Apple punta sui servizi con video, notizie e carta di credito

Oprah Winfrey, Steven Spielberg, J.J. Abrams e Jennifer Aniston tra le personalità reclutate per produrre contenuti orginali

Quasi tre mesi dopo avere annunciato un raro taglio delle stime sui ricavi, colpa della debolezza del suo iPhone, Apple punta sui servizi. Dal Steve Jobs Theatre a Cupertino, in California, il Ceo Tim Cook ha lanciato un nuovo servizio di notizie, un nuovo sistema di pagamento con carta di credito, un servizio di abbonamento per videogiochi, una app per l'Apple TV e TV+, il tanto atteso servizio di video in streaming su abbonamento. Con contenuti originali, il colosso tech sfida Netflix, Amazon ma anche Walt Disney.

Apple News+
Apple "ha sempre creato hardware e sofwtare di prima classe ma anche servizi. Di questo parliamo oggi", cos" Cook ha iniziato l'evento. "Nessuno meglio di Apple offre le tre cose insieme", ha aggiunto. Il successore di Steve Jobs è partito da Apple News, "la prima app di informazioni con 5 miliardi di articoli letti al mese", ha detto. "Adoro la sensazione di essere in un'edicola. Là guardiamo alle riviste e le vorremmo tutte ma magari ne compriamo solo due. Oggi le portiamo su un nuovo servizio chiamato Apple News+".

Apple News+ include 300 riviste con copertine "live" come quella del National Geographic, ma anche giornali come il Wall Street Journal e il Los Angeles Times. "Vi costerebbe oltre otto mila dollari all'anno, con noi pagate 9,99 dollari al mese", ha detto un manager del gruppo presentando il servizio, che è disponibile per essere condiviso gratuitamente dai membri di una famiglia, sui loro dispositivi e con i loro contenuti personalizzati. Il primo mese è gratuito. Apple ha lanciato Apple News+ da oggi in Usa e Canada, dove sarà disponibile sia in inglese sia in francese e dove altri 30 magazine locali in aggiunta al giornale The Star. Il servizio arriverà anche in Europa, a cominciare dal Regno Unito. Il gruppo ha voluto sottolineare che Apple scarica sui propri server le riviste, in modo tale da "non permettere agli inserzionisti di monitorarvi".

Apple Card con Goldman Sachs e MasterCard
Apple ha lanciato un nuovo servizio di pagamento, complementare con gli altri già esistenti come Apple Pay, chiamato "Apple Card", che si può usare in tutto il mondo grazie al circuito MasterCard su tutti i dispositivi Apple ed è priva di commissioni di alcun tipo. Promettendo di offrire i tassi di interesse più bassi quando si è in ritardo a pagare quanto speso, Apple ha sottolineato le caratteristiche fondate su sicurezza e privacy e semplicità d'uso. "Apple non sa cosa hai comprato, dove l'hai comprato e quanto hai speso", ha detto la responsabile del prodotto. "Goldman Sachs non venderà mai a terze parti i vosti dati per scopi commerciali", ha garantito. Per usare questo servizio basta registrarsi sul proprio iPhone e per ricevere assistenza o chiedere informazioni si può inviare sms. Per avere una "vita finanziaria migliore", Apple promette di semplificare l'elenco delle transazioni effettuate rendendo chiaro luogo e data di un acquisto. Ogni acquisto figura in una determinata categoria. Ogni volta che si spende con Apple Card, si riceve "Daily Cash". "Quando compri il caffè al mattino, e paghi con Apple Card, cash è aggiunto al tuo portafoglio. E' denaro contante, vero, che puoi usare per pagare o inviare ad amici", ha detto la manager. Apple Card offre ogni giorno in cash il 2% del valore degli acquisti effettuati; la percentuale sale al 3% se vengono fatti acquisti legati ad Apple. Una carta di credito fisica in titanio può ossere richiesta: "non ha numero, né codice di sicurezza, né scadenza e nessuna firma, che sono nella app wallet".

Apple Arcade
Apple ha lanciato un servizio di videogiochi su abbonamento e senza pubblicità chiamato Arcade. Contiene oltre 100 giochi, "che non troverete in nessun altro servizio", che non richiede pagamenti ulteriori e che non tengono traccia dei dati dell'utente senza il loro consenso. Apple Arcade sarà disponibile dal prossimo autunno in oltre 150 Paesi. Arcade può essere usato sui vari dispositivi Apple, anche in modalità offline, e può essere usato da tutti i membri di una famiglia senza costi aggiuntivi. Il prezzo del servizio non è stato comunicato.

Apple TV+
Apple scommette su contenuti video originali in un nuovo servizio su abbonamento per il quale ha reclutato personalità famose come i registi Steven Spielberg e J.J. Abrams e le attrici Jennifer Aniston e Reese Witherspoon. Queste ultime, insieme all'attore Steve Carell, saranno protagonisti del programma "The Morning Show".
Jason Momoa e Alfre Woodard, altri attori Usa, si sono presentati sul palco presentando senza trailer uno show di fantascienza.
Il comico Kumail Nanjiani, americano di origini pachistane, è stato a sua volta reclutato da Apple per un programma chiamato "Little America", che si concentra "sulle vere storie degli immigrati in Usa. Così facendo, smettiamo di verdeli come 'gli altri'. Alla fine abbiamo tutti bisogno delle stesse cose", ha detto l'attore. "La maggior parte dei registi e attori sono immigrati o figli di immigrati", ha aggiunto dicendo: "Non ci sono 'altri'. Ci siamo solo 'noi".

"Crediamo sia l'inizio di qualcosa di entusiasmante", ha detto il Ceo di Apple, commentando l'annuncio del nuovo servizio di video in streaming del gruppo. Con l'ambizioso obiettivo di "raccontare storie per cambiare il mondo", Cook ha voluto presentare un'altra artista tra quelli reclutati per questa iniziativa: Oprah Winfrey, la regina afroamericana dei talk show americani.

"Non c'è mai stato un momento, come questo, per usare la nostra tecnologia e la nostra umanità", ha esordito la donna che lanciò Barack Obama come candidato alle presidenziali Usa del 2008 e che qualcuno in Usa ha pensato potesse candidarsi alle prossime elezioni. "Vogliamo essere ascoltati ma dobbiamo anche ascoltare....per guarire le nostre divisioni", ha aggiunto spiegando "l'opportunità [con Apple] di connettermi con le persone nel mondo per promuovere cambiamenti positivi attraverso conversazioni interessanti con personalità di tutti i tipi". Sono due i documentari su cui sta lavorando, "Toxic Labor", e una serie, ancora senza nome, sulla salute mentale. "Sostituiremo la vergogna con la compassione", ha continuato Winfrey annunciando anche un book club. Il servizio di Apple - di cui non è stato comunicato ancora il prezzo - è on-demand, senza pubblicità, disponibile in oltre 100 Paesi dal prossimo autunno. Funziona online e offline.

Altri Servizi

Wall Street, giornata di dati e trimestrali

Attesi i dati sui sussidi e sulle vendite al dettaglio. Tra i conti, quelli di American Express
AP

De Niro ancora contro Trump: "Abbiamo un aspirante gangster alla Casa Bianca"

L’attore americano ha parlato al The Late Show dove ha nuovamente puntato il dito contro il presidente americano

Continua lo scontro a distanza tra Robert De Niro e Donald Trump. Ospite del The Late Show condotto da Steven Colbert, il leggendario attore newyorchese ha definito il presidente degli Stati Uniti "un aspirante gangster", "un totale perdente" e un "fesso". L’intervista, andata in onda venerdì sera, è stata in realtà registrata martedì, dunque due giorni prima della pubblicazione del rapporto sul Russiagate del procuratore speciale Robert Mueller.

Car2go sospende il servizio a Chicago: troppi furti e frodi

Oltre 100 auto rubate nell’ultima settimana, 21 persone denunciate dalla polizia

Car2Go ha sospeso il suo servizio di car sharing a Chicago dopo aver subito il furto di decine di auto nell’ultima settimana. L’azienda ha annunciato che la sospensione è temporanea e che sta collaborando con la polizia per risolvere la questione. Come riporta il Washington Post, oltre 100 vetture sono state rubate grazie a delle iscrizioni fasulle all’app di Car2Go, fatte utilizzando carte di identità falsi associate a carte di credito rubate.

La rivista Time: Salvini tra le 100 persone più influenti al mondo

Presenti altri due italiani: lo chef Massimo Bottura e il direttore creativo della maison Valentino, Pierpaolo Piccioli. Per le sei copertine, scelti Taylor Swift, Dwayne Johnson, Sandra Oh, Nancy Pelosi, Gayle King e Mohamed Salah
AP

La cantante Taylor Swift, l'attore e wrestler Dwayne Johnson, l'attrice Sandra Oh, la speaker della Camera statunitense Nancy Pelosi, la giornalista Gayle King e il calciatore egiziano del Liverpool Mohamed Salah sono le persone scelte dalla rivista statunitense Time per le sei copertine del numero dedicato alle cento persone più influenti al mondo. La lista, stilata annualmente, comprende tre italiani: il vicepresidente del Consiglio, Matteo Salvini, inserito tra i 26 leader più influenti al mondo; lo chef Massimo Bottura, inserito tra i pionieri, e Pierpaolo Piccioli, direttore creativo della maison Valentino, tra le icone.

Columbine, 20 anni fa la strage del liceo di Littleton

Gli Stati Uniti ricordano le vittime mentre i Dem chiedono leggi per il controllo sulle armi

Sono passati 20 anni dalla strage di Columbine, ancora oggi ricordata come uno dei più sanguinosi massacri mai avvenuti in una scuola degli Stati Uniti. Era infatti il 20 aprile 1999 quando Eric Harris, 18 anni, e Dylan Klebold, 17 anni, entrarono nel loro liceo di Littleton - piccolo sobborgo di Denver, in Colorado - armati di pistole, fucili e bombe artigianali, e aprirono il fuoco contro i loro compagni e professori. In 23 minuti uccisero 12 studenti e un insegnante ferendo 24 persone. Poi si tolsero la vita.

Trump deride ex membri del suo staff: dichiarazioni a Mueller sono "totali stronzate"

Il presidente attacca coloro che alla fine lo hanno salvato dall'accusa di ostruzione alla giustizia (ignorando i suoi ordini). Commissione Giustizia alla Camera Usa vuole rapporto Mueller completo entro l'1 maggio
Ap

All'indomani della pubblicazione del rapporto con cui, dopo 22 mesi, il procuratore speciale Robert Mueller ha messo fine al suo lavoro di inchiesta sul cosiddetto Russiagate, Donald Trump è tornato alla carica. Dopo avere festeggiato per non essere stato accusato di collusione con Mosca e di ostruzione alla giustizia, il 45esimo presidente americano ha definito "pazzo" il rapporto stesso e "totali stronzate" alcune dichiarazioni fornite a Mueller da vari testimoni.

Trump festeggia: temeva la fine della sua presidenza con l'inchiesta di Mueller

Il rapporto reso pubblico con omissis non esclude però che il presidente Usa abbia commesso crimini. Il segretario alla Giustizia Barr lo difende
AP

Russiagate: Barr difende Trump, il rapporto Mueller ora è pubblico (con omissis)

Il segretario alla Giustizia ha ripetuto più volte: "Nessuna collusione". Inoltre, ha stabilito che il presidente Usa non ha ostacolato le indagini
AP