Apple: il Senato Usa vuole spiegazioni su sicurezza Face ID nell'iPhone X

Il gruppo chiamato a rispondere a una serie di domande entro il 13 ottobre. Promette, per esempio, di non cedere i dati biometrici a scopi commerciali? E come ha catturato un miliardo di facce per lo sviluppo della funzione?
Apple

Il presidente della sottocommissione Giudiziaria del Senato dedicata a privacy e tecnologia ha scritto una lettera al Ceo di Apple chiedendo informazioni su Face ID, la funzione di riconoscimento facciale inclusa nel nuovo iPhone X da mille dollari.

Il senatore democratico Al Franken ha detto a Tim Cook di essere "incoraggiato dai passi che Apple dice di avere fatto" per rendere operativo lo sblocco del nuovo smartphone attraverso il riconoscimento del volto di chi lo possiede. "Tuttavia", ha aggiunto il senatore, "questioni sostanziali restano su come Face ID impatterà sulla sicurezza e sulla privacy degli utenti iPhone e sul fatto che la tecnologia funzioni bene in vari gruppi di persone" a seconda della razza, del genere e dell'età. Per questo ha chiesto informazioni ulteriori su come l'azienda "gestisce queste questioni internamente e sui passi addizionali che intende fare per proteggere i suoi utenti".

Come spiegato durante il lancio all'evento di martedì 12 settembre, i dati biometrici verranno salvati sul dispositivo piuttosto che nella cloud. Lo sblocco non funzionerà se gli occhi sono tenuti chiusi o se il telefonino non è allienato correttamente al volto. Inoltre Face ID è stato pensato in modo tale da riconoscere il cambiamento di look della persona che possiede l'iPhone X riducendo i casi di sblocco da parte di sconosciuti. In pratica lo smartphone promette di essere capace di identificare il suo possessore a prescindere dal suo taglio di capelli, dal trucco o dall'uso di accessori come cappelli e occhiali. Sempre nel corso della presentazione, era stato detto anche che le probabilità che una persona a caso riesca a sbloccare il nuovo iPhone X sono pari a una su un milione contro una su 50mila del Touch ID (la funzione per sbloccare l'iPhone con l'impronta digitale).

Eppure, ad Al Franken tutto ciò non basta. E infatti nella lettera ha posto una serie di domande a cui Apple deve rispondere entro il 13 ottobre prossimo. Il senatore vuole per esempio sapere dove Apple ha pescato il miliardo di immagini di volti che ha detto di avere usato per sviluppare Face ID. Vuole anche capire se il gruppo garantisce che non condividerà mai con parti terze e a scopo commerciale i dati biometrici e che non ha alcuna intenzione di usare quei dati stessi per altri scopi che vanno al di là di Face ID. Chissà che Franken non sia stato convinto, tra le altre cose, dal fatto che al primo tentativo, la dimostrazione del funzionamento del riconoscimento facciale non abbia funzionato imbarazzando l'azienda.

Altri Servizi

Trump: Putin è sincero, nessuna interferenza nelle elezioni americane

Sull'Air Force One, il presidente Usa ha parlato con i reporter in viaggio con lui in Asia. La Cia non cambia posizione: Putin è colpevole. E poi tra i due spunta un accordo per la pace in Siria.
AP

Le Ivy League e il denaro nei paradisi fiscali

I Paradise Papers hanno rivelato un giro di miliardi off-shore per non pagare le tasse. E adesso il Congresso vuole iniziare a tassare anche le donazioni, dopo anni di opposizione da parte dei repubblicani
iStock

Una seconda ginnasta olimpionica denuncia gli abusi sessuali subiti

Aly Raisman, dopo McKayla Maroney, accusa l'ex medico della nazionale statunitense, Larry Nassar

Pirelli riparte da Alice nel Paese delle Meraviglie per tornare a farci sognare

Ventotto immagini di Tim Walker per raccontare la storia di Lewis Carroll solo con modelli, attori e artisti neri. Tronchetti Provera: “Vogliamo parlare di libertà di espressione e di libertà in ogni senso, portare questo messaggi"

Russiagate, spunta un presunto piano per consegnare Gulen a Erdogan

Il procuratore speciale Mueller indaga sull'eventuale ruolo di Flynn, ex consigliere di Trump

Russiagate, Papadopoulos avrebbe mentito per proteggere Trump

Lo rivela una fonte di Abc News. Intanto, ha un nome la "nipote di Putin" (che non lo è) citata dall'ex consigliere in alcune e-email

News Corp torna all'utile, al lavoro con Google e Facebook per attirare abbonati

Nel suo primo trimestre fiscale, profitti superiori alle stime. Bene anche i ricavi. Il Wall Street Journal contava 1,318 milioni di utenti digitali attivi quotidianamente nei tre mesi al 30 settembre
iStock

Walt Disney: i conti deludono, annuncia nuova trilogia di Guerre Stellari

Ricavi sotto le stime. Pesa un forte calo della divisione cinematografica; si salva quella dei parchi e dei resort nonostante l'effetto negativo sulle attività in Florida dato dall'uragano Irma. No comment su trattative con 21st Century Fox
AP

Ceo di AT&T: regolatori Usa non hanno mai chiesto vendita Cnn

Fonte del governo conferma: mai forzata una tale cessione. Washington preferirebbe che il deal saltasse
iStock

Riforma fiscale: Gop al Senato non taglia aliquota aziendale fino al 2019

Si tratta di un anno dopo il piano della Camera. L'approvazione della legislazione diventa complicata
Shutterstock