Analisi (segreta) della Casa Bianca: i dazi frenano la crescita ma Trump dice il contrario

La conclusione del documento non pubblico arriva a poche ore dal G7. Un portavoce dell'amministrazione Usa: il presidente vuole che tutti riducano le tariffe doganali. Per ora solo ritorsioni alle sue

Nonostante quel che ripeta pubblicamente, l'amministrazione Trump sa che la sua politica commerciale lederà la crescita dell'economia degli Stati Uniti. E' quanto emerso da un'analisi condotta dal Council of Economic Advisers, il team di esperti economici della Casa Bianca. E' il New York Times a dare notizia della ricerca, circolata solo internamente al civico 1600 di Pennsylvania Avenue a Washington (come spesso succede) e mai resa pubblica.

Citando varie fonti anonime, il giornale riconosce di non conoscere le stime economiche esatte contenute nel documento ma la conclusione di quest'ultimo è arrivata a poche ore dall'inizio del G7 già ribattezzato G6+1 per via dell'isolamento degli Usa dovuto alle loro politiche commerciali. Non a caso Trump, ha scritto il Washington Post, aveva persino ipotizzato di non presentarsi al summit da cui poi volerà a Singapore. Là lo attenderà Kim Jong Un, il leader nordcoreano che con lui farà comunque la storia. Salvo sorprese.

Durante un briefing con la stampa, il presidente del Council of Economic Advisers, Kevin Hassett, martedì 5 maggio aveva evitato di rispondere a domande su potenziali stime calcolate ipotizzando una guerra commerciale tra Usa e Cina, che potrebbe scoppiare "poco dopo" il 15 giugno se Washington tirerà dritto con i dazi contro prodotti tecnologici cinesi per 50 miliardi di dollari. "Se si ipotizza un futuro in cui chiunque altro riduce le tariffe doganali ai livelli delle nostre, ciò è enormemente positivo per l'economia globale e per quella Usa", aveva detto descrivendo Trump come un grande negoziatore. Peccato che le reazioni alle mosse della Casa Bianca siano state opposte visto che Ue e Canada hanno promesso ritorsioni ai dazi sull'acciaio e sull'alluminio fatti scattare contro di loro il primo giugno scorso. Il Messico, a sua volta punito, ha annunciato in settimana dazi contro prodotti agricoli e in acciaio degli Usa per 3 miliardi di dollari.

La Banca Mondiale ha avvertito: una accelerazione del passo e della portata dei dazi adottati, rischia di riportare i livelli degli scambi commerciali su scala mondiale a quelli del 2008.

Anche l'Ocse, proprio da Washington, ha messo in guardia contro i rischi commerciali dati dagli Usa. Il segretario generale dell'organizzazione parigina, Angel Gurria, mercoledì si è detto "dispiaciuto per la proliferazione dei dazi", considerati "una minaccia all'economia globale".

Per il momento la Casa Bianca si è trincerata dietro un no comment. "Non facciamo commenti su documenti interni", ha detto la portavoce Lindsay Walters al Nyt. E' lei ad avere spiegato che l'agenda commerciale di Trump è volta a "portare il resto del mondo ad abbassare i dazi e portare le esportazioni americane a un campo di gioco equo". Bisogna vedere se colui che in campagna elettorale si autodefì "il re del debito" e che per il suo consigliere economico Larry Kudlow è il "riformatore commerciale più forte degli ultimi 20 anni" riuscirà a centrare l'obiettivo.

Altri Servizi

Fox "resta impegnato" a comprare Sky: chiuso un anno con utili +49%

I conti dell'ultimo trimestre hanno superato le stime.
iStock

Nei tre mesi chiusi il 30 giugno scorso, 21st Century Fox ha registrato profitti e ricavi superiori alle previsioni degli analisti. Il colosso dell'intrattenimento parte della galassia Murdoch ha così archiviato l'intero anno fiscale con utili attribuibili ai soci di 4,48 miliardi, in rialzo del 49%, e ricavi per 30,4 miliardi (+7%).

AP

Dopo essere stato pesantemente criticato per la serie di tweet controversi (e privi di dettagli) con cui il 7 agosto scorso aveva annunciato di volere delistare Tesla e renderla un gruppo in mani private, il Ceo Elon Musk ha pubblicato un blog post nel tentativo di fornire chiarimenti. Tuttavia gli investitori sono rimasti scettici sul suo piano di buyout.

Cooperare o morire. Facebook smentisce minaccia fatta agli editori

A darne notizia è The Australian, parte della galassia di Rupert Murdoch. Il social network non più interessato a inviare traffico ai gruppi media

Facebook ha smentito quando riportato da un sito australiano, secondo cui al Ceo Mark Zuckerberg "non importa" nulla degli editori e che il social network li lascerebbe morire se non cooperano con il gigante tecnologico. Stando alle indiscrezioni del The Australian, parte della galassia di Rupert Murdoch - il manager responsabile delle partnership nel campo dell'informazione (Campbell Brown) avrebbe messo in guardia i gruppi editoriali che non vogliono lavorare con l'azienda californiana. Lo avrebbe fatto la settimana scorsa durante un incontro a Sidney: "Vi terrò per mano mentre il vostro business muore, come si fa in un hospice". Facebook ha reagito dicendo che i commenti "sono stati decontestualizzati".

L'ambasciatrice Mariangela Zappia debutta all'Onu, vede Guterres

La nuova Rappresentante Permanente dell’Italia presso il palazzo di vetro ha presentato le sue credenziali. I temi prioritari per il nostro Paese: pace e sicurezza, diritti umani, sviluppo sostenibile, migrazioni

La Fed avverte Trump: i dazi faranno calare le esportazioni americane

Con essi il presidente Usa vuole ridurre il deficit commerciale della nazione, che però non migliorerà
iStock

Diritti umani, l'alto commissario Onu: parole di Trump "vicine all'incitamento alla violenza"

Zeid Ra'ad al-Hussein: "La sua retorica mi ricorda i tempi bui" del ventesimo secolo

Wall Street, il focus resta sulla Turchia

Giornata economica priva di altri spunti di nota
iStock

I gruppi di private equity si danno ai prestiti

A fine 2017 avevano concesso oltre 500 milioni di dollari ad aziende di medie dimensioni, contro i 300 milioni del 2012

La stampa Usa unita per dire a Trump che non è "nemica del popolo"

Su iniziativa del Boston Globe, almeno 100 organizzazioni il 16 agosto pubblicheranno editoriali per criticare la retorica del presidente Usa. Il 43% degli elettori Gop darebbe a Trump il potere di chiudere giornali "cattivi"
Ap

Trump pronto a rivedere accordi duty-free con nazioni piccole

Indonesia e Thailandia nel mirino. Dall'autunno analisi su accordi in Europa orientale, Medio Oriente e Africa