Apple si difende dalle accuse di Spotify: vuole benefici senza costi

Il gruppo americano replica a quello svedese: la sua, "retorica fuorviante"

Apple si è difesa dalle accuse mosse da Spotify, il servizio di musica in streaming svedese che si è rivolto alle autorità antitrust europee; la sua tesi è che il produttore dell'iPhone abbia tenuto a freno servizi rivali di musica in streaming a vantaggio del suo Apple Music controllando le applicazioni che appaiono nel suo App Store.

"Dopo avere usato per anni l'App Store per crescere esponenzialmente le sue attività, Spotify punta a mantenere tutti i benefici dell'ecosistema di App Store, inclusi gli alti ricavi generti dai clienti dell'App Store, senza versare il dovuto", ha spiegato l'azienda guidata da Tim Cook in una nota. "Allo stesso tempo", ha continuato, Spotify "distribuisce la musica che amate mentre versa sempre meno contributi agli artisti, musicisti e cantanti che la creano", ha proseguito Apple aggiungendo: "Spotify ha ogni diritto di determinare il proprio modello di business ma ci sentiamo obbligati a rispondere quando Spotify confeziona le proprie motivazioni finanziarie con una retorica fuorviante su chi siamo, cosa abbiamo sviluppato e cosa facciamo per sostenere sviluppatori indipendendenti, musicisti, cantautori e creatori di tutti i tipi".

In merito all'accusa che Apple discrimina Spotify, l'azienda di Cupertino (California) ha voluto essere chiara: "Abbiamo approvato e distribuito quasi 200 aggiornamenti della app per conto di Spotify, risultando in oltre 300 milioni di copie della sua app scaricate. L'unica volta che abbiamo richiesto aggiustamenti è stato quando Spotify ha cercato di schivare le stesse regole che ogni altra app segue". Apple ha definito "particolarmente sorprendente" quanto sostenuto dall'azienda svedese, secondo cui la sua app è stata bloccata sull'Apple Watch. "Quando Spotify ha fatto domanda per la sua app per l'App Watch nel settembre 2018, l'abbiamo rivista e approvata nello stesso modo e con la stessa velocità di ogni altra app. Infatti, l'app Spotify Watch è attualmente la app numero uno nella categoria Watch Music".

Secondo il gruppo svedese, inoltre, la sua app è stata bloccata anche su Siri, l'assistente vocale di Apple, e sugli speaker HomePod. Su quest'ultimo prodotto, il gruppo Usa non si è espresso ma ha precisato che quando contattò Spotify proprio per Siri "ci avevano detto che ci stavano lavorando e noi restiamo pronti ad aiutarli come possiamo".

Apple sostiene anche che Spotify "vuole tutti i benefici di una app gratuita senza essere gratuita". Il gruppo guidato da Cook ha spiegato che l'84% delle app sull'App Store non paga nulla ad Apple quando la loro app viene scaricata e usata. "L'unico contributo che Apple richiede riguarda servizi e prodotti digitali che sono acquistati all'interno di una app che utilizza il nostro sistema sicuro per gli acquisti interno alla app stessa". Il riferimento è alla commissione del 30% sui ricavi generati il primo anno da un abbonamento annuale. Di questo Spotify si è lamentata ma Apple ha sottolineato che l'azienda "non ha detto che quella percentuale scende al 15% dall'anno successivo". Apple sostiene che la maggior parte dei clienti usa gratuitamente Spotify accettando di interrompere l'ascolto di musica con inserzioni promozionali. In questo caso Apple non ci guadagna nulla. "Anche ora solo una frazione minuscola dei loro abbonamenti rientra nel modello di condivisione delle vendite", ha continuato Apple, "eppure Spotify sta chiedendo che si arrivi a zero" nonostante tutti gli sforzi che Apple fa per connettere i clienti all'azienda svedese. Al Nasdaq Apple guadagna l'1% a 185,55 dollari.

Altri Servizi

Wall Street, speranze su accordo Usa-Cina

Atteso il dato sulla fiducia dei consumatori di marzo
AP

Wall Street, pesa Boeing

Giornata in sofferenza per il colosso aerospaziale, dopo il disastro aereo di Addis Abeba
AP

Trump propone budget da 4.700 mld di dollari, Congresso pronto a bocciarlo

Chiede 8,6 miliardi aggiuntivi per il muro. A ottobre rischio shutdown

Il presidente americano, Donald Trump, ha presentato una proposta di budget per l'anno fiscale 2020 che vale 4.700 miliardi di dollari ma che rischia già in partenza di creare tensioni al Congresso, che deve approvare la manovra (la prima, firmata Trump, con una Camera controllata dall'opposizione democratica).

Kirsten Gillibrand ha ufficialmente lanciato la sua campagna presidenziale

La senatrice è la sesta donna in campo per le primarie democratiche
Ap

La senatrice Kirsten Gillibrand ha ufficialmente lanciato la propria candidatura alle primarie democratiche per le presidenziali statunitensi del prossimo anno, con un video intitolato "Il coraggioso vince", che parte da un verso dell'inno nazionale (Di' dunque, sventola ancora la nostra bandiera adorna di stelle sulla terra dei liberi e la patria dei coraggiosi?) per affermare che il coraggio degli americani può aiutare il Paese a raggiungere risultati come il sistema sanitario universale, il congedo parentale per tutti e una nuova riforma per l'ambiente. "Abbiamo bisogno di un leader che faccia delle scelte notevoli e coraggiose. Qualcuno che non sia spaventato dal progresso. Ecco perché mi candido alla presidenza".

Lyft lancia il road show per la sua Ipo da 2 miliardi di dollari

Sarà la prima del settore dei trasporti on-demand a quotarsi a Wall Street, ma sarà presto seguita da Uber

Amazon, via libera dalla contea di Arlington agli incentivi diretti da 23 milioni di dollari per la nuova sede

Le autorità li hanno approvati all'unanimità. Proteste di molti residenti. Amazon riceverà 481 milioni di incentivi dalla contea e 750 milioni dallo Stato
AP

Lo staff di Sanders è il primo sindacalizzato nella storia delle presidenziali

"Ci aspettiamo che questo significhi parità di salario e trasparenza durante la campagna, trattamento equo per ogni lavoratore, che sia a Washington D.C. o in Iowa, senza differenze di genere" ha commentato il presidente dello UFCW Local 400
Ap

Due voti in Congresso contro Trump, ma non c'è una rivolta dei repubblicani

Approvate due risoluzioni contro la dichiarazione d'emergenza e il sostegno alla guerra saudita in Yemen, ma i ribelli sono solo il 10%. Il presidente costretto al primo veto (e presto al secondo)

Federcalcio Usa sorpresa dalla causa per discriminazione intentata dalle giocatrici della nazionale

Carlos Cordeiro ha detto che le atlete non si erano mai lamentate del contratto collettivo. Le campionesse del mondo chiedono di essere pagate (e trattate) come gli uomini
Ap