Argentina: accordo con Fmi per aiuti da 50 miliardi di dollari

Piano in tre anni. Buenos Aires vuole accere alla prima tranche e trattare il resto del prestito come precauzione. In cambio, riduzione più rapida del deficit, autonomia banca centrale e target "realistici" inflazione

Il Fondo monetario internazionale è pronto a concedere all'Argentina fino a 50 miliardi di dollari di aiuti in tre anni. Un accordo tra l'istituzione di Washington e la nazione sudamericana è stato annunciato nella notte. Esso è giunto più rapidamente delle attese, che erano per un'intesa in arrivo entro sei settimane dall'8 maggio scorso, la data in cui il presidente argentino Mauricio Macri comunicò di avere chiesto sostegno al Fondo.

Il valore della linea di credito si è attestato nella parte alta della forchetta attesa dagli analisti, che avevano calcolato come minimo aiuti per 30 miliardi di dollari. L'accordo è soggetto al via libera del board dell'Fmi, che "nei prossimi giorni analizzerà il piano economico dell'Argentina".

Come spiegato in un comunicato dall'istituzione guidata da Christine Lagarde, le autorità argentine intendono accedere alla prima tranche di aiuti "ma successivamente vogliono trattare il prestito come precauzionale".

Lagarde ha ripetuto in una nota che il piano di aiuti "è messo a punto dal governo argentino" ed è volto a "rafforzare l'economia a beneficio di tutti gli argentini". Secondo lei, il sostegno finanziario garantito dal Fondo "alimenterà la fiducia dei mercati dando alle autorità il tempo di risolvere una gamma di vulnerabilità di lunga data".

L'ex ministro francese delle Finanze ha dato il benvenuto all'intenzione della nazione di "ridurre il deficit più rapidamente ritornado a un pareggio di bilancio primario entro il 2020" invece che il 2021. Lagarde brinda anche agli sforzi per abbassare l'inflazione, attualmente al 28%, e in questo contesto "sostiene la decisione della banca centrale di adottare target realistici (pari al 17% nel 2019, al 13% nel 2020 e al 9% nel 2021, ndr) e di mantenere un tasso di cambio flessibile e determinato dal mercato". Lagarde si è detta anche "incoraggiata" dall'impegno della autorità argentine di "garantire indipendenza legale e autonomia operativa alla banca centrale e di mettere immediatamente fine al finanziamento da parte della banca centrale del deficit federale". Il riferimento è al fatto che alla banca centrale argentina non sarà più permesso di stampare moneta per finanziare il governo.

All'Fmi piace anche l'impegno di Buenos Aires di "mantenere un certo livello minimo di spesa in assistenza sociale". Su questo fronte l'Argentina "si è impegnata a garantire che la spesa, in percentuale al Pil, non scenda nell'arco dei tre anni" del piano di aiuti.

Una donna che da sempre promuove una maggiore presenza femminile nella forza lavoro, Lagarde "supporta gli sforzi per introdurre riforme tributarie e sociali per rendere il campo da gioco equo tra uomini e donne".

Anche il segretario al Tesoro Usa ha accolto positivamente l'accordo tra Fmi e Argentina. Steven Mnuchin ha ribadito che "come detto dal presidente Trump, gli Usa sostengono la visione del presidente Macri di trasformare l'economia del suo Paese sprigionando il suo potenziale di crescita". Lui, come il d.g. del Fondo, sostiene che "le politiche economiche e finanziarie dell'Argentina, incluse le misure per potenziare la crescita e proteggere i più vulnerabili, meritino un sostegno forte della comunità internazionale".

Altri Servizi

I gruppi di private equity si danno ai prestiti

A fine 2017 avevano concesso oltre 500 milioni di dollari ad aziende di medie dimensioni, contro i 300 milioni del 2012

Noti per essere proprietari di aziende, i gruppi di private equity stanno sempre più diventando anche i loro principali creditori. Sono disposti a concedere prestiti laddove le banche non lo farebbero un po' per via di regolazioni più stringenti e un po' per evitare i passi falsi passati.

Cooperare o morire. Facebook smentisce minaccia fatta agli editori

A darne notizia è The Australian, parte della galassia di Rupert Murdoch. Il social network non più interessato a inviare traffico ai gruppi media

Facebook ha smentito quando riportato da un sito australiano, secondo cui al Ceo Mark Zuckerberg "non importa" nulla degli editori e che il social network li lascerebbe morire se non cooperano con il gigante tecnologico. Stando alle indiscrezioni del The Australian, parte della galassia di Rupert Murdoch - il manager responsabile delle partnership nel campo dell'informazione (Campbell Brown) avrebbe messo in guardia i gruppi editoriali che non vogliono lavorare con l'azienda californiana. Lo avrebbe fatto la settimana scorsa durante un incontro a Sidney: "Vi terrò per mano mentre il vostro business muore, come si fa in un hospice". Facebook ha reagito dicendo che i commenti "sono stati decontestualizzati".

AP

Dopo essere stato pesantemente criticato per la serie di tweet controversi (e privi di dettagli) con cui il 7 agosto scorso aveva annunciato di volere delistare Tesla e renderla un gruppo in mani private, il Ceo Elon Musk ha pubblicato un blog post nel tentativo di fornire chiarimenti. Tuttavia gli investitori sono rimasti scettici sul suo piano di buyout.

Fox "resta impegnato" a comprare Sky: chiuso un anno con utili +49%

I conti dell'ultimo trimestre hanno superato le stime.
iStock

Nei tre mesi chiusi il 30 giugno scorso, 21st Century Fox ha registrato profitti e ricavi superiori alle previsioni degli analisti. Il colosso dell'intrattenimento parte della galassia Murdoch ha così archiviato l'intero anno fiscale con utili attribuibili ai soci di 4,48 miliardi, in rialzo del 49%, e ricavi per 30,4 miliardi (+7%).

Trump vuole una Space Force, Pence: "Sarà la sesta forza armata Usa"

Il vicepresidente, parlando dal Pentagono: "Non vogliamo essere solo presenti nello spazio, ma dominare"

Anche lo spazio è un campo di battaglia e per questo è il momento di istituire un esercito spaziale statunitense. Lo ha annunciato il vicepresidente degli Stati Uniti, Mike Pence, con un discorso tenuto al Pentagono per presentare il piano fortemente voluto dal presidente Donald Trump.

©Ap

Nell'ultimo tentativo di dimostrare - agli investitori e all'autorità di Borsa Usa - che con i suoi tweet controversi del 7 agosto scorso faceva sul serio, il Ceo di Tesla ha detto di avere iniziato a lavorare con gli advisor per il delisting del produtture di auto elettriche.

L'ambasciatrice Mariangela Zappia debutta all'Onu, vede Guterres

La nuova Rappresentante Permanente dell’Italia presso il palazzo di vetro ha presentato le sue credenziali. I temi prioritari per il nostro Paese: pace e sicurezza, diritti umani, sviluppo sostenibile, migrazioni

La nuova Rappresentante Permanente dell’Italia presso le Nazioni Unite a New York, l'ambasciatrice Mariangela Zappia, ha presentato oggi le lettere credenziali al segretario generale Antonio Guterres. Durante l’incontro con Guterres, Zappia ha evidenziato la priorità assegnata dall’Italia a un multilateralismo efficace, al ruolo del Palazzo di vetro per la pace e la sicurezza internazionali e quale pilastro di un sistema internazionale fondato sul diritto e sul rispetto della persona.

La stampa Usa unita per dire a Trump che non è "nemica del popolo"

Su iniziativa del Boston Globe, almeno 100 organizzazioni il 16 agosto pubblicheranno editoriali per criticare la retorica del presidente Usa. Il 43% degli elettori Gop darebbe a Trump il potere di chiudere giornali "cattivi"
Ap

Ripetutamente attaccata da Donald Trump come fonte di "fake news" e considerata sin dal suo primo giorno alla Casa Bianca una "nemica della gente", la stampa americana si prepara a unire le forze in un'operazione contro il presidente americano.

La Fed avverte Trump: i dazi faranno calare le esportazioni americane

Con essi il presidente Usa vuole ridurre il deficit commerciale della nazione, che però non migliorerà
iStock

I dazi voluti da Donald Trump per ridurre il deficit commerciale degli Usa - pari nel 2017 a 568,4 miliardi di dollari (il 2,9% del Pil) - sono pensati per ridurre le importazioni dell'America dal resto del mondo "ma non si può dare per scontato che il valore delle esportazioni resti invariato". Anzi. Stando a un'analisi pubblicata sul sito della Federal Reserve di New York da alcuni ricercatori, l'export americano di fatto "calerà, non solo per via delle tariffe doganali adottate da altri Paesi come ritorsione sulle esportazioni americane ma anche perché il costo per le aziende Usa di produrre beni per l'esportazione salirà rendendo l'export Usa meno competitivo nel mercato mondiale".