Apple stima un "contributo diretto" all'economia Usa per 350 miliardi di dollari in cinque anni

Annunciate spese per capitale da 30 miliardi di dollari, la creazione di 20.000 nuovi posti di lavoro e di un altro campus. Pagherà 38 miliardi di dollari per rimpatriare utili parcheggiati all'estero
iStock

Vantandosi di essere il maggiore contribuente americano, Apple ha annunciato una serie di investimenti negli Stati Uniti con cui sostiene che il suo contributo diretto all'economia americana sarà pari a oltre 350 miliardi di dollari nell'arco dei prossimi cinque anni. 

L'azienda di Cupertino ha promesso la creazione di 20.000 nuovi posti di lavoro, la costruzione di un nuovo campus la cui location verrà annunciata in futuro, spese per capitale da oltre 30 miliardi di dollari in cinque anni e l'esborso di 38 miliardi di dollari come risultato della nuova riforma fiscale per quanto riguarda gli utili parcheggiati all'estero. "Un pagamento di quel tipo probabilmente sarà il più grande di questo tipo mai fatto", ha dichiarato Apple in un comunicato, il cui contenuto porta gli osservatori a credere che rimpatrierà in Usa quasi tutti i suoi 250 miliardi di dollari detenuti al di fuori dei confini Usa.

Il Ceo Tim Cook ha detto che "Apple è una storia di successo che poteva succedere soltanto in America e siamo orgogliosi di continuare la nostra storia a sostegno dell'economia Usa". Il successore di Steve Jobs ha aggiunto che in Apple "crediamo profondamente nel potere dell'ingenuità americana e ci stiamo concentrando sugli investimenti in aree in cui possiamo avere un impatto diretto sulla creazione di posti di lavoro. Abbiamo un profondo senso di responsabilità di ripagare il nostro paese e le persone che hanno aiutato a rendere possibile il nostro successo".

Apple, che attualmente dà lavoro a 84.000 persone in tutti i 50 Stati Usa, ha spiegato che oltre 10 miliardi di dollari delle nuove spese per capitale saranno investiti in data center negli Usa. L'azienda ha precisato che anche il nuovo campus - così come lo sono già tutti i suoi uffici, data center e negozi - sarà alimentato da energie rinnovabili.

Apple ha inoltre portato a 5 miliardi da 1 miliardo di dollari il suo Advanced Manufacturing Fund, che aiuta i gruppi manifatturieri Usa. Il colosso tecnologico conta anche di accelerare i suoi sforzi in Usa a sostegno di programmi d'istruzione sul coding e su scienza, tecnologia, ingegneria, arte e matematica. Sostenendo di avere creato oltre 1,6 milioni di posti di lavoro in Usa attraverso l'economia delle app per sistema operativo iOS e di avere generato nel 2017 5 miliardi di dollari per gli sviluppatori americani di app, Apple ha sottolineato la domanda "forte come non mai" di competenze di coding: "Oggi ci sono oltre 500mila posti di lavoro scoperti nella nazione" e il governo Usa stima che entro il 2020 ci saranno 1,4 milioni di posti per lo sviluppo di software in più rispetto al numero di candidati qualificati per ricoprirli.

La notizia è destinata a compiacere il presidente americano Donald Trump, che da quando ha firmato (prima di Natale) la riforma fiscale si è vantato degli investimenti, dei bonus e dell'aumento dei salari annunciati dalla Corporate America.

I 350 miliardi di dollari di contributo diretto all'economia Usa è calcolato includendo i 5 miliardi del fondo per la manifattura, 30 miliardi di spese per capitale, 38 miliardi di imposta una tantum per il rimpatrio di capitali e 55 miliardi di dollari all'anno per cinque anni in "spese previste con fornitori [più di 9.000] e gruppi manifatturieri Usa". Apple ha indicato che nel 2018 spenderà su quest'ultimo fronte 55 miliardi di dollari.

Altri Servizi

Wall Street: continuano le tensioni commerciali. Focus su Fca

Titolo del gruppo auto sotto pressione dopo il cambio ai vertici dovuto a gravi problemi di salute che hanno colpito Marchionne
AP

Duck boat, una trappola mortale per turisti

La morte di 13 persone in un incidente nel 1999 portò alla pubblicazione di una serie di raccomandazioni per gli operatori sulla sicurezza. Ma poco è cambiato, fino all'incidente di giovedì notte, in cui sono morte 17 persone
Ap

Quasi 20 anni fa, una duck boat chiamata Miss Majestic affondò nel lago Hamilton vicino a Hot Springs, in Arkansas, provocando la morte di 13 persone. La tragedia del 1999 fu dovuta all'inadeguata manutenzione dell'imbarcazione anfibia, secondo il National Transportation Safety Board (Ntsb); in un rapporto del 2002 sull'incidente, l'agenzia federale pubblicò una serie di raccomandazioni per gli operatori di duck boat, in modo da rendere più sicure le imbarcazioni.

Los Angeles: è morto Jonathan Gold, critico gastronomico da Pulitzer

Aveva 57 anni, a ucciderlo è stato un cancro al pancreas
Wikipedia

È morto all'eta' di 57 anni, stroncato da un cancro al pancreas, Jonathan Gold, uno dei più famosi critici gastronomici di Los Angeles e di tutti gli Stati Uniti, considerato un titano nel suo campo. "Era l'anima di questa città e di tutti i suoi incredibili sapori", ha twittato il sindaco, Eric Garcetti, aggiungendo che "non ci sarà mai un altro come lui”.

Trump - Clinton, nuovo botta e risposta sul Russiagate

Per la democratica Mosca tornerà all’attacco durante le elezioni di Midterm, per il tycoon ad essere spiata è stata proprio la sua campagna
Ap

Si aggiunge un nuovo capitolo alla saga Donald Trump Vs Hillary Clinton sulle presunte ingerenze russe nella campagna elettorale del 2016. Secondo l’ex candidata democratica non ci sono dubbi sulla questione: "È stato un enorme cyber attacco al nostro sistema elettorale, e ha avuto successo". La Clinton, intervenuta sabato pomeriggio all’OzyFest, un festival di incontri e di musica a Central Park, lo definisce ancora. "Un attacco al cuore della nostra democrazia. Il grande mistero è perché il nostro presidente non abbia parlato (nel meeting di Helsinki con Putin, ndr) in favore del suo Paese".

Trump: "Russiagate ridicolo, nessuna interferenza russa". Con Putin "è solo l'inizio"

Incontro tra i due presidenti a Helsinki: "Ci incontreremo spesso, in futuro. I nostri rapporti non erano mai stati peggiori, ma le cose ora sono cambiate"
AP

"Io e Putin ci incontreremo spesso, in futuro. Sono state ore molto costruttive". Lo ha detto il presidente statunitense, Donald Trump, durante la conferenza stampa congiunta con l'omologo russo, Vladimir Putin, organizzata dopo il loro bilaterale al palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Secondo Trump, il summit odierno "è solo l'inizio".

Wall Street, attenzione alle trimestrali

Ancora una giornata significativa per la pubblicazione di dati societari
iStock

Gli Usa dicono no al referendum nell'Ucraina orientale e stanziano 200 milioni in aiuti per la difesa di Kiev

Putin aveva chiesto a Trump il sostegno per l'organizzazione di un voto nelle regioni separatiste, ma Washington ha respinto l'ipotesi. Gli Stati Uniti, invece, continuano ad appoggiare il governo centrale

Il Pentagono ha annunciato che fornirà 200 milioni di dollari in aiuti per la sicurezza all'Ucraina. Il finanziamento è già stato approvato e coincide con una serie di riforme approvate da Kiev per rendere più moderna la difesa. La decisione di Washington irriterà la Russia, che pochi giorni fa aveva dichiarato di essere pronta a lavorare con il dipartimento della Difesa statunitense su una serie di tematiche sulla sicurezza, dopo il vertice tra i presidenti Donald Trump e Vladimir Putin.

Dazi, l'amministrazione Trump si divide sulle auto Ue

Mercoledì la visita di Juncker alla Casa Bianca
Shutterstock

La politica dei dazi commerciali, che Donald Trump ha imposto e vuole imporre, continua a creare problemi al tycoon. Tanto nei rapporti con gli altri leader mondiali quanto in quelli all’interno della Casa Bianca. Secondo Politico, che cita funzionari americani vicini alla vicenda, dopo l’ennesima minaccia del tycoon di imporre tariffe sulle auto importate dall’Europa, l’amministrazione statunitense appare quanto mai divisa.

Trump, avvertimento da Rouhani: "La guerra con l’Iran è la madre di tutte le guerre"

Il presidente iraniano ammonisce il tycoon sul perseguimento di politiche ostili contro Teheran
AP

Mnuchin: Usa pronti a togliere le sanzioni al gigante russo Rusal

Il secondo produttore al mondo di alluminio colpito per 'colpa' di Deripaska, il tycoon vicino a Putin coinvolto nelle indagini sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi