Apple accusata di limitare le app anti-dipendenza da iPhone

Un'inchiesta del NYTimes racconta il punto di vista di sviluppatori il cui business è a rischio. Due hanno presentato reclami alle autorità antitrust Ue per ragioni simili a quelle sostenute dal servizio di musica in streaming Spotify

Il gruppo Apple è stato nuovamente accusato di uccidere la concorrenza sfruttando la sua posizione dominante nel mercato delle app, vendute nel suo App Store. Dopo il reclamo presentato alle autorità antitrust europee dal servizio di musica in streaming svedese Spotify, convinto che l'azienda tenga a freno servizi rivali a vantaggio del suo Apple Music, una serie di produttori di applicazioni crede di essere vittima di simili restrizioni. In questo caso le app in questione sono quelle pensate per evitare la dipendenza dall'iPhone. A raccontare il loro punto di vista è un'inchiesta condotta dal New York Times insieme a Sensor Tower, una società di dati sulle app.

La tesi è che Apple stia praticamente ledendo il loro business portando molti creatori di quelle app a chiudere i battenti o a rischiare di scomparire. Secondo loro, il produttore di iPhone non ha alcun interesse a limitare l'uso dei suoi smartphone. E questo nonostante il Ceo Tim Cook abbia detto che "non vogliamo che la gente usi sempre il proprio telefonino. Questo non è mai stato il nostro obiettivo". E di fronte a crescenti critiche, Apple ha sviluppato una serie di strumenti pensati proprio per aiutare le persone a monitorare e gestire l'uso dei loro smartphone.

Il punto è che, come calcolato dal NYTimes, nell'ultimo anno il colosso tech ha rimosso dal suo App Store almeno 11 delle 17 app più scaricate e usate per controllare quanto tempo si trascorre davanti allo schermo di uno smartphone e per aiutare i genitori a monitorare la situazione per conto dei loro figli. Stando al giornale, Apple ha rimosso anche app meno note. In alcuni casi la società ha obbligato la rimozione di alcune funzioni che permettevano a un genitore di controllare i dispositivo del figlio o che bloccavano l'accesso a certe app e a contenuti per adulti.

Produttori di app come OurPact o Freedom sono convinti di essere presi di mira da Apple, perché le sue funzioni anti-dipendenza da iPhone non sono così aggressive come le loro. Per questo due app molto diffuse tra i genitori, Kidslox e Qustodio, hanno presentato il loro reclamo alle autorità antitrust della Ue. In Russia, Kaspersky Lab sostiene di essere stata obbligata a rimuovere funzioni chiave dalla sua app. Per questo la società di cybersicurezza (che secondo l'intelligence Usa ha legami con il Cremlino) sta valutando a sua volta se fare ricorso alla Ue.

Apple si è difeso dalle accuse. Un portavoce del gruppo citato dal NYTimes ha spiegato che "trattiamo tutte le app nello stesso modo, anche quelle che competono con i nostri servizi. Il nostro incentivo è avere un ecosistema vivace di app che fornisce ai consumatori un accesso alla maggiore quantità possibile di app di qualità". Secondo il portavoce, la tempistica delle mosse controverse di Apple non ha nulla a che fare con il lancio di strumenti anti-dipendenza da smartphone simili a quelli rivali.

Tuttavia, il NYTimes fa notare che affinché un genitore possa controllare il dispositivo di un figlio, tutte e due devono possedere un iPhone. Al contrario, altre app consentono a genitori dotati di iPhone di controllare anche dispositivi Android.

Inoltre, le soluzioni anti-dipendenza di Apple non permettono a un genitore di programmare quando una determinata app non può funzionare, per esempio durante l'orario scolastico o la cena. E i contenuti per adulti sono bloccati da Apple solo sul suo browser Safari e alcune app e non su altri. E mentre permette ai datori di lavoro di usare determinati software per controllare i dipendenti, Apple lo scorso anno ha impedito alle app di usare quei software per consentire ai genitori di controllare i dispositivi dei figli. Il motivo? Il timore che gli sviluppatori potessero avere accesso a troppi dati dei più giovani. Le app 'epurate' hanno violato le regole dell'App Store, ha spiegato il gruppo, come quella che impedisce a un iPhone di controllare un altro. Eppure per anni tali pratiche sono state consentite e approvate. E' vero che dopo lo scandalo, esploso nel marco 2018, legato a Cambridge Analytica, Apple è diventata paladina della protezione della privacy criticando Facebook (i dati di 87 milioni dei suoi utenti sono stati "impropriamente" condivisi dalla ormai defunta società londinese). Ma gli sviluppatori di app lamentano anche una mancanza di preavviso, trasparenza e informazioni dettagliate sulle scelte del colosso di Cupertino.

Altri Servizi

Wall Street, timori per la crescita cinese

L'economia di Pechino cresciuta del 6,2% nel secondo trimestre rispetto a un anno prima, il passo più lento in almeno 27 anni
AP


Migranti, Corte costituzionale del Guatemala blocca il possibile accordo con gli Usa

Washington vuole lasciare ai centroamericani i richiedenti asilo provenienti da El Salvador e Honduras
AP

La Corte costituzionale del Guatemala ha emesso un'ordinanza per impedire al presidente Jimmy Morales di firmare un controverso accordo sull'immigrazione con il presidente statunitense Donald Trump. L'accordo, se firmato, costringerebbe i migranti provenienti da El Salvador e Honduras a chiedere asilo in Guatemala, invece che negli Stati Uniti, il Paese dove vorrebbero dirigersi.

Blackout a New York, città al buio per tre ore

Colpita una parte di Manhattan, oltre 70 mila senza corrente elettrica. Traffico impazzito e diversi problemi ma nessun danno né feriti
Ap

Caos a New York per un blackout che sabato sera ha paralizzato una parte della città per almeno tre ore. Il problema, dovuto a un guasto alla rete elettrica, ha lasciato al buio oltre 70mila persone secondo quanto dichiarato da Con Edison, la società che gestisce i servizi di gas ed elettricità della città. La zona maggiormente colpita è stata quella del West Side, la parte di Manhattan a ovest di Central Park, dove il blackout è iniziato attorno alle sette di sabato sera.

Trump attacca le deputate progressiste: "Tornino nei Paesi corrotti da dove sono venute"

Nel mirino Ocasio-Cortez, le musulmane Ilhan Omar e Rashida Tlaib e l'afroamericana Ayanna Pressley

In un weekend particolarmente teso negli Stati Uniti, dopo il via libera di Donald Trump ai raid contro i migranti irregolari, il presidente americano si è scagliato contro un gruppo di parlamentari progressiste appartenenti ad alcune minoranze etniche sempre più influenti all'interno del Partito Democratico.

Usa-Iran, Trump uscì dall'accordo nucleare per "fare un dispetto a Obama"

Il Mail on Sunday ha pubblicato nuove rivelazioni dai messaggi dell'ex ambasciatore britannico a Washington Kim Darroch
AP

Continua a fuga di notizie che ha causato le dimissioni dell'ambasciatore britannico negli Stati Uniti, Kim Darroch. Il The Mail on Sunday ha pubblicato nuovi messaggi relativi a un memo scritto dall’ambasciatore di Londra nel quale si dice che il presidente Donald Trump decise di uscire dall'accordo sul nucleare iraniano, nel maggio del 2018, "per fare un dispetto" al suo predecessore, Barack Obama, che lo aveva firmato nel 2015.

Scontro Usa-Francia sulla web tax: Trump minaccia dazi

La misura colpisce 30 aziende tra cui le americane Alphabet, Apple Amazon e Facebook ma anche gruppi cinesi, tedeschi, spagnoli e britannici
Ap

Gli Stati Uniti hanno aperto un'inchiesta sulla web tax approvata oggi dal Senato francese, che ha ignorato l'avvertimento arrivato ieri da Washington. Nel mirino c'è l'imposta pari al 3% per le aziende digitali con un fatturato globale di oltre 750 milioni di euro e uno di 25 milioni generato in Francia.

Caso Epstein: si dimette Acosta, segretario al Lavoro Usa

Lo ha annunciato il presidente Trump, che aveva sempre difeso il suo ministro

Il segretario al Lavoro statunitense, Alexander Acosta, si è dimesso. Lo ha annunciato il presidente Donald Trump, lasciando questa mattina la Casa Bianca, sottolineando che è stata una decisione di Acosta, che gli ha telefonato per annunciargli la sua decisione. "È un brav'uomo e ci mancherà" ha detto Trump. Le dimissioni sono il frutto delle polemiche sul rinvio a giudizio per sfruttamento sessuale di minorenni del miliardario Jeffrey Epstein, che un decennio fa aveva ottenuto un patteggiamento molto favorevole per le stesse accuse grazie ad Acosta, allora procuratore federale.

Dopo il governatore della Federal Reserve, anche il segretario americano al Tesoro fa pressione sul Congresso affinché alzi il tetto al debito per evitare che gli Stati Uniti si ritrovino da inizio settembre senza i fondi per finanziare le loro spese e onorare i propri impegni con i creditori.

Netflix perde "Friends", la celebre serie TV passa sul nuovo servizio Hbo Max

L'annuncio di WarnerMedia. Accordo quinquennale a partire dal 2020

Dopo "The Office", Netflix perde i diritti a trasmettere un'altra celebre serie Tv americana: "Friends". WarnerMedia (l'ex Time Warner rilevata da AT&T in una transazione da oltre 80 miliardi di dollari) ha comunicato che le avventure di Jennifer Aniston nei panni di Rachel Green e quelle degli altri cinque suoi amici verranno trasmesse su un nuovo servizio in streaming che verrà lanciato la prossima primavera e che si chiamerà HBO Max.