Apple-Trump, botta e risposta sui dazi cinesi

Cupertino: "Ci danneggiano, i prezzi saliranno". Il tycoon: "Producete in Usa anziché in Cina"

Botta e risposta tra Donald Trump e Apple all’indomani dell’ennesimo annuncio del tycoon che ha minacciato di imporre altri dazi sui prodotti cinesi. Un’ipotesi questa che potrebbe penalizzare fortemente Cupertino e in particolare alcuni prodotti del gruppo come l’Apple Watch, le cuffie AirPods ed Apple Pencil.

A dichiararlo è la stessa azienda in una lettera allo U.S. Trade Representative, l'agenzia che si occupa dello sviluppo commerciale degli Stati Uniti: "La nostra preoccupazione è che con questi dazi Apple sarà la società maggiormente colpita e questo potrebbe tradursi in una crescita più bassa del Paese, con danno alla competitività".

Come si legge ancora nella lettera, secondo il colosso di Cupertino, "le tariffe diventerebbero una tassa per i consumatori e farebbero lievitare i costi di prodotti Apple su cui i clienti fanno affidamento nella loro vita quotidiana". Proprio per evitare tutto ciò la società ha chiesto, senza mezzi termini, all’amministrazione Trump, di "riconsiderare queste misure e lavorare per trovare altre soluzioni più efficaci che rendano l'economia americana più solida e facciano il bene dei consumatori".

Inevitabile è arrivata la risposta del tycoon che su Twitter ha esortato l’azienda diretta da Tim Cook a produrre i suoi dispositivi negli Stati Uniti invece che in Cina, così da evitare che il gruppo subisca le conseguenze della guerra commerciale in corso con Pechino. "I prezzi (dei prodotti) Apple potrebbero aumentare a causa degli enormi dazi che imporremo alla Cina. Ma c'è una soluzione semplice. Producete i vostri prodotti negli Stati Uniti anziché in Cina. Iniziate a costruire nuovi dispositivi già da oggi, eccitante!", ha scritto il presidente americano.

Il gigante tecnologico, che produce numerosi dispositivi in Cina, rischia infatti di finire vittima del fuoco incrociato delle due potenze. Tra luglio e agosto Washington ha già imposto dazi su prodotti cinesi per 50 miliardi di dollari. Pechino ha risposto con la stessa moneta minacciando che potrebbe ancora colpire 60 miliardi di dollari di beni statunitensi.

Ma non è tutto, perché mentre i già ventilati dazi su importazioni cinesi da 200 miliardi potrebbero essere adottati "molto presto a seconda di cosa succede", Trump ha detto di avere preso in considerazione altri dazi su 267 miliardi di dollari di prodotti. Uno scenario che preoccupa parecchio gli analisti secondo cui questa ulteriore mossa del presidente Usa andrebbe a colpire praticamente qualunque bene di consumo.

Altri Servizi

La Cina ammette: in "difficoltà" ma no a svalutazione yuan, unilateralismo inutile

Il premier cinese Li Keqiang parla all'indomani dell'annuncio di nuovi dazi con cui Usa e Pechino si sono colpiti a vicenda

Il numero due in comando in Cina ha ammesso che la nazione si trova a fare i conti con una serie di "difficoltà" ma Pechino si sente a suo agio, anche di fronte alle tensioni commerciali con gli Usa. Lo ha spiegato il premier cinese Li Keqiang.

Bitcoin: verso standard globali contro il riciclaggio, boom di mining illecito

La Financial Action Task Force punta a un quadro normativo uniforme. La Cyber Threat Alliance lancia l'allarme sulla generazione illegale di valite digitali

Sono sempre più vicini gli standard globali contro il riciclaggio di denaro realizzato attraverso criptovalute. La Financial Action Task Force (FATF) creata a questo proposito si riunirà a ottobre e c'è ottimismo affinché venga trovata un'intesa su una serie di standard. "E' essenziale che vengano fissati degli standard globali da usare in modo uniforme", ha dichiarato Marshall Billingslea, il presidente della FATF mentre la Cyber Threat Alliance pubblicava un rapporto secondo cui gli hacker stanno generando illegalmente Bitcoin, Monero e altre valute digitali attraverso uno strumento (Eternal Blue) sviluppato presumibilmente dalla National Security Agency per sfruttare falle di un software Microsoft.

Jack Ma 'tradisce' Trump: Alibaba non creerà più 1 mln di posti di lavoro in Usa

La promessa si fondava su "partnership amichevole tra Usa e Cina e relazioni commerciali razionali"
ap

Alla luce dell'aumento delle tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina, Alibaba non intende più creare un milione di posti di lavoro in cinque anni nell'America di Donald Trump.

Wall Street, attenzione rivolta ai dati macroeconomici

In programma i sussidi di disoccupazione, il superindice dell'economia e le vendite di case esistenti
iStock

Sky, la battaglia tra Comcast e Fox si deciderà all'asta

Lo scontro finale tra venerdì e sabato; al momento, l'offerta di Comcast è la più alta
iStock

Le autorità britanniche hanno deciso che lo scontro tra Comcast e 21st Century Fox per Sky si deciderà all'asta, che avrà al massimo tre round di offerte, nell'arco di 24 ore tra venerd" e sabato, quando poi sarà annunciata la società vincitrice. Per il momento, l'offerta di Comcast, a 14,75 sterline per azione, o 26 miliardi di sterline in totale, è superiore alle 14 sterline offerte da Fox, che danno un valore a Sky di 24,5 miliardi; l'attuale capitalizzazione di Sky è di 27 miliardi di sterline (oltre 35 miliardi di dollari). Fox possiede già il 39% del capitale del broadcaster britannico.

Usa: patrimonio famiglie gonfiato dall'azionario, nel II trimestre sfiora i 107mila miliardi

Nel pieno della recessione del 2008 il dato era sceso a 55.000 miliardi

Wall Street: S&P 500 e Dj da record, Trump si congratula con gli Usa

Timori contenuti per le tensioni commerciali. Cina pronta a tagliare dazi medi sulle importazioni dai principali partner commerciali. Domani il "giorno delle quattro streghe. Facebook e Twitter fuori dal settore tech
AP

Google consente ancora a sviluppatori di app di 'leggere' email dei suoi utenti

Il gruppo ha fermato la pratica l'anno scorso ma continua a permetterla ad altri

L’euforia del mercato azionario statunitense è razionale?

L'analisi di Didier Saint-Georges, managing director e membro del comitato investimenti di Carmignac
Carmignac

A Wall Street piace la marijuana: performance 'stupefacente' di Tilray

Il titolo del produttore canadese arrivato a guadagnare fino al 94%. Dall'Ipo di luglio +1.100% circa. Il gruppo punta sul beverage e sul pharma