C'è anche Bill Gates tra gli amici di Jeffrey Epstein

Il miliardario fondatore di Microsoft ha sempre minimizzato il rapporto, il New York Times svela delle mail che rivelano un’amicizia non così superficiale

Jeffrey Epstein, il milionario arrestato per abusi e traffico sessuale di minorenni poi morto suicida in prigione, è riuscito ad attirare nella sua orbita una serie sorprendente di uomini ricchi, potenti e famosi. C'erano miliardari del calibro di Leslie Wexner e Leon Black, politici come Bill Clinton e Bill Richardson, addirittura premi Nobel quali Murray Gell-Mann e Frank Wilczek fino ad arrivare ai reali come il principe Andrea.

A questo elenco, nel quale figura anche Donald Trump, si aggiunge un altro nome che nulla ha da invidiare agli altri in quanto a ricchezza, potere e prestigio. Si tratta di Bill Gates, filantropo e fondatore di Microsoft con un patrimonio privato di 100 miliardi di dollari, che, secondo il New York Times, ha stretto un profondo rapporto di amicizia con Epstein dopo la condanna di quest’ultimo per crimini sessuali.

Nei mesi passati, Bill Gates ha provato più volte a sminuire la relazione con Epstein. "Non avevo nessun rapporto né di lavoro né di amicizia con lui", ha dichiarato in un’intervista al Wall Street Journal lo scorso mese. Il primo incontro, come sottolinea il quotidiano diretto da Dean Baquet, risale addirittura al 2011. All’epoca il finanziere aveva già scontato un breve periodo in carcere per sfruttamento della prostituzione minorile, e aveva precedenti per abusi sessuali. Dopo quel primo faccia a faccia ne seguirono molti altri nei quali si parlò anche della Melinda and Bill Gates Foundation, la fondazione di Gates e sua moglie, e di possibili progetti filantropici.

"Il suo stile di vita è molto diverso e allo stesso tempo un pò intrigante, anche se non potrebbe funzionare per me", ha dichiarato Gates dopo il suo primo incontro con Epstein. Interpellata al giornale Bridgitt Arnold, portavoce del filantropo, ha specificato che "si riferiva solo all'arredamento della residenza di Epstein e alla sua abitudine di portare spontaneamente dei conoscenti da presentare a Gates". "Non era in alcun modo destinato a trasmettere un senso di interesse o approvazione", ha dichiarato Arnold che ha poi ribadito con forza che "Bill Gates rimpiange di aver incontrato Epstein e ammette che il suo è stato un errore di valutazione". "Gates riconosce che aver considerato le idee di Epstein per la filantropia ha concesso" all'ex miliardario "una piattaforma non meritata che era in contrasto con i valori di Gates e della sua fondazione", ha concluso la portavoce.

Tra gli incontri ricostruiti nel lungo articolo ce n’è uno sui cui il quotidiano newyorchese si concentra particolarmente: si tratta di proprio di quel primo faccia a faccia avvenuto il 31 gennaio 2011 nell'appartamento del finanziere nell'Upper East Side di Manhattan. A quell'incontro parteciparono anche Eva Andersson Dubin, una ex Miss Svezia che aveva avuto una storia con Epstein, e la figlia 15enne. L'appuntamento cominciò alle 8 di sera e andò avanti per molte ore come ha ricostruito la stessa portavoce di Gates. "Bill è un grande", commentò il finanziere in una mail rivista dal Times. Dal canto suo, il fondatore di Microsoft, sempre per email, ebbe modo di lodare con alcuni suoi colleghi l'intelligenza e il fascino del padrone di casa soffermandosi anche sulla compagnia di quella sera: ”Una donna svedese molto bella e la figlia sono capitate nell'incontro e io ho finito per restare fino a tardi".

Ci furono poi altri contatti tra Gates e Epstein: prima in occasione di un evento pubblico a Long Beach, in California e poi di nuovo nell'abitazione newyorkese del finanziere che ebbe addirittura occasione di ospitare il suo nuovo amico sul suo aereo personale. Gates spiegò però di non sapere che quel jet privato fosse di Epstein.

C’è infine un altro episodio poco chiaro, risalente all’ottobre 2014, quando il fondatore di Microsoft donò due milioni di dollari al Mit, in quella che, in un'altra email, veniva definita come una donazione "diretta" da Epstein. La fondazione ha però fortemente smentito qualsiasi legame con il finanziere e il New York Times sostiene che i rapporti andarono via via raffreddandosi fino agli ultimi incontri tra i due che risalgono al 2017

Si tratta sicuramente di una storia che crea non poco imbarazzo a Bill Gates ma che testimonia in maniera evidente come Epstein sia riuscito a coltivare delle strette relazioni con alcuni degli uomini più potenti del mondo. Come sottolinea il Times, è stato in grado di attirarli con "l’odore dei soldi" e con la vicinanza ad altre persone potenti, famose o benestanti, al punto tale che molti hanno guardato oltre la pessima reputazione che si portava dietro per via dei suoi crimini sessuali. E più persone ha attirato nel suo cerchio, più facile è stato per lui attrarne delle altre.

Altri Servizi

Trump grazia due militari accusati di crimini di guerra

La decisione del tycoon, che ha anche restituito i gradi a un terzo soldato, arriva nonostante l’opposizione del Pentagono
White House /Shealah Craighead

Donald Trump è intervenuto nei casi di tre militari americani accusati di aver commesso dei crimini di guerra in Afghanistan: il Tycoon ha concesso la grazia a due di loro e ripristinato i gradi a un terzo, il tutto nonostante le opposizioni espresse da esperti militari e soprattutto dal Pentagono. "Il presidente, in quanto comandante in capo, è in ultima istanza responsabile di garantire l'applicazione della legge e, quando appropriato, che sia concessa la grazia", si legge nella nota della Casa Bianca che spiega le ragioni della scelta di Trump: "Come ha affermato il Presidente, 'quando i nostri soldati devono combattere per il nostro Paese, voglio dare loro la fiducia necessaria per combattere'".

Bill Gates supera Jeff Bezos: è la persona più ricca del pianeta

Secondo il Bloomberg Billionaires Index il patrimonio del fondatore di Microsoft vale 110 miliardi di dollari

A distanza di due anni Bill Gates si riprende il titolo di "paperone" del pianeta. Secondo il Bloomberg Billionaires Index, l’indice dei 500 miliardari calcolato da Bloomberg, il fondatore di Microsoft, torna infatti in vetta alla classifica degli uomini più ricchi del mondo grazie a un patrimonio da 110 miliardi scalzando il Ceo di Amazon, Jeff Bezos, i cui averi raggiungono “solo" i 108,7 miliardi. Al terzo posto troviamo invece Bernard Arnault, Tycoon del lusso e ceo di Lvmh il cui patrimonio è di 102,7 miliardi.

Usa2020, Obama avvisa i Democratici: "Attenti a non spostarci troppo a sinistra"

Messaggio dell’ex presidente americano ai candidati durante il suo intervento alla Democracy Alliance, potente network di finanziatori liberal
Ap

Barack Obama ha voluto dare un consiglio ai candidati per le primarie democratiche in vista delle presidenziali 2020. "Attenti a non spostarci troppo a sinistra", ha dichiarato l’ex presidente americano durante il suo intervento alla Democracy Alliance, potente network di finanziatori liberali.

Amazon contro il Pentagono, Esper: "Nessuna influenza esterna"

Maxicontratto a Microsoft, il segretario alla Difesa: "Procedimento corretto"
AP

Il procedimento che ha portato il dipartimento della Difesa statunitense ad assegnare a Microsoft un contratto da 10 miliardi di dollari per i servizi cloud è stato condotto "in modo corretto" e non ha subito "alcuna influenza esterna". Lo ha dichiarato il segretario alla Difesa, Mark Esper, durante una conferenza stampa a Seul, in Corea del Sud, rispondendo alla domanda di un giornalista.

Il Texas sospende la condanna a morte di Rodney Reed

L’uomo, da 21 anni nel braccio della morte, è al centro di un controverso caso di omicidio: nel 1998 fu condannato per aver violentato e soffocato la 19enne Stacey Stites
Ap

La Corte d’Appello del Texas, corte suprema dello Stato chiamata a giudicare i reati penali, ha momentaneamente sospeso l’esecuzione della condanna a morte a Rodney Reed, uomo al centro di un controverso caso di omicidio rinchiuso da 21 anni nel braccio della morte. L’esecuzione era prevista per mercoledì tramite iniezione letale.

Wall Street, segnali positivi sul fronte Usa-Cina

I negoziati tra i due Paesi sempre al centro delle attenzioni degli investitori
AP

Trump: Boom economico senza precedenti, nonostante gli errori della Fed

Il presidente Usa ha parlato all'Economic Club di New York. "Vicini all'accordo con Pechino, ma decidiamo noi. L'Ue? Peggio della Cina sulle barriere commerciali"
Ap

L'attuale amministrazione statunitense "ha dato inizio a un boom economico senza precedenti", ma l'economia e il mercato azionario andrebbero ancora meglio, senza gli errori della Federal Reserve. Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che ha usato il pulpito dell'Economic Club di New York per incensare il proprio lavoro e attaccare, di nuovo, la Federal Reserve e il suo governatore Jerome Powell.

Trump verso rinvio di altri 6 mesi per decisione su dazi auto Ue

Lo scrive Politico; decisione già rinviata di sei mesi a maggio
Ap

Il presidente statunitense, Donald Trump, avrebbe intenzione di rimandare di sei mesi la decisione sull'imposizione di dazi fino al 25% sulle auto importate dall'Unione europea. Lo scrive Politico. La scadenza per una decisione è prevista domani ed è già stata rimandata una prima volta, a maggio.

Wall Street, attesa per il discorso di Trump all'Economic Club

Il presidente Usa parlerà alle 12 (le 18 in Italia)
AP

Wall Street verso nuovi record

Prosegue la fiducia sui mercati, in attesa di un accordo tra Usa e Cina
AP