Apple: dall’iPhone al glucometro senza ago?

Il Ceo Cook visto testare un dispositivo connesso all’Apple Watch. Il target di riferimento: non solo diabetici ma chi vuole essere in salute
iStock

Apple sta forse pensando a mettere piede nel settore della sanità. Il produttore dell’iPhone sembra stia lavorando allo sviluppo di un apparecchio in grado di monitorare i livelli di zucchero nel sangue. L’amministratore delegato Tim Cook è stato avvistato nel quartiere generale del gruppo a Cupertino, California, mentre testava il prototipo di un dispositivo connesso all’Apple Watch e in grado di tenere traccia delle variazioni della glicemia nel sangue a seconda di fattori quali cibo ed esercizio fisico.

Ciò suggerirebbe l’impegno di Apple nel campo della ricerca sul diabete e sulla sperimentazione di nuove tecniche di monitoraggio non invasivo e continuo dei livelli di glucosio nel sangue. Con milioni di persone affette da diabete o che rischiano di sviluppare questa malattia, un tale dispositivo potrebbe essere gettonato. Anche tra venture capitalist e top manager sempre più attenti, specialmente nella Silicon Valley, alla loro dieta, perché ha effetti non solo sul peso ma anche sulla produttività.

Come già riportato da Cnbc, Apple ha un team a Palo Alto, California, che sta appunto lavorando a un dispositivo che rivoluzionerebbe il comparto di riferimento. Per due motivi. Il primo: a oggi, gli strumenti di monitoraggio dei livelli di glucosio e insulina disponibili sul mercato prevedono una puntura. Un metodo, questo, che a Cook non piace: “E’ mentalmente stressante ferire te stesso più volte al giorno per controllare il livello di zuccheri” nel sangue, disse lo scorso febbraio presso l’università di Glasgow, in Scozia, dove gli fu conferita una laurea ad honorem.

L’altro motivo è legato a quelli che secondo Cook sono gli ostacoli allo sviluppo in Usa di prodotti sanitari di alta qualità e intuitivi. Il principale? I produttori di dispositivi vogliono essere rimborsati dalle assicurazioni mediche. Apple potrebbe sfruttare questo elemento per penetrare un mercato in cui il suo Ceo crede di potere “dare contributi”. Cos" facendo il colosso tecnologico potrebbe diversificare e trovare nuove fonti di ricavi anche se quel mercato sarebbe piccolo rispetto a quello dei prodotti per cui è famoso in tutto il mondo.

Altri Servizi

Elezioni in Alabama: vince il candidato democratico, sconfitta per Trump

Doug Jones ha avuto la meglio su Roy Moore, che aveva il sostegno del presidente Usa nonostante sia stato accusato di molestie sessuali. Al Senato la maggioranza del Gop si assottiglia
AP

In uno Stato fortemente repubblicano, l'Alabama, un candidato democratico ha vinto le elezioni pensate per eleggere il senatore che andrà a sostituire al Congresso Usa il posto lasciato vuoto dal segretario alla Giustizia, Jeff Sessions. E' la prima volta dal 1992 che un democratico è stato eletto al Senato dallo Stato del Sud.

Facebook e i social media distruggono la società. Scontro tra il gruppo ed un ex manager

Sono come una droga, ci spingono a compiacerci dei commenti e dei feedback che riceviamo. Il colosso risponde: siamo cambiati in questi sei anni

Facebook ha negato le accuse fatte nei suoi confronti dall'ex manager del gruppo, Chamath Palihapitiya, che sostiene che il colosso stia "rompendo il tessuto sociale che fa funzionare la nostra società". Palihapitiya ha più volte criticato il social media in generale, sostenendo che prendono di mira le debolezze delle persone e per questo motivo non permette ai suoi bambini di usarli. 

Diplomatica Usa contro Tillerson: "Mi dimetto e le suggerisco di fare lo stesso"

Elizabeth Shackelford: "Il nostro lavoro sminuito, lei non è un leader". Trump preferisce i militari ai diplomatici: al Pentagono la guida dei rapporti esteri, Tillerson criticato e messo ai margini
AP

Ha rassegnato le dimissioni e ha suggerito il segretario di Stato, Rex Tillerson, a seguire il suo esempio: Elizabeth Shackelford, apprezzata diplomatica e "astro nascente del dipartimento di Stato" (secondo la Cnn) ha inviato una lettera molto critica al suo capo, in cui ha scritto che, sotto la sua guida, l'influenza del dipartimento è notevolmente diminuita e il morale dello staff è crollato, anche per "la dolorosa mancanza di rispetto" mostrata dall'amministrazione Trump.

Trump rilancia: stop a lotteria di Carte Verdi e visti sponsorizzati da parenti

Il presidente Usa rilancia la sua proposta dopo il tentato attacco terroristico di New York
AP

Così come aveva fatto dopo il 31 ottobre scorso, quando un uomo di origini uzbeche causò a New York il primo attacco terroristico dall'11 settembre 2001, Donald Trump è tornato a criticare l'impianto regolatorio in vigore in tema di immigrazione ribadendo di volere mettere fine a una lotteria a cui ogni anno partecipano milioni di persone da tutto il mondo e che consente a stranieri di vincere una Green Card e dunque di diventare residenti permanenti degli Usa ed eventualmente cittadini americani.

iStock

Exxon Mobil cede al pressing degli investitori, che da tempo chiedono più trasparenza sugli effetti del cambiamento climatico e delle rispettive regolamentazioni sulle attività del colosso petrolifero americano.

Molestie sessuali: 56 deputate democratiche chiedono inchiesta su Trump

Il presidente Usa ha attaccato via Twitter la senatrice Gillibrand, che ha chiesto le sue dimissioni

Sale la pressione affinché il Congresso americano avvii un'inchiesta sulle accuse di molestie sessuali lanciate contro il presidente statunitense, Donald Trump. Cinquantasei deputate del partito democratico, riunite nel Democratic Women's Working Group, hanno scritto una lettera al presidente di una commissione della Camera pensata per garantire agli americani che il governo sia trasparente e risponda del proprio operato.

Fed verso la terza stretta del 2017. Yellen se ne va a pieni voti

Atteso un rialzo dei tassi di 25 punti base all'1,25-1,5%. Sondaggio Wsj: il 60% degli economisti dà al governatore uscente il giudizio migliore, più del 34% del predecessore Bernanke a fine mandato
AP

Gli investitori non hanno dubbi: domani la Federal Reserve alzerà i tassi per la terza volta nel 2017, la quinta dal giugno 2006. La banca centrale americana, per un paio di mesi guidata ancora da Janet Yellen, ha segnalato una tale mossa in più occasioni. E' da un anno che dice che nell'anno in corso avrebbe compiuto tre aumenti del costo del denaro; inoltre, nei verbali della riunione del 31 ottobre e 1 novembre scorsi, diffusi il 22 novembre scorso, emerse che i membri del braccio di politica monetaria dell'istituto centrale si aspettavano una stretta "nel breve termine".

Giovedì l'amministrazione Trump eliminerà la net neutrality

Per il presidente dell'Fcc ferma l'innovazione. La Silicon Valley si schiera contro, mentre i grandi gruppi di telecomunicazione festeggiano. Ecco che così la neutralità della rete

Questa settimana l'amministrazione Trump si prepara a eliminare le regole sulla net neutrality volute da Barack Obama. Gioved" la Federal Communications Commission (FCC), guidata dal repubblicano Ajit Pai, voterà per togliere i provvedimenti approvati nel 2015 che garantiscono un accesso paritario alla rete, vietando alle aziende di telecomunicazioni che forniscono i servizi internet di creare una rete a due velocità, dando un accesso privilegiato ai colossi disposti a pagare di più e rallentando i piccoli gruppi e le startup.

Wall Street, attesa per la Fed

Il Federal Open Market Committee della Federal Reserve inizia la sua riunione, che terminerà domani con un probabile annuncio di un rialzo dei tassi
AP

Molestie sessuali, monta il pressing su Trump affinché si dimetta

Quattro donne chiedono al Congresso di indagare. Quattro senatori vogliono che il presidente Usa lasci il suo incarico come fatto da politici travolti da accuse simili