Anna Wintour verso l'addio a Vogue e Condé Nast?

Nel settore americano dell'editoria circola voce che Anna Wintour, direttrice artistica di Condé Nast dal 2013, stia per lasciare il gruppo editoriale che pubblica Vanity Fair. Secondo il sito Page Six (parte del New York Post), colei che viene considerata la figura di riferimento nel fashion e nell'editoria da quando divenne direttrice di Vogue nel 1988 si preparerebbe a lasciare i suoi attuali incarichi dopo il matrimonio - previsto a luglio - della figlia Bee Schaffer con Francesco Carrozzini, il figlio di Franca Sozzani (l'ex direttrice di Vogue Italia deceduta a fine 2016).

Sia Vogue sia Condé Nast hanno smentito le indiscrezioni. "Non c'è alcuna verità nella storia" di Page Six, ha detto un portavoce di Vogue al sito Cut. Parlando con Page Six, un portavoce del gruppo editoriale ha "negato con forza questi rumor".

Gli osservatori tuttavia già si domandano cosa farà la 68enne se davvero se ne andrà. Page Six sostiene che Edward Enninful, al comando di Vogue nel Regno Unito, potrebbe prendere il suo posto in Usa. Sempre secondo il sito di gossip, Wintour avrebbe già concordato con il New York Times una intervista dedicata alla sua uscita da Condé Nast.

Altri Servizi

Wall Street, settimana di trimestrali

Attenzione rivolta soprattutto ai dati delle grandi aziende tech, a partire da Alphabet (Google) e Facebook
iStock

L'alt nucleare della Nordcorea

Kim vuole lanciare la versione nordcoreana della glasnost sovietica di Mikhail Gorbachev?

E' certamente un "notevole progresso", come ha detto Donald Trump. Ma per esserlo, l'annuncio arrivato ieri dalla Corea del Nord di un alt ai suoi test missilistici e nucleari deve essere genuino. Per scoprirle se lo sia, serve tempo e dunque un cauto ottimismo - quello consigliato dagli osservatori - sembra necessario.

Russiagate: Giuliani, ex sindaco di NY, si unisce al team di legali di Trump

Il presidente: "è fantastico", amici da tanto tempo. Lui: "un onore"
AP

L'ex sindaco di New York City, Rudy Giuliani, entra a fare parte del team di avvocati personali di Donald Trump. Da sempre un sostenitore di colui che è diventato il 45esimo presidente americano, l'ex primo cittadino newyorchese si unirà alla squadra di legali che rappresenta l'inquilino della Casa Bianca nell'inchiesta sul cosiddetto Russiagate.

Cia, 109 ex leader militari protestano contro la nomina di Haspel

La veterana dell'agenzia, scelta dal presidente Trump come nuovo direttore, in passato ha guidato il centro di torture sui presunti terroristi in Thailandia
AP

Prima dell'inizio, al Senato statunitense, del processo di conferma di Gina Haspel a capo della Cia, 109 alti ufficiali in pensione di Esercito, Marina, Aeronautica, Corpo dei Marine e Guardia Costiera hanno firmato una lettera in cui esprimono le loro preoccupazioni sulla sua nomina.

Volkswagen verso il ritorno al mercato obbligazionario Usa, prima volta da scoppio dieselgate

Secondo una fonte del Wsj, potrebbe vendere titoli a debito per 1,5-2 miliardi di dollari nel 2018

Per la prima volta dallo scoppio dello scandalo emissioni, nel settembre 2015, Volkswagen sta valutando un ritorno al mercato obbligazionario americano. Per il gruppo automobilistico tedesco quel ritorno sarebbe simbolo del suo rilancio di successo. Ma come scrive il Wall Street Journal, l'azienda ha ancora lavoro da fare per riconquistare la fiducia degli investitori.

Wall Street, attenzione rivolta agli Spring Meetings dell'Fmi

Tra i dati in programma oggi, le richieste dei sussidi di disoccupazione
iStock

Visco: avanti con la crescita, ma senza dimenticare i vincoli

Il governatore di Banca d'Italia "fiducioso" nel senso di responsabilità nell'indirizzare la politica economica dei prossimi anni. Spagnoli più ricchi degli italiani? Padoan usa una metafora calcistica: le rimonte sono possibili.

Washington - E' essenziale che la crescita in Italia non subisca una battuta d'arresto. E che non si dimentichino i vincoli "formali e sostanziali" che vanno rispettati in termini di conti pubblici. E' questo il messaggio lanciato dal governatore di Banca d'Italia al futuro governo del nostro Paese, che non potrà non tenere conto del debito pubblico. Da Washington, dove si sono conclusi i lavori primaverili del Fondo monetario internazionale, Ignazio Visco si è detto "fiducioso" che nella futura classe dirigente italiana "ci sarà un grande senso di responsabilità nell'indirizzare la politica economica dei prossimi anni". La speranza è che chiunque sarà al governo prenda atto dei vincoli che "non si possono dimenticare" e di un debito che resta alto, anche se il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan si aspetta che scenda maggiormente tra il 2018 e il 2020 passando al 123,9% dal 131,8% del 2017.

Sì di Manchin, Pompeo verso la conferma a segretario di Stato

Per ora, l'attuale capo della Cia ha il voto di due democratici in Senato: probabilmente è sufficiente per ottenere l'incarico
Ap

Joe Manchin ha dichiarato che voterà a favore della nomina di Mike Pompeo a segretario di Stato statunitense, diventando il secondo senatore democratico a schierarsi in favore dell'attuale capo della Cia. Il suo annuncio è di particolare importanza, perché sembra garantire la capacità di Pompeo di ottenere la conferma del Senato, necessaria per ottenere l'incarico.

Netflix vola a Wall Street grazie alla crescita degli utenti

Sono aumentati più del previsto, soprattutto nel mercato internazionale. Bene anche i ricavi che sono cresciuti del 40%. Gli utili su del 43% e in linea con le attese.
AP

Nel primo trimestre dell'anno, Netflix ha aumentato il numero di abbonati più del previsto e ha presentato conti in linea con le attese, con i ricavi leggermente sopra il consensus. Per questo il titolo del gruppo di contenuti video in streaming è salito nel corso del dopo mercato, aggiungendo oltre il 6%.

Boxe, fu condannato 100 anni fa. Trump annuncia il perdono per Jack Johnson

Il tycoon ha dichiarato su Twitter la sua intenzione di riabilitare il primo campione del mondo nero dei pesi massimi condannato nel 1913 per “immoralità"

Donald Trump ha annunciato via twitter di voler procedere con il "perdono presidenziale pieno" nei confronti di Jack Johnson, il primo pugile afroamericano a diventare campione del mondo dei pesi massimi, a oltre cento anni dalla sua condanna per “immoralità" per una delle sue relazioni con una donna bianca. Una riabilitazione postuma annunciata più volte da diversi presidenti ma che nemmeno Obama, primo inquilino afroamericano della Casa Bianca, era riuscito a concedere.