Apple-Trump, botta e risposta sui dazi cinesi

Cupertino: "Ci danneggiano, i prezzi saliranno". Il tycoon: "Producete in Usa anziché in Cina"

Botta e risposta tra Donald Trump e Apple all’indomani dell’ennesimo annuncio del tycoon che ha minacciato di imporre altri dazi sui prodotti cinesi. Un’ipotesi questa che potrebbe penalizzare fortemente Cupertino e in particolare alcuni prodotti del gruppo come l’Apple Watch, le cuffie AirPods ed Apple Pencil.

A dichiararlo è la stessa azienda in una lettera allo U.S. Trade Representative, l'agenzia che si occupa dello sviluppo commerciale degli Stati Uniti: "La nostra preoccupazione è che con questi dazi Apple sarà la società maggiormente colpita e questo potrebbe tradursi in una crescita più bassa del Paese, con danno alla competitività".

Come si legge ancora nella lettera, secondo il colosso di Cupertino, "le tariffe diventerebbero una tassa per i consumatori e farebbero lievitare i costi di prodotti Apple su cui i clienti fanno affidamento nella loro vita quotidiana". Proprio per evitare tutto ciò la società ha chiesto, senza mezzi termini, all’amministrazione Trump, di "riconsiderare queste misure e lavorare per trovare altre soluzioni più efficaci che rendano l'economia americana più solida e facciano il bene dei consumatori".

Inevitabile è arrivata la risposta del tycoon che su Twitter ha esortato l’azienda diretta da Tim Cook a produrre i suoi dispositivi negli Stati Uniti invece che in Cina, così da evitare che il gruppo subisca le conseguenze della guerra commerciale in corso con Pechino. "I prezzi (dei prodotti) Apple potrebbero aumentare a causa degli enormi dazi che imporremo alla Cina. Ma c'è una soluzione semplice. Producete i vostri prodotti negli Stati Uniti anziché in Cina. Iniziate a costruire nuovi dispositivi già da oggi, eccitante!", ha scritto il presidente americano.

Il gigante tecnologico, che produce numerosi dispositivi in Cina, rischia infatti di finire vittima del fuoco incrociato delle due potenze. Tra luglio e agosto Washington ha già imposto dazi su prodotti cinesi per 50 miliardi di dollari. Pechino ha risposto con la stessa moneta minacciando che potrebbe ancora colpire 60 miliardi di dollari di beni statunitensi.

Ma non è tutto, perché mentre i già ventilati dazi su importazioni cinesi da 200 miliardi potrebbero essere adottati "molto presto a seconda di cosa succede", Trump ha detto di avere preso in considerazione altri dazi su 267 miliardi di dollari di prodotti. Uno scenario che preoccupa parecchio gli analisti secondo cui questa ulteriore mossa del presidente Usa andrebbe a colpire praticamente qualunque bene di consumo.

Altri Servizi

Wall Street, focus sul commercio e sui segnali di recessione

Dati in programma: avvio di nuovi cantieri e fiducia dei consumatori
AP

Wall Street rimbalza con il settore retail

Le minute della Fed: rotta tassi non è predefinita
AP

Fed, Trump: Powell come un giocatore di golf incapace di tirare in buca

Conto alla rovescia per il discorso del governatore a Jackson Hole
Ap

Il presidente americano, Donald Trump, è tornato ad attaccare la Federal Reserve e il suo governatore, paragonato a un giocatore di golf praticamente incapace di tirare in buca. In un tweet Trump ha scritto: "Le cose vanno alla grande con la Cina e altri accordi commerciali. L'unico problema è Jay Powell, e la Fed. E' come un giocatore di golf che incapace di realizzare un putt, non ha tatto. [Ci sarebbe] una netta crescita in Usa se facesse la cosa giusta, un grande taglio [dei tassi] ma non contiamo su di lui. Fino ad ora si è sbagliato e ci ha deluso".

Trump dà dei "pazzi" ai gruppi auto contrari a norme meno stringenti

Ford Motor, Volkswagen of America, Honda e BMW si sono già schierate con la California. Per il NYT, anche Mercedes-Benz potrebbe unirsi a loro e forse un altro gruppo tra Toyota, Fiat Chrysler e General Motors

Il presidente americano, Donald Trump, critica i produttori di auto contrari all'allentamento regolatorio da lui pianificato. "La mia proposta alle aziende d'auto politicamente corrette abbasserebbe il prezzo medio di un veicolo per i consumatori di oltre 3.000 dollari, e allo stesso tempo renderebbe le vetture molto più sicure. I motori funzionerebbero in modo migliore. Ci sarebbe un impatto molto limitato sull'ambiente! Executive pazzi!".

Tsai (Alibaba) compra Brooklyn Nets e Barclays Arena per 3,5 mld $

Finisce l'era del russo Mikhail Prokhorov, artefice dello spostamento dal New Jersey a New York
Ap

I Brooklyn Nets hanno un nuovo proprietario. Il vicepresidente esecutivo di Alibaba Group, Joe Tsai, ha esercitato l'opzione di acquisto per le quote della società non ancora in suo possesso (il 51%), mettendo fine all'era di Mikhail Prokhorov, il magnate russo che aveva spostato la franchigia Nba - il massimo campionato professionistico di pallacanestro di Stati Uniti e Canada - dal New Jersey a New York.

I ragazzi di Parkland presentano un piano per il controllo delle armi

L'obiettivo è influenzare il dibattito in vista delle elezioni e spingere i giovani ad andare a votare

Governo Usa: detenzione "illimitata" per i bambini irregolari

Washington ha presentato le norme che dovrebbero sostituire l'accordo Flores, che negli ultimi 22 anni ha protetto i minorenni
AP

Per i Ceo d'America, garantire valore ai soci non è più la sola priorità

Più attenzione a consumatori, dipendenti, fornitori e comunità. Dimon: "Il sogno americano è vivo ma si sta logorando"
Wikimedia Commons