Apple: dall’iPhone al glucometro senza ago?

Il Ceo Cook visto testare un dispositivo connesso all’Apple Watch. Il target di riferimento: non solo diabetici ma chi vuole essere in salute
iStock

Apple sta forse pensando a mettere piede nel settore della sanità. Il produttore dell’iPhone sembra stia lavorando allo sviluppo di un apparecchio in grado di monitorare i livelli di zucchero nel sangue. L’amministratore delegato Tim Cook è stato avvistato nel quartiere generale del gruppo a Cupertino, California, mentre testava il prototipo di un dispositivo connesso all’Apple Watch e in grado di tenere traccia delle variazioni della glicemia nel sangue a seconda di fattori quali cibo ed esercizio fisico.

Ciò suggerirebbe l’impegno di Apple nel campo della ricerca sul diabete e sulla sperimentazione di nuove tecniche di monitoraggio non invasivo e continuo dei livelli di glucosio nel sangue. Con milioni di persone affette da diabete o che rischiano di sviluppare questa malattia, un tale dispositivo potrebbe essere gettonato. Anche tra venture capitalist e top manager sempre più attenti, specialmente nella Silicon Valley, alla loro dieta, perché ha effetti non solo sul peso ma anche sulla produttività.

Come già riportato da Cnbc, Apple ha un team a Palo Alto, California, che sta appunto lavorando a un dispositivo che rivoluzionerebbe il comparto di riferimento. Per due motivi. Il primo: a oggi, gli strumenti di monitoraggio dei livelli di glucosio e insulina disponibili sul mercato prevedono una puntura. Un metodo, questo, che a Cook non piace: “E’ mentalmente stressante ferire te stesso più volte al giorno per controllare il livello di zuccheri” nel sangue, disse lo scorso febbraio presso l’università di Glasgow, in Scozia, dove gli fu conferita una laurea ad honorem.

L’altro motivo è legato a quelli che secondo Cook sono gli ostacoli allo sviluppo in Usa di prodotti sanitari di alta qualità e intuitivi. Il principale? I produttori di dispositivi vogliono essere rimborsati dalle assicurazioni mediche. Apple potrebbe sfruttare questo elemento per penetrare un mercato in cui il suo Ceo crede di potere “dare contributi”. Cos" facendo il colosso tecnologico potrebbe diversificare e trovare nuove fonti di ricavi anche se quel mercato sarebbe piccolo rispetto a quello dei prodotti per cui è famoso in tutto il mondo.

Altri Servizi

Per il Fmi economia Eurozona migliora, ma Italia a livelli pre-crisi a metà del prossimo decennio

E' quanto si legge nel rapporto redatto dal Fondo monetario internazionale a conclusione dell'annuale missione di monitoraggio Articolo IV nell'Eurozona, dove si legge che in generale, la ripresa ciclica si sta rafforzando e diventa più ampia
IMF

Anche se nell'Eurozona la congiuntura si sta rafforzando, non procede allo stesso passo in tutti i Paesi: "in linea con i trend divergenti visti dopo la crisi, la crescita robusta in Germania e Spagna contrasta con una crescita più debole in Italia", dove, come in altri Paesi dell'Area euro, gli effetti della tempesta finanziaria "sono stati più persistenti" e "il Pil dovrebbe tornare ai livelli pre-crisi verso la metà del prossimo decennio". E' quanto si legge nel rapporto redatto dal Fondo monetario internazionale a conclusione dell'annuale missione di monitoraggio Articolo IV nell'Eurozona.

Amazon vale oltre 500 miliardi di dollari, è la prima volta

Il colosso dell'e-commerce entra nel club a cui appartengono Microsoft, Alphabet e Apple, la cui capitalizzazione ha già superato quella soglia psicologica.
AP

Alla vigilia dei conti, Amazon potrebbe chiudure la seduta per la prima volta con una capitalizzazione sopra i 500 miliardi di dollari. E' la dimostrazione di come gli investitori abbiano fiducia nel colosso del commercio elettronico e nella sua capacità di modificare il modo in cui i consumatori fanno acquisti mettendo a rischio il modello di business dei negozi tradizionali. Basti un esempio: la capitalizzazione del colosso mondiale del retail Wal-mart è pari a 238,8 miliardi di dollari.

Trump: "Non accetteremo transgender nelle forze armate"

Il presidente Usa ha annunciato la sua decisione su Twitter. Il divieto sulla loro presenza era stato eliminato lo scorso anno dall'amministrazione Obama
U.S. Department of Defense

Non c'è spazio per i transgender nelle forze armate statunitensi. Lo ha annunciato su Twitter il presidente Donald Trump: "Dopo consultazioni con i miei generali e gli esperti militari, il governo" ha deciso che "non accetterà e non permetterà che persone transgender servano nelle forze militari statunitensi, che devono essere concentrate sulla vittoria e non possono essere gravate dagli enormi costi medici e dai disagi che la presenza dei transgender comporterebbe. Grazie". Il Pentagono tolse il divieto sui transgender un anno fa, ma le regole per permettere il loro reclutamento non erano ancora state rese effettive.

Facebook: utenti a quota 2 miliardi, conti sopra le stime grazie a pubblicità

Le persone che usano il social network mensilmente raggiungono un record. WhatsApp usata da un miliardo di persone ogni giorno. Il Ceo Zuckerberg: "buon secondo trimestre". Il Cfo: tasso di crescita degli introiti da pubblicità visto in calo
Facebook

Facebook ha chiuso un altro trimestre superiore alle stime degli analisti grazie al traino delle inserzioni pubblicitarie. L'ultimo bilancio del social network ha battuto le previsioni su ogni fronte. Per questo l'amministratore delegato Mark Zuckerberg ha detto che il più grande social network al mondo "ha avuto un buon secondo trimestre e una buona prima metà dell'anno". Spiegando che la comunità Facebook è ora composta da due miliardi di persone, un record per il gruppo, il Ceo ha detto di essere focalizzato "nel rendere [le persone nel] mondo ancora più vicine". Il direttore operativo Sheryl Sandberg, dal canto suo ha promesso che il gruppo "investirà aggressivamente" come dimostrato dal numero dei dipendenti, arrivato a quota 20.658, un aumento annuo del 43%.

Wall Street: la Fed non sorprende

La banca centrale Usa ha lasciato i tassi all'1-1,25%, vuole iniziare a ridurre il bilancio "relativamente presto"
AP

Coca Cola: conti (con meno zucchero) sopra le stime, alza outlook

Il colosso delle bibite punta sulla diversificazione. Volumi in rialzo per bevande a basso contenuto calorico.

Nella prima trimestrale che ha visto James Quincey alla guida del gruppo, Coca Cola ha messo a segno utili migliori del previsto grazie al continuo taglio dei costi e all'aumento dei prezzi. Di conseguenza il colosso del beverage ha alzato le previsioni sui profitti per l'intero anno fiscale anche se un dollaro forte ha continuato a pesare sui risultati.

Boeing torna all'utile, alza le stime per l'anno intero

Un flusso di cassa forte e la fiducia per la vendita di jet commerciali, portano il colosso dell'aerospazio ad aspettarsi utili annuali più alti del previsto
iStock

Un ritorno all'utile nel secondo trimestre del 2017 è bastato a Boeing per alzare le proprie stime sui profitti e i margini annuali nonostante i ricavi del periodo aprile-giugno siano stati leggermente inferiori alle attese degli analisti. La fiducia nella sua capacità di generare cassa grazie alla vendita di jet commerciali ha portato il colosso dell'aerospazio a volere pagare in anticipo oneri pensionistici per 3,5 miliardi di dollari: questa mossa elimina un altro rischio per il gruppo e garantisce sgravi fiscali che a loro volta permettono di aumentare il flusso di cassa. Il tutto mentre una riduzione del personale e altre misure aumentano la produttività.

Simona Ferrari, dalla tv italiana ai documentari a New York: "Qui ci sono molte più opportunità"

Intervista con la regista e video editor di Milano, che ora vive a Brooklyn e lavora ad Harlem

Si potrebbe pensare che i cunicoli sotterranei di Parigi e la montagna El Capitan nel parco Yosemite in California in comune non abbiano niente. Si potrebbe, ma sarebbe un pensiero sbagliato, perché a legare questi due luoghi così diversi c’è una donna italiana di quarantun anni che vive a Brooklyn: Simona Ferrari.

Intelligenza artificiale: è scontro tra Musk e Zuckerberg

Il numero uno di Tesla tra gli apocalittici. Il Ceo di Facebook tra gli ottimisti. La Silicon Valley si divide
AP

Chissà chi dei due avrà poi ragione, perché in questo momento la battaglia tra Elon Musk e Mark Zuckerberg sull'intelligenza artificiale non può avere una risposta certa, univoca, definitiva. È invece un tema etico, che divide, crea schieramenti, propone due visioni completamente diverse del futuro. C'è Musk che da qualche anno avverte che in questo modo andremo incontro alla supremazia dei robot, per questo sta investendo denaro in Open AI, una non profit che si occupa di studiare l'intelligenza artificiale e di porre una serie di regole per evitare la catastrofe.

La Fed si prepara a smantellare gli stimoli della crisi "relativamente presto"

Come previsto, la banca centrale Usa ha lasciato i tassi all'1-1,25%. La stretta sarà "graduale"
AP

L'inizio della riduzione del suo bilancio a settembre e il terzo rialzo dei tassi del 2017, il quinto dal giugno 2006, a dicembre. Potrebbe essere questa la tabella di marcia della Federal Reserve, impegnata a continuare la normalizzazione della sua politica monetaria. E il mercato non sembra preoccupato dal momento che il Vix, l'indice della volatilità o anche detto "della paura", si è portato sui minimi storici intraday (sotto quota 9) successivamente all'annuncio della banca centrale americana, che oggi ha deciso di lasciare i tassi all'1-1,25%. Nessuno tra gli investitori si aspettava una stretta.