Angelo Bellobono porta le cerniere del mondo a New York

L'artista presenta la sua mostra che unisce e studia le montagne del Marocco con quelle degli Appalachi, studio che lo ha spinto a conoscere i nativi americani Lenape
Johnny Carrano Photographer /Johnny Carrano

Ama la montagna. Un amore nato sulle piste da sci, dove ogni anno si dedica all'insegnamento in Italia. Ma quell'amore non si ferma sulla superficie delle montagne su cui si destreggia sciando. Le montagne lui le ha volute scavare, per scoprire il loro lato più arcaico e nascosto. E' così che Angelo Bellobono, artista di origine romana, ha creato e presentato a New York il suo nuovo progetto. L'intento: creare, attraverso la montagna, un’unione tra territori divisi da milioni di anni. Le montagne per lui non sono sinonimo di divisione, di confine, bensì di grande unione.

America24 lo ha incontrato prima che la mostra aprisse i battenti nel quartiere di Soho. “Non è stato per niente facile, non è la classica parete bianca in cui il quadro risalta e non c e’ altro", ci ha detto l'artista riferendosi allo spazio espositivo, che alla fine "è riuscito a regalarmi una sorta di sacralità, utilizzando certi angoli che non erano fatti per l’utilizzo dell’esposizione delle opere. Utilizzando questi spazi un pò nascosti sono riuscito a creare una sorta di stratificazione, storia tipica di New York, di una città che cresce a strati”.

Il filo conduttore di questa mostra - creata in collaborazione con Michela Bondardo, fondatrice della prima agenzia italiana specializzata in comunicazione culturale che opera anche a New York - nasce da una scoperta casuale. Da un pò di anni Bellobono lavora ad un progetto in Marocco che si chiama Atla(s)now. Si tratta di una piattaforma interdisciplinare condivisa in cui l'arte e lo sci vengono utilizzati come mezzi di relazione sociale e sviluppo sostenibile di alcune comunità berbere dell'Alto Atlante marocchino a circa 60 chilometri da Marrakech.

“Il mio progetto nasce da una scoperta geologica: 150 milioni di anni fa le due catene montuose dell’Atlas marocchino e gli Appalachi qui negli Stati Uniti erano unite. La natura di per sè non ha confini, il confine è nato con l’uomo. La geologia invece crea la continuità e per me le catene montuose sono delle cerniere del mondo. Questa scoperta mi ha fatto venire la voglia di creare un ponte immaginario che unisca queste due catene e mi ha spinto a conoscere l’origine dei primi abitanti che popolavano Manhattan”. E sono proprio i Lenape, i primi abitanti dell'isola simbolo di New York City, che la popolavano già 10 mila anni fa, ad essere per lui i veri newyorchesi.

Bellobono ci ha parlato della sua esperienza con i nativi americani, tre dei quali presenti all'inaugurazione: “Ho cominciato a frequentarli, a cercare di instaurare un contatto con loro, cosa mai facile inizialmente. Richiede mettersi a nudo, essere colonizzati da loro, non avere l’approccio di qualcuno che va ad insegnare ma di qualcuno che va ad ascoltare. Una cosa fondamentale in questi rapporti è quella di non creare pressioni, non fare programmi stretti. La regola è di avere le idee ma poi non essere troppo focalizzati sul proprio obiettivo perché non è detto che sia così importante per gli altri. Le mie o le tue buone intenzioni non sono uguali per tutti e non hanno lo stesso valore per tutti. Per questo è importante far capire con umiltà e fermezza quali sono le intenzioni di questi rapporti. Bisogna cercare di gestirli con delicatezza. E, soprattutto, è il contatto continuo che fa cambiare le cose”.

Anche loro, come Bellobono, danno molto importanza alla terra, alla loro terra che negli anni ha ammalato questo popolo. "La difficoltà maggiore che ho scoperto è data da un grosso inquinamento legato alla fabbrica della Ford, che aveva una sede nella zona in cui vivono questi nativi. Negli anni l’industria ha scaricato tonnellate di rifiuti tossici nei terreni dove vivono queste popolazioni, innalzando spaventosamente la percentuale di malati di cancro. Quasi ogni famiglia presenta una o due persone ammalate”. Proprio per questa ragione l'artista, accompagnato dai nativi, è andato a visitare le zone che più erano inquinate per raccoglierne la terra. Terra che poi ha utilizzato per dipingere mischiandola ai colori. “In questo modo ho voluto rendere partecipe il pubblico ad una problematica, far si che l’arte abbia una funzione al di fuori di canoni prettamente da esibizione”.

Parlando di progetti futuri, Bellobono ci ha spiegato che la mostra - aperta al pubblico fino al 22 novembre al civico 55 di Prince Street - rappresenta solamente un piccolo step iniziale di questo rapporto con i Lenape: “E' un primo documento al quale anche loro partecipano, voglio che diventi per loro una piattaforma su New York che li rappresenti e attraverso la quale possano comunicare la loro eredità culturale. Per questo organizzeremo anche dei talk e dei workshop”.

Bellobono però non si ritiene un artista né politico né sociale. “Vorrei sviluppare un programma con alcuni artisti per farli vivere con il popolo indigeno qualche giorno, lavorare con loro, senza un fine prestabilito, senza la mania di fare per dimostrare qualcosa". Il suo obiettivo è usare "l’arte come strumento di sensibilizzazione. Non si tratta di voler fare arte sociale ma di agire in modo etico”. E quando gli abbiamo chiesto cosa lo avesse colpito di più di questo popolo ha risposto: “Loro dichiarano di vivere senza lasciare tracce e questo è spiazzante”.

Per l'artista la montagna resta una fonte di ispirazione. “Ci sono tante montagne che vorrei ancora studiare: vorrei costruire un ponte tra il Toubkal, che è la montagna più alta del Nord Africa, e metterla in relazione con il Monte Bianco. Esse chiudono il Mediterraneo a Nord e a Sud", ha continuato. Ma per lui il vero punto di rfierimento è l’Appennino. Quello di casa, dell’Abruzzo e dell’alto Lazio da dove viene. “L’Appennino ha le caratteristiche che mi affascinano di più: conserva il carattere arcaico, antico, l’aspetto preistorico della montagna”.

Altri Servizi

Wall Street, giornata di trimestrali

Restano le preoccupazioni per il più lungo shutdown nella storia degli Stati Uniti
AP
Ibm

Per International Business Machines (Ibm), il recupero dei ricavi trimestrali sembra un miraggio dopo la breve ripresa finita lo scorso giugno e durata nove mesi consecutivi (i primi successivi a cinque anni di declini). L'azienda ha tuttavia saputo superare le stime degli investitori, concentrati sul fatto che le vendite siano salite nell'intero esercizio per la prima volta in vari anni.

Shutdown e Russia, sempre più americani bocciano Trump

Sondaggio di Politico: il 57% disapprova il suo operato (record)
White House /Shealah Craighead

Il tasso di disapprovazione per l'operato del presidente statunitense, Donald Trump, ha raggiunto un nuovo record, a causa dello shutdown più lungo nella storia del Paese e delle preoccupazioni per i rapporti con l'omologo russo Vladimir Putin. Questo il risultato dell'ultimo sondaggio di Politico/Morning Consult, secondo cui il 57% degli elettori disapprova il lavoro di Trump, mentre il 40% lo approva.

La Corte Suprema Usa respinge Trump: resta la tutela per i Dreamers (per ora)

Il massimo tribunale ha deciso di non pronunciarsi sulla fine del programma Daca, cercata dal presidente anche per avere un'arma in più nei negoziati con i democratici su immigrazione e muro
Ap

La Corte Suprema statunitense ha respinto la richiesta dell'amministrazione Trump di valutare subito e pronunciarsi sulla fine del programma Daca, che protegge dal rimpatrio 700.000 immigrati irregolari arrivati da bambini. Questo significa che il programma voluto dall'allora presidente Barack Obama, contro cui si batte Donald Trump, resta per ora in vigore, in attesa che lo scontro arrivi a conclusione nei tribunali inferiori; inoltre, nel caso in cui il massimo tribunale dovesse accettare un nuovo tentativo da parte del governo, il caso non verrebbe discusso prima di ottobre e una decisione non sarebbe presa prima del 2020. La volontà del massimo tribunale statunitense di non valutare il caso toglierà una potente arma di negoziazione al presidente, che si era detto sicuro di una vittoria davanti alla Corte Suprema, nelle trattative con i democratici sull'immigrazione.

Casa Bianca smentisce: nessuna trattativa è stata cancellata con la Cina

Secondo l'FT, saltati incontri in questa settimana in vista di quello che secondo Larry Kudlow conta più di tutti: quello con il vice premier cinese
AP

Larry Kudlow, il consigliere economico della Casa Bianca, ha negato indiscrezioni di stampa secondo cui gli Stati Uniti hanno cancellato un incontro con la Cina pensato per spianare la strada al prossimo round di negoziati di alto livello previsto a Washington tra i negoziatori delle due nazioni il 30 e il 31 gennaio prossimo.

"Il Buffett di Boston" preoccupa i leader riuniti a Davos

Seth Klarman, a capo di Baupost Group (uno degli hedge fund più grandi al mondo), non esclude una crisi che si manifesterà con disordini sociali e non solo con sell-off dei mercati

Un investitore miliardario - conosciuto negli Stati Uniti per essere l'equivalente di Boston del cosiddetto Oracolo di Omaha, ossia Warren Buffett - ha messo in guardia gli investitori "compiaciuti" che stanno ignorando i rischi esistenti prendendone di nuovi. Seth Klarman, a capo di Baupost Group (uno degli hedge fund più grandi al mondo), ha lanciato il suo avvertimento nella lettera annuale da 22 pagine scritta agli investitori e di cui il New York Times ha ottenuto una copia.

Shutdown, idea Kushner: Green Card per i Dreamers in cambio del muro

La Casa Bianca cerca una soluzione per mettere fine alla paralisi

Un permesso di soggiorno permanente per i 'Dreamers' in cambio dei fondi per il muro con il Messico. Sarebbe questa l'ultima idea in circolazione alla Casa Bianca per un compromesso con i democratici che faccia terminare lo shutdown, secondo tre fonti del sito Axios.

Procter & Gamble ha chiuso un trimestre con utili superiori alle stime e vendite organiche forti, cosa che ha spinto il colosso dei beni al consumo ad alzare il suo outlook.

Gli Usa celebrano Martin Luther King (e Pence lo paragona a Trump)

Oggi è il giorno festivo dedicato al leader della lotta per i diritti civili, premio Nobel per la Pace, ucciso nel 1968

Nel 1965, le marce da Selma a Montgomery, in Alabama, furono un momento fondamentale della rivolta per i diritti civili negli Stati Uniti; diritti per cui, secondo associazioni e comunità afroamericane, è ancora necessario combattere. Per questo, ancora oggi è fondamentale celebrare Martin Luther King, il leader della lotta per l'uguaglianza razziale, premiato nel 1964, a soli 35 anni, con il Nobel per la Pace, e ucciso il 4 aprile 1968 a Memphis con un colpo di fucile alla testa.