Apple lancia la sfida sulle vetture autonome, ottiene via libera ai test in California

Entra nella lista di società che hanno ricevuto le autorizzazioni dal California Department of Motor Vehicles, che già aveva dato il via libera a colossi come Tesla, Uber, Nvidia e Alphabet

Apple entra ufficialmente nella competizione per lo sviluppo di vetture senza conducente. Il colosso di Cupertino ha ricevuto dallo stato della California i permessi necessari per cominciare i test sui veicoli autonomi.

La società è stata infatti aggiunta alla lista di società che hanno ricevuto le autorizzazioni dal California Department of Motor Vehicles, il dipartimento dei Trasporti della California, che già aveva dato il via libera a colossi come Tesla, Uber Technologies, Nvidia e Alphabet, la holding a cui fa capo Google.

Da tempo circolavano indiscrezioni su un progetto segreto di Apple, Project Titan, appunto dedicato alllo sviluppo di auto driverless, ma la società non aveva mai ufficializzato la cosa e non aveva mai confermato di essere impegnata su quel fronte, pur avendo più volte preso posizione nel dibattito sulla regolamentazione del mercato delle vetture autonome.

L'estate scorsa Apple aveva messo Bob Mansfield, sviluppatore dietro al successo di prodotti come MacBook Air, iMac e iPad, a capo delle attività legate a nuove tecnologie, appunto come quelle legate alle auto driverless. Mansfield era entrato ad Apple nel 1999 ed è stato uno dei manager più importanti di Steve Jobs, prima di lasciare il gruppo nel 2013 per lavorare come consulente per progetti speciali, come l'Apple Watch.

Mentre il focus dell'industria automobilistica si sta spostando dai motori ai software, i gruppi tech stanno lentamente cercando di entrare nel mercato. Tim Cook ha più volte ripetuto che "nei prossimi anni ci sarà un profondo cambiamento all'interno del dell'industria" quando i veicoli autonomi diventeranno sempre più importanti.

Altri Servizi

Attacco a Manchester: il Regno Unito torna a condividere informazioni con gli Usa

Il premier Theresa May e il presidente americano Donald Trump ne hanno parlato in occasione del summit Nato
AP

L'irritazione forse non è ancora passata ma le autorità britanniche hanno ripreso a condividere informazioni con gli Usa riguardanti l'attacco terroristico avvenuto a Manchester lunedì 22 maggio.

Riparare l’iPhone da sé? Apple è contraria

Il gruppo sta lottando contro una proposta di legge che obbligherebbe i produttori di dispositivi elettronici a rilasciare informazioni utili per la riparazione

Apple non vuole che i suoi consumatori possano essere liberi di aggiustare autonomamente i propri iPhone. Il gruppo tecnologico, così come aziende del calibro di J&J, Toyota e Verizon, stanno unendo le forze in attività di lobby per ostacolare una proposta di legge che le forzerebbe a rendere disponibili le informazioni utili per riparare dispositivi elettronici per conto proprio o con l’aiuto di parti terze.

Zuckerberg ad Harvard torna a parlare di politica

Riceve la laurea dall'università che lo cacciò. Le "sfide dei nostri giorni"? Per il fondatore di Facebook è fondamentale combattere contro le derive autoritarie e il nazionalismo

Mark Zuckerberg ha le idee molto chiare su quali siano le "sfide dei nostri giorni": per il fondatore e amministratore delegato di Facebook è fondamentale combattere contro le derive autoritarie e il nazionalismo, nel tentativo di arrivare a una società più equa e connessa. Per la seconda volta in pochi mesi Zuckerberg ha descritto la sua agenda politica. Questa volta l'occasione è arrivata nel corso del suo discorso ad Harvard, dove ha ricevuto la laurea, dopo che era stato cacciato dall'università per aver creato il predecessore di Facebook, FaceMash.

Prosegue l'ottimismo a Wall Street

Ieri, chiusura record per lo S&P. Oggi giornata di trimestrali
AP

Trump vuole portare il caso 'muslim ban' alla Corte Suprema

Lo ha detto il segretario alla Giustizia dopo che una corte di appello ha confermato lo stop al divieto di ingresso in Usa dei cittadini di sei nazioni prevalentemente musulmane
AP

L'amministrazione Trump intende portare fino alla Corte Suprema il caso "muslim ban". Lo ha detto il segretario americano alla Giustizia, Jeff Sessions, nel giorno in cui il divieto di ingresso in Usa da parte di cittadini di sei nazioni prevalentemente musulmane è rimasto congelato su volere del quarto circuito della Corte d'Appello.

Le pmi toscane fanno sistema nel Consorzio Vasari per conquistare gli Usa

Una strategia a lungo termine che ha debuttato con la fiera Florence in New York

Far conoscere le piccole e medie aziende della Toscana sul mercato statunitense, dove da sole potrebbero non avere i mezzi per farsi strada. E' questo l'obiettivo di Consorzio Vasari, nato proprio per sostenere l'internazionalizzazione delle pmi locali che dalla loro hanno la sapienza e l'esperienza nella creazione di prodotti di qualità che vogliono portare Oltreoceano. Sostenuto dal bando "Porfesr 2014-2020" della Regione, il consorzio ha fatto il suo debutto con Florence in New York, una fiera di tre giorni che si è conclusa a Manhattan e che di questo viaggio rappresenta soltanto l'inizio.

Fca: caso emissioni, non siamo come Volkswagen

I legali del gruppo in un tribunale di San Francisco per contenziosi con privati riguardanti gli stessi veicoli presi di mira dal dipartimento di Giustizia. C'è soluzione rapida per risolvere la disputa. Ok a modifiche forse tra qualche settimana
Fca

Fiat Chrysler Automobiles non deve essere confrontata con Volkswagen perché i casi sulle emissioni diesel riguardanti i due gruppi sono decisamente diverso. E' questo il messaggio che i legali del gruppo guidato da Sergio Marchionne hanno lanciato da una stanza di un tribunale di San Francisco, dove si sono presentati nell'ambito di dispute iniziate da consumatori alla luce del presunto uso illecito di software nei motori diesel a tre litri di circa 104.000 vetture tra Jeep Grand Cherokee e Ram 1500.

Trump duro con gli alleati Nato: mettete i soldi per la difesa

Il presidente Usa ha ripetuto che 23 membri dell'Alleanza non rispettano gli impegni: "È ingiusto nei confronti dei contribuenti statunitensi". Nessun riferimento all'Articolo 5 sulla "difesa collettiva"

Candidato repubblicano alla Camera incriminato per aver aggredito un reporter

Greg Gianforte, favorito per il seggio lasciato libero dal segretario degli Interni, Ryan Zinke, non ha gradito l'insistenza di un giornalista del Guardian nel chiedere un commento sulla riforma sanitaria del Gop

La Nato si unirà alla coalizione anti-Isis, la lotta al terrorismo al centro del summit

L'Alleanza avrà una nuova cellula di condivisione delle attività d'intelligence e nominerà un coordinatore delle attività antiterrorismo. L'altro grande tema a Bruxelles sarà l'aumento dei contributi finanziari dei singoli Stati
Ap