'incapacità del Congresso, a maggioranza repubblicana, di riuscirci.

Amministrazione Trump contro Fmi: vuole che riforma fiscale fallisca

L'istituto di Washington aspetta dettagli sulla legislazione ma avverte: non aumenti il deficit. Le probabilità che un taglio alle tasse si finanzi da solo è bassa
AP

Washington - L'amministrazione Trump ha apertamente attaccato il Fondo monetario internazionale, accusandolo di volere un fallimento della riforma fiscale che il presidente americano vorrebbe portare a casa entro fine anno; per lui, sarebbe la prima vittoria legislativa da quando mise piede alla Casa Bianca dal 20 gennaio scorso.

Nbc: Trump vorrebbe decuplicare l'arsenale nucleare; il presidente nega

Dopo quell'incontro, Tillerson lo avrebbe definito un "imbecille". Il presidente vorrebbe che gli Stati Uniti, che hanno 4.000 testate nucleari, tornassero ad averne 32.000, come negli anni '60

Il presidente Donald Trump avrebbe detto di voler quasi decuplicare la quantità di armi nucleari a disposizione degli Stati Uniti. Lo sostiene la Nbc, che ha rivelato in esclusiva il presunto contenuto di un incontro con i vertici militari e politici avvenuto la scorsa estate, grazie a tre fonti, presenti al vertice.

Trump, primo passo verso l'abrogazione dell'Obamacare: ora meno regole per le polizze assicurative

Il presidente ha firmato un ordine esecutivo, con cui apre la strada a un ritorno a vecchie regole. Ora dopo, annunciato lo stop ai sussidi che hanno permesso alle persone a basso reddito di avere una copertura
AP

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha firmato un ordine esecutivo riguardante la sanità, "per promuovere la scelta e la competizione nell'assistenza sanitaria", con cui riduce gli standard imposti dall'Obamacare alle piccole imprese. Ore dopo la Casa Bianca ha annunciato che il governo non fornirà più sussidi alle compagnie assicurative che hanno permesso a persone a basso reddito di ottenere una copertura medica grazie alla riforma sanitaria di Barack Obama approvata dal Congresso nel 2010.

Bank of America: utile sale e batte le stime, ma fatturato delude con il trading

Nel terzo trimestre Bank of America ha visto salire l'utile netto del 13%, mentre il fatturato è salito dell'1%, battendo le stime degli analisti, nonostante le difficoltà delle attività di trading.
AP

Nel terzo trimestre Bank of America ha visto salire l'utile netto del 13%, mentre il fatturato è salito dell'1%, battendo le stime degli analisti, nonostante le difficoltà delle attività di trading. 

Gli Usa lasciano l'Unesco: non piace la politica "a favore della Palestina"

Washington lamenta un sentimento anti-israeliano dell'agenzia delle Nazioni Unite, a cui aveva già tagliato i fondi nel 2011

Gli Stati Uniti lasceranno l'Unesco alla fine del 2018, dopo aver ripetutamente criticato le risoluzioni dell'agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di educazione, scienza e cultura, che Washington considera contro Israele. Gli Stati Uniti avevano smesso di finanziare l'Unesco dopo la sua decisione di includere la Palestina come membro nel 2011, pur decidendo di mantenere il proprio ufficio nel quartier generale di Parigi per cercare di continuare ad avere un peso politico sulle decisioni.

Fmi: nove banche faticheranno con redditività, anche Unicredit

Adrian: il rischio è che "non siano in grado di generare abbastanza capitali in futuro nel caso siano colpiti da shock"
Unicredit

Il Fondo monetario internazionale calcola che "le banche che rappresentano asset per 17.000 miliardi di dollari, o circa un terzo di quelle importanti a livello di sistema, potrebbero continuare a generare rendimenti non sostenibili, anche nel 2019".

Cottarelli (Fmi): riduzione Npl in Italia procede a "velocità adeguata"

Intervista all'uscente direttore esecutivo per il nostro Paese al Fondo, che si schiera dalla parte delle autorità italiane e contro la Bce. "Positiva" la ripresa dell'economia

I non-perfoming loan (Npl) delle banche italiane si stanno riducendo a una “velocità adeguata” che non giustifica l'urgenza sollevata dalla Banca centrale europea e dallo stesso Fondo monetario internazionale, che comunque riconosce i progressi fatti nel nostro Paese dove si aspetta per quest'anno una riduzione di Npl pari a 65 miliardi di euro inclusi i circa 18 miliardi da Unicredit, 26 miliardi da Mps dopo la sua ricapitalizzazione e altri da banche più piccole. Ne è convinto Carlo Cottarelli, direttore esecutivo per l’Italia al Fmi, che in un'intervista ad America24 ha detto che intende sollevare la questione in occasione della prossima visita a Washington di Daniele Nouy, presidente del Single Supervisory Mechanism, l’organo di supervisione bancaria della Bce.