Apple testa la fedeltà dei consumatori con un iPhone da mille dollari

E' il costo stimato per il dispostivo con cui il gruppo dovrebbe celebrare il decimo anniversario del lancio dello smartphone. La realtà aumentata verso una svolta

La fedeltà degli appassionati di prodotti Apple sta per essere testata. Martedì 12 settembre infatti il colosso tecnologico dovrebbe presentare il suo primo iPhone con un costo di almeno mille dollari o magari anche di più per i modelli con una memoria maggiore; è quello con cui il gruppo intende celebrare il decimo anniversario del lancio dello smartphone. Si tratta di una versione di alta gamma che - stando a fughe di notizie - dovrebbe chiamarsi iPhone X; va ad aggiungersi agli aggiornamenti dei modelli iPhone 7 e iPhone 7 Plus ossia l'iPhone 8 e 8Plus.

Alcuni consumatori saranno disposti a pagare di più per un prodotto che ha un costo superiore a certi PC disponibili sul mercato. C'è il rischio tuttavia che almeno per qualcuno Apple appaia come un'azienda disposta a ottenere il massimo che può dai suoi fedelissimi. In un certo senso, Apple è costretta a farlo per mantenere i suoi margini di profitto intorno al 46%, i più alti nel settore di riferimento. D'altra parte la nuova componentistica è particolarmente costosa: si va dallo schermo Oled a videocamere capaci di fornire funzioni di realtà aumentata che tra le altre cose consentono di sbloccare il telefono con il riconoscimento del volto al posto dell'impronta digitale.

Quella componentistica tra l'altro potrebbe scarseggiare, cosa che rischia di lasciare molti consumatori in attesa del nuovo iPhone. Su questo scommettono rivali come la sudcoreana Samsung, che con il suo nuovo Note 8 prende a sua volta di mira una clientela premium.

Alla vigilia dell'evento, che per la prima volta si svolgerà nel nuovo auditorium dedicato a Steve Jobs - costruito all'interno del campus di Apple - l'attesa di consumatori e analisti sta sostenendo il titolo Apple; il rally odierno mette fine a una serie di quattro sedute di fila in calo durante le quali l'azione ha perso il 3,3% dalla chiusura record messa a segno il primo settembre a quota 164,05 dollari.

Secondo JP Morgan, sarà particolarmente importante capire in quale settimana esatta di ottobre inizieranno le consegne del nuovo iPhone perché ciò potrebbe avere "un impatto di qualche milione di unità" sulle stime degli utili del primo trimestre fiscale, quello cruciale che comprende il periodo dello shopping natalizio.

Con Apple, realtà aumentata tanto popolare quanto l'iPhone?
Oltre agli iPhone, sono attese nuove versioni dell'Apple Watch, dell'Apple Tv e del sistema operativo iOS (leggi qui tutte le indiscrezioni). Prodotti a parte, che c'è chi crede che il grande tema dell'evento di Apple potrebbe essere la decisione del colosso di entrare nel settore della realtà aumentata, che secondo i calcoli di Goldman Sachs, entro il 2025 insieme alla realtà virtuale avrà un valore di 80 miliardi di dollari. Secondo diverse fonti, Cupertino sta lavorando da tempo sulla realtà aumentata e presto potrebbe trasformarla da prodotto di nicchia a esperienza comune e popolare. Un po' come ha fatto con gli smartphone, mettendo sul mercato dieci anni fa l'iPhone. Forse non a caso l'anniversione del lancio verrà segnato probabilmente da un nuovo smartphone con una doppia camera e un sistema di sensori 3D che renderanno l'esperienza della realtà aumentata migliore. Intanto scrive il Wall Street Journal, nei prossimi mesi l'App Store dovrebbe riempirsi di migliaia di nuove app dedicate alla realtà aumentata, con gruppi come Ikea e il network tv AMC che dovrebbero beneficiare dell'attività di evangelizzazione di Apple.

Secondo una analisi di Morgan Stanley, il debutto massiccio della realtà aumentata potrebbe portare a un cambiamento di rotta rivoluzionario per Apple, molto simile a quello vissuto con l'introduzione di App Store nel 2008. In tutto questo, se lo sforzo di Apple dovesse essere recepito dal mercato, servirà per rinvigorire le vendite di iPhone. Allo stesso tempo darà una risposta certa agli investitori, che sempre più spesso si chiedono se Apple abbia ancora la capacità di innovare e di guidare il mercato nel settore tecnologico.

Altri Servizi

Europa e Usa insieme per discutere del piano di pace in Medio Oriente di Trump

Londra sta organizzando un incontro tra i ministri degli Esteri delle potenze europee (e arabe) e gli uomini del presidente Usa che si occupano del dossier, ovvero Kushner e Greenblatt, che nei prossimi giorni saranno in Israele, Egitto e Arabia Saudita
iStock

In attesa del piano di pace per il Medio Oriente della Casa Bianca, il Regno Unito sta organizzando un incontro tra i ministri degli Esteri delle principali potenze europee e arabe con il 'peace team' del presidente statunitense Donald Trump, guidato dal genero Jared Kushner e da Jason Greenblatt. A scriverlo è il giornalista israeliano Barak Ravid, collaboratore del sito Axios.

Wall Street, nuovi timori di guerre commerciali

I dazi di Trump alla Cina pesano sui mercati
iStock

Contrordine: Trump appoggia la proposta di legge sull'immigrazione dei repubblicani moderati

La Casa Bianca chiarisce la posizione del presidente, dopo le sue affermazioni a Fox News. La proposta proteggerà dall'espulsione i Dreamers
iStock

Il presidente statunitense, Donald Trump, promulgherà la legge sull'immigrazione che il Congresso deciderà di approvare tra le due in discussione; lo ha riferito la Casa Bianca, nonostante Trump, poche ore prima, avesse espresso in tv la sua contrarietà alle proposte di legge che saranno votate nei prossimi giorni alla Camera e che hanno l'obiettivo di trovare anche una soluzione per i Dreamers, ovvero gli immigrati arrivati da bambini, senza documenti, protetti dal Daca, il programma voluto da Barack Obama e cancellato da Trump (ma lo stop è bloccato in tribunale).

Contrordine: Trump appoggia la proposta di legge sull'immigrazione dei repubblicani moderati

La Casa Bianca chiarisce la posizione del presidente, dopo le sue affermazioni a Fox News. La proposta proteggerà dall'espulsione i Dreamers
iStock

Il presidente statunitense, Donald Trump, promulgherà la legge sull'immigrazione che il Congresso deciderà di approvare tra le due in discussione; lo ha riferito la Casa Bianca, nonostante Trump, poche ore prima, avesse espresso in tv la sua contrarietà alle proposte di legge che saranno votate nei prossimi giorni alla Camera e che hanno l'obiettivo di trovare anche una soluzione per i Dreamers, ovvero gli immigrati arrivati da bambini, senza documenti, protetti dal Daca, il programma voluto da Barack Obama e cancellato da Trump (ma lo stop è bloccato in tribunale).

Al via la guerra tra Comcast e Disney per aggiudicarsi gli asset di Fox

La controllante di NBCUniversal offre 65 miliardi di dollari in contanti contro la proposta in azioni da 52,4 miliardi del gruppo guidato da Bob Iger. Murdoch al bivio

La guerra tra Comcast e Walt Disney è ufficialmente iniziata. E Rupert Murdoch studia la situazione.

La Casa Bianca contro Trudeau

Kudlow: il premier canadese ha "tradito" Trump. Navarro: "ha pugnalato alle spalle il nostro presidente". Usa e Canada sull'orlo di una guerra commerciale

E' scontro diretto tra l'America di Donald Trump e il Canada. Oltre ad avere messo fine all'idillio tra il presidente americano e quello francese, Emmanuel Macron, il G7 canadese ha portato a uno scontro diretto tra Stati Uniti e la nazione guidata da Justin Trudeau. E il rischio è una guerra commerciale tra due Paesi che sono teoricamente alleati e partner.

Usa impongono dazi su 50 miliardi di dollari di importazioni cinesi

Camera di Commercio americana: "Non è il giusto approccio". Pechino promette risposta "immediata" e della stessa portata. Guerra tra le due potenze mondiali sempre più vicina

La guerra commerciale tra Usa e Cina è sempre più vicina. Il presidente americano Donald Trump ha dato il via libera a dazi del 25% contro prodotti tecnologici cinesi per 50 miliardi di dollari e ha messo in guardia la nazione asiatica: eviti di reagire altrimenti Washington farà scattare altre tariffe doganali. Pechino ha ignorato l'avvertimento e ha promesso una risposta "immediata" e di pari portata alla mossa americana. Tutti i "risultati" delle consultazioni che le due nazioni hanno avuto fino ad ora non sono più validi, ha aggiunto il ministero cinese del Commercio.

Fmi mette in guardia gli Usa e cita il rischio di recessione

L'istituto guidato da Christine Lagarde ha ottime prospettive nel breve termine per l'America ma le politiche commerciali e fiscali non convincono. E nel 2023 stime di crescita del Pil pari alla metà di quella della Casa Bianca

Il Fondo monetario internazionale ha lanciato un avvertimento all'amministrazione Trump spingendosi a citare il rischio di una possibile recessione tra quelli individuati. La causa scatenante potrebbe essere la sua politica fiscale prociclicia. E le misure commerciali non fanno che peggiorare il quadro. Non a caso l'istituto di Washington ha presentato stime di cresciuta più conservative di quelle della Casa Bianca nel lungo termine. Con il venire meno, dal 2020, dell'effetto positivo dato dagli stimoli fiscali Usa, la crescita americana secondo il Fondo rallenterà a un +1,4% nel 2023 contro il +1,8% previsto dalla Federal Reserve e la promessa di Trump di un +3%.

General Motors si colora di rosa: una 39enne diventa direttore finanziario

Risponderà al Ceo Mary Barra, la prima donna al volante di un gruppo automobilistico

Con la sua Boring Company, Musk si aggiudica contratto a Chicago

Costruirà sistema sotterraneo di treni super veloci: dall'aeroporto O'Hare al centro della città in 12 minuti anziché 40
AP

Inizia a concretizzarsi il piano con cui l'irriverente Elon Musk dal 2016 promette di ridurre il traffico cittadino rendendo i trasporti più veloci. La sua Boring Company si è aggiudicata un contratto valutato in centinaia di milioni di dollari per costruire un sistema sotterraneo di treni super veloci volto a trasferire la gente dall'aeroporto internazionale O'Hare di Chicago al centro della città dell'Illinois. Come annunciato dal sindaco della cosiddetta Windy City, Rahm Emanuel, il progetto non prevede nemmeno un dollaro da parte dei contribuenti essendo finanziato privatamente.